4613 visitatori in 24 ore
 198 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4613

198 persone sono online
Autori online: 16
Lettori online: 182
Poesie pubblicate: 319’265
Autori attivi: 7’372

Gli ultimi 5 iscritti: Cercatore di conchiglie - marcoantonio - canova marco - Acronite - Cristina79
Chi c'è nel sito:
♦ Gabriella Zagaglia Messaggio privato ♦ Patrizia Chini Messaggio privato ♦ Emanuele4 Messaggio privatoClub ScrivereVito Rizzuto Messaggio privato ♦ Tonia La Gatta Messaggio privato ♦ Paolo Marongiu Messaggio privato ♦ Stefana Pieretti Messaggio privato ♦ Marcella Usai Messaggio privatoClub ScrivereGiuseppe Fulco Messaggio privatoClub ScrivereNunzio Buono Messaggio privato ♦ Emilia Otello Messaggio privato ♦ cate lenta Messaggio privato ♦ vittorio pochini Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub Scriverecarla composto Messaggio privato ♦ adrianab Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura









Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Oltre la porta

Giallo e Thriller

La luce del lampione mi batte sul viso, dandomi la fastidiosa sensazione di essere sotto un riflettore. Poso il libro che tengo tra le mani e mi alzo a chiudere le tende della finestra alla mia sinistra. Spengo le luci del grosso lampadario che penzola sulla mia testa ed accendo la lampada posta sul tavolino di legno color noce che sta accanto al divano di tessuto nero, sbiadito dal sole che filtra attraverso i vetri, quando il tempo è bello. E’ qui che amo passare quella parte delle mie giornate dedicata alla lettura. Davanti a me il “ Grande Puffo”, giallo e blu, con lo scettro a forma di una grossa fragola in mano e sulle spalle un mantello rosso. Sulla larga corona posta sul suo buffo berretto giallo è posato un piattino di plastica con delle mandorle sgusciate che golosamente sgranocchio durante la lettura.

Sono appena passate le 22, 30 e godo del silenzio che mi accarezza, in un’ atmosfera dove i rumori paiono inghiottiti da una lunga spirale che li trascina in un buco nero da dove niente può più fare ritorno.

Ad un tratto, distogliendo lo sguardo dal libro, come sono solita fare, per riflettere su un’ idea od un concetto espresso di tanto in tanto in qualche pagina, la mia attenzione viene attratta dal buco del calzino e la mente comincia a vagare.

All’ improvviso sento provenire dall’ esterno un gran rumore di passi affrettati, quasi di corsa.

Ho l’ impressione che qualcuno stia scappando inseguito da qualcun altro.

Poi una porta sbatte violentemente ed i vetri delle finestre del salotto vibrano come allo sparo di un cannone durante le esercitazioni militari.

Per un lungo istante il mio respiro si blocca. Doris, la mia dirimpettaia, sembra impazzita. Solo una parete separa il mio salotto dalla sua camera la letto.

Al terzo piano del condominio ci sono solo i nostri due appartamenti.

Non è la prima volta che odo le urla della mia vicina. Suo marito, Ubaldo, torna spesso a casa ubriaco e sovente mi capita di incontrare per la scala Doris con qualche livido sul viso. In quei momenti ci guardiamo mute, salutandoci appena. Vorrei consolarla, ma non parlo, in rispetto al suo doloroso silenzio. Ma so che lei legge nei miei occhi il mio muto affetto e la totale condivisione della sua triste condizione.

Ubaldo è, quel che si dice, un animale, nei modi e nell’ aspetto. Di provenienza altotirolese, di media statura, nero come un corvo, a dispetto della sua razza, lo sguardo torvo, non suscita grandi simpatie. Oltretutto non è il massimo dell’ intelligenza, ma, in quanto a boria, non lo batte nessuno.

Mi chiedo spesso come abbia fatto Doris, così fine, gentile e sensibile, a sposare uno così.

Abbandono il libro sul divano e mi avvicino allo spioncino della porta d’ ingresso che sta proprio di fronte alla sua.

In genere, è qui, sull’ uscio dei nostri appartamenti, che ogni tanto Doris ed io ci raccontiamo le nostra vicende, del lavoro, dei nostri figli, e di quanto sia dura, a volte, andare avanti con dei ragazzi adolescenti “sotuttoio”.

