Autore Topic: Dicerie sulla redazione  (Letto 2569 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Elisabetta Randazzo

Dicerie sulla redazione
« il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 10:00:27 »
Ho saputo con malincuore che girano e-mail contro la redazione … e si finisce utilizzando Giamburrasca come pretesto. Sono stufa e lo dico veramente che si scrivono dicerie poco veritiere soprattutto quella che io e Luigi assecondiamo Giamburrasca, chi mi conosce sa che non lo farei mai. Spero che questa discussione si chiuda qui, anche perché le dicerie sul mio conto sono sgradevoli e soprattutto false. Per me siete tutti uguali e ho dato l’anima a ognuno di voi anche se la cosa non sempre è stata ricambiata, visto che ho ricevuto molti pesci in faccia e tantissime pugnalate alle spalle. Adesso dico basta e se questa propaganda continuerà ci saranno dei provvedimenti più seri.

PS: menomale che ci sono persone che ragionano con la propria testa e che mi hanno segnalato questi spiacevoli episodi.
« Ultima modifica: Lunedì 20 Ottobre 2008, 10:07:31 da Luigi Webmaster »
"La poesia non è un modo di esprimere un'opinione. E' un canto che sale da una ferita sanguinante o da labbra sorridenti."
Kahlil Gibran

Offline Paolo Ursaia

Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #1 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 10:55:10 »
...Siamo alle solite...periodicamente si alzano venticelli...che non hanno altra origine che la congenita abitudine d'alcuni di dubitare, sospettare...immaginare...supporre...concludere e, alla fine, parlare a vanvera.
  Questa volta, allora, parlo anche io. Premesso che sono amico di Ely, ed ho fatto parte della Redazione, vi posso assicurare che la medesima "principale" del sito, quando ha avuto qualcosa da dire anche a me, lo ha sempre fatto, con delicatezza ed educazione, magari, ma senza sconti. E così Luigi.
  Trattasi di due persone con le quali si può anche discutere, avere opinioni diverse...basta farlo con onestà e senza dietrologie.
  Per il semplice motivo che, davanti a loro, amici, conoscenti, perfetti sconosciuti...abbiamo tutti la stessa dignità...e la medesima responsabilità personale.
  Quindi, cari amici...perchè sprecare energie a supporre complotti che non ci sono...? Che sia una caratteristica geneticamente trasmessa di noi italiani...?  ;D ;D
  Questo sia detto partendo dal presupposto della buonafede dei...chiacchieratori. Se per caso essa manca...allora, il discorso è diverso.
  Ma non ho elementi per fare io della dietrologia... ;)
Cunctando restituit

Offline Stellaerratica

Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #2 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 12:28:17 »
Posso dire una cosa?
MA CHISSENEFREGA. (non fraintendetemi)
Dico: da che mondo e mondo, chi fa è sempre criticato. Se fai, è perché fai. Se non fai, è perché non fai.
Se intrattieni o cerchi di intrattenere rapporti cordiali e schietti con tutti, sta pur certo che prima o poi qualcuno scova malizia da qualche parte.
La gente trova sempre qualcosa da ridire, ci caschiamo tutti (io ci son cascata) ma poi chiarimenti e qualche scossone ti riportano sulla via del confronto.
Credo sia normale non approvare in toto le scelte redazionali. Io per prima mi ci sono scontrata più volte, ma credo -spero- sempre nel rispetto reciproco. Ok, sono anche caduta nell'errore, ma ci si chiarisce, ci si scusa e via.
Chi non gradisce la politica del sito, può anche cambiar sito se non ritiene di aver un buon confronto. O abbiamo sottoscritto chissà quale contratto?
La domanda è:
facciamo poesia (o si cerca di farlo) su un sito di poesia o si fanno aforismi belli per cuccare?
No, perché i forum di pettegolezzi e di incontri sono tantissimi ed altrove.
L'importante è uscire e tenersi fuori da certi circoli viziosi.
E Gianburrasca credo sia uno dei pochi che dice le cose che pensano anche altri. Solo che lui lo dice con rispetto, altri invece fanno gli scandalizzati.
Facile dare la colpa a Gianburrasca...
Sinceramente, Elisabetta, fregatene. Raccogli le cose, non disperdere energie per questioni poco utili alla tua sensibilità e dedicale alle splendide iniziative che proponete. Poi, le cose che reputi erbaccia per il sito, prendi provvedimenti seri.
Chi non fa, non sbaglia.
L'uomo è un essere economico (in tutti i sensi) e malizioso.
Il peggior crimine è conoscere la verità e non far nulla.
(Carlo Parlanti - www.carloparlanti.it)

