4911 visitatori in 24 ore
 177 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4911

177 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 170
Poesie pubblicate: 324’130
Autori attivi: 7’370

Gli ultimi 5 iscritti: Cesare04 - Caterina Fantoni - Gennaro Caiazzo - Simone1996Cedrone - Filippo Nardozza
Chi c'è nel sito:
Club Scriveresergio garbellini Messaggio privato ♦ Cesare Moceo Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privatoClub ScrivereStefania Siani Messaggio privato ♦ Giovanni Piludu Messaggio privatoClub ScrivereVito Marco Giuseppe Messaggio privatoClub ScrivereLaura Fogliati Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Questione di sopravvivenza

Biografie e Diari

Perché continui a scrivere? Mi chiedo. Per sopravvivere, rispondo, senza esitare di fronte all’ impertinenza della mia razionalità.. Quando hai dentro un vulcano in procinto di scoppiare, quando senti il magma che si dilata e preme e sta per lacerare le pareti per trovare uno sfogo, allora io creo il canale di passaggio, il cratere, la bocca che si apre e lascia scorrere la lava, per salvare l’ involucro ormai divenuto troppo fragile per sopportare tanto peso.

Allora vengo qui, nel mio angolo di solitudine, e scrivo, scrivo, scrivo.

Ma allora la scrittura per te è solo uno sfogo, non è quell’ afflato poetico, quasi mistico, il frutto di quella sacra ispirazione di cui tanta letteratura parla e che dovrebbe essere privilegio di pochi eletti?

La poesia è figlia prediletta del dolore, rispondo, tutt’ al più della fascinosa contemplazione della Natura, nel silenzio e nella solitudine dell’ anima che si perde nel tutto. Per me è il pegno da pagare per la sopravvivenza.

Troppo dolore può uccidere e tanto più uccide quanto più rimane compresso e stretto e nascosto. Non si muore solo fisicamente. La morte del corpo è una liberazione, una salvifica liberazione. La morte di cui parlo io è quella dell’ anima, della tua interiorità flagellata senza pietà dalla disperazione, per anni e anni e anni.

E ci si sente sempre sospesi, tra la consapevolezza del soffrire e l’ attesa del riscatto, della soluzione, di quella gioia serena, di quella tranquillità tanto agognata, che sia una buona volta definitiva. Come accade ai naufraghi, dispersi nella vastità di un mare in tempesta, sempre sul punto di lasciarsi andare, esausti, con lo sguardo fisso su un lontano approdo, cui pure tendono. Sentirsi sommergere e poi tornare in superficie, a respirare, a sperare, e poi affogare di nuovo.

Per dei brevissimi periodi il vulcano si addormenta, si placa quel rimescolarsi tormentoso e angosciante del magma al suo interno. E torna la speranza, timida e balbettante, con i suoi tremiti di paura nascosta. Attimi che vorresti dilatare fino all’ eternità e stringi forte tra le dita, perché non ti sfuggano come sabbia sottile, granello dopo granello. Attimi, battiti di ciglia, meteore nella notte, fulmini zigzaganti nel cielo. Niente di più.

E te ne accorgi quando tutto torna a ribollire, in modo subdolo, latente. Qualche frase, un atteggiamento del volto, uno sguardo meno limpido, un sorriso innaturale, piccoli segni inconfondibili, avvisaglie, ma che conosci talmente bene, ormai.

Non ti inganna più il tuo vulcano. Ricomincia la guerra con la vita. Come su un campo di battaglia, disponi le tue forze su posizioni difensive, di attesa. Seguono gli avvertimenti mascherati da consigli. Il nemico non cede, non vuole scendere a patti, ingrossa le sue fila, alza la voce, è pronto all’ aggressione. Tutto il campo trema sotto lo scalpitare dei cavalli. Non c’è più tempo per i patti, le proposte di tregua, le promesse di una conclusione pacifica del conflitto. Bisogna solo combattere e sopravvivere.

La morte del corpo è solo una salvifica liberazione. La morte, soprattutto se lenta, dell’ anima è tutt’ altro.

Ecco perché scrivo: per liberare il fuoco che ho dentro, per contenere il dilagare della lava, per creare un canale che la porti dove non possa nuocere a nessuno e riversarsi interamente su di me, fino a non farmi vedere e sentire più nulla, almeno per un po’, per qualche istante, breve come una meteora, come un battito di ciglia, come un fulmine zigzagante tra le nuvole.


Silvana Poccioni 22/06/2017 10:54 1 202

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Silvana PoccioniPrecedente di Silvana Poccioni

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Ho letto questo bellissimo racconto con grande interesse, perché in molti aspetti mi ci ritrovo pure io. E’ vero, lo scrivere è una valvola di sfogo stupenda, non importa se gli altri approvano o meno, noi sapiamo che ci fa bene e continueremo a farlo finché Dio vorrà- Brava. Complimenti sinceri.»
franca merighi 42

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Forse è un po' come donare il sangue in eccesso... (Antonio Terracciano)

MOLTO VERA E APPREZZATA SF (franca merighi 42)



Silvana Poccioni ha pubblicato in:

Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libro di poesieSan Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 110 - Anno: 2010


Libro di poesieAddio Alda
Autori Vari
Poesie per Alda Merini

Pagine: 92 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Silvana Poccioni:
Silvana Poccioni
 I suoi 67 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La mosca (05/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il pollice verde (18/10/2017)

Una proposta:
 
La grotta della capra (parte I) (12/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Una lettera per mia madre (08/01/2011, 4454 letture)


 Le poesie di Silvana Poccioni

Cerca il racconto:



  



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it