4142 visitatori in 24 ore
 151 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4142

151 persone sono online
Autori online: 5
Lettori online: 146
Poesie pubblicate: 346’169
Autori attivi: 7’495

Gli ultimi 5 iscritti: KeithUrify - ZedricThoni - About poems - Corina Junghiatu - GTA5Manslold
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereAntonio Terracciano Messaggio privatoClub ScrivereLidia Filippi Messaggio privatoClub ScrivereRita Cottone Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privatoClub ScrivereAdriana Bellanca Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Arabesque delle stelle

Ragazzi

Un lieve fruscio attrasse l’ attenzione di Benedetta e, quel lieve stormire delle fronde, colmò l’ aria gradevolmente.

La bambina trasalì dalla sorpresa. Fino a qualche istante prima era prigioniera della sua malinconia e, nel silenzio, si era persa nel fantasticare a occhi aperti. O forse dormiva e quel che le era parso sospiro e un bisbiglio appena percepiti, facevano parte di un sogno? Probabilmente era proprio così!

Benedetta chiuse gli occhi offrendo il volto alla carezza della tiepida brezza primaverile. Per qualche magico istante il resto del mondo tornò a fermarsi e, a lei così piccola, parve di esserlo ancor di più rannicchiata alle radici della gigantesca quercia, che ombreggiava il giardino dell’ orfanotrofio di cui era ospite.

La bimba se ne stata isolata in quell’ angolo tranquillo, perché molto malata e per questo motivo non poteva giocare con i compagni.

Il pensiero dell’ orfanotrofio nel quale era rinchiusa da quando era nata, le provocò l’ ennesima morsa alla bocca dello stomaco e la malinconia offuscò ancor di più il suo bel visetto.

D’ altronde, quella gelida sensazione non era nuova; si poteva dire che Benedetta era abituata alla tristezza. Il suo travaglio interiore era iniziato da piccolissima, proprio quando si era resa conto di non avere né una mamma né un papà. Era stato allora che in modo graduale si era chiusa in se stessa, escludendo tutti coloro che facevano parte della sua vita.

Le suore che accudivano gli orfanelli non erano cattive, perché si occupavano con sollecitudine del benessere fisico dei piccoli ospiti dell’ istituto, ma nemmeno si poteva affermare che fossero propense alla tenerezza di cui è bisognoso ogni bambino di questo mondo.

Erano state proprio le suore a imporle quel nome il giorno che l’ avevano trovata, riposta nella cesta all’ esterno del convento dove era stata abbandonata.

Benedetta, perché? si chiese lei. Non c’ era nulla di più drammatico di un abbandono per un neonato e forse un altro nome sarebbe stato più appropriato.

Le suore non le avevano mai nascosto nulla e lei era stata sempre consapevole di essere stata rifiutata dai genitori. Per questo motivo e anche per il fatto d’ aver saputo della sua malattia, pensava a se stessa paragonandosi a un cane randagio.

Le era sempre mancato l’ affetto, la comprensione, ma soprattutto le coccole di una mamma. Quella tenerezza di cui tanto si narrava nei libri e che lei poteva soltanto immaginare. Quanto calore potevano offrire le braccia di una mamma? Quanta consolazione? Benedetta non lo sapeva e, forse, non l’ avrebbe mai saputo.

Era così grande il suo dispiacere che in quel momento venne fuori e, inconsapevolmente, la portò a sospirare.

Subito dopo il suo sospiro si tramutò in un lamento che la piccola tentò di soffocare per non finire a singhiozzare. Era una bimba orgogliosa e mai e poi mai avrebbe mostrato le sue lacrime ai compagni che giocavano poco distante. Poi, la tosse che la tormentava da qualche tempo, prese il sopravvento e Benedetta si sentì soffocare.

Le lacrime trattenute a stento le colarono giù dalle guance mentre tentava di riprendere fiato.

