4474 visitatori in 24 ore
 183 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4474

183 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 182
Poesie pubblicate: 325’305
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereWilly Zini Messaggio privato ♦ Michaelsanther S Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Amministrazioni ruspanti

Horror

In una delle desolate periferie fiorentine, piazza Dalmazia, passa un canale che, senza dire niente, va verso l’Arno. Un tempo c’erano piccoli orti, curati da gente del posto, relitti della “cultura contadina”; poi la modernizzazione degli amministratori ex-contadini li ha fatti sparire, lasciando al loro posto il vuoto, il nulla. Due grigi muri di contenimento e un filo d’acqua d’estate, un po’ di più in inverno, che scorre come su un’autostrada, trascinando lattine.
Poi ultimamente l’amministrazione si è un po’ addormentata, ha trascurato la “manutenzione”. L’assenza dell’amministrazione può fare miracoli. La natura ha cominciato piano piano a riprendersi; dalla tabula rasa del fondale hanno cominciato a crescere piante selvatiche, timidamente, disordinatamente; tanto non vale la pena darsi troppo da fare, visto che prima o poi tornerà l’amministrazione.
Invece è passato del tempo ed ho assistito ad un prodigio. In un punto vicino alla piazza è cresciuto un vero e proprio boschetto di canne; erba e piante rampicanti (chissà dov’erano) si sono fatte coraggio e tutti insieme hanno inventato una piccola oasi, uno scenario semplice ma suggestivo, anzi, visto il contesto intorno, commovente.
Sì perché non è finita qui: sono arrivate anche le anatre selvatiche, che si sono stabilite nel boschetto, passando la giornata nel piccolo laghetto che si è formato.
Ho visto la gente del posto incredula a guardare uno scenario così semplice, suggestivo e soprattutto venuto dal nulla. Sembrava di essere in una ridente cittadina olandese.
Qualcuno ha pensato di portare un paio di panchine e piano piano è diventata una consuetudine per molti sedersi lì ad ammirare i giochi delle anatre. Così anche la gente è entrata a far parte dello scenario e si è creato un minuscolo, spontaneo, armonico giardinetto, un giardinetto insolitamente animato, vivo, vero.
Tutta la piazza si è addolcita per questo suo angolo e tutto questo senza spendere una lira. Viene spontaneo fare confronti con i costosi e pacchiani “arredi urbani”, che l’amministrazione ogni tanto esibisce, che per fortuna incuria e vandalismo tolgono di mezzo rapidamente.
Decisamente troppo per l’amministrazione, che, forse nel timore di perdere il controllo su quella briciola di periferia, ha pensato bene un bel giorno di riprendere le dimenticate manutenzioni.
Davanti a pensionati sbigottiti, una fiammante, enorme ruspa è scesa nel greto, per la cd "messa in sicurezza". Con la pala, larga quanto il piccolo canale, ha raso al suolo tutto in circa tre minuti. E pensare che c’erano voluti almento cinque anni.
Nessuno ha aperto bocca: nemmeno io, nemmeno le anatre, in fila dignitose, immobili sulla piana fangosa a guardarsi intorno; poi sono sparite, chissà dove, forse a farsi sparare nelle campagne intorno. Tutti siamo stati lì a guardare inebetiti, come fosse stata una sciagura naturale.
Certo necessità di sicurezza idrogeologica non saranno mancate. Ma non mancano neanche in Olanda, dove piccoli canali come questo sono pieni d’acqua e usati, se non per comunicazioni, quantomeno come giardini acquatici.
Ma forse l’Arno presenta problemi più complessi dello Zuider Zee, problemi tecnici che gli olandesi non si sognano nemmeno e che richiedono interventi duri, con il bisturi. "A Firenze ‘un si scherza, nini!" Amministrazione con le pale!

casalvento 16/02/2011 10:20 1018

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di casalvento

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.




Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it