3346 visitatori in 24 ore
 149 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3346

149 persone sono online
Lettori online: 149
Poesie pubblicate: 358’829
Autori attivi: 7’549

Gli ultimi 5 iscritti: ScottTrunc - Thomasedume - LarryDiulp - BrianDaf - Jamesarorn
Chi c'è nel sito:
Club Scriveremoreno marzoli Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Ali candide nel cielo (3a parte)

Fantasy

La magica creatura

Il cielo era ormai una distesa sterminata di stelle luminescenti quando la luna risaltò al suo centro, in tutto il suo splendore.

“ Bella tra le belle! Dovrebbe essere plenilunio tutti i giorni!” pensò Mark, disteso a riposare su di un improvvisato giaciglio ricavato da un mucchio di soffice paglia.

Il ragazzo si era fermato nelle stalle per assistere al parto ormai prossimo di una delle giumente arrivata al termine della gravidanza. Mentre attendeva il momento se ne stava disteso supino ad ammirare lo spettacolo offerto dalla notte attraverso uno spiraglio del tetto un po’ sconnesso.

« Bella» ripeté tra sé senza nemmeno rendersi conto che il suo pensiero aveva intrapreso un sentiero silvestre dove, in un sogno frequente, gli appariva l’ immagine di una fanciulla dagli occhi verdi e i lunghi capelli neri che piroettava leggiadra.

« Ma chi sei, regina dei miei sogni?» domandò nel buio « Perché mi perseguiti in questo modo?»

Le stelle palpitarono nel cielo e a Mark parve che gli stessero ammiccando, mentre la luna gli sembrò prendere vita assumendo un’ espressione sorniona. Il ragazzo emise un profondo sospiro di petto e i suoi pensieri sconfinarono nuovamente, catturati dalla danza di una diafana creatura.

Poco distante, nella vecchia stalla, Gylldor scalpitava inquieto, come sempre gli accadeva durante le notti di plenilunio. In quel momento, l’ unicorno avvertì l’ avvicinarsi di una minaccia e sbruffò scartando, sempre più inquieto.

Gylldor non era ancora consapevole della sua natura magica, ma era stato proprio per quel motivo che era riuscito a percepire la sensazione di pericolo. Gli zoccoli batterono nervosamente sull’ impiantito ricoperto di paglia mentre scandagliava, tutti i sensi tesi allo spasimo, la penombra che avvolgeva la stalla.

Un attimo prima d’ intravedere la minaccia, un lungo brivido percorse il suo manto, i fianchi poderosi tremarono e il pelo gli si rizzò. Dall’ oscurità era emersa una figura imponente che appariva mostruosa.

Il giovane unicorno rimase immobile, come basito. Tra lui e l’ uscita dalla stalla vi erano soltanto una decina di metri, ma nel momento stesso in cui si riprese e tentò la fuga, si rese conto di essere ormai circondato.

Il locale era pieno di creature misteriose dalle movenze minacciose. « Chi siete? Cosa volete da me?» domandò, rendendosi conto di poter comunicare facilmente con quegli esseri misteriosi.

Un silenzio di piombo scese, mentre nell’ ambiente risuonò inquietante una cacofonia di sibili e un gran raschiare di gola. « Non è stato affatto facile trovarti, ma alla fine ci siamo riusciti. Il nostro sovrano ne sarà molto lieto.»

« Il vostro sovrano?»

« Zephar, il Signore delle Terre del male! Il nostro padrone e da oggi anche il tuo!»

« Io non ho un padrone! Andatevene e lasciatemi in pace!» provò a obiettare il puledro, ma fu costretto a prendere atto di essere stato messo alle strette. Dietro di lui soltanto la nuda parete della stalla e le uniche due uscite, situate ai due lati opposti della lunga costruzione, erano presidiate da altri sgherri. Il terrore che quelle creature sconosciute gli suscitavano gli morse dolorosamente lo stomaco. “ Devo fuggire! Ma come? Mark, dove sei, amico mio?” implorò Come fare a fuggire?” ormai in preda all’ ansia e alla paura.

Con tono reso rancido dalla malvagità, l’ aggressore non gli diede tregua: « Sei una creatura maligna! Il tuo posto è tra noi nel regno del male.»

« Vi sbagliate!» riuscì ancora a replicare Gylldor, un attimo prima che un magone gli impedisse di proseguire « Io sono nato libero e non appartengo al vostro regno malvagio!»