Quando la crisi passò, emise un lungo, accorato sospiro e in quel momento, al suo, ne fece subito eco un altro accompagnato da un lieve, quasi impercettibile palpito.

Benedetta tese i sensi nel tentativo di percepire qualche altro suono e ancora una volta avvertì quasi un bisbiglio alle sue spalle.

Allora si volse decisa a scoprire da dove provenisse, ma soprattutto, chi fosse a provocarlo.

Tuttavia, dietro vi era soltanto il tronco della quercia, così concluse si fosse trattato del vento. Che strano, pensò, non si era nemmeno accorta che si fosse levato! Sembrava tutto immobile intorno.

Eppure, guardando in alto, tra le fronde, vide che le foglie della quercia si muovevano, quasi danzavano, provocando quel lieve fruscio avvertito poc’ anzi. La bimba sorrise: quella danza aggraziata, quel leggero sussultare, le piacevano, l’ attiravano. Così rimase incatenata con lo sguardo verso l’ alto per qualche lungo istante.

Lassù, tra i rami, s’ intravvedevano squarci d’ azzurro intenso e qualche buffa e candida nuvola che si rincorreva con le altre. Com’ era bello il cielo quel giorno e, le rondini che scorrazzavano all’ impazzata, contribuivano a renderlo gioioso.

Ma non era la stessa cosa per il suo cuore e la piccola distolse lo sguardo di nuovo umido di pianto.

Perché le riusciva così facile commuoversi? Perché era così sensibile da non riuscire a trattenere le lacrime, si domandò con un moto di stizza.

Benedetta!

Quella voce melodiosa era reale, non se l’ era sognata. Qualcuno la stava chiamando. Forse una suora?

Benedetta scrutò i dintorni, ma i suoi compagni erano sempre intenti nei loro giochi e, le due suore che li accudivano, erano a loro volta intente a chiacchierare.

Si era sbagliata? Ma sì! Doveva essere così perché quella era davvero una strana giornata e a quel punto la ragazzina aveva anche perso la voglia di stare lì a rimuginare da sola.

Si sarebbe alzata e avrebbe chiesto il permesso di ritirarsi nel dormitorio per tornare a studiare.

Un altro sospiro e un altro bisbiglio più deciso:

“ Non andare, ti prego! Tienimi ancora compagnia! Sono sempre così sola!”

Benedetta sussultò impaurita. Questa volta non si era sbagliata: qualcuno, che probabilmente si teneva nascosto nei pressi, aveva parlato. Qualcuno che si stava divertendo a spaventarla. Era quasi certa che si trattasse di qualche suo compagno. Non era la prima volta che quelli più grandi prendevano di mira i più piccoli. Quante volte lei si era sentita vittima del bullismo.

Dal punto in cui si trovava squadrò a uno a uno gli altri ospiti dell’ orfanotrofio, sia i maschi che le femmine. Non sembrava che mancasse qualcuno. E allora, quella voce femminile da dove proveniva?

“ Benedetta, piccola cara, non avere paura e non cercare altrove: sono qui, proprio accanto a te ed è il mio cuore che ti sta parlando.”

In quel momento la bambina si sentì sfiorare e la sensazione non fu per nulla sgradevole bensì piacevole come una carezza.

Benedetta s’ immobilizzò. E anche se non trovava il coraggio di voltarsi, quella voce unita a quel fruscio, ma soprattutto quel lieve sfioramento, non le suggerivano affatto sensazioni di pericolo. Si sentiva stranamente al sicuro, oltre a essere molto, ma molto incuriosita. Cosa stava per accadere?

Le era parso che quella voce e quella carezza provenissero dall’ albero. Era forse impazzita? O era davvero immersa in un bel sogno?

“ No, non stai sognando, piccola cara. Sono proprio io, quella che voi umani chiamate quercia, a parlare. Anzi, no, ad essere precisi è la mia essenza a comunicare con te e il tuo cuore e la tua mente percepiscono la mia voce.”

