3154 visitatori in 24 ore
 294 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3154

294 persone sono online
Lettori online: 294
Poesie pubblicate: 349’838
Autori attivi: 7’484

Gli ultimi 5 iscritti: Livio Bottani - Vito Franco - Evgenylaa - True drilling - Nihil VaniStomal
Chi c'è nel sito:
Club Scrivereluisella Messaggio privatoClub ScrivereLa Forgia Leonardo Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Leggende bretoni: la scomparsa di Atlantide

Fantasy

Tanto tanto tempo fa, una giovane e bella fanciulla, dagli splendidi occhi azzurri e dai bei modi garbati, viveva insieme ai genitori in un piccolo villaggio situato sulle coste della Bretagna.

Il suo nome era Arnaude.

Accadde che in un terrificante notte tempestosa una nave, che si trovava al largo e in grande difficoltà, cercando di mettersi al riparo dal mare in burrasca, finì per incagliarsi sugli scogli che emergevano lungo la costa frastagliata e proprio nel punto prospiciente la dimora della protagonista di questa antica leggenda.

Combattendo strenuamente contro i marosi, i marinai riuscirono a raggiungere a nuoto la riva e, alla fine, l’ intero equipaggio dello sfortunato veliero si salvò.

Gli abitanti del villaggio che assistettero al naufragio, all’ inizio guardarono con sospetto quegli stranieri, di cui non capivano nemmeno la lingua.

Bastarono però i modi garbati e le palesi rassicurazioni del loro comandante, che dichiarò di essere il sultano di Atlantide, a tranquillizzare quella gente semplice e a convincerli a offrire a tutto l’ equipaggio la loro ospitalità.

Il giorno dopo, la notizia dell’ arrivo degli stranieri attirò l’ attenzione di tutti gli abitanti, alcuni dei quali si resero disponibili e offrirono al sovrano la manodopera e il supporto necessari per riparare i danni riportati dalla nave, ancora incagliata saldamente alla scogliera.

Occorse un’ intera giornata e gli sforzi congiunti di una trentina di persone ma, alla fine, il maestoso vascello venne liberato dalla morsa delle rocce appuntite e trascinato a riva, cosicché l’ indomani poterono iniziare i lavori di restauro.

La giovane Arnaude contribuì offrendo ai lavoratori ristoro con il latte, il miele e la frutta, che lei stessa si premurava di raccogliere dagli alberi.

In quei giorni, la sua dolcezza e le sue attenzioni, insieme alla limpidezza dei suoi occhi turchesi, finirono per conquistare il sultano, tanto che i due iniziarono a passare molto del loro tempo libero insieme.

Arnaude guidò lo straniero alla scoperta dei luoghi più suggestivi della sua terra. Entrambi impararono presto i rispettivi idiomi e lei poté narrargli le leggende tramandate dagli antenati e a insegnarli i richiami e i versi della fauna locale.

Il sultano si innamorò perdutamente della giovane e dopo pochi giorni la chiese in sposa.

Il loro matrimonio venne celebrato nella radura dei dolmen, tipico luogo di culto bretone realizzato con megaliti colossali di pietra e venne benedetto da un anziano druido. I festeggiamenti con danze e banchetti vari durarono per ben sette giorni, ma la felicità dei due novelli sposi venne funestata dalla profezia di un mago, il quale lesse nelle stelle un nefasto presagio.

Ma i due erano in luna di miele e, troppo presi dal loro amore, dimenticarono presto la predizione e, non appena la nave fu in grado di riprendere il largo, partirono per Atlantide.

I venti favorevoli sospinsero la nave verso nuovi orizzonti e benché il viaggio fosse lungo, i due sposi lo vissero come una felice crociera e un giorno, Arnaude, salita sul pennone più alto con il suo innamorato, vide apparire la costa della sua nuova patria.

Mentre il veliero si avvicinava, la giovane sposa rimase affascinata dal candore abbagliante della città, che risaltava nel turchese del mare e l’ emozione la travolse.

Arnaude si strinse al suo amore quindi, il suo sguardo colse, proprio sul colle più alto, la residenza reale.

L’ arrivo dei giovani sposi avvenne tra due ali di folla accorsa ad acclamarli e a rendere omaggio alla nuova coppia reale.

Una nuova vita iniziò per Arnaude, che visse quel periodo come fosse una favola, ignara che una malefica nube oscura si stava addensando sulla sua bella storia d’ amore.

La leggenda narra che in una notte serena e durante una romantica passeggiata in riva al mare, una voce minacciosa irruppe sul loro incanto ricordando al sultano di aver violato la legge locale, che gli imponeva di prendere in sposa una dea di Atlantide. La voce tonante lo avvertì che, avendo contravvenuto all’ obbligo, si era reso colpevole di aver suscitato l’ ira degli dei e per questo, scatenato contro l’ intera popolazione di Atlantide, la divina maledizione.

Inutilmente il sovrano invocò il perdono e la misericordia per la sua sposa e per la sua gente, gli dei non si impietosirono e sotto lo sguardo terrorizzato di Arnaude, la terra iniziò a tremare e a sussultare in modo violento. Poi si spaccò e si aprirono profonde voragini, che tutto e tutti inghiottirono e in pochi minuti la catastrofe si compì.

Atlantide scomparve in una bolgia di flutti e terrificanti marosi e venne trascinata per sempre negli abissi marini.

La leggenda narra che tutti i suoi abitanti vennero trasformati in conchiglie.

Solo Arnaude si salvò e, aggrappata a un relitto, venne sospinta da un vento impetuoso verso il suo villaggio. Pare che gli dei l’ avessero risparmiata affinché la fanciulla tramandasse in eterno la leggenda di Atlantide.

Arnaude non dimenticò mai la sua storia d’ amore con l’ esotico principe e il suo tragico epilogo, anzi, ne scrisse la storia e disegnò una cartina custodendo il tutto in uno scrigno.

Si narra che ogni settantacinque anni il misterioso continente riemerga dagli abissi e rimanga visibile per una notte intera.


Vivì 30/09/2020 06:30 1 75

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di VivìPrecedente di Vivì

Nota dell'autore:
«Racconto favoleggiato dall’autrice estrapolandolo da un’antica leggenda bretone»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Il mito di Atlantide resiste da secoli... molti sono convinti che questo continente sia veramente esistito... leggendo questo bellissimo racconto ci si rende conto dell’importanza della fantasia e del sentimento... quel sentimento che cammina di pari passo con l’immaginazione e con la favola... Complimenti»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vivì ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieSan Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 110 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Vivì:
Vivì
 I suoi 51 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Chico l’ornitorinco che non sapeva nuotare (11/02/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Favola non favola (13/10/2020)

Una proposta:
 
Favola non favola (13/10/2020)

Il racconto più letto:
 
Il rapimento di Babbo Natale (11/12/2011, 5501 letture)


 Le poesie di Vivì

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it