4917 visitatori in 24 ore
 301 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4917

301 persone sono online
Autori online: 17
Lettori online: 284
Poesie pubblicate: 322’698
Autori attivi: 7’359

Gli ultimi 5 iscritti: sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini
Chi c'è nel sito:
♦ Felice Serino Messaggio privatoClub ScrivereAngela Schembri Messaggio privatoClub ScriverePatrizia Ensoli Messaggio privatoClub ScrivereLia Messaggio privatoClub ScrivereSaverio Chiti Messaggio privatoClub ScrivereJosiane Addis Messaggio privato ♦ Maria Fiorella Corazza Messaggio privato ♦ Gesuino Curreli Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub ScrivereAnna Di Principe Messaggio privato ♦ Eva Morese Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privatoClub Scriverezani carlo Messaggio privato ♦ Rita Angelini Messaggio privatoClub ScrivereElena Spataru Messaggio privato ♦ Giovanni62 Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privato
Vi sono online 9 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Fra le foglie d'Autunno una morale

Fantasy

Muoveva passi lenti l'Estate oramai tanto stanca d'aver donato tutta se stessa per il piacere di molti. L'Autunno allegro e rubicondo s'avvicinava con in spalla odorose botti di vino. Solcava sentieri e dove passava creava toni colorati che rispecchiavano l'attimo del suo sentire. Il vento diventato improvvisamente traditore s'era vestito di freddo e d'improvviso con foga stava spogliando i rami degli alberi e degli arbusti lasciandoli poveri al suo passare. Anche il cielo spesso si nascondeva dietro nuvolone che finalmente potevano farsi valere dopo tanti mesi d'attesa, così intorno ogni cosa si piegava ad una volontà percepita come destino ricorrente. Ormai tantissime foglie coprivano il terreno come sospiri abbandonati delusi dopo aver sognato nel distacco dal ramo, l'azzurro ed essersi invece, ritrovate sbattute a terra. Si raccoglievano in mucchi, si cercavano per sopportare meglio il freddo della morte. Poi un giorno l'Autunno inciampò in un lembo del manto dell'Estate e se ne innamorò all'istante. Prese essa ai fianchi e in quel amoreggiare l'Estate cedette regalando ancora tepore e baci di frutti succosi e odorosi fiori. Dove passavano così innamorati lasciavano scie di colori, sfumature spiccanti e vistose, sapevano che il loro amore era una vampa che presto si sarebbe spenta. Infatti ad ascoltar meglio in lontananza, già i primi passi pesanti dell'Inverno s'avvicinavano. Nel loro passare avrebbero lasciato, terra dura e fredda, incolta e rami intirizziti e nudi. Tutti i semi se ne stavano fermi in un letargo sognando madama Primavera. In un bosco dimorava un grande albero di Faggio che sfiorato dall'innamoramento delle due stagioni s'accorse che, sui suoi rami quasi spogli, erano nate nuove foglie, getti di un suo ultimo desiderio. estivo. D'un bel verde smeraldo aspettavano i consigli di zio Sole per imparare la fotosintesi clorofilliana che avrebbe permesso loro di diventare adulte e durevoli. Mamma Faggio lottava in sé fra la contentezza di quel prodigio e la consapevole verità di quanto breve sarebbe stata la loro esistenza. Tuttavia in quell'intervallo anche al vento andava di stare calmo e più che soffiare cantava le canzoni dell'Autunno stordito dagli odori di una natura che si ubriacava di ultime essenze. Così fu che quelle foglioline crebbero giorno dopo giorno con l'aiuto di un gobbo Sole che cercava d'aiutarle ed anche le nuvole si spogliavano dolcemente solo alla sera, lasciando alla mattina attorno all'albero, un alone lattescente di goccioline fresche. Si svilupparono così nel tepore fasullo,oramai grandicelle, splendevano alla luce nel loro smalto verde e guardandosi intorno, ostentavano la fresca beltà .C'era rivalità fra di esse, una si vedeva più perfetta nella forma, un'altra si vantava per il colore intenso, apparivano piùttosto egocentriche e fatue. Per non dire poi di quanto commiserassero le loro compagne già cadute dai rami e tinte dell'ocra della fine, sentendosi al di sopra di quella sorte. Tenevano il conto di