Benedetta balzò in piedi arretrando di un passo. L’ istinto le suggeriva di scappare via, il più velocemente possibile, ma qualcosa di misterioso sembrava incatenarla sul posto. Forse era solo la voglia di sapere e questa volta si volse, squadrando con coraggio il tronco nodoso e gigantesco dell’ albero.

“ Non aver paura! Non sono una creatura malvagia.” le sussurrò l’ albero per rassicurarla.

Poi, davanti allo sguardo stralunato della bimba e, in modo lento e graduale, la corteccia ricca di nodi si trasformò e, seppure appena accennati, apparvero due occhi, un naso e una bocca, tra l’ altro sorridente. La folta chioma della quercia faceva da capigliatura, i rami fungevano da braccia, le radici sembravano gli arti inferiori. Tutto sommato un volto buffo e un’ espressione simpatica, che non avrebbero potuto incutere paura.

La bambina, non sentendosi affatto in pericolo, si rilassò e non pensò più a fuggire lontano. Che strana creatura era quella che ora aveva di fronte?

“ Brava piccina. Sei molto coraggiosa e comunque vicina a me non devi sentirti in pericolo. Sono qui per proteggerti e consolarti, non per farti del male.”

« Ma tu chi sei? Non avevo mai sentito un albero parlare e nemmeno credevo che fosse possibile. Sembra quasi che tu… sia viva!»

“ Ah ah… mi fai sorridere. Quanto sei ingenua, piccola mia. Io sono viva! Sono un essere vivente, proprio come te, anche se, devo ammettere che abbiamo forme diverse.”

La quercia fece una breve pausa, in modo che la bambina assimilasse quello straordinario concetto. Poi riprese: “Cara, tutto questo ti sembrerà strano, eppure ci sono tante cose a questo mondo che sono possibili e di cui ignori l’ esistenza. Tuttavia, se lo vorrai, sono disposta a insegnarti, a farti conoscere molte delle cose che ancora non conosci.”

La bimba mise il broncio: « Non so chi sei e nemmeno se sei vera o se si tratta solo di un sogno. Come posso fidarmi di te?»

Hai ragione! Sono proprio sbadata. Non mi sono ancora presentata. Ma sai io sono vecchia. Ormai ho passato il secolo di vita e tu devi perdonarmi. Il mio nome è…”

La quercia tacque. Il suo buffo volto parve sconcertato. Benedetta sorrise tra sé: quell’ albero la faceva divertire e poi in quel momento pareva proprio una persona pensierosa. “ Tu sorridi perché ti pare strano, non è vero? Ma lo sai che non lo so come mi chiamo? A pensarci bene, nessuno ha mai pensato di darmi un nome e di conseguenza a chiamarmi con quello. Uhm… facciamo un gioco… che ne diresti di propormene uno tu?”

Questa volta Benedetta si lasciò andare in una risata spontanea. Quel suono argentino indusse al sorriso anche la quercia: “ Sono contenta che tutto questo ti diverta. Ma ora, visto che mi hai messo questa pulce nell’ orecchio…” e, quasi per sottolineare quanto detto, l’ albero scosse le foglie ai lati della testa, come se avesse avuto veramente le orecchie e provocando un’ altra, sonora risata della bambina.

“ Ebbene, signorinella, invece di ridere, vorresti aiutarmi a risolvere il problema? Ma mi raccomando: che sia un bel nome, importante e significativo!”

Benedetta ci pensò su un attimo:

« Però prima devi dirmi se sei maschio o femmina.»

L’ albero sembrò risentirsi, ma poi sorrise: “ Se non fossi stata tu a porre il quesito avrei potuto offendermi. Ma, comunque, trovo la domanda pertinente e ti rispondo. Non è affatto semplice come per voi umani, ma io sento di appartenere al genere femminile, quindi, dovrai trovarmi un nome che mi si confaccia.”

