4734 visitatori in 24 ore
 222 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4734

222 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 215
Poesie pubblicate: 322’539
Autori attivi: 7’357

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereGiovanni Chianese Messaggio privato ♦ neropaco Messaggio privatoClub ScrivereVito Marco Giuseppe Messaggio privatoClub ScrivereRasimaco Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privatoClub ScrivereStefano Canepa Messaggio privato
Vi sono online 5 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Il nuovo mondo...

Fantasy

Mentre una gaia goccia di sole mi colpisce l’ occhio quand’ ecco un’ altra che mi lambisce il viso, eccomi placidamente desto in questa stanza dai mille e più mirabili colori, ampie vetrate che mi propongono vedute collinari declinanti verso un azzurro mare increspato da moltitudini di vele che pare si rincorrano in un arioso mulinare. Sicché, dopo il primo candido stupore, se ne succede un altro, perché in questa stanza a me del tutto ignota, io mi domando cosa vi stia a fare…
Abbandono l’ ignota donna che mi giace accanto. La sua delicata posizione di cui m’ incanto ad osservar le tenui forme che mi celano il suo viso m’ inducono a pensare che essa stia dormendo, forse anche sognando cose che purtroppo io non so.
Oltrepasso una porta che m’ introduce in un lungo corridoio. Da ambo i lati si contrappongono altre aperture quasi a sfidarsi in un duello che non decreta vincitori.
Alla prima sulla destra concedo solo un’ occhiata e tanto basta per classificarla come ignota alla mia memoria. È un bagno rivestito di ceramiche eleganti, rubinetteria dorata, scroscio d’ acqua a riversarsi nello scarico di un lavandino. In fondo, adagiato sulla tazza un uomo si rimira i piedi e non avverte la mia presenza. Mi astengo dall’ interrompere il suo fare e proseguo oltre.
Sverso la vista verso il lato opposto. Mi si presenta un ripostiglio colmo di libri di favole precipitati da un soppalco e adagiati sulla schiena di un immobile signore che tiene ben salda nella mano una bottiglia di vino.
Gli spazi successivi fissano coppie d’ amanti in un immobile amplesso, signori adagiati su poltrone a fissare su un giornale articoli senza una fine, televisori al plasma che trasmettono presumibilmente un notiziario in cui una giornalista in abito cremisi sta comunicando una notizia.
Tutto tace, finché l’ ultima porta m’ immette in uno splendido salone le cui ampie vetrate mi ripropongono quell’ azzurro mare increspato da moltitudini di vele che si rincorrono in un arioso mulinare e solo adesso comprendo che sono ancora lì, immobili, come alla prima vista.
C’è gente fissamente seduta sui divani, chi con un cellulare in mano, chi con un bicchiere a mezz’ aria, chi intento all’ apparenza a parlare col vicino senza che però nessuno digiti sui tasti, porti quel calice alla bocca né che emetta alcun suono.
Osservo e penso… ed è così che compio a ritroso il percorso fatto dal salone al corridoio fino a quella camera da letto dove la gaia goccia di sole ha lambito il mio viso, ed è ancora lì, a illuminare il cuscino che rivela le concavità della mia testa.
Mi avvicino lentamente alla donna ignota che mi giaceva accanto. La osservo, pare che stia ancora dormendo eppure non avverto alcun respiro. Avvicino timorosamente un dito fino a sfiorarle il viso, ed è il contatto con un corpo caldo, vivo.
Indietreggio in silenzio e oltrepasso ancora quella porta che m’ immette nel corridoio.
Osservo il bagno dove lo scroscio d’ acqua è sempre lì mentre fuoriesce dalla rubinetteria dorata ma non emette alcun rumore, quanto all’ uomo adagiato sulla tazza continua a rimirarsi i piedi e a non avvertire la mia presenza, così come quell’ altro nel ripostiglio di fronte sempre con la bottiglia ben salda nella mano e i libri di favole sulla sua schiena.
Mi avvicino a entrambi, fino a sfiorarli con un dito e a percepir la vita che anima i loro corpi, così come le coppie d’ amanti colte negli spazi successivi nei loro immobili amplessi e i lettori di giornali mentre la donna in abito cremisi è posta dietro lo schermo al plasma e non ha completato il suo intervento.
Tutto è fisso, immobile, eppure tutto è vivo.
Entro nel salone già sapendo cosa troverò e l’ ansia mi assale, forse, sicuramente il terrore di trovarmi davanti a quelle persone che a prima vista paiono cristallizzati in un loro tempo, come già defunti, eppure io so che sono vivi. Fissamente seduti sui divani mimano un’ azione, un gesto che non avviene.
Mi riavvicino all’ ampia vetrata e le vele sono sempre lì, senza che nulla accada.
Penso a un episodio di Godard, penso di essere l’ ultimo uomo antico in questo nuovo mondo, surreale, irrazionale, penso a un’ esplosione atomica, a un virus, a un incidente che non so spiegare e che non ha danneggiato nulla se non l’ agire di ogni forma vivente, uomini, mari, natura, astri, tutto, eccetto me.
Poi, penso che tutto procede come sempre e io solo l’ anomalia di chi ha dilatato quel tempo che è solo un attimo, una frazione di niente, mentre in quel niente vivo una vita asincrona con l’ universo stesso.
Continuo in questi pensieri senza senso fissando lo sguardo verso quell’ azzurro mare increspato da moltitudini di vele che pare si rincorrano in un arioso mulinare, vele che all’ improvviso come sospinte da un vento inavvertibile incominciano a scorrere veloci.
Alle mie spalle odo il vociare allegro di uomini e donne mentre qualcun altro appena entrato nel salone invita tutti a festeggiare con del buon vino.
Rimango lì, inosservato ad osservar le vele che fanno a gara, vorrei voltarmi, partecipare a quell’ evento ma non posso, proprio non riesco, mentre una voce proveniente dalla stanza accanto annuncia la nascita del nuovo mondo


Michele D 05/04/2016 18:58 319

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Michele D

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Michele D:
Michele D
 I suoi 23 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Il giaccone di pelle (27/10/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il nuovo mondo... (05/04/2016)

Una proposta:
 
I MIEI NUOVI FRATELLI (quelli che non sono annegati) (19/11/2015)

Il racconto più letto:
 
Buongiorno amore mio (01/12/2015, 410 letture)


 Le poesie di Michele D

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it