3328 visitatori in 24 ore
 211 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3328

211 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 210
Poesie pubblicate: 343’437
Autori attivi: 7’516

Gli ultimi 5 iscritti: Ester Brugna - Lidia - Maurizio vassalli - Terryna86 - Marta ceresoli
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

I sogni di Rebecca (1)

Biografie e Diari

(Le sere di Rebecca)

Le sere stavano prendendo tutte la stessa piega. Quel senso di insoddisfazione per la vita aveva preso il sopravvento su qualsiasi sentimento o pensiero. Se ne stava lì ed aspettava. Non sapeva neppure cosa. Pensava ad un foglio bianco. Se fosse stata un foglio bianco, avrebbe preferito su di sé un ventaglio di colori o immergersi in una pozza di nero inchiostro?

Ricollegava il tutto all’ infanzia, ad un album nero, al disegno da colorare con i pastelli a cera. Un disegno imperfetto, abilmente sostituito da un altro che non difettava di nulla, ogni dettaglio mirabilmente sottolineato ed i colori scivolati con dolcezza avvolgente.

Ma non era il suo, non era quello portato a termine con tanta fatica da una bambina, era di un adulto che avrebbe voluto che lei disegnasse e colorasse alla perfezione, da artista.

Ecco, una delle tante pause, uno dei tanti pensieri.

Si le sere erano così, senza arrivo e partenza, senza uno scopo preciso, a volte dinanzi ad un pc che fungeva da sostanza allucinogena, perché era uno sfogliare frettolosamente pagine di social, un restare sbigottito per le cose insensate condivise che riscuotevano così tanti like da perdere il conto. La gente è ammattita, pensava, fa a gara con tutto, non ha idee sane, interessi, passioni, è vuota.

Durante il giorno era anche peggio. Nessuno capiva le sue necessità. Aveva smesso pure di curare il suo modo di vestire. Orecchini o braccialetti chiusi nelle scatole. Non ricordava neppure quando li aveva comprati. Apriva l’ armadio e metteva addosso la prima cosa che si trovava davanti, anche perché effettuare una scelta consapevole dell’ abito da indossare avrebbe significato scavare e scavare tra quella montagna di roba che neppure più ricordava.

Per andare dove? Impegni, doveri, lavoro, nient’ altro. Fuori e dentro casa a servizio degli altri e, quando giungeva alla fine della giornata, era talmente stanca che non poteva pensare a cosa indossare l’ indomani, con quale paio di orecchini agghindare quei lobi così chiari e gentili o con quale orologio cingere il polso sottile.

Troppa fatica. L’ indomani sarebbe stato uguale al precedente. Era una corsa continua, sbrigare quante più cose possibili, di prima mattina, nell’ ora precedente il lavoro. Quello vero, quello per cui riceveva uno stipendio mensile. Così il pomeriggio, dopo l’ ufficio, avrebbe avuto un po’ più di respiro, tra una cosa e l’ altra.

La sera, ogni sera ormai, era sfinita, senza nessuna voglia di andare avanti. Odiava la routine, gli schemi, le abitudini e ne era ormai vittima. La mattina, però, con nuova energia si metteva all’ opera, armata di entusiasmo, ricaricata. Eppure dormiva poco e male, talvolta aveva visioni, non sognava, aveva visioni in uno stato di dormiveglia, circa i problemi che la preoccupavano maggiormente. Con pazienza seguiva, per quel che poteva, la scaletta delle cose da fare. No, si dice, agiva per priorità. Perché non le portava tutte a termine, ma solo una parte, quella a cui assegnava un ordine necessario. Ed erano cose che contemplavano un interesse rivolto agli altri. E quando alla fine si trattava di dover fare qualcosa per se stessa, crollava e con lei tutto il mondo intorno e le aspettative, i progetti, le idee geniali che spesso si presentavano alla sua mente, i suoi sogni.

Feste e folla non l’ attraevano. Silenzio e letargo, ecco a cosa ambiva, queste due parole amava pronunciarle ad alta voce, come se così facendo tutto sarebbe cambiato. Si, silenzio e letargo, le condizioni che avrebbero potuto trasformare la sua solitudine in uno stato di grazia, un regno dove vivere felice come nelle favole.


Rosetta Sacchi 07/09/2019 17:32 1 97

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Un racconto che si legge tutto d’ un fiato... Pensieri e sensazioni di una Donna che non accetta una realtà basata solamente su rapporti freddi di una realtà virtuale . La mente instancabile alla continua ricerca di un qualcosa che possa spezzare una certa monotonia che con gli anni è diventate routine.
Rendersi conto che spesse volte si preferisce pensare agli altri anziché a se stessi ... non trovare tempo per la propria persona ... E cosa che mi ha colpito particolarmente, non provare più piacere nella scelta dell’abbigliamento, cosa molto importante per una donna che si vuole bene. E per finire, preferire il silenzio e il letargo come basi per trasformare la solitudine in uno stato di grazia... sono pensieri che fanno riflettere .»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Rosetta Sacchi:
Rosetta Sacchi
 I suoi 35 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
I sogni di Rebecca (2) (08/09/2019)

Una proposta:
 
I sogni di Rebecca (2) (08/09/2019)

Il racconto più letto:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013, 1324 letture)


 Le poesie di Rosetta Sacchi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it