Nell’ aria si espanse il suono gracchiante di quella che doveva essere una risata di scherno. Gylldor scosse il lungo collo eburneo e il corno che spiccava sulla sua fronte luccicò al buio. La trasformazione dovuta al plenilunio era ormai giunta al culmine.

« Come, non ti accorgi delle ali che porti al tuo fianco? Non vedi quanto è nero il tuo manto? E non avverti il tuo sangue ribollire nella brama di vedere scorrere altro sangue?»

Il puledro si guardò. Effettivamente quello che diceva quell’ essere poteva essere in parte vero. Il colore del suo manto era nero come la notte buia, o come la pece del più infido inferno, e delle ali pendevano ai suoi fianchi. Ora poteva vederle con chiarezza, come il corno che gli svettava in modo imperioso sulla fronte. Inoltre, sentiva effettivamente il suo sangue ribollire, ma non perché sentisse il bisogno di veder scorrere altro sangue. No! La sola idea lo faceva stare male!

Guardò terrorizzato quegli esseri mostruosi, che incombevano assediandolo pericolosamente vicini, così tanto da poterne percepire l’ alitare mefitico.

Gylldor volse il capo disgustato e in quel momento realizzò che non si sarebbe mai arreso e che non sarebbe mai diventato una creatura del male.

La paura e l’ angoscia gli fecero salire l’ adrenalina a mille e la sua indole mansueta si dissolse come neve al sole. Il puledro avvertì la collera ribollire come un fiume in piena e montare e montare fino a dilagare e impadronirsi della sua coscienza. Ora era pronto a combattere a costo della vita pur di non perdere il bene più prezioso che sentiva di possedere: la sua libertà! Non si sarebbe arreso facilmente alla cattura; non finché avesse avuto un briciolo di energia!

Ma un attimo prima di buttarsi a capofitto contro il primo degli aggressori nella stalla si udì la voce di Mark: « Che succede, Gylldor?»

Percepito il trambusto che gli giungeva dalla stalla e preoccupato per l’ amico, il giovane stalliere aveva lasciato la partoriente per verificare cosa stesse avvenendo, ma non si era ancora accorto della grave minaccia che stava in agguato nell’ oscurità. Mark avanzò di qualche passo in direzione del box in cui aveva lasciato il puledro.

L’ avvertimento emanato da Gylldor gli giunse con un attimo di ritardo: Sta lontano, vattene ragazzo!

Le creature maligne si gettarono d’ istinto sul nuovo venuto e fu con un urlo di raccapriccio che il giovane vide i musi dei suoi aggressori.

Il sangue gli si gelò nelle vene: « Golem?» riuscì a biascicare, ricordando alcune raffigurazioni delle mitiche creature ideate dalla fantasia di qualche estroso autore.

Quello che sembrava il capo degli aggressori scrutò il ragazzo dall’ alto in basso con un’ espressione ottusa, mentre gli si avvicinava per studiarlo meglio.

Qualsiasi cosa siano dobbiamo liberarcene! suggerì Gylldor, buttandosi con furia contro la creatura che minacciava l’ amico.

L’ impatto tra i due fu micidiale e, forse perché il gigante era malfermo sulle gambe, o forse solo per pura fortuna, Gylldor nello scontro ebbe la meglio e riuscì a sbilanciare l’ altro, tanto che tra gli aggressori si creò un varco improvviso. Per qualche secondo quelli rimasero sconcertati, intimoriti dal corno micidiale e dagli zoccoli del giovane unicorno che battevano furiosamente sull’ impiantito. In fin dei conti si trattava di creature ardimentose finché erano compatte e formavano massa, l’ esitazione di una coinvolgeva le altre riducendo il gruppo a un branco di timide pecore. Davanti alla furia di Gylldor esitarono, retrocedendo di qualche passo. Si tirarono indietro per quel tanto che bastava perché il puledro ne approfittasse per lanciare il suo richiamo: Salta in groppa Mark e filiamocela!

Il ragazzo non se lo fece ripetere, e con un unico, agile balzo si mise a cavalcioni del suo amico.

Gylldor si impennò, nitrendo furiosamente verso le sinistre figure, quindi con una spinta di reni poderosa si lanciò al galoppo.

Tieniti forte, Mark!