gianburrasca

  • Visitatore
Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #3 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 13:08:15 »
E no! Adesso basta! Evidentemente qualcuno ha scambiato questo sito per un luogo di citrulli manipolabili a suo piacimento.
Anche io sono venuto a conoscenza che, negli ultimi giorni stanno girando mail di un individuo che istiga i lettori di “Scrivere”al boicottaggio del sito adducendo stupide insinuazioni sulla redazione e tirandomi in ballo  ripetutamente. Ovviamente l’individuo in questione dato il suo discutibile profilo morale (deducibile da questo comportamento), si guarda bene dall’affrontare la questione con il diretto interessato (io) e preferisce strisciare sotterraneamente. Che dire? Per chi ha ricevuto la mail il fatto si commenta da solo.
Per fortuna due o tre persone di quelle contattate (che ringrazio di cuore) da questo individuo hanno ritenuto opportuno (data la loro onestà morale) avvisarmi via e-mail di ciò che si andava tramando alle mie spalle.
Facciamo un po' di storia. Questo individuo è entrato da qualche mese nel sito, appena messo piede tra noi non ha fatto altro che sbandierare in ogni post la sua volontà di presenziare in maniera discreta dato che si definiva il re degli ignoranti (o giù di lì). Ma se da una parte questa era la sua propaganda personale, dall’altra ben diverso è stato il comportamento, infatti sfoggiando una incomprensibile sicumera, ha preso come un oltraggio il fatto che si commentasse uno dei suoi testi.
Una persona che utilizza il cervello non come optional si sarebbe accorto che nel mio commento non c’era alcun riferimento di natura personale, ma evidentemente non per tutti è così, infatti da  quel momento si è scatenata l’ira del novello Don Chisciotte, il quale, in evidente contraddizione con sé stesso, pur dicendo (di nascosto)  peste e corna della redazione e del sito, non disdegna di continuare a pubblicare altre "poesie".
Potrei dilungarmi per ore a declinare le oscenità poetiche nonché lessicali pubblicate da questo presunto poeta, ma sono già assalito dalla nausea. Preferisco utilizzare il mio tempo dedicandolo a quanti di voi hanno la capacità di discernere l’onestà dalla slealtà, la sincerità dalla ipocrisia.


(segue)
« Ultima modifica: Lunedì 20 Ottobre 2008, 13:28:22 da Gianburrasca »

gianburrasca

  • Visitatore
Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #4 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 13:09:37 »
Ho sempre detto pane al pane, vino al vino, non mi sono mai trincerato dietro alla posizioni di comodo ed infatti per questo mi sono sempre attirato le vostre ire.
Tempo fa ero presente sul sito col nick di “el_greco”, poi ebbi qualche discussione accesa con la redazione e con il webmaster arrivammo ai ferri corti (verbali). Era tanta la rabbia e la delusione per questo diverbio che andai via, cancellandomi dal sito, portando con me (stupidamente) tutte le poesie ed i commenti che avevo fatto. Chi c’era lo ricorderà e immagino si sganascerà dalle risate nel pensare anche solo lontanamente che la redazione possa essere connivente con me.
Dopo qualche mese rientrai con l’attuale nick, avvisandone la redazione la quale mi concesse l’ingresso con riserva, meglio dire:“sotto osservazione”.
Da allora evitai solo di essere troppo caustico nelle mie discussioni (anche se di tanto in tanto cado ancora nella tentazione), ma non ho rinunciato, né mai lo farò, ad essere sincero e se qualcuno spaccia per testo poetico qualcosa che non si regge in piedi nemmeno in italiano elementare, non ho nessuna remora a dirlo in pubblico.
Ho sempre avuto conscenza del fatto che essere diretti ed immediati non attira di certo le simpatie, come invece avviene per chi si presenta come un bonaccione, simpatico, romanaccio che fa della modestia il suo cavallo di battaglia (salvo poi mostrare il suo vero volto e tramare come un cospiratore).
Io sono così, ma il vantaggio che ho nei riguardi del secondo genere di persone, è che da me avrete sempre la verità su come la penso, che non vi compiacerò davanti per il solo vantaggio di esservi simpatico e quando vi farò un complimento saprete che questo è sincero e meditato.

