Autore Topic: Temi noiosi  (Letto 13141 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Webmaster

Re:Temi noiosi
« Risposta #15 il: Mercoledì 16 Aprile 2014, 07:44:34 »
Bah, io credo che la banalità o bellezza, originalità ed interesse di una poesia la faccia l'autore che la scrive, non il tema che tratta. Ci sono belle ed interessanti, profonde, originali poesie che trattano di temi banalissimi, e poesie (nel sito ne vediamo una certa dose, alcune delle quali riusciamo a non pubblicare) che sono banali, piatte e a volte stupide (concedetemi lo sfogo) anche su temi originali, importanti e degni di interesse.
Se uno sa scrivere poesie originali e interessanti, efficaci ed espressive, lo sa fare anche con temi "banali", mentre se uno scrive poesie banali, le scrive banali anche sul tema più "profondo". Il tema è solo un pretesto, sta poi alla bravura, alla capacità dell'autore renderlo profondo o banale.

Offline paolo corinto tiberio

Re:Temi noiosi
« Risposta #16 il: Mercoledì 16 Aprile 2014, 12:41:50 »
Bah, io credo che la banalità o bellezza, originalità ed interesse di una poesia la faccia l'autore che la scrive, non il tema che tratta. Ci sono belle ed interessanti, profonde, originali poesie che trattano di temi banalissimi, e poesie (nel sito ne vediamo una certa dose, alcune delle quali riusciamo a non pubblicare) che sono banali, piatte e a volte stupide (concedetemi lo sfogo) anche su temi originali, importanti e degni di interesse.
Se uno sa scrivere poesie originali e interessanti, efficaci ed espressive, lo sa fare anche con temi "banali", mentre se uno scrive poesie banali, le scrive banali anche sul tema più "profondo". Il tema è solo un pretesto, sta poi alla bravura, alla capacità dell'autore renderlo profondo o banale.

sì, non posso che  essere d'accordo!
salvatico è quel che si salva

Dyleng

  • Visitatore
Re:Temi noiosi
« Risposta #17 il: Mercoledì 16 Aprile 2014, 14:34:48 »
Bah, io credo che la banalità o bellezza, originalità ed interesse di una poesia la faccia l'autore che la scrive, non il tema che tratta. Ci sono belle ed interessanti, profonde, originali poesie che trattano di temi banalissimi, e poesie (nel sito ne vediamo una certa dose, alcune delle quali riusciamo a non pubblicare) che sono banali, piatte e a volte stupide (concedetemi lo sfogo) anche su temi originali, importanti e degni di interesse.
Se uno sa scrivere poesie originali e interessanti, efficaci ed espressive, lo sa fare anche con temi "banali", mentre se uno scrive poesie banali, le scrive banali anche sul tema più "profondo". Il tema è solo un pretesto, sta poi alla bravura, alla capacità dell'autore renderlo profondo o banale.
Se il buon Paolo non può che non essere d'accordo, io ovviamente in quanto ad autore della discussione non lo sono per niente.
Ma partiamo con ordine, intanto ringrazio che il Sig. Luigi sia intervenuto.
Non entro nel merito di ciò che asserisce, cioè che ci siano capolavori di poesia su argomenti banali, se questa affermazione si riferisce ai grandi poeti sa Meglio di me che questo non può essere la base per una discussione, è certo che Montale o chi per lui, poteva scrivere dei cavoli a merenda riuscendo in una poesia magnifica ma non è questo il punto...
Come diceva Amara, che ha ben colto le mie parole, il tema "profondo" serve comunque a smuovere non solo l'autore ma soprattutto il lettore.
Sfido Lei a sorbirsi 70 poesie sul "sorriso dei bambini"...già è al corrente del fatto che 60 sono opere per cui non mi viene nessuna definizione, le restanti 10 rimangono opere che per il tema stesso risultano poco appetibili.
Ha ragione, voi riuscite in molti casi a non farci pervenire nefandezze letterarie ma per chi non ha la scure del training come ci regoliamo ?

Questa è una domanda OT ma essendo Lei che ne ha discusso per primo mi permetto di chiedere e uscire fuori dal Topic...
Mi scuso per eventuali errori ma quotare con un telefonino e scrivere non è per niente facile.


