4499 visitatori in 24 ore
 229 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4499

229 persone sono online
Lettori online: 229
Poesie pubblicate: 322’656
Autori attivi: 7’359

Gli ultimi 5 iscritti: sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini
Chi c'è nel sito:
♦ Omar Vitali Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Uso del Cialis
Acquistare Cialis: Acquistare Cialis generico
Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Ario (La lettera di Virginia Woolf)

Dramma

Sono trascorsi sei anni da quel maledetto 2009.

Sei lunghissimi anni in cui l'ho visto crescere. Era un cucciolo e ora è un cane adulto, ben piazzato e dall'aspetto vigoroso. Ricordo ancora il giorno che lui lo portò a me.

"Ecco Alberto, ti presento Ario. E' un bastardino, ma ha degli occhi e uno sguardo che non si dimenticano. L'ho visto al canile e non ho saputo resistere".

"Mario è bellissimo, ma a te i cani non sono mai piaciuti. Come mai questa novità?"

"No so. L'ho visto e ho pensato a te. Ario mi ha guardato ed è come se avesse compreso tutto. Ha abbassato le orecchie e mi ha leccato la mano".

"Compreso tutto in che senso?"

"Alberto, come fai a non capire?"

Invece avevo capito tutto. Lo sapevo da diverso tempo che le cose non andavano bene. Era dimagrito, troppo e in poco tempo. Stava perdendo la vista, la sua pelle era sempre più chiara e le sue notti insonni, come le mie. Nella penombra della cucina lo vedevo guardare il mondo, come se volesse perdersi dentro per dimenticare quel corpo che si stava frettolosamente spegnendo.

Io mi alzavo dal letto e andavo in bagno perché non riuscivo a trattenere le lacrime. Allora, con un asciugamano, mi coprivo il viso e piangevo in silenzio per non farmi sentire. Non volevo mostrargli la mia pena, perché lui stava chiedendo forza, ma io non riuscivo e mi abbandonavo alla debolezza.

"Questa è la vita Alberto. Tu sei più giovane di me e forse non puoi capire, ma io sono felice perché ho vissuto, ho amato e amo ancora. Cosa c'è di più bello di partire quando sei accompagnato dall'amore?"

No, io non capivo e non lo avrei mai capito, perché per me l'amore era vita e non morte.

"Però ti faccio due regali. Uno è Ario e l'altro è questo libro. Sono i miei pensieri, le mie poesie. Ogni giorno che ho vissuto con te l'ho descritto in questo testo. Quando ci siamo conosciuti e amati. Quando abbiamo comprato casa e deciso di dividere ogni singolo istante della nostra vita. Con te ho trascorso giorni bellissimi. Mi sono sentito desiderato e non avrei potuto chiedere di più. Per te sono stato il primo, ma tu hai ancora tempo e dovrai superare tutto questo. Te lo chiedo con il cuore in mano, come mio ultimo desiderio. Me ne vado felice. Resterei se potessi, ma sono stanco e la battaglia è persa".

Ora sono qui, insieme ad Ario, con il libro in mano e inevitabilmente ripenso a come vissi il suo stato e quegli ultimi giorni. Fu una prova immensa, che non avrei mai creduto di superare e chi può dire che io l'abbia mai superata.

Ci fu un periodo che lo odiai perché non riuscivo a capacitarmi come potesse una persona messa in quello stato cercare amore. Poi odiai me stesso e quella schifosa vita che avevo davanti, ma l'odio è un sentimento debole e l'amore lo vince sempre. Allora ritornò l'amore, ma con esso anche l'apprensione e l'incubo per il tempo. Ogni suo malessere, anche piccolo, mi gettava nella più nera paura. Pensavo a quanto tempo gli rimanesse e quanto ne potevo impiegare io per farmene una ragione.

Ma il tempo è un bastardo che non ha pietà e allora capii che non ci sarei mai riuscito.