Il viso della bimba, in un attimo si fece pensieroso. Non riusciva ancora a capire le emozioni né tanto meno i concetti espressi da quella strana creatura, ma trovava divertente il gioco del nome e questo bastava. Incrociò le mani sul petto e con una mano si grattò il mento assumendo così una posa concentrata.

“ Ecco, brava, così, concentrati bene!” le suggerì la quercia, poi rimase in attesa.

« Ho trovato: che ne dici di Samarcanda?»

Il volto rugoso dell’ albero si contrasse con disappunto: “ No, no! Non ci siamo per niente! Ma sono certa che se ti sforzi puoi fare di meglio!”

« Bellabea?»

“ Uhm, di la verità… te lo sei inventato? E comunque, no! Siamo molto lontani!”

Benedetta alzò gli occhi al cielo: quel compito, presentato come un gioco, si stava prospettando difficile. Lassù, tra le fronde dell’ albero intravedeva squarci di cielo azzurro e, l’ intricato intreccio dei rami, sembravano formare un ricamo. Sembra un ricamo arabescato, pensò ammirata e quello spettacolo le ispirò un’ idea improvvisa: « Ti piacerebbe Arabesque?»

“ Arabesque?” rispose, quasi dubbiosa la quercia. “Oh, ma oui! Est tres jolie! Carino! francese… quasi esotico, direi. Suona bene! Arabesque… mi piace. Sì, decisamente, mi piace e credo che mi si addica! Sei stata brava! Complimenti! Ora anche io ho un bel nome!”

Benedetta sospirò felice di essere riuscita in così poco tempo ad accontentare la quercia, che tra l’ altro le sembrava molto vanitosa.

“ Sono talmente soddisfatta che ti vorrei ripagare. Ti andrebbe se ti raccontassi una favola?”

« A me piacciono molto le favole e finora non ho avuto nessuno che me le raccontassi.»

Nel dirlo il viso della bimba si rattristò mentre veniva travolta da una nuova crisi di tosse. La quercia ebbe un moto di compassione e quando Benedetta smise di tossire le disse:

“ Calmati bambina e vieni da me. Accoccolati qui vicino al mio tronco.”

Lei ubbidì e si accucciò sulle radici. In quei pochi istanti era diventata di nuovo malinconica e le fronde più basse della quercia si abbassarono avvolgendone il corpo in un abbraccio.

“ Non era affatto mia intenzione rattristarti, piccola mia. Ma ora, se mi ascolti, vedrai, questa storia ti piacerà.”

Benedetta confortata dal fare materno dell’ albero annuì e, mettendosi comoda, si apprestò ad ascoltare.

« Devi sapere, bambina, che ho visto trascorrere stagioni dopo stagioni. Quante, non saprei nemmeno dirlo con certezza. Forse centinaia, forse anche migliaia. So che la memoria del tempo trascorso, mi è stata trasmessa da querce e alberi molto più vecchi di me. Vuoi sapere come comunichiamo tra noi anche se ci troviamo a centinaia di chilometri distanti l’ uno dall’ altro? Ebbene, noi sussurriamo al vento le nostre parole e il vento gentilmente le trasporta con sé fino a bisbigliarlo lui stesso al destinatario. Comodo vero, piccola? E questa storia, che è giunta fino a me in quel modo suggestivo, inizia proprio dagli albori del tempo, quando ancora non esistevano né i mari né i monti, non esisteva l’ uomo e nemmeno le piante e, l’ oscurità, era la padrona assoluta di questo pianeta. Allora la Terra galleggiava nell’ atmosfera come una bolla di sapone e sembrava vagare senza meta nello spazio. Poi, all’ improvviso, in un lampo di luce si formarono gli oceani, apparvero le montagne e comparvero le prime forme di vita. Compreso gli alberi. Proprio allora inizia la testimonianza dei miei antenati. Nel cielo comparvero il sole e la luna, quindi le prime stelle. Ma diciamo che le stelline neonate erano un po’ birichine e non si disponevano in cielo con ordine come fanno adesso, ma ognuna occupava il posto che più le aggradava o quello che riusciva a occupare per prima.