Offline paolo corinto tiberio

Re:Temi noiosi
« Risposta #18 il: Mercoledì 16 Aprile 2014, 20:59:49 »
Se il buon Paolo non può che non essere d'accordo, io ovviamente in quanto ad autore della discussione non lo sono per niente.
Ma partiamo con ordine, intanto ringrazio che il Sig. Luigi sia intervenuto.
Non entro nel merito di ciò che asserisce, cioè che ci siano capolavori di poesia su argomenti banali, se questa affermazione si riferisce ai grandi poeti sa Meglio di me che questo non può essere la base per una discussione, è certo che Montale o chi per lui, poteva scrivere dei cavoli a merenda riuscendo in una poesia magnifica ma non è questo il punto...
Come diceva Amara, che ha ben colto le mie parole, il tema "profondo" serve comunque a smuovere non solo l'autore ma soprattutto il lettore.
Sfido Lei a sorbirsi 70 poesie sul "sorriso dei bambini"...già è al corrente del fatto che 60 sono opere per cui non mi viene nessuna definizione, le restanti 10 rimangono opere che per il tema stesso risultano poco appetibili.
Ha ragione, voi riuscite in molti casi a non farci pervenire nefandezze letterarie ma per chi non ha la scure del training come ci regoliamo ?

Questa è una domanda OT ma essendo Lei che ne ha discusso per primo mi permetto di chiedere e uscire fuori dal Topic...
Mi scuso per eventuali errori ma quotare con un telefonino e scrivere non è per niente facile.
sì, non posso che essere d'accordo!  :)

perché hai ragione tu e ha ragione Luigi... ma la redazione!!!!!!!!... da quale testa "incensa" esce "il profumo dei fiori"?... certo, si può essere dei draghi e riuscire a scrivere un testo ragionevole anche su questa banalità... anche se io credo che anche Dante morsicherebbe lo stilo aspettando invano l'ispirazione!  :)
grazie per il "buon", vai controtendenza... qui mi credono un orco!! :)
salvatico è quel che si salva

Offline Marina Lolli

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 27
  • Sesso: Femmina
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Temi noiosi
« Risposta #19 il: Mercoledì 25 Giugno 2014, 17:21:11 »
E quindi per dare il meglio bisogna far sfoggio del latino? Io non ho fatto  il liceo clasico ,ne lo scientifico,sono una semplice diplomata ,tecnico dei servizi sociali che ha avuto la grande fortuna di aver avuto una bravissima insegnante di lettere, scrivo poesie e mi diverto ad affrontare sfide ,anche  a tema o  a sperimentre , sono prontissima  a cimentarmi con poesie tratte dai versi del grandissimo Esenin,o Majakovskij o anche  il sublime Mandel'štam,non stimo qui a far vanto di noi stessi, forse i temi sono da rivedere, ma non saliamo sul piedistallo, la poesia non e' questo.

Dyleng

  • Visitatore
Re:Temi noiosi
« Risposta #20 il: Mercoledì 25 Giugno 2014, 19:15:33 »
E quindi per dare il meglio bisogna far sfoggio del latino? Io non ho fatto  il liceo clasico ,ne lo scientifico,sono una semplice diplomata ,tecnico dei servizi sociali che ha avuto la grande fortuna di aver avuto una bravissima insegnante di lettere, scrivo poesie e mi diverto ad affrontare sfide ,anche  a tema o  a sperimentre , sono prontissima  a cimentarmi con poesie tratte dai versi del grandissimo Esenin,o Majakovskij o anche  il sublime Mandel'štam,non stimo qui a far vanto di noi stessi, forse i temi sono da rivedere, ma non saliamo sul piedistallo, la poesia non e' questo.
La poesia invece è proprio un salire su un piedistallo, altrimenti è un pensierino pieno zeppo di refoli, stille e cuoricini...insomma roba da circolo delle teiere.


Offline Elena Poldan

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 269
  • Sesso: Femmina
  • oceano in tempesta e nostalgia di purezza...
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Temi noiosi
« Risposta #21 il: Giovedì 26 Giugno 2014, 10:44:06 »
La poesia invece è proprio un salire su un piedistallo, altrimenti è un pensierino pieno zeppo di refoli, stille e cuoricini...insomma roba da circolo delle teiere.

