4430 visitatori in 24 ore
 258 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4430

258 persone sono online
Autori online: 15
Lettori online: 243
Poesie pubblicate: 325’318
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereStefana Pieretti Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privato ♦ Patrizia Muttoni Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privato ♦ Pasquale Lettieri Messaggio privato ♦ Lara Messaggio privato ♦ Marcella Usai Messaggio privatoClub Scriveresergio garbellini Messaggio privato ♦ Riccardo Piunti Messaggio privatoClub ScrivereSaverio Chiti Messaggio privatoClub ScrivereFerny Max Curzio Messaggio privato ♦ gabriele vacca Messaggio privatoClub Scriverecarla composto Messaggio privato ♦ vinfra47 Messaggio privato ♦ Paola Riccio Messaggio privato
Vi sono online 6 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

La cuccagna svedese

Viaggi e Avventura

Dopo tanta bella scrittura, non tutta farina del mio sacco e opera di uno spirito che, nottetempo, mi sveglia, mi pervade e mi illumina, la cuccagna svedese non si riferisce al triplice nobel (pace, poesia e medicina!) a cui il fantasma notturno aspira (esaltando ancor di più la mia innata mania di vanagloria), ma all'allunaggio svedese che feci in compagnia di due amici, proprio a pochi mesi di distanza dalla conquista lunare.

E così, mentre Aldrin, Collins ed Armstrong mettevano piede sul suolo lunare, parimenti, con un'impresa pionieristica, tre napoletani sbarcavano sul suolo svedese con la mitica 500, stipati in essa insieme ai bagagli.
Correvano i tempi "dell'acchiappanza" e noi italiani, in primis napoletani e romani (ce li mangiavamo alla matriciana!), da imberbi latin lover facevamo strage di cuori (pollanche nordiche) lungo la costiera adriatica.
Dopo Rimini, Riccione ed Abbazia (Opatja ex Jugoslavia), quell'anno con l'intento di sorprendere le deliziose svedesi, proprio in casa loro, proposi quest'impresa al mio compagno d'armi Lorenzo (spietato donnaiolo) e a mio cugino Antonio, non ancora diciottenne, assoldato soltanto allo scopo di far quadrare i conti del viaggio.
Io e Lorenzo con le donne eravamo un'accoppiata vincente e se Lorenzo, non certo bello a vedere, era solo tanto intraprendente, a me bastava appena uno sguardo clandestino che, occhiata assassina, già me le prostrava ai piè e dall'incanto dei miei occhi cerulei, così rassicuranti, all'istante le donne sognavano il paradiso!
L'unico vero handicap erano i miei lunghi preamboli romantici, spesso accompagnati da scrupoli di coscienza, mentre il mio amico passava subito al sodo.
A me piaceva salvaguardare anche l'amicizia, mentre Lorenzo già da un brandello di gonnella avrebbe disconosciuto i fratelli, mentre per un lembo di sottana (sorvolo sulla rima da marciapiede) avrebbe rinnegato finanche la madre.
Proprio a tal proposito mi sovviene l'emblematico episodio della cena offerta a casa mia a un caro amico e alla sua affascinante fidanzata che, il giorno dopo, con la scusa di complimentarsi per la cena e per la mia famiglia, era già sulle mie tracce per tutt'altra intesa!
Fui preso allora dal solito conflitto interiore tra la mente (Mai Quello) che già fantasticava avventure (era una donna davvero molto bella) e la solita coscienza (Maiello) che fermamente me lo vietava, anzi mi suggeriva di fare qualcosa per il povero collega che stravedeva per la fidanzata, prossima sua sposa. Per sottrarmi alle avances di quella bella donna trovai una scusa puerile con magra figura e feci in modo che fosse lei a liquidare il mio povero amico prossimo alle nozze.
Senza alcun rimorso preferisco sempre un'amicizia in più e un'avventura galante in meno, anche se non tutti la pensano come me a partire dal mio amico Lorenzo che, proprio in quel viaggio, me ne combinò davvero tante.
Ritornando alla nostra avventura, correva l'agosto del 1969 e proprio con l'intento di emulare l'impresa dei conquistatori lunari, ci imbarcammo spavaldi in 500 alla conquista della mitica Svezia, terra delle affascinanti vichinghe verso le quali avevo solo il complesso del fisico scadente. Il povero Antonio, già alla prima tappa a Lugano, si vide depositare in un bar ai piedi del monte Brè, sulle cui pendici salimmo insieme a due belle ragazze appena conosciute in campeggio.
In buona compagnia e con l'aria pura che lassù tirava perdemmo la cognizione del tempo e solo a tarda ora ci ricordammo del nostro povero amico che, con il bar chiuso da tempo, sostava lì nei pressi infreddolito per la pioggia battente e quasi piangente!
Si era deciso che uno di noi tre, a turno, rimaneva fuori della macchina, ma il fatto non previsto fu che il conquistatore ero sempre io, per cui il turno riguardava solo loro due, a prescindere dal fatto che la macchina era anche mia.
Lungo tutto il percorso ci fu vera strage di cuori e ovunque (campeggi e ostelli) lasciammo l'indelebile marchio di latin lover con la simpatia dei napoletani doc.

