Autore Topic: Giuliana Ferraz  (Letto 1277 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Massimiliano Ruggiu

Giuliana Ferraz
« il: Mercoledì 14 Settembre 2016, 14:22:02 »

Giunsi alla soglia di un vecchio ricordo
in un languido autunno su strade roventi
ubriaco di pioggia che annega l’accordo
lasciato sui tasti a morire di stenti.

Insegnai una preghiera alle foglie cadute
abbracciando il silenzio di un albero spoglio
nascosto alle rime scolpite sul foglio
alcove di lacrime e muse perdute.

Fu il soffio del vento a comporre il tuo volto
elevando il pensiero fin sopra i capelli
radiosi nel buio che oscura i pennelli
rapiti dal sogno di un animo incolto.

Amai le tue labbra in un canto veloce
zingaro errante tra il cuore e la voce.


Offline Massimiliano Ruggiu

Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #1 il: Mercoledì 14 Settembre 2016, 14:24:09 »

Silvia Piga

  • Visitatore
Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #2 il: Venerdì 23 Settembre 2016, 19:13:33 »
Concorrente della scorsa edizione di The Voice of Italy e di Miss Italia 2015. Molto bella

Offline Massimiliano Ruggiu

Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #3 il: Venerdì 23 Settembre 2016, 23:44:24 »
Concorrente della scorsa edizione di The Voice of Italy e di Miss Italia 2015. Molto bella

Sono certamente d'accordo sulla sua bellezza, ma è anche simpatica. Ed ha apprezzato molto l'acrostico

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 414
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #4 il: Sabato 24 Settembre 2016, 10:35:09 »
Mi permetto di esprimere la mia opinione:
premesso che non amo particolarmente gli acrostici, forse perchè ho sempre sentito la poesia come il giusto tramite per esprimere il proprio sentire e non come esercizio stilistico (non so perchè e so che è senza senso, ma il suono della parola acrostico mi accende nella mente l'immagine di un cruciverba!  :-[);
premesso in conseguenza che non sono andata a verificare l'adesione o meno dell'acrostico al titolo se non dopo la terza lettura del testo;
premesso (e poi la smetto, giuro!  ;D) che non ho avuto la minima curiosità  x il video sinchè non ho letto l'intervento di Silvia Piga;
tutto ciò detto, trovo la poesia non bella, di più!!
E l'acrostico nulla toglie o aggiunge alla sua bellezza, perchè  potrebbe esser capitato lì per caso (anche se è decisamente improbabile e dò atto all'autore per l'impegno sicuramente postovi)
Per concludere, scusandomi per esser logorroica, complimenti vivissimi a Massimiliano  ;D

Offline Massimiliano Ruggiu

Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #5 il: Sabato 24 Settembre 2016, 12:00:33 »
Mi permetto di esprimere la mia opinione:
premesso che non amo particolarmente gli acrostici, forse perchè ho sempre sentito la poesia come il giusto tramite per esprimere il proprio sentire e non come esercizio stilistico (non so perchè e so che è senza senso, ma il suono della parola acrostico mi accende nella mente l'immagine di un cruciverba!  :-[);
premesso in conseguenza che non sono andata a verificare l'adesione o meno dell'acrostico al titolo se non dopo la terza lettura del testo;
premesso (e poi la smetto, giuro!  ;D) che non ho avuto la minima curiosità  x il video sinchè non ho letto l'intervento di Silvia Piga;
tutto ciò detto, trovo la poesia non bella, di più!!
E l'acrostico nulla toglie o aggiunge alla sua bellezza, perchè  potrebbe esser capitato lì per caso (anche se è decisamente improbabile e dò atto all'autore per l'impegno sicuramente postovi)
Per concludere, scusandomi per esser logorroica, complimenti vivissimi a Massimiliano  ;D

Per me l'acrostico non è un esercizio stilistico. Non amo i testi "costruiti a tavolino", come li definiscono alcuni, perché prediligo scrivere di getto. Lettera per lettera, trascrivo il primo pensiero che mi viene in mente. Dopo averne composti tanti, ormai i versi nascono da soli, senza forzare, ed è proprio questo, l'obiettivo: scrivere ciò che il soggetto mi ispira, seguendo le lettere del nome. E poi rifinisco (qualora ce ne fosse bisogno) il testo. Non mi stancherò mai di ripeterlo: io non scrivo poesie (lo fanno solo i poeti, ed io non lo sono e non voglio esserlo). Il mio approccio alla scrittura è quello di un cantautore, che racconta storie, autobiografiche e non, seguendo una linea vocale. Mi scuso anch'io, se sono stato logorroico, ma mi capita spesso di dover spiegare il mio stile compositivo, ai vari lettori che fraintendono genesi e sviluppo dei miei testi. :)
Anyway, thank you very much!