Sono disposto a mettere in gioco la mia permanenza sul sito, a voi la scelta.


P.S. Voglio diffidare l’individuo in questione dal procrastinare tale comportamento scorretto. Finora sono stato paziente, ma lo avverto che, qualora ravvisassi gli estremi della diffamazione, non perderei un istante ad avanzare una proposta di denuncia penale nei suoi confronti.


Scusate l’irruenza, ma a volte essere ironici e rimanere impassibili non mi riesce proprio.

Un’ultima considerazione estemporanea: nessuno è indispensabile tranne i curatori e i proprietari del sito, dunque diamoci una regolata.
« Ultima modifica: Lunedì 20 Ottobre 2008, 13:30:47 da Gianburrasca »

giannipoeta

  • Visitatore
Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #5 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 13:40:41 »
Non sono tanto incline alle discussioni del forum ma desidero altresì invece intervenire in questo caso solo per portare la mia solidarietà a Luigi, Ely, alla redazione tutta e ai tanti amici che frequentano il sito col piacere di esserci per postare le proprie poesie cercando sempre quel miglioramento culturale che si dovrebbe quando si leggono poesie oppure post interessanti ed inerenti. Non mi sono mai piaciute le dicerie e chi mi conosce sa quanto sia vero, ho fatto parte della redazione e vi posso assicurare il lavoro ( non facile)che nel tempo ha portato impegni sempre più onerosi, quindi il tempo per le chiacchiere le lasciavo a chi le inventava senza dare molta adesione. Si dovrebbe crescere per essere certi che in un sito di poesie piaccia o non piaccia esistono delle regole e se a qualcuno dovessero non piacere può senza dubbio accomodarsi e lasciare spazio a chi invece le reputa molto più importanti.Non entro in merito delle discussioni fra autori su diatribe più o meno inutili che servono solo a portare zizzanie e astio e quindi rinnovo la mia solidarietà a tutta la redazione, a Ely e a Luigi affinchè il lavoro possa continuare nella più assoluta tranquillità e serenità.

un cordiale saluto a tutti

Giovanni Monopoli

filodiseta

  • Visitatore
Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #6 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 14:45:24 »

Sono disposto a mettere in gioco la mia permanenza sul sito, a voi la scelta.





io, se posso essere degna di fare parte di un voi... avrei già scelto da tempo





ma forse non sono degna

Offline Anfra

Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #7 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 15:07:54 »
Ho saputo con malincuore che girano e-mail contro la redazione … e si finisce utilizzando Giamburrasca come pretesto. Sono stufa e lo dico veramente che si scrivono dicerie poco veritiere soprattutto quella che io e Luigi assecondiamo Giamburrasca, chi mi conosce sa che non lo farei mai. Spero che questa discussione si chiuda qui, anche perché le dicerie sul mio conto sono sgradevoli e soprattutto false. Per me siete tutti uguali e ho dato l’anima a ognuno di voi anche se la cosa non sempre è stata ricambiata, visto che ho ricevuto molti pesci in faccia e tantissime pugnalate alle spalle. Adesso dico basta e se questa propaganda continuerà ci saranno dei provvedimenti più seri.

PS: menomale che ci sono persone che ragionano con la propria testa e che mi hanno segnalato questi spiacevoli episodi.

A me Ely non è arrivato nulla, forse perchè sono nuova, certo ciò che dico lo dico a voi redattori e agli altri componenti del sito che spesso mi trovo in disaccordo sulla pubblicazione delle poesie , ok alcune non sono pubblicabili ma altre.. ho letto qua è la varie cose ce ne sono alcune che sono molto più prosa che poesia eppurre le avete pubblicate, non voglio fare nomi per questione mia personale ma vi chiedo di leggere e rileggere più volte una poesia anche 10000 volte se è neccessario prima di rimandarla indietro!
Fatti non foste per vivere come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza

Offline Stellaerratica

Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #8 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 15:13:29 »
Sono disposto a mettere in gioco la mia permanenza sul sito, a voi la scelta.

