2875 visitatori in 24 ore
 162 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2875

162 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 158
Poesie pubblicate: 352’948
Autori attivi: 7’499

Gli ultimi 5 iscritti: Adult Tim - EddieFuero - BrendaJow - Mattaroccia Alessandro - LerraCoori
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereElena Poldan Messaggio privatoClub ScrivereAntonio Biancolillo Messaggio privatoClub ScrivereLuca Boldrini Messaggio privatoClub ScrivereFabio Galletti Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Giłanen di persi

Biografie e Diari

– Mamaaa! Lolana lamapià lanus dal persi...
– Lè no vera! Giuanen lè fals, lanus lé la mia.
– Ades arivi mi. Giuanen, piansa pù.
– Dam lanus, Rosana.
– Ma Rita, lè lamia… mamaaaa!
– Saghè da vusà Rosana?
– Mama, la Rita lamvò purtà via lamenus!
– E dagla stanus, epo vechì, tnadò un’ altra. E calsia tut finì.
Rusè no par nient, seno atdò un casuton, té capì?
– Lera mei slà ciameva nò. Morire slà mdà rason.
– Giuanen di persi, vem a truà, gò una gamba ruta e l’ altra sassinà.
– Mamaaa! Lolana lamdisa che so un assasen! Mamaaaa…

Ricordo questi piccoli screzi fatti con Giovanni, amichetto d’ infanzia dai 2 agli 8 anni.
Allora si litigava per un nocciolo di pesca usato al posto delle biglie. I noccioli rotolavano ugualmente nel terreno dell’ orto scavato con un ramo, lui da una parte e io dall’ altra. L’ intesa però fini quando vi fu la conta degli stessi.
Sua madre stravedeva per il suo Giovanni, gli dava sempre ragione, ma io mi vendicavo a volte con una filastrocca, dal senso travisato e pungente (il verme delle pesche veniva chiamato giuanen).
Mi rallegrava vedere la sua rabbia e quella di Giovanni.
Mia madre era meno accomodante e tendeva sempre a farmi cedere, Ricordo ancora oggi il suo detto: chi ha cervello lo usi. Peccato non averla ascoltata sempre.

Era il 1953, abitavamo in una piccola frazione dell’ Oltrepò. Eravamo due famiglie, vicini di casa in armonico equilibrio.
Poi si trasferirono e non ci incontrammo più.
In questi giorni, un articolo su un quotidiano parlava di Giovanni, ne tesseva le lodi e ne riportava la scomparsa. C’ era la fotografia, la stessa espressione dolce e accattivante di quando era piccolo. Forse la stessa convinzione di subire un’ ingiustizia ma che nessuno questa volta, potrà lenire.
Questo mostro dal nome nobilitato da una corona è onnipotente e non perdona. Nemmeno per il quieto vivere. Traduzione:
GIOV. -Mammaaa, Rosanna mi ha preso il nocciolo della pesca.
ROS, -Non è vero, Giovanni è bugiardo, il nocciolo è mio.
RITA – Adesso arrivo io, Giovanni, non piangere più. Dammi il nocciolo Rosanna.
ROS. -Ma Rita, è il mio! Mammaaa.
MAMMAROS. – Cosa c’è da gridare Rosanna?
ROS. – Mamma la Rita mi vuole portare via il mio nocciolo.
MAMMAROS – E daglielo sto nocciolo, e poi vieni qui, che te ne do un’ altro, e che sia tutto finito.
Non litigate per niente, se no ti do uno scapaccione, hai capito?
ROS. – Era meglio se non la chiamavo, morire se mi da ragione una volta. Giovannino delle pesche, vienimi a trovare ho una gamba rotta e l’ altra assassinata...


rosanna gazzaniga 14/09/2020 12:36 313

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di rosanna gazzaniga

Nota dell'autore:
«Sua madre stravedeva per il suo Giovanni, gli dava sempre ragione, ma io mi vendicavo a volte con una filastrocca, dal senso travisato, ma pungente (il verme delle pesche veniva chiamato giłanen).
Mi rallegrava vedere la sua rabbia e quella di Giovanni.
»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di rosanna gazzaniga:
rosanna gazzaniga
 I suoi 23 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Polvere d'amore - 3 settembre 2011 (06/11/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Giłanen di persi (14/09/2020)

Una proposta:
 
Gli scadenti (12/07/2020)

Il racconto più letto:
 
Chi la fa (19/03/2012, 2114 letture)


 Le poesie di rosanna gazzaniga

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2021 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it