nulla di piú lontano dalla Poesia!...
certo, la poesia non é refoli e cuoricini, ma di certo non é salire su di un piedistallo, questo ė snobismo intellettuale e qui ce n'ė parecchio, e si badi bene al significato di snobismo (sine nobilitate).
Qui c'é molta gente che per cercare di sembrare al di sopra, scrive parole senza costrutto logico né senso alcuno, spacciando i propri scritti per quello che non sono.
Invito coloro che si affaticano un questo strenuo, quanto vano, tentativo, di apparire dei grandi poeti, di andare, quanto meno, a leggere qualche rudimento di letteratura e poetica, le cui (dei suddetti "poeti"  ;D) opere" denunciano invece una povertà culturale imbarazzante.
Sapendo già che, come sempre, questo mio intervento verrà strumentalizzato e distorto, ribadisco che la poesia non é mai salire di un piedistallo, ma aprire la propria anima, cercando di trasferire qualcosa di vero; é creare un universo con poche o tante parole dove far immergere, per qualche minuto, anche chi legge. Scrivere é generosità e sincerità, non stucchevole pavoneggiarsi o gioco cervellotico per apparire ciò che non é e nn si sarà mai.
Detto questo, preciso che i temi di poesia proposti non entusiasmano neanche me e, infatti, nn vi ho mai partecipato... ma quella ė solo una proposta da parte della redazione. Ognuno é libero di parteciparvi come no, e se si hanno a disposizione dei temi di maggior spessore ed un bagaglio culturale che si crede essere di qualità superiore a qualsiasi altro, benché alquanto ridotto, che si faccia pure uso di quello, no?...

Buona scruttura e buona lettura e siate sempre autentici nel farlo o vi ricoprirete solo di ridicolo.
« Ultima modifica: Giovedì 26 Giugno 2014, 10:57:11 da Elena Poldan »
Elena

"Abbraccio il sole anche di notte, ho fra le dita polvere di stelle, sotto i piedi sabbia bagnata e due piccole ali nascoste fra i pensieri"

Dyleng

  • Visitatore
Re:Temi noiosi
« Risposta #22 il: Giovedì 26 Giugno 2014, 11:15:41 »
nulla di piú lontano dalla Poesia!...
certo, la poesia non é refoli e cuoricini, ma di certo non é salire su di un piedistallo, questo ė snobismo intellettuale e qui ce n'ė parecchio, e si badi bene al significato di snobismo (sine nobilitate).
Qui c'é molta gente che per cercare di sembrare al di sopra, scrive parole senza costrutto logico né senso alcuno, spacciando i propri scritti per quello che non sono.
Invito coloro che si affaticano un questo strenuo, quanto vano, tentativo, di apparire dei grandi poeti, di andare, quanto meno, a leggere qualche rudimento di letteratura e poetica, le cui (dei suddetti "poeti"  ;D) opere" denunciano invece una povertà culturale imbarazzante.
Sapendo già che, come sempre, questo mio intervento verrà strumentalizzato e distorto, ribadisco che la poesia non é mai salire di un piedistallo, ma aprire la propria anima, cercando di trasferire qualcosa di vero; é creare un universo con poche o tante parole dove far immergere, per qualche minuto, anche chi legge. Scrivere é generosità e sincerità, non stucchevole pavoneggiarsi o gioco cervellotico per apparire ciò che non é e nn si sarà mai.
Detto questo, preciso che i temi di poesia proposti non entusiasmano neanche me e, infatti, nn vi ho mai partecipato... ma quella ė solo una proposta da parte della redazione. Ognuno é libero di parteciparvi come no, e se si hanno a disposizione dei temi di maggior spessore ed un bagaglio culturale che si crede essere di qualità superiore a qualsiasi altro, benché alquanto ridotto, che si faccia pure uso di quello, no?...

Buona scruttura e buona lettura e siate sempre autentici nel farlo o vi ricoprirete solo di ridicolo.
Signora Poldan è inutile, per ciò che mi riguarda, tutto il discorso riguardante la strumentalizzazione delle sue parole.
Se si riferisce a qualcuno in particolare non lo so e poco mi interessano i problemi che avete tra di voi.
Stiamo discutendo di Poesia e mi citi un grande autore o grande autrice, che siano stati umili. Ogni artista, non solo nell'ambito poetico, si crede un dio sceso in terra...punto.
Non sto qui a citarli ma già in nomi fatti in precedenza possono testimoniare le mie parole. Sinceramente non ci trovo niente di male, al fatto che se una persona è dotata di talento lo rimarchi...non sono invidioso di natura e anzi ne seguirei comunque il percorso.
Personalmente non credo si scriva per generosità, anzi se la debbo dire tutta neanche capisco il concetto. L'arte non è generosa e spero mai lo diventi.
Concordo invece sul discorso dell'ignoranza letteraria in questo spazio. Prima di prendere una penna in mano bisognerebbe studiare un pochino cosa che pochissimi fanno. Non basta il liceo o l'università a fare di qualcuno un buon autore ma anni passati sui testi, cercando di comprendere che stilla, refolo e cuoricino sono alla stregua di Tavor, Aldol e Serenase...
Con stima, alla prossima...

