Autore Topic: PULSIONI  (Letto 3481 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Rosetta Sacchi

PULSIONI
« il: Lunedì 3 Febbraio 2014, 13:54:07 »
Con frequenza
Nella mente ti ho presente
Aggraziata cappella
E il tuo portamento
Ha sedotto il mio intento.       
                                                                    Francesco Rossi
Taciuto, sofferto,negato,
Da altro distratto,
Frustrato ritorno
Al misero stato
D’un riposo forzato.                                        Rosetta Sacchi                                                                                                                                         
Intrattengo con enfatica passione
Retrocarica sempre attiva
E mi eccito quando essa piroetta
Altezzosa superba e tozza.                              Francesco Rossi
                                                                 
Potessi generare scintille
Esploderei nell'azzurro
Ma solo stille bagnano l'erba:
Il mio destino è il suolo.                                      Rosetta Sacchi                         

Superficie assai distesa
Che rimira la fiumana incontrollata
Addensata e sensata
Si riversa sull’addome
Lauta, lattea ed impetuosa
Cola calda tra le gambe.                                      Francesco Rossi      

                  
Questo intrepido animale
Ama sempre fare festa,
Par s’appaghi,  ma con la testa
Muove un ghigno all’improvviso
Verso chi ancora prona
Si lambisce con la spuma.                                        Rosetta Sacchi   

                                                                   
Un amalgama costante
Che fa breccia nella sera
Quando tu t’alzi fiera…
                                                                                   Francesco Rossi                                                                    
Il lavoro  è ben riuscito
È già sera,  ma la partita
Non è ancora terminata.
Se  di notte all'improvviso
Mi tornasse quella voglia…
Che io sia sveglia o assonnata
Sull’'uccello bello e alzato
Mi rifaccio il mio palato                                                    Rosetta Sacchi