Ma non esiste proprio! Tu resti vero?  ::)
Il peggior crimine è conoscere la verità e non far nulla.
(Carlo Parlanti - www.carloparlanti.it)

Offline Marina Como

Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #9 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 16:21:56 »

Sono disposto a mettere in gioco la mia permanenza sul sito, a voi la scelta.
[/b]
che razza di gioco è? Chi prende la poesia più corta esce dal sito?
Che ci azzecca? O è un avviso di Ulk che ridiventa verde  e non risponde delle sue azioni?
 ;D  o è il metereologo che annuncia il "grecale"?
Se voglio fare la stronza ci riesco bene.  Talmente bene che quasi quasi ci sono. O forse ci sono.  Si, deciso.

Offline Fippo2

Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #10 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 19:46:32 »
ho letto con interesse questa diatriba....e sono così fuori dai giochi che , non solo quasi più nessuno si fila le mie "poesie", ma non ho neppure ricevuto la mail incriminata...che pensare? sono proprio un pessimo poeta? mi faccio troppo i cavoli mniei? devo cominciare ad agitarmi ? cOmunque muoio dalla curiosità....CHI E? CHI E' DITEMELO PER FAVORE....
Ciao...fil

Offline Zima

Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #11 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 20:24:59 »
se avessi ricevuto questa mail mi sarei fatta una grassa risata... ;D ...sarà per questo che non me l'hanno mandata?!
se pure dicessi -cosa vera, tra l'altro- che conosco personalmente i tre incriminati, chi ha messo in giro queste voci non mi crederebbe comunque, o perchè ne è fermamente convinto (su quali basi, poi?) o perchè, cosa più plausibile, è in malafede! e siamo sicuri che si tratti di un nuovo arrivato "originale"?.. no, perchè, onestamente, mi fa specie il fatto che ci siano persone che portano rancore nei confronti di un sito per il solo motivo che ad un certo punto ha smesso di vederli protagonisti della scena e, dopo essersi spontaneamente cancellati, hanno come unico scopo la sua distruzione... persone che rompono a distanza o "sotto falso nome"! ;D

i gestori di questo sito sono persone e, come tutti, hanno tanti difetti; io per prima, prima durante e dopo la mia presenza in redazione, mi ci sono scontrata, causa divergenze di opinioni, ma in un confronto alla cui base c'è sempre stata la stima reciproca, il rispetto e l'onestà.

sono altresì convinta -e non me ne voglia nessuno se con la massima schiettezza espongo il mio punto di vista- che i tanti problemi e malumori che si creano in questo sito, siano dovuti alla troppa generosità ed accondiscendenza di Ely e Luigi nei confronti di certi personaggi (passati e presenti) che credono di poter fare il bello e il cattivo tempo... altro che gestapo o dittatura, come qualcuno ha definito la gestione... qui mi pare, certe volte, che i dittatori siano proprio gli irrispettosi e le malelingue!
un po' di fermezza, in alcune circostanze, non guasterebbe! :police:

comunque, nessuno con un po' di cervello darà credito a queste stupidaggini...

buona serata a tutti.
"proverò a spaccare
meridiane di silenzio,
come ghiaccio
sui mattoni della piazza
e sotto i nostri piedi"
r.d.

Offline Benito Ciarlo

  • Autore
  • *
  • Post: 167
  • Sesso: Maschio
  • La pigrizia è un una scimmia che si spidocchia sul
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #12 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 21:10:05 »
Posso cercare di mitigare un po' la tensione?
Ha ragione chi dice che alla base di certi comportamenti esiste una prerogativa tipica degli italiani. Di molti italiani. L'insofferenza per le regole. Per qualsiasi regola.

Se un codice afferma che non bisogna parcheggiare in doppia fila lo si fa perché è più figo sfidare il vigile che fare dieci passi in più e tanto più grossa è la macchina tanto più grosse sono quelle ipocritissime quattro frecce che paiono dire "scusatemi è solo per un attimo... coglioni!"

