4613 visitatori in 24 ore
 198 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4613

198 persone sono online
Autori online: 16
Lettori online: 182
Poesie pubblicate: 319’265
Autori attivi: 7’372

Gli ultimi 5 iscritti: Cercatore di conchiglie - marcoantonio - canova marco - Acronite - Cristina79
Chi c'è nel sito:
♦ Gabriella Zagaglia Messaggio privato ♦ Patrizia Chini Messaggio privato ♦ Emanuele4 Messaggio privatoClub ScrivereVito Rizzuto Messaggio privato ♦ Tonia La Gatta Messaggio privato ♦ Paolo Marongiu Messaggio privato ♦ Stefana Pieretti Messaggio privato ♦ Marcella Usai Messaggio privatoClub ScrivereGiuseppe Fulco Messaggio privatoClub ScrivereNunzio Buono Messaggio privato ♦ Emilia Otello Messaggio privato ♦ cate lenta Messaggio privato ♦ vittorio pochini Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privatoClub Scriverecarla composto Messaggio privato ♦ adrianab Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura









Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Uso del Cialis
Acquistare Cialis: Acquistare Cialis generico
Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Un'amica speciale

Dramma

La stanza semibuia, era pregna d’ odore di medicinali e di morte. Anonima… nel giro di malati terminali che si susseguivano, già consapevoli che la loro vita era arrivata al capolinea. Le membra consumate dalla malattia, che non solo aveva distrutto il corpo ma anche la dignità di un essere umano. Ridotti l’ ombra di se stessi, incapaci anche di fare le cose più semplici, come nutrirsi o lavarsi o più semplicemente respirare.

Marta girò lo sguardo velato verso l’ infermiera che le stava sostituendo la flebo e con un filo di voce, le chiese se poteva farle un favore, scrivere una lettera. Erano mesi che Angela accudiva Marta e lo faceva con tanta pazienza, ma soprattutto con grande affetto.

Per sdrammatizzare la situazione così difficile e dolorosa, abbozzò un sorriso e le rispose: ” Marta per caso hai un nuovo fidanzato e non me ne hai parlato?”

Ma vedendo l’ aria sofferente della donna, si vergognò di quello che aveva appena detto e ritornò seria, dicendo: ” Certo, un attimo che prendo carta e penna.”

Ritornò e dopo averle sistemato le coperte, si sedette accanto a lei sul letto e le chiese: ” Allora chi è il fortunato destinatario?”

Già chi era?

Era un’ amica speciale ed unica, iniziò a parlare con un soffio di voce: ” Vita mia, so che stai per lasciarmi, fra le braccia delle donna di ghiaccio, ma prima dell’ addio, voglio dirti grazie.

Grazie per ogni giorno che mi hai donato, giorni di sole ma anche giorni di pioggia, momenti di tenerezza e momenti bui, che mi hanno insegnato ad amarti sempre di più.

Ti ringrazio di avermi abbracciato con amore nel grembo materno, che è custode delle tue carezze; di avermi lasciato riflettere quando il tuo respiro si è fatto più cattivo ed avrei desiderato non volerti più bene.

Ma tu mi prendevi la mano e seppur con dolore, mi ricordavi di quanto sei preziosa. Il tuo profumo a volte era così amaro e pungente e tanto aspro da non sopportarlo, ma altre volte eri così dolce da non poter fare a meno di sentirti vicina e coinvolgente.

Grazie perché mi hai insegnato a scendere, ma anche a risalire le scale, nonostante fossi caduta più volte, scivolando nel vuoto dell’ indifferenza e nell’ oscurità della dipendenza…

Marta si soffermò facendo un lungo respiro, Angela trattenne a stento la commozione, poi, vedendo che Marta si stava affaticando troppo, tant’è che riusciva a malapena a respirare le disse: ” Ora riposati… che la lettera la terminiamo dopo, così ne approfitto per somministrare la terapia alla piccola Giorgia.”

Nel frattempo, abbassò di più le tapparelle, perché aveva notato che un raggio di sole entrava prepotentemente nella stanza ed impietoso, illuminava il viso stanco e pallido di Marta. Lei fece un debole cenno con la testa e con lo sguardo assente, fissò quelle pareti prive di vita e subito dopo si assopì in un sonno, che da tempo era privo di bei sogni, ma ricco di incubi che non la lasciavano più.