Il sole e la luna facevano un po’ da papà e mamma alle stelline e tentavano in tutti i modi di mettere ordine in quel caos. Le stelline facevano i capricci: si spintonavano, bisticciavano, si facevano dispetti. Così, quasi ogni giorno, vi era una stella che, perso l’ equilibrio in seguito a una spinta, precipitando, si schiantava sulla terra. I genitori adottivi erano proprio disperati sia per gli indisciplinati che per la dannosa perdita subita dall’ universo.

Vi erano tre o quattro stelle che, in modo particolare, davano più pensieri e problemi agli astri più grandi. I loro nomi erano Antares, Sirio, Andromeda e Cassiopea.

Ebbene, queste quattro, erano molto amiche e giocavano tutti i giorni insieme, a volte a nascondino, a volte a rincorrersi. Altre volte, invece, acchiappavano il primo meteorite che transitava a tutta velocità e giocavano o al calcio o a pallavolo. Ma nel bel mezzo del gioco iniziavano le discussioni e finivano a litigare.

Un brutto giorno accadde che le quattro vennero alle mani o meglio: alle punte. Calci, pugni e graffi a non finire.

Andromeda, forse perché più piccola delle altre, venne presa di mira e finì per essere lei la vittima principale del gruppetto.

Antares e Sirio, in modo particolare si accanirono contro la piccola stella tempestandola di calci, talmente potenti, da scaraventarla sempre più lontana dal luogo del litigio. Fino a quando un calcio più poderoso degli altri, assestato da Antares, scagliò Andromeda a migliaia di chilometri di distanza, dove purtroppo galleggiava un colossale buco nero, considerato dagli astri e dai pianeti della galassia, un orribile mostro mangiatore di stelle.

Difatti, appena il corpo della povera stellina fu abbastanza vicino, la massa gassosa del mostro si espanse talmente da risucchiare la piccola Andromeda. E dopo nemmeno un secondo, la stella scomparve all’ interno di quella bocca orripilante.

Solo in quel momento la lite terminò. E fu quando le tre stelle si accorsero del grave errore commesso e delle infauste conseguenze derivate dal loro comportamento.

I tre giovani astri rimasero basiti, come paralizzati dal terrore. Avevano causato la perdita di una loro consorella e questo di per sé era già un fatto grave considerato che a quei tempi le stelle non erano numerose come ora. Ma il fatto più grave era che Andromeda, essendo precipitata nell’ abisso sconosciuto di un buco nero, era persa per sempre. Le tre non avrebbero più rivisto la loro piccola amica così risplendente di luce fino a qualche istante prima. Quella luce si era spenta e non si sarebbe più riaccesa. Ora, oltre il rimorso per quanto avevano combinato, che castigo le attendeva?

Le stelline, con aria colpevole, si volsero verso il sole e la luna. Nessuno dei due grandi astri aveva fatto in tempo a intervenire per evitare la tragedia e, in quel momento, dispiaciuti per l’ accaduto, osservavano con aria accusatrice le piccole pesti, senza peraltro sapere come agire.

Per fortuna passava da lì Polaris, anche detta la stella polare o stella del nord. Polaris, aveva assistito, seppure da lontano, sia alla disputa che alla disgrazia.

Senza nemmeno profferire una parola, si gettò a capofitto nel buco nero scomparendo alla vista. Passarono minuti di attesa angosciosa.

I buchi neri ancora oggi sono considerati abissi sconosciuti e inesplorati. Cosa ne sarebbe stato delle due stelle ingoiate da quel mostro alieno?

Poi, quando ormai le speranze stavano per morire, ecco riapparire la grande stella che portava con sé, trascinandola per una delle cinque punte, la stellina minore.