N.B. Mi scuso per la punteggiatura, lei è attenta, purtroppo scrivere da un micro cellulare non è facilissimo.


Offline Elena Poldan

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 269
  • Sesso: Femmina
  • oceano in tempesta e nostalgia di purezza...
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Temi noiosi
« Risposta #23 il: Giovedì 26 Giugno 2014, 11:33:20 »
Signora Poldan è inutile, per ciò che mi riguarda, tutto il discorso riguardante la strumena nessunoione delle sue parole.
Se si riferisce a qualcuno in particolare non lo so e poco mi interessano i problemi che avete tra di voi.
Stiamo discutendo di Poesia e mi citi un grande autore o grande autrice, che siano stati umili. Ogni artista, non solo nell'ambito poetico, si crede un dio sceso in terra...punto.
Non sto qui a citarli ma già in nomi fatti in precedenza possono testimoniare le mie parole. Sinceramente non ci trovo niente di male, al fatto che se una persona è dotata di talento lo rimarchi...non sono invidioso di natura e anzi ne seguirei comunque il percorso.
Personalmente non credo si scriva per generosità, anzi se la debbo dire tutta neanche capisco il concetto. L'arte non è generosa e spero mai lo diventi.
Concordo invece sul discorso dell'ignoranza letteraria in questo spazio. Prima di prendere una penna in mano bisognerebbe studiare un pochino cosa che pochissimi fanno. Non basta il liceo o l'università a fare di qualcuno un buon autore ma anni passati sui testi, cercando di comprendere che stilla, refolo e cuoricino sono alla stregua di Tavor, Aldol e Serenase...
Con stima, alla prossima...

N.B. Mi scuso per la punteggiatura, lei è attenta, purtroppo scrivere da un micro cellulare non è facilissimo.

a parte che continuo a non condividere una sola parola di quanto sopradetto, non sapevo e nn mi ero mai accorta che in questo sito ci fossero dei grandi poeti.
L'arte é generosità nel momento in cui si dona e trasmette qualcosa ad un vasto pubblico... allora, diciamo che, suo malgrado, l'arte é generosa.
Assodato che qui come altrove domini una grande mancanza di ricerca letteraria, io non credo neanche che bisogni essere dei critici letterari per poter scrivere qualcosa, dando sempre per assodato che non si pretenda poi di far passare ció che si scrive per "opera incompresa e di indubbio valore"... questo, semmai, dovrebbero esseri altri a decretarlo e prima ancora che i critici di professione, il semplice sentire di semplici persone, in riferimento semore a questo sito.
Ció che io aborro non é questo, ma l'arrogarsi il diritto di giudicare, di credersi superiore, di assumere atteggiamenti snobbistici... non giova al sito, non giova a nessuno e offende chi magari, senza pretese, trova nella scrittaur appagamento e conforto.

PS1: io non mi riferisco direttamente agli interlocutori per non risultare aggressiva, si prega di usarmi altrettanta cortesia.

PS2: non scambiate le vostre idee per assiomi o verità assolute, tutto é relativo e anche ogni artista ha ed ha avuto una concezione del proprio estro diversa da un altro, ma qui, ripeto, nn credo ne siano presenti...
« Ultima modifica: Giovedì 26 Giugno 2014, 11:52:29 da Elena Poldan »
Elena

"Abbraccio il sole anche di notte, ho fra le dita polvere di stelle, sotto i piedi sabbia bagnata e due piccole ali nascoste fra i pensieri"

Dyleng

  • Visitatore
Re:Temi noiosi
« Risposta #24 il: Giovedì 26 Giugno 2014, 11:50:17 »
Che non sia d'accordo va più che bene e ha il mio completo rispetto.
Per il resto, non ho capito niente del suo intervento, è un mio limite lo ammetto serenamente.