Doris è magra, capelli chiari, con dei riflessi dal biondo al castano, occhi verdi, profondi e quasi sempre malinconici. Quando è a casa indossa sempre una vestaglietta a fiorellini che non capisco mai se sia una camicia da notte od un vestitino.

A volte scherza e fa delle battute spiritose, allora il suo viso si rasserena e riesce anche a ridere. Ma un’ aria di rassegnata disperazione accompagna sempre i suoi movimenti.

Aguzzo meglio la vista attraverso lo spioncino, quando vedo la porta dell’ appartamento di Doris aprirsi. Il suo braccio, riconosco il colore della sua vestaglietta, è proteso fuori nell’ evidente sforzo da parte di lei di scappare; poi appare la sua testa, ma un braccio peloso viene fuori e la tira indietro. La porta viene richiusa con un boato da farmi rizzare i capelli, in attesa di sentire il rumore dei vetri che vanno in frantumi. Niente di tutto questo, poi, per alcuni istanti, un sospettoso silenzio. La chiusura di quella porta reca con sé una quiete che attraversa la stanza.

Solo per poco. Mi volto. La luce della lampada mi rimanda le ombre proiettate dai due portacandele di ferro, dalla base rotonda e dall’ alto stelo tubolare, situati a lato della poltrona che dà verso l’ ingresso della sala. La cera delle candele, colando, ha formato sulle basi delle piccole stalagmiti. Le due ombre sembrano degli esili corpi che si accompagnano, in silenzio e misteriosamente.

Non so che fare, resto immobile con un’ angoscia senza fine: quest’ assenza di suoni, di rumori, dopo tanto urlare, è quasi un incubo che ritorna. Un incubo che invade i ricordi. Rivedo una bambina spaurita, nel buio della sua stanza ed immobile nel suo letto, con l’ orecchio teso a cogliere anche il più piccolo rumore. Sa che, finché sentirà quell’ ormai ben noto e per lei terrificante vociare concitato, frammisto ad un pianto di donna, nella camera di fronte e vedrà filtrare da sotto la porta anche la più fioca delle luci, non potrà esserci riposo per lei. Sa che, soltanto quando scenderà dentro la casa l’ assoluto nel buio e nel silenzio, potrà finalmente abbandonarsi al sonno.

Sto per allontanarmi dallo spioncino, ma un’ altra voce gutturale, quasi cavernosa, che pare il ruggito di un animale a caccia della sua preda, mi inchioda alla porta.

E’ quella di Ubaldo che grida delle oscenità irripetibili. Dalle parole urlate e confuse che riesco a percepire, pare che la contesa nasca dalla cena non ancora pronta al ritorno dell’ uomo dal lavoro. So che Doris da alcuni giorni non sta tanto bene. Da tempo soffre di un’ ernia alla colonna vertebrale che spesso le impedisce ogni movimento.

Si sente il frastuono di qualcosa che cade, forse una sedia rovesciata. Altri passi disordinati e confusi. Adesso è nuovamente Doris ad urlare ed avverto una paura agghiacciante nella sua voce. La porta si riapre ed insieme all’ esile figura della donna rispunta anche il braccio peloso. Stavolta la mano afferra una mannaretta spaccaossa, quella che solitamente io uso in cucina per fare a pezzi polli e conigli.

Velocemente rivedo con la mente Doris, mentre sale le scale con le borse della spesa ed il suo passo lento e felpato. Ripenso al suo solito modo di spingere la porta col piede sinistro, dopo averla aperta con la chiave. Ricordo i suoi occhi profondi e tristi.

Altre grida mi costringono a stare con l’ occhio appiccicato a quel buco della porta. La mannaia sta per calare sulla testa di Doris e mentre anch’ io sono sul punto di urlare e spalancare la porta, riporto lo sguardo sul libro che avevo tra le mani, smetto di fissare il buco del calzino e la punta rosea dell’ alluce che spunta e penso che sia assolutamente arrivato il momento di rammendarlo.

Ada Firino 19/04/2014 20:59 669

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Ada Firino

Nota dell'autore:
«Il racconto č pura fantasia, nato dalla frequentazione di un corso di scrittura.»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.




Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it