4826 visitatori in 24 ore
 247 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4826

247 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 240
Poesie pubblicate: 325’192
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ Patierno Vincenzo aedo Messaggio privatoClub ScrivereRasimaco Messaggio privato ♦ Max Ray Springsteen Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privato ♦ Calliope98 Messaggio privatoClub ScrivereStefano Canepa Messaggio privato
Vi sono online 3 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Adoro le farfalle!

Amore

Adoro le farfalle!
Le guardo volteggiare leggere e libere nell'aria, correre per i prati immensi fioriti e pregni di allegria colorata!
Immagino di essere una di loro mentre volo con la fantasia a posarmi sulle varie possibilità di fiori bellissimi che ti offre la vita e che invece ti vai a posare proprio sui fiori pieni di spine che possono solo farti del male!
Ci sono tante... farfalle senza ali, che non possono più volare libere e felici, per i più svariati motivi...
Io sono stata... una di loro...
Una farfalla... che lungo il percorso della vita... ha perso le ali!
Correva l'anno 1946 e avevo 15 anni quando mi innamorai di un giovane molto bello e di quasi 20 anni.
Per due anni ci siamo visti di nascosto e sempre per pochissimi minuti.
Avevo tanti corteggiatori che andavano a parlare con mio padre, tutti di buon partito, ma lui mi aveva promessa ad un altro giovane e rifiutava tutte le possibilità.
Io naturalmente non avevo voce in capitolo ed ero consapevole che sarei andata in sposa a questo giovane dall'aria molto buona e con un lavoro sicuro.
Invece ero innamorata e continuavo a vedermi con Giovanni sempre e solo per pochi attimi.
Una sera all'età di 17 anni, mi ero attardata qualche minuto in più e nel sentire la voce di mia madre che mi cercava, ebbi paura e fu facile per lui convincermi di non tornare più a casa e andarmene con lui...
Fu così che le mie ali piano, piano cominciarono a diventare sempre più deboli...
All'inizio non aveva un lavoro fisso e vivevamo di stenti o con l'aiuto qualche volta di mia madre che cercava di fare l'impossibile, sempre di nascosto da mio padre, che deluso non riusciva a perdonare la mia azione.
Io cercavo di aiutare la famiglia lavorando in campagna quando potevo: ero quasi sempre incinta e in 15 anni riuscii ad avere 7 figli tra maschi e femmine.
Figli che lui non sopportava, alcuni più di altri e che prendeva di mira per i suoi sfoghi d'ira, specialmente quando rientrava ubriaco come una spugna...
Le mie ali erano inzuppate di quel vino, di quell'odore forte, ed erano diventate pesanti da portare.
Quando non era ubriaco, andava alla ricerca di donne da conquistare e i soldi che ormai guadagnava, con un bel lavoro fisso, servivano al loro benessere!
Sopportavo tutto! Dovevo sopportare tutto... non avevo altra soluzione, con sette figli sulle spalle...
Ma... un giorno tornando a casa, trovai tutti i miei figli fuori dalla porta: li aveva cacciati via da casa e non voleva farli più entrare...
Inutili furono le mie preghiere dietro la porta!
Con tutta la disperazione di quel momento così difficile, riuscii a trovare una piccola casa in affitto con una stanza e una cucina.
Era inverno e la neve non mi faceva uscire per guadagnare qualcosa in campagna e i bambini più piccoli non riuscivano più a sopportare i morsi della fame; si aggrappavano alla mia gonna e, piangendo gridavano: ho fame!
Fu in quel momento che persi le mie ali, non riuscivo più a portarmele appresso...
Presi una decisione immediata: sarei andata fuori a cercare una soluzione per far mangiare i bambini, ero pronta anche a prostituirmi per amor loro...
Piangendo scesi quelle scale, col cuore colmo di dolore, ma determinata ad andare avanti...
Aprii la porta per uscire e mi vide un vicino di casa che preoccupato si avvicinò
- Maria, dove vuoi andare con questa neve?
Piangendo risposi:
- Non lo so dove... ma devo trovare qualcuno che mi dia un po' di soldi per far mangiare i miei figli che stanno morendo di fame...
- Torna dentro Maria, dove vuoi andare? Non preoccuparti, ti porto io qualcosa... vai... vai...
Mi porto' la mortadella e il pane tutti i giorni fin quando andò via la neve...
Non ho mai dimenticato quel gesto... aveva capito tutta la mia disperazione e mi salvò dalla mia determinazione...
Oggi sono una vecchietta di 85 anni, continuo a vivere senza ali, ormai perse tanti anni fa... vivo serena ma, anche senza ali, volo sempre con la fantasia tutte le volte che vedo una farfalla!
Adoro le farfalle!


Anna Maria Peluso 23/08/2016 19:07 314

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna Maria PelusoPrecedente di Anna Maria Peluso

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Anna Maria Peluso:
Anna Maria Peluso
 I suoi 16 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
L'odore acre del dolore (04/07/2016)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Incontro con la morte (09/03/2017)

Una proposta:
 
Incontro con la morte (09/03/2017)

Il racconto più letto:
 
Il gatto e il topo (29/08/2016, 435 letture)


 Le poesie di Anna Maria Peluso

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it