4830 visitatori in 24 ore
 268 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4830

268 persone sono online
Autori online: 12
Lettori online: 256
Poesie pubblicate: 322’472
Autori attivi: 7’358

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
♦ Michelap91 Messaggio privato ♦ Alma Gjini Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privatoClub ScrivereLuciano Capaldo Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Licata Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub ScrivereMarial Messaggio privatoClub ScrivereMirella Santoniccolo Mairim14 Messaggio privato ♦ mario Messaggio privatoClub ScrivereParide Giangiacomi Messaggio privatoClub Scriverepiera tola Messaggio privato
Vi sono online 7 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Il pił abile dei ladri (e altre riflessioni)

Biografie e Diari

I ladri. Abbiamo tutti paura dei ladri, che siano essi piccoli scippatori o ladri di professione, di quelli che, superando le barriere altamente tecnologiche dei sistemi d'allarme più innovativi, riescono ad entrare nelle nostre case, portandosi via oggetti preziosi, denaro, pezzi di grande valore, spesso più affettivo che reale.

Eppure c'è un ladro che ci deruba quotidianamente, puntuale, irrefrenabile, non perseguibile dalla legge, che non ha bisogno di aprire porte blindate o tagliare abilmente i vetri delle nostre finestre, per portarci via ciò che maggiormente ci sta a cuore, la vita.

Questo Arsenio Lupin invisibile, sempre presente accanto a noi, di notte e di giorno, è il Tempo.

Ma che banalità! Tutti lo conosciamo e siamo consapevoli di ciò che combina da mattina a sera, quale incommensurabile ricchezza ci sottrae per non restituircela mai più, gli attimi, i minuti, le ore, i giorni, i mesi, gli anni. Tutti sappiamo, eppure, come accade per la certezza della morte, fingiamo di non sapere e andiamo avanti, come se nulla accadesse, mentre in realtà il nostro vivere è un continuo perdere e finire.

Ma che discorsi! E basta! L’ hanno detto già i più grandi filosofi e i più grandi poeti!

Lo so bene, ma quello che continua a meravigliarmi è il meraviglioso funzionamento della mente umana, la sua capacità di non concentrarsi mai (se non in rari momenti di riflessione) su questa realtà tanto evidente quanto abilmente accantonata dai meccanismi di sopravvivenza del nostro super io.

Accade un po’ la stessa cosa quando ci ostiniamo a negare concetti come “ infinito”, soprattutto in senso spaziale.

A scuola, di tanto in tanto, un po’ per fare una pausa durante le ore di Letteratura Italiana o di Latino, talvolta anche un po’ per gioco e per curiosità, ponevo ai miei alunni un quesito. “ Quanti di voi – chiedevo - credono nell’ esistenza di un Essere superiore, di un Motore dell’ Universo, in Dio?”. Puntualmente mi rispondevano con asserzioni filosofiche, con decise negazioni su tesi Teologiche o si avventuravano in dissertazioni scientifiche sull’ origine del mondo, sull’ evoluzionismo ecc.

Allora buttavo lì un’ altra domanda, quella sullo spazio e sull’ infinito. “ Ma che c’ entra, adesso, prof?”, esclamavano quasi in coro. E io li invitavo a riflettere partendo da sé stessi, dal posto in cui si trovavano in quel preciso momento, allargando gradualmente gli spazi. “ Adesso mi trovo in un’ aula del Liceo Scientifico, ad Agnone. Agnone è nel Molise, il Molise è in Italia, l’ Italia è in Europa e l’ Europa è nel mondo. La nostra Terra è nel sistema solare, questo è in una galassia, tra tante altre galassie e insieme formano quello che noi chiamiamo Universo.” Poi tacevano. Allora buttavo lì l’ ultima domanda, quella alla quale sapevo che difficilmente avrebbero risposto: “ E ditemi, ora, dove si trova l’ Universo? Dove inizia e dove finisce lo spazio?”.

Nessuno sapeva rispondermi. I grandi quesiti sullo spazio, sul tempo, sull’ Infinito e sull’ Eterno sono spaventosamente affascinanti e terrificanti per la nostra piccola, presuntuosa mente umana.

A me è sempre bastata una banale riflessione come quella su dove ci troviamo, per credere che un Dio deve necessariamente esistere.


Silvana Poccioni 08/12/2016 20:37 1 261

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Silvana PoccioniPrecedente di Silvana Poccioni

Nota dell'autore:
«Riflessioni un po' banali sul Tempo e sulla Spazio.»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«L'universo non ha tempo č indefinito e finito uno spazio temporale che giunge oltre i confini della conoscenza, un buco nero e un altro buco nero dove universi si aprono senza orizzonti ma con dentro gli atomi che conducono a una nuova vita e la storia si ripete sempre. L'energia non si esaurisce ma si trasforma.»
Annamaria Gennaioli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

La mente spazia e il pensiero č ovunque. (Annamaria Gennaioli)



Silvana Poccioni ha pubblicato in:

Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libro di poesieSan Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 110 - Anno: 2010


Libro di poesieAddio Alda
Autori Vari
Poesie per Alda Merini

Pagine: 92 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Silvana Poccioni:
Silvana Poccioni
 I suoi 66 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La mosca (05/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La grotta della capra (parte II ed epilogo) (13/10/2017)

Una proposta:
 
La grotta della capra (parte I) (12/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Una lettera per mia madre (08/01/2011, 4423 letture)


 Le poesie di Silvana Poccioni

Cerca il racconto:



  



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it