Offline Elena Poldan

  • Autore CS
  • Autore
  • *
  • Post: 269
  • Sesso: Femmina
  • oceano in tempesta e nostalgia di purezza...
  • Nel sito Scrivere: Le sue poesie
Re:Temi noiosi
« Risposta #25 il: Giovedì 26 Giugno 2014, 12:09:26 »
Che non sia d'accordo va più che bene e ha il mio completo rispetto.
Per il resto, non ho capito niente del suo intervento, è un mio limite lo ammetto serenamente.

eppure credo di aver usato la lingua italiana in modo quasi accettabile...
brutta cosa lo snobbismo, comunque neanch'io comprendo, ma il mio sarà sicuramente un difetto d'intelligenza... ;)

au revoir... ::)

 :laugh:
Elena

"Abbraccio il sole anche di notte, ho fra le dita polvere di stelle, sotto i piedi sabbia bagnata e due piccole ali nascoste fra i pensieri"

Dyleng

  • Visitatore
Re:Temi noiosi
« Risposta #26 il: Giovedì 26 Giugno 2014, 12:25:44 »
eppure credo di aver usato la lingua italiana in modo quasi accettabile...
brutta cosa lo snobbismo, comunque neanch'io comprendo, ma il mio sarà sicuramente un difetto d'intelligenza... ;)

au revoir... ::)

 :laugh:
Mai asserito che lei non abbia usato un corretto italiano, tutt'altro...
Continua a tacciarmi di snobismo che ritengo un'offesa.
Personalmente per storia e soprattutto educazione, mai mi sognerei di fare altrettanto.
Per ciò che concerne l'intelligenza, non posso esprimermi perché non la conosco ma anche se avessi il piacere difficilmente lo farei.
Il francesismo finale lo ricambio anche se, sempre per miei limiti, non comprendo i 4 puntini con la parantesi...

Offline paolo corinto tiberio

Re:L'invidia move il mantice a sospiri
« Risposta #27 il: Giovedì 26 Giugno 2014, 13:25:35 »
l'invidia, di certo, è l'inclinazione peccaminosa alla quale segue necessariamente una serie di sentimenti ed azioni a dir poco spregevoli... l'invidia fa ciechi, e l'arte di Dante descrive l'invidioso con la condanna della cecità "così li ciechi a cui la roba falla stanno a' perdoni a chieder lor bisogna e l'uno il capo sopra l'altro avvalla"... "e come alli orbi non approda il sole così all'ombre quivi" (Purg. XIII, 62-66)... quivi, qui... :)   
oh, che coraggio ci vuole salire su di un piedistallo!... perché quelli che lo fanno sanno che presto possono essere abbattuti, ma non sono vili (senza valore) cosicché con animo forte e ridendo, baldanzosi salgono sul piedistallo e sempre ridendo sanno cadere!... ooh, che misera cosa sarebbe la poesia senza piedistalli!!
salvatico è quel che si salva

Offline Amara

Re:Temi noiosi
« Risposta #28 il: Giovedì 26 Giugno 2014, 16:08:33 »
magari sbaglio.. ma io leggo quel piedistallo come un bisogno (o tentativo) di elevare la parola poetica dal fargugliare quotidiano (il proprio e di tutti) e per provare a farlo necessitano basi, anche se non credo sia necessario aver letto l'universomondo.. credo sia anche il modo in cui si legge, non soltanto la quantità.. e qui uso una parola che raramente adopero per altre situazioni, ma, per me, bisogna leggere con amore.. con tutti i suoi correlati: stupore, abbandono, bisogno e nessuna catena..
alla fine è una fame e ognuno ha un diverso modo per saziarla e una diversa misura, però deve esserci..

Il dubbio è uno dei nomi dell'intelligenza
(J. L. Borges)

Offline paolo corinto tiberio

Re:Temi noiosi
« Risposta #29 il: Venerdì 27 Giugno 2014, 07:31:56 »
non c'è atto al mondo più presuntuoso dell'atto della scrittura ... i ciechi che non vogliono vedere non lo sanno, ma quando si scrive si sale, nolenti o volenti, proprio sul quel piedistallo... anzi, che dico, si fa quasi un atto di superbia luciferina... e quel piedistallo non è metaforico, cioè non intende solo elevare la parola poetica... certo, anche quella, ma assieme a quella anche l'autore... ecco perché per taluni lo scrivere è un atto di super superbia... i santi non scrivono infatti... o predicano o stanno zitti!
salvatico è quel che si salva