Recentemente un impresario spagnolo col quale ho collaborato, intervenuto successivamente alla consegna di un macchinario nuovo da lui fornito, perché non c'era verso di farlo funzionare, si accorse con me che l'impianto non andava perché nessuno aveva letto le istruzioni di funzionamento. Tutti però erano pronti a dire che l'impianto era mal progettato e peggio realizzato. Inutile dirvi che l'impianto, invece, funzionava alla perfezione. Questo mette in evidenza altri due grossi difetti che vanno a braccetto con lo sfidar le regole: la supponenza e la superficialità. Brutte bestie.

Per sintetizzare sapete perché un tedesco (che vive di regole, com'è noto) alla fine d'un rettilineo sbatte inevitabilmente contro il muro che ha di fronte? Perché mancano i cartelli di direzione.
Un italiano, invece, anche se ci sono cartelli che indicano tutte le direzioni possibili, lo stop e uno con scritto "pericolo: MURO" vi sbatte contro lo stesso perché ai cartelli non bada o se li vede li considera roba da scemi.

Il mondo è dei furbi? Ma chi l'ha detto se non uno di loro?!
« Ultima modifica: Lunedì 20 Ottobre 2008, 21:11:58 da Benito Ciarlo »
mi ha sempre stupito quali giri assurdi debbano fare i fiumi per passare sotto tutti i ponti (Beppe Grillo)

erpoeta

  • Visitatore
Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #13 il: Lunedì 20 Ottobre 2008, 22:49:28 »
Buonasera a tutti. Se posso vorrei raccontarvi la mia personalissima esperienza su questo problema. Circa quattro anni fa, iniziai a scrivere le mie poesie e postarle in un sito letterario molto accreditato. Questo sito era frequentato da un tizio molto invidioso e geloso che non faceva altro che criticare tutto e tutti per il semplice motivo che le sue poesie erano snobbate o comunque sempre criticate in modo negativo. La sua "pazzia" lo aveva portato a lasciare mesaggi privati, sempre tramite sito, ad una ragazza (presa di mira). I messaggi passavano dagli insulti alle minacce fino a delle proposte indecenti. Ero in ottimi rapporti virtuali con questa ragazza che decise di farmi leggere i messaggi dell'idiota. Per come sono fatto iniziai a denunciare e provocare questa persona firmando i miei messaggi (anche se registrato con un nick, sono solito lasciare la mia firma per assumermi sempre le responsabilià di quello che scrivo). Non potete immaginare quello che accadde. Vi tralascio i particolari per dirvi solamente che  l'unica soluzione per far tacere il disturbatore è stato quello di isolarlo. Non rispondete alle sue e-mail e non parlatene più nel sito. Ci vorrà un po' di tempo ma alla fine si stancherà. Ve lo giuro è un problema che assilla molti siti letterari e vi assicuro che il 90% delle volte, assumendo l'atteggiamento giusto, quello di ignorarlo, si risoverà il problema.
Buona serata
Giuseppe Mincuzzi
Er Poeta Metropolitano
www.mincuzzi.net
« Ultima modifica: Lunedì 20 Ottobre 2008, 22:54:22 da Er Poeta Metropolitano »

Offline Monster

  • Autore
  • *
  • Post: 1303
  • Sesso: Maschio
  • sembro un mostro?...no! potrei essere peggio però!
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re: Dicerie sulla redazione
« Risposta #14 il: Martedì 21 Ottobre 2008, 13:15:23 »
Per sintetizzare sapete perché un tedesco (che vive di regole, com'è noto) alla fine d'un rettilineo sbatte inevitabilmente contro il muro che ha di fronte? Perché mancano i cartelli di direzione.
..e sapete perchè un italiano va a sbattere lo stesso nonostante i cartelli di direzione?...perchè va a 160 all'ora con 3 grappini in corpo e una sniffata di cocaina...

CMQ io non mi lamento della Direzione....semmai c'è stata qualche incomprensione iniziale con il webmaster..ma è scusabile, in quanto, in generale, senza una rigida e attenta censura il sito si sarebbe sfasciato da un pezzo...per emulazione da parte di altri di comportamenti poco ortodossi..
quindi sopportate gente...
« Ultima modifica: Martedì 21 Ottobre 2008, 13:18:29 da Monster »