2252 visitatori in 24 ore
 121 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2252

121 persone sono online
Autori online: 8
Lettori online: 113
Poesie pubblicate: 358’128
Autori attivi: 7’539

Gli ultimi 5 iscritti: OzaimBug - franco cilli - Hrushevo - Isabelle30 - Leslieblide
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereGian Franco Dandrea Messaggio privatoClub ScrivereMassimo Chiusi Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privatoClub ScrivereAntonio Terracciano Messaggio privatoClub Scriverelentini gaetano Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Monopoli Messaggio privatoClub Scrivererob ponzani Messaggio privatoClub ScrivereGiuseppe Mauro Maschiella Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Tracce

Biografie e Diari

"Può contenere tracce di ... ", si legge in certe confezioni di prodotti alimentari: evidentemente, negli stabilimenti dove essi si producono, si confezionano anche altri prodotti, che possono lasciare minime tracce nelle confezioni che acquistiamo.

E questo vale pure per le Università, dove si va per laurearsi in una data materia, ma dove si insegnano anche altre materie, che lasciano sempre piccole tracce in chi frequenta quei luoghi, pur se non segue mai gli altri corsi.

All’ "Orientale" di Napoli, dove andai per laurearmi in francese, e dove studiai inoltre portoghese e inglese, si insegnavano (e si insegnano tuttora) un centinaio di lingue di tutto il mondo, che trasmettono sempre qualcosa agli studenti interessati.

In particolare, l’ "Orientale", nata nel 1732 soltanto per insegnare, inizialmente, il cinese ai missionari, possiede ancora un’aura di quella lingua esotica.

Conservo un libretto con tutti i programmi dell’anno accademico 1964 - 1965 di quell’Università (io allora avevo quattordici anni, ma il libretto mi fu regalato da una mia cugina della provincia di Salerno, un cugino dal lato materno della quale, Aldo Gallotta, era appena diventato professore di turco all’ "Orientale" e sarebbe divenuto poi l’esperto di turcologia forse più autorevole d’Italia nell’ultimo quarto del secolo scorso) . Il programma di cinese (con i titoli dei testi consigliati agli studenti, che evito di trascrivere) era: "Introduzione alla lingua parlata: fonetica, scrittura, conversazione. Cenni alla storia della lingua parlata (primo anno); la lingua cinese parlata per progrediti. Lettura di passi di prosatori moderni. Studio di un saggio di Hu Shih e di una novella di Ping - hsin (seecondo anno); introduzione alla lingua scritta. Letteratura cinese dalle origini al Medio evo con lettura. Lettura di saggi in lingua parlata. Esercitazioni nel linguaggio giornalistico (terzo anno); cenni alla storia della letteratura cinese dal Medio evo in poi. Lettura di brani di poesie e di prosa (quarto anno) " .

Le tracce cinesi mi hanno indubbiamente positivamente contagiato, non cero facendomi imparare il mandarino, ma aprendo un po’ la mia mente, creando delle sinapsi capaci di aiutarmi a vedere il mondo (anche) con occhi diversi.

Quando una lingua è invece molto simile a quella materna, è possibile assorbire delle tracce che permettono di imparare quella lingua senza studiarla. Mi successe con lo spagnolo, quando un amico (ero allora quindicenne) mi regalò un libro argentino destinato al macero, ed io capii che per me sarebbe stato piuttosto facile comprendere quella lingua iberica, convinzione che si rafforzò quando, ventenne, andai a vedere una mostra di libri spagnoli, organizzata dal consolato spagnolo e dall’Istituto "Santiago" di Napoli, alla "Villa Pignatelli", alla riviera di Chiaia: mi bastò leggere il catalogo (che veniva regalato a tutti i visitatori e che semplicemente riportava tutti i titoli dei libri esposti, come "El ingenioso hidalgo Don Quijote de la Mancha", "Poesia juglaresca y juglares" o "Un hombre entre dos mujeres") per comprendere che (come poi feci) sarei potuto andare in Spagna capendo e facendomi capire bene, e che avrei potuto leggere con facilità in originale Unamuno, Borges, Onetti ...



Antonio Terracciano 07/10/2022 17:08 1 64

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Le lingue straniere aprono davvero la mente, ci danno una lente in più per guardare il mondo. Anche a me successe la stessa cosa con l’esame di Spagnolo alla Federico II. dove mi laureai in Lettere classiche. La lettura del "Lazarillo de Tormes", per esempio, mi aiutò tanto nel capire gli atteggiamenti degli scugnizzi napoletani e per guardarli con occhi più consapevoli e persino ammirati.»
Silvana Poccioni

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 99 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il Romeno e la Romana (16/11/2022)

Una proposta:
 
Il Romeno e la Romana (16/11/2022)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 2410 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2022 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it