4425 visitatori in 24 ore
 244 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4425

244 persone sono online
Autori online: 13
Lettori online: 231
Poesie pubblicate: 322’630
Autori attivi: 7’359

Gli ultimi 5 iscritti: sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini
Chi c'è nel sito:
Club Scriveresergio garbellini Messaggio privatoClub ScrivereAnna Di Principe Messaggio privato ♦ Pietro De Simone Messaggio privato ♦ Patrizia Cosenza Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privato ♦ Carmine Ianniello 1 Messaggio privatoClub ScrivereRita Stanzione Messaggio privato ♦ Caterina Viola Scimeca Messaggio privato ♦ lazzarini gabriele Messaggio privato ♦ Luca Falangone Messaggio privato ♦ luccardi nicolò Messaggio privato ♦ RossellaP Messaggio privato ♦ Mario Bugli Messaggio privato
Vi sono online 5 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Vi auguro una lunga vita

Giallo e Thriller

È un'ignobile accusa, un madornale errore. Non è stato lui, ne sono sicura. È sempre stato un buon marito, non mi ha fatto mancare nulla. Gentile e generoso anche con la nostra bambina. Davvero un padre di famiglia attento e affettuoso. Peccato che il lavoro di giardiniere gli concedesse così poco tempo libero, soprattutto da quando il suo animo buono e caritatevole (piaceranno queste parole al giudice?) lo ha spinto ad assumersi, volontariamente e senza paga, il compito di curare il giardino della scuola. Che impegno! Costantemente occupato fino a pomeriggio inoltrato. Lui è fatto così, pronto ad aiutare il prossimo in difficoltà. Una volta gli trovai delle macchie di sangue nei pantaloni e mi raccontò di aver soccorso una ragazzina caduta dalla bicicletta. In poche parole, un cittadino esemplare. Comunque non dirò al giudice delle foto che teneva nel cassetto. Mi disse che si era offerto per fare un album fotografico di ricordi scolastici. Questa cosa la terrò per me, non vorrei che venisse mal interpretata e Dio sa com'è sospettosa la gente. Sempre pronta a giudicare, perché invidiosa della felicità altrui. Lui è una vittima, un povero innocente.

Lo odio con tutte le mie forze. Ha rovinato la mia vita. A scuola i ragazzi mi guardano e sembrano dire "Ecco la figlia del mostro". Lo so che è stato lui. Come ha potuto stuprare e massacrare quella poveretta. Una ragazza di soli sedici anni. Dio che vergogna! All'istituto lo vedevo intento a fissare quelle giovani adolescenti. Con la scusa di curare il giardino era sempre impegnato a fotografare le alunne. Un giorno andai a rovistare nei cassetti della sua scrivania e vi trovai un centinaio di foto. Avrei dovuto dirlo a qualcuno, ma non ne ho avuto il coraggio. Al giudice non dirò nulla delle foto, non voglio essere catalogata ufficialmente come la figlia del mostro. Mi spiace solo per mamma, così ingenua e credulona. Non mi sono mai vergognata tanto. Lo odio! Anzi, odio questa città.

É uno stupratore e un assassino e io lo so bene. Peccato che non lo possa dire al giudice. È sempre stato un tipo strano. Continuamente intento a fotografare le alunne della scuola e a spiarmi con quello sguardo sadico che, il solo ricordo, mi incute ancora timore. Una volta denunciai la cosa alla preside e sapete cosa mi rispose?

"Signorina, non dica fesserie! È una persona onesta e volonterosa, che spontaneamente si è offerta di aiutare l'istituto. Tutti dovrebbero prendere esempio da lui. Anche lei, mia cara".

Quanto avrei voluto parlarne con i miei genitori, ma non l'ho fatto. Tutto successe un mese fa, quando mia madre mi telefonò avvertendo che non sarebbe venuta a prendermi a fine lezione, perché aveva subito un tamponamento e l'auto si era rotta. Corsi verso l'autobus, ma l'autista non mi vide e partì senza di me. Allora decisi di prendere la strada di casa perché il tempo si metteva al peggio e temevo un temporale. Mentre camminavo, arrivò lui e mi chiese se avessi gradito un passaggio. Gli risposi di no, ma improvvisamente iniziò a piovere, una pioggia così intensa e battente che decisi di accettare.

Mi domandò il mio nome (lo sapeva benissimo), si informò sull'età (sapeva anche questo) e improvvisamente prese la direzione errata. Gli dissi che si era sbagliato, rispose che voleva fare un giro in campagna e quando gli strillai di farmi scendere, mi arrivò un pugno in faccia, talmente forte che persi i sensi. Mi risvegliai in un capanno pieno di attrezzi da giardiniere, con le mani legate, un fortissimo dolore in mezzo alle gambe e la gonna sporca di sangue. Iniziai a piangere, pregandolo di lasciarmi andare. Lui chiese un bacio e gli risposi che mi faceva schifo, che lo odiavo. Improvvisamente la sua faccia diventò rossa come il fuoco e iniziò a sbraitare, così forte che il sangue mi si gelò nelle vene. Mi accusò di essere solo una "troietta" (l'infame), che avrei dovuto ringraziare per le sue costanti attenzioni, che ero come tutte le altre ragazze, pronte a denigrare chi non fosse ricco e giovane. Mi urlò di smettere di considerarmi la più bella della classe, talmente altezzosa da mancargli anche il saluto.

