4019 visitatori in 24 ore
 245 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4019

245 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 238
Poesie pubblicate: 343’232
Autori attivi: 7’501

Gli ultimi 5 iscritti: Extrosa - Rosalba Fieramosca - Marinella - Everettweaby - Richi
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereLia Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privatoClub ScrivereMichelangelo La Rocca Messaggio privatoClub ScrivereAnna Maria Cherchi Messaggio privatoClub ScrivereWinterWolf Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privatoClub ScrivereJo Kondelli Ghezzi Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Amo il mare ma

Biografie e Diari

“ Mirella che ne pensi se oggi andiamo al mare, è una bellissima giornata?”

“ Vengo volentieri Liliana,

oggi il mare è meraviglioso calmo sembra quasi un lago, il sole è raggiante vieni andiamo sulla spiaggia a sdraiarci sotto l’ ombrellone.”

“ Sai che ti dico Mirella mi sono stancata di stare qui a poltrire quasi quasi, vado a farmi un bel bagno in mare perché non vieni anche tu?

“ Mi piacerebbe tanto ma non posso”

“ Perché cosa te lo impedisce?”

“ La mia paura dell’ acqua, quando torni se vuoi ti racconto l’ origine della mia fobia.”

Ero una bambina piccola avrò avuto un anno o poco più, quel giorno stavo sulla spiaggia con mia madre a godere i raggi dorati del sole a fare castelli di sabbia con il secchiello e la paletta, quando lei si avvicinò a me mi diede la mano io la seguii piano piano verso la riva del mare, mia madre entrò in acqua prendendomi in braccio poi lentamente mi pose sul pelo dell’ acqua a galleggiare tenendomi per le mani cominciò a farmi roteare, mi sembrava di stare su una giostra, mi girava la testa avevo gli occhi spalancati ero terrorizzata urlavo con tutto il fiato che avevo in gola, non sapevo che quella grande distesa d’ acqua fosse il mare nella mia piccola testolina credevo che fosse una vasca infatti dissi a mia madre...” Mamma chiudi i rubinetti”

Questa frase non posso scordarmela è impressa dentro di me, non sò quanto tempo durò questa giostra di terrore forse solo pochi minuti per me furono infiniti, mia madre diceva... Ciuf ciuf mentre io irrigidita chiudevo gli occhi per non vedere pensavo di morire dalla paura, ero paralizzata lei si rese conto dai miei urli e quella tremenda giostra finì. Corsi sulla spiaggia piangendo lontano da mia madre, non mi fidavo più di lei.

Crescendo ho rinfacciato sempre a lei quello che mi era successo quel giorno, per colpa sua avevo paura dell’ acqua anche se amavo il mare non potevo immergermi, fare il bagno, nuotare.

“ Perdonami figlia mia mi ha detto un giorno non volevo farti del male

era solo un gioco. “

“ Un altro minuto di quella giostra e sarei morta,

ti rendi conto mamma.”

Ho tentato con tutte le mie forze di vincere la paura ma non ci sono riuscita appena metto i piedi nell’ acqua inizio a tremare come una foglia

poi non parliamo se ci sono le onde.

Che dispiacere provo nel vedere tante persone immerse nell’ acqua fresca a divertirsi e io solo a prendere il sole non posso fare altro, ogni estate si ripresenta il problema, ogni volta che mi avvicino all’ acqua il ricordo di quel giorno ritorna a ossessionarmi come se fosse successo ieri.

Sono trascorsi tantissimi anni da quel giorno di terrore che mi ha creato questa atroce fobia, mia madre ormai non c’è più io continuo a vivere rassegnata lontana dalla riva del mare anche se lo amo, ma una cosa questa mia ossessione mi ha insegnato, i bambini devono affrontare tutto da soli, i primi passi è giusto cadere e rialzarsi, sbagliare per imparare. Se quel giorno mia madre non mi avesse messo sul pelo dell’ acqua a fare il trenino, avrei affrontato il mare quando avrei avuto voglia e piacere, adesso saprei nuotare, fare il morto a galla, sono stata obbligata a fare una cosa troppo presto.

Ho perdonato mia madre so che non lo ha fatto per cattiveria non aveva capito che per tutto ci vuole tempo, è stata una mamma che forse mi ha amato troppo, mi ha viziato, mi voleva far crescere sotto una campana di vetro, ma si deve sbattere la testa per crescere, se no si viene su insicuri.

Io con i miei figli questo errore non l’ ho fatto, non gli ho trasmesso la mia paura dell’ acqua, loro sono andati da soli sulla riva del mare a sghizzare l’ acqua con i piedi, a giocare con la sabbia bagnata con le formine, con la ciambella sull’ acqua a galleggiare, hanno imparato a nuotare ad andare sott’ acqua con la muta a caccia di pesci.

“ Mi dispiace Mirella di quello che ti è accaduto quando eri bambina hai subito un forte trauma che ha influenzato la tua esistenza, ma sei una brava madre hai cresciuto bene i tuoi figli senza paure e hai perdonato tua madre perchè hai capito il suo errore.”

Certo nessuno nasce genitore a volte si crede di fare del bene e si sbaglia, perdonare è giusto.

“ Mirella ti fidi di me?”

“ Certo perché”

“ Ti conduco io per mano verso la riva del mare, ti appoggi a me ti bagni.”

“ Posso provare ad affrontare il mare.”

“ Che bello, Liliana sono entrata, mi sono bagnata fino alle spalle

con te che mi tieni la mano non ho paura,

che bella sensazione”

che frescura meravigliosa.”

“ Grazie amica cara ti sarò grata a vita per la gioia che mi hai donato.”

Gabriella Giusti 04/09/2019 21:41 1 127

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Gabriella Giusti

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Complimenti mi ha meravigliato la tua preziosa spontaneità, preziosi i consigli per lasciare più libertà ai nostri ragazzi, ma non era malvagia l’idea di tua madre nel senso che voleva insegnarti un qualcosa particolarmente difficile per lei, cercando i modi più giusti per proteggerti ed è un atteggiamento che preferisco al lasciar fare da soli, i bambini non sono spesso e volentieri preparati ad affrontare le difficoltà che la vita ci mette davanti ogni giorno, non gliene farei una colpa cosi di spessore, mi hai coinvolto in una fortissima emozione, come se qualcosa del genere sia capitata anche a me.»
Fadda Tonino

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Gabriella Giusti:
Gabriella Giusti
 I suoi 12 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Amore Estraterrestre (11/05/2019)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Amo il mare ma (04/09/2019)

Una proposta:
 
Amo il mare ma (04/09/2019)

Il racconto più letto:
 
Amore Estraterrestre (11/05/2019, 299 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it