Offline adriana sini

  • Autore
  • *
  • Post: 414
  • Sesso: Femmina
  • Le passioni forti e ardite fanno sogni senza senso
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #6 il: Sabato 24 Settembre 2016, 14:19:57 »
Chiedo scusa se ti ho in qualche modo offeso, non intendevo affatto dire che poichè scegli di esprimerti tramite acrostici automaticamente tu sia "costruito" e non spontaneo.
Quello che intendevo era che IO fatico a racchiudere ciò che scrivo dentro delle regole compositive e pertanto, nel leggere un testo, l'ultimo problema che mi pongo è controllare settenari, endecasillabi, rime alternate o appunto acrostici.
Vado dritta al contenuto, per intenderci, dando peso alla forma solo in relazione alla sua fluidità, ritmo, musicalità.
In fondo è lo stesso discorso che ti avevo fatto in merito alla poesia recitata.
E' un mio limite, sia chiaro, non certo una critica verso chi, come te, sa invece dar vita a bei testi ponendosi ulteriori obiettivi, quali l'acrostico.
Bye  :D
« Ultima modifica: Sabato 24 Settembre 2016, 14:22:02 da adriana sini »

Offline Massimiliano Ruggiu

Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #7 il: Sabato 24 Settembre 2016, 14:45:01 »
Chiedo scusa se ti ho in qualche modo offeso, non intendevo affatto dire che poichè scegli di esprimerti tramite acrostici automaticamente tu sia "costruito" e non spontaneo.
Quello che intendevo era che IO fatico a racchiudere ciò che scrivo dentro delle regole compositive e pertanto, nel leggere un testo, l'ultimo problema che mi pongo è controllare settenari, endecasillabi, rime alternate o appunto acrostici.
Vado dritta al contenuto, per intenderci, dando peso alla forma solo in relazione alla sua fluidità, ritmo, musicalità.
In fondo è lo stesso discorso che ti avevo fatto in merito alla poesia recitata.
E' un mio limite, sia chiaro, non certo una critica verso chi, come te, sa invece dar vita a bei testi ponendosi ulteriori obiettivi, quali l'acrostico.
Bye  :D

Offeso?! Certo che no! :) Nessun parere potrà mai offendermi, perché io non scrivo in funzione del consenso altrui. Leggo tutti i messaggi privati che commentano i miei testi (perché il layout da me scelto lo impedisce) con distaccato interesse e, spesso, col sorriso sulle labbra. Non credo sia un tuo limite; semplicemente, non hai mai voluto provare a scrivere acrostici, o testi in rima. Credimi, se posso farlo io, può farlo chiunque. L'importante, secondo me, è esprimere quel che si ha dentro, senza il minimo intento di impressionare il lettore, con vocaboli ricercati e figure retoriche innovative (quello, secondo me, vuol dire scrivere a tavolino). C'è chi scrive per diletto, chi per necessità, e chi, come me, è mosso da entrambi gli stimoli emotivi, a fasi alterne.
Bye :)
« Ultima modifica: Sabato 24 Settembre 2016, 14:46:56 da Massimiliano Ruggiu »

Silvia Piga

  • Visitatore
Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #8 il: Sabato 24 Settembre 2016, 16:29:32 »
Io trovo davvero insensato il regolamento che non ammette gli acrostici in quanto tali, al di là del loro spessore poetico. In compenso, viene pubblicata un'accozzaglia di pensierini infantili, prose spacciate per poesie e oscenità letterarie.
Ma come ho scritto altre volte, questo è il sito, e noi siamo semplici ospiti che devono adeguarsi alle norme vigenti, anche se prive di senso.
Almeno possono essere pubblicati in questo spazio.
Buona giornata a tutti :)

Offline Massimiliano Ruggiu

Re:Giuliana Ferraz
« Risposta #9 il: Sabato 24 Settembre 2016, 16:39:53 »
Io trovo davvero insensato il regolamento che non ammette gli acrostici in quanto tali, al di là del loro spessore poetico. In compenso, viene pubblicata un'accozzaglia di pensierini infantili, prose spacciate per poesie e oscenità letterarie.
Ma come ho scritto altre volte, questo è il sito, e noi siamo semplici ospiti che devono adeguarsi alle norme vigenti, anche se prive di senso.
Almeno possono essere pubblicati in questo spazio.
Buona giornata a tutti :)

Sono d'accordo ma, per fortuna, esistono altri siti che consentono la pubblicazione degli acrostici: come YouTube :)