« Vai, Gylldor! Corri col vento!»

Tra lo sconcerto generale bastarono poche falcate per uscire e allontanarsi dalla scuderia. Ma gli sgherri di Malefico si ripresero in fretta e recuperarono le cavalcature, tanto velocemente, che i due giovani amici ben presto ne sentirono gli ansimi trafelati e i versi disumani alle spalle.

« Cavalcano delle creature alate come te, Gylldor, e sono troppo veloci! Non possiamo farcela!»

Anche l’ unicorno si disperava per come si stavano mettendo le cose. Ma per quanto si sforzasse, per quanto spingesse al massimo le sue falcate, intuì di non avere nessuna possibilità di distanziare gli inseguitori, e quando vide avvicinarsi inesorabilmente un burrone innanzi a sé, capì che la loro fuga era giunta al termine. Tuttavia, era troppo tardi per tornare indietro, ma troppo tardi per fermarsi e per salvare il ragazzo, in effetti era troppo tardi per qualsiasi azione. Il burrone si spalancò improvvisamente davanti a loro, come le fauci di un essere mostruoso pronte a inghiottirli.

Mark lanciò un urlo di terrore e serrò gli occhi per non vedere mentre si aggrappava con tutte le sue forze alla folta criniera. Gylldor, sentì la terra mancargli sotto gli zoccoli e un gran senso di vuoto lo avvinse allo stomaco.

Il terrore ghiacciò il sangue a entrambi e i due rimasero per pochi, interminabili secondi sospesi nell’ aria, quindi accadde un evento straordinario: le ali del puledro si spiegarono come grandi vele al vento, e l’ unicorno si trasformò in una magica e meravigliosa creatura alata.

La brezza sibilò nelle loro orecchie e strapazzò la lunga criniera del puledro solleticando al volto il suo cavaliere.

Gylldor volse il lungo collo all’ indietro con lo sguardo illuminato da una nuova luce: «Apri gli occhi, Mark, e guarda!» gli suggerì, percependo il suo terrore.

Il ragazzo si fece coraggio e, con grande stupore, lasciò che il suo sguardo spaziasse sul mondo sottostante, che grazie alla luce emessa dalla luna era perfettamente visibile.

« Non siamo precipitati! Ce l’ hai fatta! Stai volando, Gylldor!» constatò, estasiato da quella nuova sensazione di totale libertà.

« Sì, mio giovane amico! Stiamo volando!» gli rispose con lo sguardo velato di lacrime.

Le urla degli inseguitori si smorzarono lentamente, fino a che si persero nell’ aria, dietro le loro spalle.

« Bravo Gylldor! Li abbiamo seminati!»

Il pegaso non rispose. Le sue ali si piegavano e si distendevano con un movimento aggraziato e ritmico, e al ragazzo, che ne poteva ammirare dall’ alto la grazia e la sincronia perfetta, suggerivano l’ immagine del volo di un angelo nero. Mark rimase affascinato a guardarne le cadenzate movenze. « Dimmi che non sto sognando!»

« No! Non è un sogno! Stiamo volando!» rispose il pegaso.

Poi, vennero catturati da una corrente calda ascensionale e Gylldor vi si affidò smettendo di battere le ali.

Il puledro non aveva ancora piena dimestichezza col volo e nemmeno conoscenza o padronanza delle correnti, ma agiva d’ istinto e si lasciava semplicemente trasportare, godendosi il volo. Le stelle e la luna sembravano molto vicine.

« Forse se allungo una mano riesco a catturarne una, Gylldor!» esclamò entusiasta Mark. L’ amico sorrise, indulgente e comprensivo. D’ altronde, quello che stavano ammirando era uno spettacolo mozzafiato. Poi i due giovani si lasciarono cullare dalla voce maestosa del silenzio celeste, che li tenne incatenati nella sua malia.

Purtroppo non durò per molto, perché quello stesso silenzio fu rotto dalle voci e dai versi inumani degli inseguitori alle loro spalle. Gylldor nitrì forte la sua paura e il suo avvertimento. Il ragazzo si volse istintivamente, e la visione che gli apparve gli fece accapponare la pelle. Li avevano raggiunti. Per qualche minuto si erano crogiolati nella speranza di avere seminato gli inseguitori, ma non era così! Una decina di creature alate, molto simili a Gylldor, sbattevano freneticamente le loro grandi ali nere, istigate e pungolate dai loro cavalieri, provocando vortici d’ aria impetuosi intorno ai propri corpi possenti. Le bizzarre creature che le cavalcavano ghignavano soddisfatte, evidentemente già sicure di avere la preda in trappola.