Una volta approdati in Svezia, scegliemmo come sede operativa un bel campeggio a circa trentachilometri da Stoccolma, dove facevamo la spesa in supermercati incustoditi e il mio spregiudicato amico senza spendere una lira mandò auguri infiniti!
Io gli rendevo pariglia solo per arroganza mentale o meglio culturale (lo zittivo sempre al grido di taci ignorante) al punto che, convinto di conoscere a memoria la cartina geografica dell'Europa, non gliela feci mai consultare e sulle mie errate convinzioni raggiungemmo la Svezia dopo una allucinante traversata (Frederikshavn- Goteborg) nei tempestosi mari del nord (ci venne il voltastomaco con tanti a vomitare!), quando la Svezia e la Danimarca quasi si toccano tra Helsingborg ed Helsingor!
Sistemati, comunque, in campeggio alla periferia di Stoccolma, durante l'arco della giornata io e Lorenzo (Antonio capita l'antifona si era defilato) facevamo spola continua tra il camping e la capitale in compagnia di deliziose svedesi che, per esuberanza fisica, inscatolavamo a mò di gustose sardine nella piccola 500. Si viaggiava, pertanto, intrecciati sui sedili anteriori e sommersi su quelli posteriori, con la testa confusa tra inebrianti bellezze naturali, rilievi e depressioni, tra loro in armonia con la melodia del grande Peppino in sottofondo musicale. Quando ero io alla guida, la strada la percorrevo ad intuito, indirizzato da Lorenzo più vigile e più concreto di me con le donne e, a tal proposito, vi racconto cosa mi combinò!
Eravamo da poco entrati in un locale notturno di Stoccolma e Lorenzo, preso subito dalle grazie di una svedese appena conosciuta, venne a chiedermi le chiavi della macchina per recarsi in campeggio al coperto della tenda, assicurandomi che sarebbe venuto a riprendermi più tardi alla chiusura del locale, visto che io mi dibattevo con una forsennata danzatrice, una isterica vichinga finlandese!
In fin dei conti fui solo tanto sfortunato, perché il mio caro Lorenzo con la bella svedese si stancò al punto da prendere sonno profondo, altamente fregandosene dell'amico a Stoccolma. Mi ritrovai, pertanto, alla chiusura del locale, stanco morto nelle grinfie di questa pazza che, anche urlatrice, con strilli assordanti reclamava la sua borsetta lasciata in macchina, prendendomi finanche per ladro da buon napoletano!
Rischiai davvero il linciaggio dei suoi amici finlandesi, ubriachi fradici e me la cavai solo per l'arrivo della forza pubblica; anche in questura, però, si metteva male, perché non conoscevo il nome del campeggio, né dove era ubicato, ma pressapoco solo la sua distanza dalla capitale. Per la stanchezza e per quella diabolica presenza (la vichinga aveva occhi di fuoco!) anelavo ormai a una cella carceraria, quando fui salvato dal provvidenziale arrivo di un postino angelico che, dalla mia descrizione, intuì il campeggio, dove finanche mi accompagnò recuperando la borsetta a quella donna satanica.
Al caro Lorenzo che beato dormiva nella canadese coperto dalla svedese gliela avrei anche perdonata, ma una ironica parolina in più (mi sono dimenticato il lattante a Stoccolma!) gli costò una lattina stracolma di coca cola in pieno viso. Dovette accorrere poi l'intero campeggio (svegliato da tante urla) per sottrarmelo dalle mani.

Questa bella avventura svedese l'ho voluta riportare per evidenziare, soprattutto, il divario culturale esistente in quel lontano 1969 tra la civile Svezia con libertà sessuale e la bigotta Italia (esagerato moralismo con cattivi pensieri finanche da confessare!), tant'è che portammo clandestinamente in Italia "je t'aime, moi non plus"!
Venendo ai tempi correnti questo gap è stato ampiamente colmato dalla dilagante decadenza morale dei nostri tempi e, poiché con il sesso ci giochiamo l'avvenire del mondo e dei nostri figli, vale la pena approfondirlo e insegnarlo correttamente (bisogna mediare la libertà sessuale e il bigottismo esagerato) a scuola in tema di "educazione morale", nuova disciplina da inculcare in famiglia con l'esempio dei genitori e da corroborare con la religione dell'amore e la lingua della pace in ogni angolo della terra da veri fratelli e da figli dello stesso Padre.
In virtù di tanto, in tempi brevi, acquisiremo la corretta sessualità e addiverremo all'"ebbrezza sentimentale" (altro che orgasmo e sfogo carnale!), quel sublime piacere dello spirito (alla larga da fumi, alcol e pasticche) che contempla e compenetra la carne, inebriante atto generativo che tramanderà la nostra specie in ossequio allo strabiliante atto creativo.


Francesco Andrea Maiello 22/05/2012 20:21 1 797

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Francesco Andrea Maiello

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Urla di avvertimento le tue, molto introspettive che decimano senza alcuna pietà la nostra generazione( almeno penso). Universalmente oserei presupporre una misera volontà di potenza, che dentro un'insana sopravvivenza, ne mortifica dei nostri lustri antenati filosofi, i loro molteplici intenti. Grazie mille per questo splendido tuo racconto che entra sensibilmente nella tua esistenziale conflittualità generazionale- Pater ... filius.»
Giuliano leandro loy

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Piaciuto veramente tanto il tuo racconto e sono (Sara Acireale)

d'accordo con te per l'educazione morale da (Sara Acireale)

impartire ai ragazzi...Fiocco (Sara Acireale)



Ritratto di Francesco Andrea Maiello:
Francesco Andrea Maiello
 I suoi 143 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La cuccagna svedese (22/05/2012)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il potenziamento umano tra fantasie, follie e poesie (5a parte) (05/12/2017)

Una proposta:
 
Il potenziamento umano tra fantasie, follie e poesie (5a parte) (05/12/2017)

Il racconto più letto:
 
La luce del pensiero (15/07/2012, 1031 letture)


 Le poesie di Francesco Andrea Maiello

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it