4897 visitatori in 24 ore
 204 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4897

204 persone sono online
Autori online: 2
Lettori online: 202
Poesie pubblicate: 322’715
Autori attivi: 7’359

Gli ultimi 5 iscritti: sabrina russo - Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereVito Marco Giuseppe Messaggio privatoClub ScriverePino Gaudino Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Ascoltando Adrian von Ziegler

Fantasy

E’ tardi, è notte, vivo l’ attesa, di cosa non so. L’ amore non si attende, vuol dire pensarlo assente se si resta in attesa dell’ amore. Invece quando esiste, è sempre presente, no n va mai via anche quando ci pare di sentirlo distante.

Ascolto il cuore arreso dopo l’ ultima tempesta, sento che il corpo non m’ appartiene, l’ anima è più lontana, è rimasta impigliata a un ramo volando in alto.

E’ tardi e il tempo non ha senso, non ha nome, non ha misura.

Incontro Ziegler, quasi per caso. Ci clicco su, non guardo nulla, odo la musica, mi abbraccia, mi culla, mi annulla.

Sto, nessuno mi chiede come sto, sprofondo, piccola, scura, vuota. Mi riempio di note, nenie, danze, ritmi.

Muto sguardo, cenno, pensiero, non piango, non sorrido. L’ ultimo errore è stato il tentativo di mettere ordine, di eliminare ombre, d’ annullare segreti, l’ ultimo.

In cosa ho sbagliato, inutile domandarselo, sarebbe meglio chiedersi in cosa faccio bene…

Sono amareggiata, triste, disperata.

Ero pronta alla normalità della vita.

Ziegler non mi guarda, è un’ icona sul pc, la sua mente mi dice: “ non mi definisco, non voglio essere diverso da quel che sono, sono la mia musica, sono lo specchio della mia anima, sono pensiero, desiderio, sogno estremo. Sono speranza, sono tristezza, sono tutte le cose che sento. Muto nella mia complessità, muto e mi esprimo al ritmo vero di ciò che sento e vivo. La mia ispirazione è vivere la mia vita, è fantasia. La fantasia è tutto, è la gente intorno, è la natura, è l’ arte, è l’ amore. Sono solo con la mia musica, amo questa mia solitudine”.

E sento tutte le cose di Ziegler.

Quando si susseguono burrasche e quando acquieto l’ ultima tempesta. Una vela scompare sul mare, lontano e i gabbiani tornano a imbiancare l’ inchiostro del cielo. Muta il ritmo sui pensieri chiusi, zittiti, quieti, s’ apre la danza dei sensi, l’ anima si libra su vette impervie.

Ora vedo il Principe dei miei desideri, ai suoi piedi m’ inchino, sosto, mentre mi porta la mano sul capo per far sì che lo sguardo si sollevi e io sia punita con dolcezza e sia ricondotta al suo altare.

Ascolto, varco la soglia della musica celtica: è quiete dolce, ammaliatrice. Note si spalmano nell’ aria, sono rugiada, sono calore tenue, sono carezze.

Penso alle sue mani, le sue mani sognate, seguono ogni curva del mio corpo, è oblio, è il mondo, quell’ angolo di mondo nostro. L’ erba alta del prato ci nasconde, ondeggia e ci accarezza. La luna tace, guarda e tace, lui prende la mia anima, le toglie la sua pena e ascolta i miei silenzi. Le parole non servono quasi mai, le parole sporcano i pensieri, le parole distruggono i sogni. Ora una nenia dolce improvvisa avvolge i nostri baci, una catena di baci, un interminabile filo di perle. La mia bocca si posa sul respiro della sua bocca, su umide labbra, petali di rosa. Sosto sulla sua guancia. Sto pensando di dirgli ancora una volta: non lasciarmi più partire dal tuo pensiero.

Assaporo di nascosto tutto il suo odore.

Non accade vicino a lui, con questa musica, non accade che io lo perda, non accade che sbagli, non accade che pianga. Vivo nell’ accordo delle sue mani, vibro sulla corda dei suoi pensieri: il Principe dei miei sogni.

S’ apre allo sguardo un’ immensa prateria, inondata di luce. Andremo al galoppo verso l’ infinito, nell’ oasi delle meraviglie.

Stanno danzando intorno a noi, il piede leggiadro da terra si solleva, io gli volo incontro, le nostre ali si sfiorano, scuotono l’ aria.

M’ arrendo alla fantasia, il confine più non esiste, la realtà è una cornice vuota appesa al muro.

Ho solcato le sue terre mentre accendeva le mie notti, mi ha donato brezze di zagare e mare, ho dischiuso su di lui l’ alba, sul suo orizzonte. Onde mi acquietano, onde mi vestono, onde mi svelano. Risplendo in lui, per lui oltre il silenzio, oltre la vita, oltre gli errori, oltre la pena.

Muove veloce la danza, volge al ritmo marinaro, torna in lenta melodia, ristoratrice come la pioggia in estate, posa in carezze vivaci, percuote i sensi in mille sfumature.

Sto contando le note, sto cercando di indovinare gli strumenti.

Ora vorrei dirgli: ballami, vivimi, in assenza del tempo, in vuoto d’ aria, sollevami, prima che io possa scivolare ancora nel buio.

L’ ho immaginato ancora che mi sorrideva spalancandomi il suo universo. Non c’ era, colpa della musica, della fantasia, dell’ ora tarda. Non c’ era il Principe dei miei desideri

Ziegler tace, ed è cambiata l’ icona sul pc.


Rosetta Sacchi 22/11/2015 08:53 349

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Rosetta Sacchi:
Rosetta Sacchi
 I suoi 25 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La giusta interpretazione (16/06/2017)

Una proposta:
 
La giusta interpretazione (16/06/2017)

Il racconto più letto:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013, 839 letture)


 Le poesie di Rosetta Sacchi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it