Nel sogno l’ avevano afferrata per le gambe e la trascinavano giù nel vortice dell’ ignoto. Buio tetro e minaccioso, tentacoli così forti da non potergli resistere, e lei precipitava sempre più giù, nella voragine infinita ed il suo urlo restava muto, soffocato dal terrore.

Come ogni volta si svegliava di soprassalto, mentre alcune gocce di sudore le scivolavano sulle gote scavate, poi spalancava gli occhi pieni di paura e si accorgeva che quello non era solo un brutto sogno, ma purtroppo, era ciò che il suo inconscio provava.

Il non conoscere il dopo era peggio della malattia. Oltre questa verità ne esisteva un’ altra? Oppure dopo la morte c’ era l’ abisso del niente?

La fede vacillava e le sue certezze venivano sempre meno, il dubbio che oltre non ci fosse niente, le metteva ulteriore angoscia. Intanto, ritornò Angela e come sempre portò il vassoio della cena, ma sapeva che Marta non l’ avrebbe sfiorato, ormai erano giorni che lei non toccava più cibo.

La pregò di finire la lettera ed Angela riprese il foglio che aveva riposto nella tasca della divisa e si mise accanto a lei.

Marta, ancora più debolmente di prima, ricominciò a parlare, infatti, la morfina iniziava a produrre il suo effetto, stordendola: ” Vita mia” continuò…

“ Ti chiedo scusa se a volte ti ho maltrattata, dandoti la colpa di tutti i miei guai, non rendendomi conto che ero io la causa di tutti i miei malesseri.

Pretendevo da te l’ impossibile, mentre tu l’ impossibile me l’ avevi già regalato, mi avevi donato la cosa più preziosa di questo mondo, te stessa.

Ma ora che il mio cuore e la mia mente si sono aperti, desidero che tu sappia che ti amo, al di là di tutto ed oltre la sofferenza, ma ora sono stanca di lottare contro un nemico così crudele che succhia con avidità ogni goccia del mio sangue, allora ti prego, è arrivato il momento di lasciarmi andare, affinché io, possa finalmente riposare…”

Angela credeva di aver capito, era tutto chiaro, era una richiesta d’ aiuto per porre fine a quel supplizio, ma si sbagliava.

Marta aggiunse: ” Angela, porta questa lettera alla piccola Giorgia, così leggendola, capirà che vale la pena di lottare sempre, anche quando la vita ci sembra inutile e non vediamo vie d’ uscita.

Non c’è cosa più bella e preziosa della vita stessa ed anche se la mia lettera alla fine può sembrare un’ arresa, in effetti non lo è, perché anche accettare la morte, è un inno alla vita, quella vera.

Ti prego Angela, portagliela adesso e grazie per la tua pazienza.”

L’ infermiera piegò la lettera in due e senza dire una parola, si avviò verso l’ uscita.

Si voltò per l’ ultima volta verso Marta, che oramai, senza più forze, aveva chiuso gli occhi.

Commossa non riuscì a trattenere le lacrime; era grata a quella donna, che in quel giorno, seppure di immane sofferenza, le aveva fatto un regalo, le aveva insegnato la nobiltà d’ animo, la generosità e soprattutto ad amare sempre e comunque la vita. Perché è una sola e non possiamo distruggerla, sprecarla, spesso dando importanza a cose superflue di cui potremmo farne a meno.

Angela sottovoce disse: ” Grazie a te di tutto, Marta.”

Anna Rossi 07/06/2017 22:53 109

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna RossiPrecedente di Anna Rossi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Commovente, molto educativo. (Vera Bianchini)

Al ritorno ti leggerò con attenzione cara Anna Ros (Giuseppe Vullo)

Si certo Anna! Una storia vera. Avrai capito sono (Giuseppe Vullo)

medico e studioso di fisica quantistica (Giuseppe Vullo)

Molto doloroso e vero. Commossa (Silvana Poccioni)

racconto molto coinvolgente e ben scritto (Paola Pittalis)



Ritratto di Anna Rossi:
Anna Rossi
 I suoi 56 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Legami di sangue (05/03/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
L'incorregibile (11/08/2017)

Una proposta:
 
Artefice della propria vita (05/08/2017)

Il racconto più letto:
 
Lo sconosciuto (05/01/2017, 1612 letture)


 Le poesie di Anna Rossi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro telefonate al 375 500 62 39

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it