Oh, che sollievo provarono le malandrine! La loro amica Andromeda sembrava stesse bene, seppure un po’ provata dalla brutta esperienza.

Le tre corsero incontro alla stella polare che non esitò un attimo a redarguirle:

« Spero soltanto che vi serva da lezione, signorine. Questa volta l’ incidente si è risolto bene, ma non sfidate mai più la sorte, potrebbe davvero rivoltarvisi contro. Credetemi: non è questo il modo di vivere e dovete imparare a farlo. Avete la fortuna di condividere i primi anni della vostra esistenza. Sfruttateli, condividendo i giochi senza litigare e senza gelosia. Imparate a stare insieme, condividete le vostre esperienze e, crescendo, imparate il rispetto e la solidarietà reciproca. Insomma, siate davvero quelle amiche che finora non siete state. Vogliatevi bene! Solo così, potendo contare una sull’ altra, potreste aspirare a una vita migliore.»

Sotto lo sguardo severo della stella polare, le quattro amiche avevano assunto un atteggiamento contrito, ma appena conclusa la ramanzina, le stelline si scambiarono un’ occhiata e all’ improvviso finirono abbracciate e in lacrime.

Il sole e la luna e tutti gli altri pianeti presenti tirarono un sospiro di sollievo. Si era risolto tutto per il meglio e le stelline erano tornate di nuovo amiche. Ma adesso era davvero arrivato il momento di prendere una decisione definitiva.

Il sole, con cipiglio serio, chiamò le quattro stelle birichine davanti a sé e iniziò a dare ordini:

« Non infierirò su queste quattro monelle perché sono convinto che le parole di Polaris, abbiano ottenuto l’ effetto che s’ intendeva. Ora, per evitare che accadano altre tragedie, occorre che si rimetta ordine nel caos provocato dall’ indisciplina di queste signorine. Per cui, tutti voi qua presenti, farete esattamente quello che vi dirò. A ognuno di voi, o singolarmente, o a gruppetti, verrà assegnato un punto preciso nel firmamento e ognuno avrà l’ obbligo di non abbandonare mai la sua posizione. Pena l’ esilio verso un’ altra galassia e il divieto assoluto di ritorno. Se qualcuno non è d’ accordo che lo dica subito e potrà andarsene dove meglio crede, purché lontano da qui. Tutti gli altri, si mettano in fila per avere l’ assegnazione del posto. Per le preferenze verranno rispettate l’ anzianità e la saggezza dimostrata. Inoltre, le più piccole a cui verrà affidato un compito preciso, dovranno sempre ubbidire agli adulti. Questo è quanto ho deciso.»

Tra i gruppetti di stelle e di pianeti ci furono mormorii e alcuni borbottii. Ma poi, pian piano gli animi si acquietarono e tutti ebbero la loro destinazione. Alle stelle più giovani venne affidato l’ incarico di brillare per i nuovi nati del pianeta. Ognuna doveva farsi carico di un bimbo, seguirlo, proteggerlo, insomma portare fortuna, ed essere dedicata a quello per tutta la durata della sua vita.

Alle stelline piacque l’ idea e in men che non si dica si sistemarono tutte quante al posto assegnatole dal sole.

Nacquero così le costellazioni che conosciamo. La stella polare si trovò alla guida dell’ Orsa minore ed è sempre stata la stella a cui fanno riferimento i navigatori e i viaggiatori. Poi, vorrei anche citare l’ orsa maggiore e la Croce del sud, nonché le varie costellazioni dello zodiaco. E da allora, noi possiamo ammirare il firmamento così com’è.»

La favola era terminata e seguì qualche istante di silenzio. Arabesque osservò con piacere il visino assorto e incantato della bambina.

“ Allora, Benedetta, pare proprio che ti sia piaciuta la favola.”

La bambina si riscosse. Riaprì gli occhi che aveva tenuti chiusi, lasciandosi cullare dalla voce armoniosa della quercia e, con il suggestivo contenuto del racconto, aveva sognato di essere lei stessa una delle stelline nominate.