E avevano ragione! Il vantaggio dei due fuggitivi andò lentamente ma inesorabilmente a ridursi, finché vennero accerchiati in volo.

Gylldor tentò in qualche modo di sottrarsi alla cattura sgroppando e scalciando ma Mark lo stava cavalcando a pelo e, per non provocarne la caduta, fu costretto a desistere.

« Mi dispiace, Mark. Sono in troppi! Non possiamo evitare la cattura.»

Con un groppo in gola il ragazzo annuì poi posò la sua fronte sulla testa del pegaso in un gesto d’ affetto e di conforto.

Con una manovra spericolata degli inseguitori in contemporanea, i due furono costretti a scendere di quota e infine gli zoccoli del pegaso toccarono nuovamente il terreno.

L’ umore del pegaso mutò nello stesso momento e Mark ne intuì la rabbia e la frustrazione.

Che Gylldor fosse furioso, lo poteva percepire sentendone il corpo, già possente, rabbrividire sotto di sé. La lunga criniera era irta sul collo e sciorinava al vento, le froge fremevano e gli zoccoli scalpitavano, battendo sul terreno e sollevando sbuffi di polvere.

Il puledro stronfiò girandosi più volte e, per la prima volta da quando si conoscevano, il ragazzo ne ebbe timore. Non riconosceva più l’ amico e compagno di tante corse e avventure.

Gylldor si era trasformato in una creatura aliena, sconosciuta e potenzialmente pericolosa. Ma la cosa che più preoccupò Mark era il fatto di essere circondato da almeno una decina di creature simili, cavalcate da altrettanti esseri alieni e terrificanti.

Gli aggressori brandivano lunghe lance dalle punte acuminate e alabarde dalle lame affilate. Indossavano spesse corazze di cuoio articolate. Le teste erano enormi, proporzionate ai corpi imponenti e dalla muscolatura possente. I volti erano grotteschi, del tutto glabri e dallo strano colorito verdastro, come il resto del corpo; gli occhi erano grandi, dorati e sporgenti. Mark rabbrividì guardandoli. Non avevano nulla di umano. Dalle bocche di quei mostri fuoriuscivano due zanne acuminate, dalle punte ricurve e affilate come armi.

Uno degli esseri si avvicinò e afferrò Gylldor per la criniera costringendolo a fermarsi.

Per timore di essere toccato Mark si ritrasse.

« Smetti di girare. Mi fai venire il voltastomaco!» sbraitò la creatura, sputando un grumo di saliva rappreso al lato.

Gylldor nitrì per il dolore e si acquietò all’ istante. Perlomeno, così sembrava.

Nessuno poteva intuire la lotta interna che dovette sostenere per dominare il battito forsennato del cuore e per calmare il respiro affannoso.

« Scendi, Mark, e tornatene alla scuderia» suggerì all’ amico con un sussurro.

« Rimani in sella e non ti muovere!» intervenne il capo delle creature, fulminando con lo sguardo il giovane stalliere.

« Lasciate che il ragazzo se ne vada in pace, lui non ha nulla a che vedere con me!» disse Gylldor nel tentativo di un’ ultima, disperata difesa del suo giovane compagno d’ avventure. Mark scrutò l’ amico con aria stupefatta.

Gylldor parlava e in quel momento si stava prodigando a difenderlo.

Il ragazzo non sapeva in cosa realmente si fosse trasformato, ma unicorno o pegaso, o qualsiasi altra creatura, Gylldor era rimasto lo straordinario essere dal cuore buono che lui aveva tanto amato sul dal primo giorno.

Il destino aveva voluto farli incontrare; due esseri così diversi esteriormente, eppure così simili nei sentimenti.

Ma in quel momento fu il tono sgradevole di un aggressore a risuonare tenebroso e a strapparlo dai suoi pensieri.

« Questo umano verrà con noi! Sarà Zephar a decidere la vostra sorte. Seguiteci e non tentate altri scherzi o colpi di testa. Vivi o morti, vi porteremo davanti al nostro sovrano!»