quanti uccellini si posassero accanto ad ognuna accreditandosi la gioia di quel cinguettio, non considerando come invece essi cantassero ancora più convinti alla vita, prima che l'Inverno la congelasse fra aliti di nebbie fredde e algide giornate. Mamma Faggio ascoltava le sue piccine se pur comprendendole per la loro esultanza le riteneva poco sagge e alquanto vanesie Esse, non immaginavano nemmeno di quanto presto si sarebbero specchiate in una cruda realtà. Quelle tenere e graziose foglie nulla sapevano del girare del tempo, si beavano nel presagire giorni e giorni di gradevoli carezze del Sole, notti in cui la Luna come un sarto, le avrebbe vestite d'argento offrendo alle notturne farfalle un tappetino su cui riposare le ali. Ma l'Inverno si stancò di aspettare che l'Estate con l'Autunno continuassero con quell'abbraccio innamorato Era il suo momento, voleva prendere possesso di ciò che per alcuni mesi sarebbe stato il suo regno. Scosse il vento che batteva un po' di fiacca e lo costrinse a tirar fuori tutto il fiato che aveva. Gli ordinò di radunare più nuvole possibili, come fossero un gregge, cumuli che non avrebbero belato, bensì così ammassati, si sarebbero scontrati producendo lampi e tuoni. L'Inverno si sarebbe messo a camminare un po' dappertutto e con la sua grande mano gelata avrebbe addormentato sotto un cristallo d'acqua ogni cosa, ogni guizzo di vitalità, Per divertirsi a volte avrebbe stretto un po' qualche nuvola e al suo tocco, lacrime ricamate di merletti meravigliosi, avrebbero abbellito per un poco lo smorto paesaggio raffreddato. E fu così che in un battibaleno le graziose foglie verdi presuntuose, si videro strappare dai rami della loro mamma Faggio. Dopo un volo che le stordì così tanto da far credere ad esse di poter avvicinarsi all'arco ammirato per la loro bellezza, si ritrovarono fradice e rovinate sul terreno insensibile per il freddo. Resesi conto della disgrazia subita implorarono aiuto alla madre Faggio che ormai lontana mischiava lacrime di dolore con la pioggia che rabbiosa cadeva obbedendo al volere dell'Inverno. Sparse e separate iniziarono un lacrimoso lamento ritenendo ingiusto ciò che stava capitando loro. Mettevano se stesse scioccamente al centro del problema non considerando null'altro. Rabbiose per la sorte toccata continuarono a brontolare senza mai provare sincero dolore per la fine della loro esistenza. .Neppure per un attimo si lasciarono sfiorare dall'umiltà, qualità che accompagna di solito i saggi.Loro erano state il frutto d'un conciliante incontro di stagioni, poste alla ribalta su di uno scenario dove spiccavano protagoniste per il piacere di coloro che le avrebbero ammirate durante le passeggiate nel bosco. Sarebbero diventate utile ricettacolo di insetti per uccelli passeggeri nel loro migrare, ma soprattutto erano state la gioia di mamma Faggio per esser riuscita a germogliare il suo cuore offrendolo alla Natura. Vivere i giorni con saggezza ed umiltà cogliendone ogni attimo permette di valutare la propria fine senza rammarico e risentimento. Non è importante quanto può durare la vita di ognuno, ma di come essa può essere vissuta.


rita iacobone 02/11/2015 09:25 1 340

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di rita iacobonePrecedente di rita iacobone

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Conciso e di bella lettura ... riesce a dare al lettore un abbraccio del tempo in pensieri diversi... molto apprezzato. Bellissimo»
Rosita Bottigliero

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Ciao Rita e grazie.. baci (Rosita Bottigliero)

Andare ogni tanto a capo faciliterebbe la lettura. (Antonio Terracciano)



Ritratto di rita iacobone:
rita iacobone
 I suoi 28 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La Morte beffarda (26/10/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Due nomi, un cane (22/10/2017)

Una proposta:
 
Due nomi, un cane (22/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Gavino (24/03/2014, 20518 letture)


 Le poesie di rita iacobone

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it