Difficile dirsi che la vita deve continuare quando tutti i giorni senti in bocca l'amaro sapore del dolore. L'apprensione cresceva come un cancro che inesorabilmente divorava il mio corpo. Quando mi vedeva in quello stato Mario si arrabbiava e se ne andava in giro per ore.

"Sto già abbastanza male e non ha senso che tu stia peggio di me" mi diceva.

Invece senso lo aveva, perché come avevamo diviso l'amore, io volevo dividere anche il dolore, con la speranza di sottrargliene almeno un po', per far in modo che soffrisse meno. Mario faceva lunghe passeggiate per godere di quello che la natura poteva ancora offrirgli, come se avesse voluto vivere tutto in fretta, visto il poco tempo che rimaneva.

Io restavo spesso solo con l'apprensione che, nel frattempo, si era trasformata in disperazione.

Così fu anche quel maledetto diciotto gennaio 2009. Mi regalò Ario, il libro e uscì per una passeggiata. Io non capìì quel gesto, ma dopo poco mi venne un dubbio. Aprìì il libro e vidi che terminava proprio quel giorno con la lettera che Virginia Woolf scrisse al marito prima del suicidio e con la frase:

"Dedico questa bellissima lettera a te, mio dolce compagno. Grazie per tutto quello che hai fatto e donato a me. Sono stato bene. Felice e amato come mai avrei potuto chiedere".

Come Virginia lo ritrovarono sulla sponda del fiume vicino a casa nostra e in un punto aveva lasciato la sciarpa che gli avevo regalato e che indossava continuamente.

Come Virginia anche lui aveva vinto la morte, mentre io avevo perso tutto e ogni giorno, con il libro in mano e Ario vicino, vivo quella perdita.

Il dolore è una battaglia che non si riesce mai a vincere.

 

 

______________

 

 

Lettera di Virginia Woolf al marito prima del suicidio.

 

 

Carissimo, sento con certezza che sto per impazzire di nuovo. Sento che non possiamo attraversare ancora un altro di quei terribili periodi. E questa volta non ce la farò a riprendermi. Comincio a sentire le voci, non riesco a concentrarmi. Così faccio la cosa che mi sembra migliore. Mi hai dato la più grande felicità possibile. Sei stato in ogni senso per me tutto ciò che una persona può essere. Non credo che due persone avrebbero potute essere più felici, finché non è sopraggiunto questo terribile male. Non riesco più a combattere. Lo so che sto rovinando la tua vita, che senza di me tu potresti lavorare. E lo farai, lo so. Vedi, non riesco nemmeno a esprimermi bene. Non riesco a leggere. Quello che voglio dirti è che devo a te tutta la felicità che ho avuto nella mia vita. Hai avuto con me un'infinita pazienza, sei stato incredibilmente buono. Voglio dirti che – lo sanno tutti. Se qualcuno avesse potuto salvarmi questo qualcuno eri tu. Tutto se ne è andato via da me, tranne la certezza della tua bontà. Non posso più continuare a rovinarti la vita. Non credo che due persone avrebbero potuto essere più felici di quanto lo siamo stati noi. 

 

V.

Paolo Gugnoni 12/01/2015 13:49 2 755

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Paolo GugnoniPrecedente di Paolo Gugnoni

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Racconto dai tratti lucidi decisi, ben disegnato nella firma e nel pensiero,
in un cadenza di emozioni che colpiscono piacevolmente il lettore.
Complimenti»
Eolo

«Autore di sensibile penna... sa tracciare su carta emozioni che ne rimarcano la bellezza vissuta...
Molto apprezzato»
Rosita Bottigliero

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

bello anche questo....saluto (Rosita Bottigliero)



Ritratto di Paolo Gugnoni:
Paolo Gugnoni
 I suoi 35 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Come una foglia al vento (Lettera a Babbo Natale) (28/12/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Vi auguro una lunga vita (29/03/2015)

Una proposta:
 
Padrone del niente (25/02/2015)

Il racconto più letto:
 
Claire, Adam e... io (23/01/2014, 5712 letture)


 Le poesie di Paolo Gugnoni

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it