Mark e Gylldor si scambiarono uno sguardo colmo d’ angoscia e di rassegnazione. « Mi dispiace averti messo in questa brutta situazione, Mark!»

« Non è colpa tua, e comunque siamo amici. Qualsiasi cosa ci prospetta il destino, l’ affronteremo insieme, Gylldor» lo rincuorò il ragazzo prima di essere costretto in malo modo a tacere.

Così, mentre osservava ogni movimento degli aggressori, ebbe anche modo di immergersi nelle sue riflessioni. Prendendo atto dell’ esistenza di una dimensione arcana parallela a quella terrena iniziò a porsi domande sul suo futuro e quello del suo amico.

Chi era quel Signore del male che aveva ordinato il sequestro di Gylldor e quali erano le sue reali intenzioni? Il suo potere doveva essere immenso se riusciva a travalicare i confini irreali tra le due dimensioni. Si poteva contrastare una creatura così tanto potente?

All’ improvviso, come un raggio di sole che squarcia una fitta coltre di nembi, nella mente di Mark apparve il viso incantevole di una fanciulla dagli occhi smeraldo e dalle movenze leggiadre. La ragazza aveva mani delicate e i gesti che faceva lo invitavano a reagire, a non arrendersi. Per qualche istante, estraniandosi dal presente, si perse in quel sogno a occhi aperti e forse sorrise proprio come un ebete, perché uno degli aguzzini, schernendolo, lo pungolò in un fianco con la punta della sua lancia.

Mark sobbalzò, emettendo un gemito di dolore.

I cavalli alati scalpitavano intorno a loro. La brama di riprendere il volo li faceva stronfiare nervosamente, con gli zoccoli che battevano con vigore sul terreno; i loro biechi cavalieri stentavano a trattenerne la foga.

« Muoviamoci!» ordinò lo sgherro e tutti si prepararono alla partenza.

Il cerchio intorno ai due amici si allargò e Gylldor ebbe modo di spiegare le ali. Con una spinta poderosa dei fianchi si alzò in volo, prontamente circondato da un nugolo di cavalli alati.

« Coraggio! Non tutto è perduto! Essere insieme sarà sempre la nostra forza!» riuscì a sussurrare Mark prima di essere presi dall’ impetuoso vortice d’ aria provocato dal movimento sincrono delle innumerevoli ali. Erano talmente numerose che per i prigionieri divenne difficile distinguere i dintorni. Sopra di loro il cielo si estendeva cupo e bigio; il vento che si era rinforzato all’ improvviso ululava fastidioso, scompigliando la lunga criniera dell’ unicorno e i capelli e le vesti del ragazzo, che si aggrappò con tutte le forze al lungo collo del suo amico.

L’ angoscia e l’ incertezza per il futuro gravavano sull’ animo dei due giovani, quando davanti ai loro occhi esterrefatti si aprì una voragine nel cielo plumbeo.

Gylldor d’ istinto si bloccò, sospeso nell’ aria, ma venne immediatamente pungolato dai suoi aguzzini. « Non ti fermare! Continua a volare!»

« Co… Cos’è quel buco nero?» ebbe la forza di chiedere Mark a un componente della scorta. Lo sgherro guardò con sufficienza il ragazzo, quindi si rivolse all’ unicorno: « Come fate a ignorare una cosa del genere? Come credi di essere arrivato in questa dimensione?»

« Non rammento nulla del mio arrivo qui. Forse perché ero troppo piccolo. I miei primi ricordi iniziano alla fattoria» rispose prontamente Gylldor.

« Beh, non starebbe a me spiegarti! E nemmeno ho la pazienza necessaria per farlo. Ti dico solo che quello che vedi è il portale attraverso il quale faremo ritorno nel mondo arcano. Ma ora basta con le domande, volate e fate silenzio!» concluse l’ aguzzino con sguardo feroce.

I due amici tacquero intimiditi. Gylldor continuò il volo cercando di resistere e di contrastare le raffiche che diventavano sempre più violente, tuttavia, quando furono nei pressi dell’ immenso portale, ai due giovani parve di trovarsi davanti a una bocca spalancata pronta a ingoiarli. All’ improvviso, mentre nell’ aria si espandeva un sonoro ruggito, si levò una folata ancor più impetuosa delle altre ed entrambi vennero sospinti verso l’ oscuro ingresso, quindi, risucchiati da una forza sconosciuta, finirono nelle orribili fauci.

