3457 visitatori in 24 ore
 204 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3457

204 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 194
Poesie pubblicate: 336’222
Autori attivi: 7’486

Gli ultimi 5 iscritti: Loreta Carcaterra - Mezzo Pazzo - LarrySit - WalterSpode - WilliamahTen
Chi c'è nel sito:
Club Scriverelentini gaetano Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privato ♦ Tonia La Gatta Messaggio privatoClub ScrivereLara Messaggio privato ♦ Stefano Sini Fossiànt Messaggio privato ♦ fausto di pasquale Messaggio privato ♦ Adriana Messaggio privato ♦ Anna Eustacchi Messaggio privato ♦ Mario Bugli Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Pixy

Biografie e Diari

C’ era una rampa di scale, esterna, nella vecchia casa. Bisognava salire in cima. E una volta lì, di fronte alla soglia, un muretto, quello che più di qualche volta, da bambina, ho rischiato di saltare.

La rampa non era continua ma dopo una serie di gradini, era interrotta da uno spiazzo, un quadrato che, guardato dalla parte del muro, presentava una finestrella. Scrutando attraverso la grata, si vedeva il buio che regnava nella cantina.

Era già buio di una sera di autunno inoltrato. Un mugolio flebile s’ udì provenire dalla grata. Un mantello tigrato era lì posato, con aria noncurante, come fosse uno scialle su una panca. Quel mantello era animato, era vivo, debole, aveva fame.

Non fece cenno di fuggire. “ Quand’è carino!” fu l’ espressione muta che si affacciò alla mia mente. “ Sarà maschio o femmina?” Mi domandai, ma non aveva alcuna importanza saperlo.

“ Cosa mangiano i gatti?” chiesi a mia madre.

Ma lo sapevo da me, era abbastanza piccolo. Era avanzata della carne molto cotta. Ne misi un pezzetto nel piattino. L’ osservai mentre mangiava.

Bisognava trovargli un nome. Mi venne in mente Pixy e cominciai a chiamarlo così.

Non era di nessuno quel gattino o forse era scappato, ma non aveva nessun nastrino o campanellino al collo.

Pensavo già di far valere il mio diritto di proprietà. Era venuto a rifugiarsi alla finestrella ed io gli avevo dato da mangiare. Però desideravo che non andasse via.

Stava per giungere la notte. Presi il piattino mettendo un altro pezzetto di carne dentro ed allontanandomi col recipiente in mano. Scesi la rampa, finita la stessa, sulla sinistra, una rientranza conduceva alla cantina. Poggiai il piattino lì e mi discostai. Dopo un po’ di titubanza, il gattino era lì.

Dovevo aprire la porta della cantina, entrare, portare altro cibo all’ interno ed aspettare.

Non ricordo in che modo ma ci riuscii. Lo chiusi dentro. Per dargli alloggio. Per proteggerlo dalla notte fredda. Per ritrovarlo il mattino seguente. Per accudirlo.

Si sentirono dei rumori. Ci sono tante cose in una cantina... Muovendosi in quel nuovo regno Pixy urtò gli oggetti sparsi qua e là. Di qui i rumori. Prima o poi si sarebbe addormentato... Anche gli animali dormono.

Risalii in casa. Ero contenta e soddisfatta.

La mattina seguente, il primo pensiero andò a Pixy.

Posi l’ orecchio alla finestrella per ascoltare … Niente, era tutto stranamente silenzioso.

Mi domandavo dove fosse. Guardando attraverso la grata non vidi nulla.

Scesi tutta la rampa diretta in cantina. Aprii la porta. Ma dov’ era… mi domandai

Poi sentii il miagolio e lo vidi. Ma gli occhi furono subito attratti da un bottiglione, della capienza di due litri, d’ olio, rotto, rovesciato a terra.

Ci rimasi male. Gli avevo dato da mangiare, gli avevo dato riparo. Ed era così che aveva ripagato la mia generosità?

“ I gatti non si chiudono dentro” aveva subito detto mia madre. “ Vedi cosa ha combinato?”

“ Vattene via, brutta bestia!” dissi allora io dopo aver scovato dov’ era e mandandolo fuori della cantina.

Non capivo, era tutto strano per una bambina come me. Ma non ci si può aspettare da un animale che comprenda. Non si può chiuderlo dentro e pensare che possa capire che tutto è a fin di bene.

Avrei dovuto lasciarlo libero dopo avergli dato da mangiare.

Forse il giorno dopo sarebbe tornato, forse no…

Gli animali non possono capire che certe azioni sono mosse dall’ amore.

Ed è normale. Ma, in realtà, molto spesso, anche gli uomini non riescono a comprenderlo…


Rosetta Sacchi 29/06/2018 16:47 132

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Quanti sbagli facciamo per (troppo) amore! (Antonio Terracciano)



Ritratto di Rosetta Sacchi:
Rosetta Sacchi
 I suoi 33 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Piove (22/10/2018)

Una proposta:
 
Piove (22/10/2018)

Il racconto più letto:
 
Non voglio mai più sentirmi sola (13/08/2013, 1056 letture)


 Le poesie di Rosetta Sacchi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it