3148 visitatori in 24 ore
 335 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3148

335 persone sono online
Autori online: 3
Lettori online: 332
Poesie pubblicate: 349’841
Autori attivi: 7’484

Gli ultimi 5 iscritti: Livio Bottani - Vito Franco - Evgenylaa - True drilling - Nihil VaniStomal
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereAntonio Terracciano Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Monopoli Messaggio privatoClub ScriverePasquale Vulcano Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Porta Capuana

Sociale e Cronaca

Negli anni Sessanta e Settanta, per i giovani (e meno giovani) di Arzano il salotto in cui ritrovarsi era, oltre a piazza Cimmino, Porta Capuana a Napoli: per lo studio, o per il lavoro, molti erano quelli e quelle che si servivano quotidianamente dei bus delle " T . P . N . "

Quando, da bambino e da ragazzino, da Pomigliano andavo talvolta con i miei genitori a Napoli con la "Circumvesuviana", conoscevo soltanto Porta Nolana e piazza Garibaldi: da lì prendevamo poi dei mezzi per andare al centro (e talvolta, con mia madre e mia nonna, andavo a via Sant’Anna di Palazzo, dove viveva la sorella maggiore della mia nonna materna, la mia prozia, che era stata la compagna di un musicista del "San Carlo") . Conoscevo solo di nome Porta Capuana, e me la immaginavo come una parte di Napoli remota, misteriosa, quasi esotica...

Appena trasferitomi ad Arzano, appresi che il primo punto di riferimento napoletano degli Arzanesi era invece proprio Porta Capuana, e la frequentai quasi ogni giorno dal 1966 al 1973, dal terzo anno di un Istituto superiore alla laurea.

Noi giovani ci intrattenevamo volentieri sulle banchine della stazione degli autobus, e talvolta perdevamo qualche corsa per aspettare l’arrivo delle nostre belle, anche se chi aveva perso la testa per qualche bella più bella delle altre belle rischiava di rimanere a bocca asciutta, perché la vedeva arrivare a volte già in compagnia, o approfittare di un passaggio gentilmente offerto all’ultimo momento da qualche amico con la macchina (possedere, o anche soltanto riuscire a farsi prestare, una "Cinquecento" era allora un’ottima carta per entusiasmare le ragazze...)

Io poi mi ero specializzato a intuire se qualche ragazza sconosciuta frequentava la Ragioneria o l’Istituto magistrale (le liceali erano poche), e di solito indovinavo: le prime erano più sveglie, più moderne nel vestire, più spiritose, mentre le seconde avevano un aspetto un po’ più antiquato, apparivano più chiuse e monotone (io preferivo senz’altro le prime...)

Talvolta, con qualche amico, mi recavo nella corsia dei bus per Casal di Principe, per fare quattro risate: i Casalesi, piuttosto prepotenti, volevano tutti salire per primi, e si scacciavano l’un l’altro davanti alla portiera della salita del bus, peggiorando così la situazione, perché rimanevano tutti più tempo sulla banchina...

Quando mi decidevo finalmente a salire, con o senza compagnia, su qualche "Arzano", o "Grumo", o "Frattamaggiore", o "Orta", venivo delle volte, come tutti gli altri passeggeri, prima della partenza allietato da un singolare mendicante e da una sua amica: recitavano benissimo, lui in particolare, dei versi che io ritenevo suoi, non avendo ancora mai letto Raffaele Viviani ("Grazie pe’ l’accuglienza: / che dopo una lunga assenza, / all’apparire della mia presenza, / v’avutate ‘e renza / e mi mostrate questa circonferenza" ad esempio, o "Signure belle, comme avite capito, / i’ esco p’’a fraveca ‘e ll’appetito") . Negli anni Ottanta, quando già ero tornato a Pomigliano, comprai un giorno "Il Mattino", che dedicava un’intera pagina alla scomparsa di quell’uomo (c’era la fotografia), un giuglianese di cui non ricordo il nome, che aveva recitato nella compagnia teatrale di Viviani, effettuando anche delle tourné es, soprattutto in Sudamerica.

E forse anche quella sua amica, che entrava in scena quando lui aveva già cambiato bus, era stata un’attrice; diceva a tutti i passeggeri, ripetutamente, " ‘A tengo pur’io, ‘a tengo pur’io! ", fino a quando qualcuno, spazientito, replicava: "Ma ca tieni cchiù tu, ca si’ vecchia! " E lei immediatamente rispondeva: "Ca hai capito, zuzzuso? ‘A vocca pe’ magna’! "



Antonio Terracciano 18/10/2020 00:17 1 25

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


Precedente
Precedente di Antonio Terracciano

Nota dell'autore:
«Lo scritto fu pubblicato il 18 gennaio scorso in una pagina "Facebook" di un gruppo privato.»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Prendi per mano il lettore e lo guidi con garbo e spirito frizzante per i vicoli e i rioni di una città affascinante. Essendo una presepista, conosco bene S. Gregorio Armeno e rimpiango molto le passeggiate in cerca di chicche per il Natale. Grazie per questa bella gita. I profumi, i colori e il brio, tutti napoletani, hanno fatto breccia attraversando l’etere.»
Vivì

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Arguto e garbato...un gentiluomo napoletano. (Vivì)



Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 93 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Porta Capuana (18/10/2020)

Una proposta:
 
Porta Capuana (18/10/2020)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 2114 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it