4260 visitatori in 24 ore
 173 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4260

173 persone sono online
Lettori online: 173
Poesie pubblicate: 322’390
Autori attivi: 7’357

Gli ultimi 5 iscritti: SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini - SimoneMeini85
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereJosiane Addis Messaggio privato ♦ Raffaele Scarano Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Lettera a mio padre

Biografie e Diari

Ho un quadro di te alla parete, in bianco e nero, con la cornice dorata. Ti guardo e mi chiedo se ti assomiglio o chi dei miei fratelli di più ti assomigli.

Mia sorella puliva la tua fotografia sulla lapide al cimitero e disponeva i fiori qua e là, mischiandone i colori. Ma io sono venuta a malincuore a vederti lì. Lì tu sei morto e invece io ti penso solo assente, guardo quel quadro alla parete e m’ aspetto di vederti ritornare.

Sentire i tuoi passi fuori della porta prima di vederti entrare.

Sono trentadue anni che tu manchi. Sei andato via di venerdì, la notte, un venerdì di maggio, freddo e piovoso.

Quella pioggia insistente che durò tre giorni.

Ma non sentivo freddo, nel mio dolore e il pianto dentro agli occhi, gelato, che offuscava ogni cosa a me di fronte.

Quel venerdì che ti mancò il respiro e non ti bastava tutta l’ aria davanti alla finestra spalancata.

Mi lasciasti in eredità il peso di tutta la famiglia. Divenni padre senza mai essere madre.

Il punto di riferimento, la forza, la guida, la speranza.

La mia vita fu un caos, ma non importa, i miei fratelli sono laureati e mia sorella ha un lavoro ed ha famiglia.

Mi dissero che quando sono nata, io, la prima figlia, ero la tua principessa. Fu festa grande al mio battesimo ed ogni giorno era festa per me quando la sera tornavi a casa dopo una giornata di lavoro.

Quante volte sono rimasta a casa con te papà, troppo piccola per qualsiasi cosa, per cucinare o per lavare i piatti, la mamma che correva per ospedali e visite.

Ricordo quando ti ho cucinato gli spaghettini. Non avevo la salsa, e allora li feci solo col pomodoro a pezzetti. Ti erano piaciuti e tanto!

E cosa dire di quando insieme avemmo la brillante idea di cucinare i fagioli. Sembravano pochi ed erano troppi. Li misi in una pentola ma con l’ acqua che bolliva, salivano su, crescevano sempre più, così con un mestolo ne prendevo un po’ mettendoli in un tegame a parte.

Ho vissuto sempre con la paura di deluderti. Non l’ avrei sopportato!

Una volta, eravamo tornate dalla scuola, io e mia sorella. Tu hai detto, forza su, fate in fretta, mangiate che poi vi mostro una bella cosa.

Ero così felice e così ansiosa. C’ era pasta e piselli per pranzo e a me piacevano. Ma per la gioia mi passò la fame, mangiai a malapena. Dopo tu hai preso la stoffa nell’ armadio, mostrandola, e dicendo: chi ha tagliato la stoffa in malo modo? Ma io non ne sapevo niente e mia sorella taceva. Ma tu papà dovevi sapere chi era stato a fare quel capolavoro. E te la prendesti con me che ero più grande, prima di scoprire che era stata mia sorella a tagliare e cucire la stoffa per fare il vestito alla bambola.

Tante cose sono accadute nella mia infanzia, ma questo ricordo è rimasto tale e quale.

Ho sempre protetto la famiglia, è stato sempre importante per me.

Ricordo quella volta della gita scolastica. Io sapevo che non avevamo soldi. E scartai sin dall’ inizio l’ ipotesi di andare in gita. Così neppure te lo chiesi. Mia sorella però voleva andarci e probabilmente a scuola aveva fatto capire che non sarebbe andata perché i genitori non potevano permetterselo. Così la fecero andare senza pagare. Io invece alla domanda: perché non vieni? Risposi: non posso, soffro il mal d’ auto e proprio non posso viaggiare. Non volevo ti sentissi umiliato, papà. Non volevo che tu soffrissi.

Eri contento, l’ unico della famiglia a esserlo, quando scrivevo poesie e partecipavo ai concorsi e conseguivo i premi. Eppure le mie poesie non le hai mai lette!

Quante cose vorrei ricordare e raccontarti, ma piango sempre troppo ogni volta che mi chiudo nella mia stanza, a pensarti.

Però una cosa te la voglio dire. Oggi c’è qualcuno che mi ama, di un amore vero, di un amore che solo tu, stando in Cielo, puoi capire. Un amore che si fa pensiero e non ti lascia mai. Ma, nonostante gli anni siano passati, io ho paura di vivere e non so gioire. Faccio ancora tanti errori ed ad ogni istante, mentre lo abbraccio, rischio di perderlo, il mio amore.

Dammi tu una mano, papà, so che lui ti piace e tu sai che lui mi fa felice!


Rosetta Sacchi 24/11/2015 16:41 2 297

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Sembra la cosa più facile del mondo raccontare gli attimi vissuti con un proprio caro, e ancor più con il proprio padre.
Ed all'inizio lo è, poi via via che i ricordi si rafforzano si comincia a sentire un certo disagio, un'agitazione che pervade, si "vivono" davvero quegli attimi, e rendersi conto che ciò è impossibile, mette tristezza, e si sentono gli occhi umidi, si vorrebbe smettere ma si è trascinati fino in fondo, fino a quando la lacrima bagna il foglio, ed a quel punto ci si pente di averlo fatto.
L'unica cosa che consola è il sentirsi, dopo, più leggeri, l'aver condiviso un peso, il veder nero su bianco quei ricordi ci aiuta ad andare avanti. Speriamo, in fondo, che anche lui, legga quelle parole scritte per dirgli grazie.»
Enrico Baiocchi

«Non è certo scritto male emotivamente questo ben delineato ricordo. Però, come gramaticus, debbo dirti che è errato scrivere "qua e la". Bisogna saper distinguere fra il "la" articolo e il "là" in questione come in questo racconto, che deve essere accentato. Correggi e correggiti per il futuro.
NB. L'errore grammaticale è al terzo rigo dello scritto.»
ex Lorenzo Crocetti

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Da Lassù sarà contento di questa bella lettera. (Antonio Terracciano)



Ritratto di Rosetta Sacchi:
Rosetta Sacchi
 I suoi 25 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La giusta interpretazione (16/06/2017)

Una proposta:
 
La giusta interpretazione (16/06/2017)

Il racconto più letto:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013, 831 letture)


 Le poesie di Rosetta Sacchi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it