Dio sa che io non sono così. Lo implorai alzando la voce, con la speranza che qualcuno sentisse e, quando si stancò della mia disperazione, si avvicinò, estrasse dalla tasca un piccolo oggetto, di cui intravidi solo il bagliore e, improvvisamente, sentii, all'altezza del seno, un dolore così forte e sconosciuto che non seppi interpretarlo. Poi ancora una fitta lancinante alla pancia, alla gamba destra e un altra, un altra ancora... ma dove, non ricordo più. Provai nuovamente a urlare, ma non avevo la forza per farlo. Inizia a sentirmi svuotata, mi girava la testa, non riuscivo più a vedere se non la sua mano che mi colpiva con forza, senza un attimo di tregua, con una crudeltà inumana. Non sentii più dolore e pregai Dio di svegliarmi da quell'incubo.

Chiusi gli occhi e immediatamente rividi il bel volto del mio compagno di banco (quanto mi piaceva), il sorriso luminoso di mamma, le forti mani di papà e la mia sorellina, che mi stava chiamando per giocare con lei. Ripensai alle mie amiche, ai pomeriggi trascorsi a chiaccherare. Riaprii gli occhi e quando ritrovai il suo sorriso malato, pensai alla morte come l'unica via d'uscita.
 Io non volevo morire, ero troppo giovane. Avevo un sacco di sogni da realizzare: diplomarmi, avere un fidanzato, viaggiare, conoscere gente nuova, scrivere un libro di favole. Non potevo morire, non era giusto.
 Improvvisamente vidi una nuvola nera, sentii un freddo glaciale e dopo un brivido improvviso, tutto si fermò.

Vorrei raccontare al giudice come si sono svolti i fatti, ma non posso più farlo.

Scusate se vi ho parlato di me, ma non ho ancora imparato a essere morta. Vi auguro una lunga vita, quella che io non ho avuto. Non fidatevi di nessuno. A volte le persone possono diventare cattive, maledettamente cattive.

Pagu 29/03/2015 14:18 6 685

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Pagu

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Bel racconto che ho letto tutto d'un fiato. Racconto paradigma della realtà, quante volte tutto ciò è successo realmente nella vita. Bisogna essere accorti e non accettare passaggi da nessuno. Apprezzato per contenuto e stile.»
Grazia Denaro

«mi si è gelato il sangue ...
Ancora la comunità non ha compreso
che è proprio in quei volti più affabili e " apparentemente " buoni
che il mostro più crudele si cela!
Apprezzato per il linguaggio chiaro, fluido e lo stile adottato nell'esporlo ...»
Patrizia Ensoli

«Letto d'un fiato! L'incredibile distanza etica dalla dignità e giustizia, di chi per svariate ragioni preferisce chiudere gli occhi e il cuore, in un racconto ben scritto, credibile e -purtroppo- verosimile nella nostra società.»
rosanna gazzaniga

«Un racconto davvero eccezionale!
Notevole l'inizio con la descrizione morbida della moglie che "non vuol vedere".
Interessante la visione della figlia preoccupata per se stessa.
Devastante il lucido racconto della vittima, in un crescendo di pathos che coinvolge e travolge.
Forte e straziante, con una chiusa delicata che lascia un sordo dolore espanso nel pensiero rivolto a tutte le vittime innocenti della cattiveria umana.»
Oriella Del Col

«È meraviglioso... Un senso di profonda bellezza.
Molto apprezzato»
Rosita Bottigliero

«bravo l'autore anche nei racconti e questo è uno di quelli che mi piacciono per stile e per contenuto ... devo dire che ho fatto bene ad entrare nei racconti... la mia lode...»
carla composto

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

paolo molto apprezzato bello davvero S (carla composto)

sempre bravo... (Rosita Bottigliero)

Potente e coinvolgente. Complimenti!!! (Oriella Del Col)

molto apprezzato (Paola Pittalis)

Una chiusa amara e sentita! Bellissimo,complimenti (rosanna gazzaniga)

fa male ... (Patrizia Ensoli)

Ottima stesura, Pago sei bravissimo anche (Grazia Denaro)

nei racconti, complimenti! (Grazia Denaro)

racconto apprezzato di riflessione...bravo.. (Adele Vincenti)

apprezzato.. (Adele Vincenti)



Ritratto di Pagu:
Pagu
 I suoi 35 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Come una foglia al vento (Lettera a Babbo Natale) (28/12/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Vi auguro una lunga vita (29/03/2015)

Una proposta:
 
Padrone del niente (25/02/2015)

Il racconto più letto:
 
Claire, Adam e... io (23/01/2014, 5710 letture)


 Le poesie di Pagu

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it