Intorno era già calata l’ oscurità e guardando in alto, Benedetta vide il cielo stellato.

« Mi è piaciuta talmente, che mi sono immedesimata. È una storia bellissima! E quanto sono belle le stelle stasera!»

“ Le stelle sono sempre belle, piccina. E ora sai che esiste una stella per ogni bambino del pianeta e che brilla solo per quel bimbo.”

« Dici davvero, Arabesque? Ma allora lassù c’è una stella soltanto mia?»

“ Certo, mia piccola cara e adesso te la mostro. Guarda il mio ramo. Vedi dove punta? Là troviamo la costellazione del Leone e proprio vicino c’è la Chioma di Berenice. La sua stella più brillante si chiama Diadema. Quella è la tua stella, Benedetta.”

La bimba rimase incantata, senza parole. La stella indicata brillava intermittente e sembrava quasi che le facesse l’ occhiolino.

« Vorrei tanto volare lassù e diventare una stella anche io. Vorrei brillare per un bimbo triste e infelice e donargli la luce di cui avrebbe tanto bisogno, per tutta la sua vita.»

La quercia le sorrise accarezzandole i capelli: “ Non mi sarebbe impossibile accontentarti, Benedetta. Ma tu devi essere proprio sicura di quel che dici. Vuoi davvero abbandonare questo mondo? I tuoi amici? Le persone alle quali sei più affezionata?”

Benedetta ci pensò un attimo prima di rispondere, ma poi, affermò in tono deciso: « Niente e nessuno mi lega a questa terra. I miei mi hanno rifiutata abbandonandomi al mio destino appena nata. Tu sai che sono molto malata e temo che il mio tempo ormai stia per terminare. Sento che sto per morire Arabesque. Ma dimmi, esiste una morte migliore di quella di finire in una stella? Io credo di no! Il pensiero del bene che potrei fare a un altro bambino e della fortuna che potrei portargli, mi rallegra e mi spinge a rispondere di sì alla tua domanda. Desidero fortemente diventare una stella e se davvero fosse in tuo potere, ti prego Arabesque: esaudisci questo mio ultimo desiderio!»

Il tono della bimba si era fatto sottilissimo. Il suo fu quasi un sussurro. Allora la quercia comprese che non c’ era più tempo. Non doveva esitare!

Pose un’ ultima carezza sul volto della piccola, emaciato a tal punto da sembrare diafano, trasparente, poi, con le fronde più soffici, le baciò lievemente gli occhi socchiusi.

“ Allora vai, piccola Benedetta. Vola lassù e diventa una stella. E che la tua sia la luce più splendente di quella costellazione. Da ora in poi il tuo nome sarà Diadema.”

Un lampo inondò il giardino in cui si trovavano e sia l’ albero che la bambina scomparvero nell’ alone.

Quando tutto tornò alla normalità il corpo della bimba era sparito e la quercia era tornata immobile come solo un albero normale poteva esserlo.

In compenso in cielo apparve una stella ancor più luminosa e visibile sia di Sirio che di Polaris e mentre un bimbo veniva al mondo, Diadema, ormai felice, iniziò a pulsare intermittente, esclusivamente per lui.


Vivì 18/03/2020 07:04 68

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di VivìPrecedente di Vivì

Nota dell'autore:
«Favola pubblicata nella raccolta "Favolando con le stelle" di Vivì Coppola»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vivì ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieSan Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 110 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Vivì:
Vivì
 I suoi 35 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Chico l’ornitorinco che non sapeva nuotare (11/02/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Accipicchia! Acciderba! (05/04/2020)

Una proposta:
 
Accipicchia! Acciderba! (05/04/2020)

Il racconto più letto:
 
Il rapimento di Babbo Natale (11/12/2011, 5338 letture)


 Le poesie di Vivì

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it