Con il fiato sospeso Mark si aggrappò con forza alla criniera, serrando spasmodicamente le gambe attorno al corpo dell’ amico. Gylldor nitrì, opponendo resistenza ma, ben presto, furono circondati dall’ oscurità.

Prigionieri

Affranti ed esausti arrivarono nella dimensione arcana, e nello specifico, nel regno di Zephar il Malefico.

L’ atmosfera era assai pesante, e la densa bruma in cui era avvolto il paesaggio non contribuiva ad alleggerirla. A un tratto la nebbia si dissipò e i due amici scoprirono di star sorvolando una distesa verde e cristallina. Solo in seguito avrebbero scoperto che si trattava del Lago Smeraldo, un vero spartiacque tra i regni di Zephar e della Dama del Bosco.

Ma sia Gylldor che Mark non erano in vena di ammirare lo spettacolo offerto dalla distesa cristallina che si estendeva sotto di loro. Un timore profondo per quello che sarebbe stato il loro destino tormentava i due prigionieri. In modo particolare, era Gylldor che non si dava pace al pensiero di dover essere assoggettato, senza più alcuna volontà.

Chi era e cosa voleva il misterioso Signore del male, sovrano di quei luoghi? Voleva trasformarlo come aveva fatto con le creature alate che li avevano scortati attraverso il portale?

Gylldor rabbrividì per l’ ennesima volta. Gli occhi di quelli che erano stati unicorni come lui lo avevano squadrato con gelo, e il puledro aveva avuto l’ impressione di non essere nemmeno riconosciuto come appartenente allo stesso genere. Aveva tentato un contatto mentale ma la sensazione ricevuta, era stata raggelante. Quelle creature sembravano non avessero un’ anima, una coscienza o forse l’ avevano persa con la trasformazione.

Possibile che fosse condannato a una simile fine lui stesso e che, da allora in avanti, sarebbe stato causa involontaria del male fatto a tanti altri innocenti? Esisteva un modo per evitare quella tragedia?

Durante il breve tragitto compiuto con Mark aveva persino pensato di compiere un gesto insano, estremo. Smettere semplicemente di volare, lasciandosi cadere così, nel vuoto. Ma non aveva potuto mettere in atto il suo proposito suicida. Mark era con lui e mai e poi gli avrebbe provocato del male. Non era nella sua natura privare un altro essere della possibilità di vivere. E allora?

Ma ormai erano giunti al lungo viale che immetteva all’ ingresso del palazzo reale, e Gylldor tornò al presente. Tormentato da una miriade di dubbi si ripromise con ferrea determinazione di stare sempre all’ erta, accorto e pronto a cogliere ogni minima possibilità di fuga almeno finché non lo avessero privato della possibilità di pensare e di agire con la sua testa. Forte di questa grande risolutezza, si apprestò dunque ad affrontare i nuovi e tragici eventi.

La notizia del loro arrivo era giunta molto prima, e lungo l’ ampia strada alberata si erano assiepate due folte schiere di sudditi indemoniati. Gente che un tempo era stata pacifica ma, con l’ arrivo del nuovo sovrano, si era trasformata. Con l’ animo segnato e plagiato da innumerevoli angherie, dalle violenze e dai soprusi subiti da quando il tiranno era salito al potere. I più esagitati e quelli con l’ animo più esacerbato si erano messi in prima fila, pronti a rivalersi sui due nuovi arrivati.

Il corteo di guardie sulle creature alate, con i prigionieri stretti al centro, percorse al piccolo trotto il viale alberato, e le grida di giubilo della miriade di sgherri, schierati a trattenere la folla, furono annullate da quelle più altisonanti di scherno e di minaccia.

Sui due amici iniziò una pioggia di oggetti vari: verdura, uova e frutta marcia, nel migliore dei casi, ma in aggiunta arrivò a segno anche qualche pietra. Le guardie non fecero nulla per impedire l’ umiliazione, limitandosi a ripararsi dietro i loro scudi e ad accelerare il passaggio del piccolo corteo verso la residenza reale.

“ Perché tanta crudeltà? E soprattutto perché ce l’ hanno con noi?” si domandò Mark, cercando di ripararsi alla meglio dalla pioggia di proiettili morbidi e duri che piovevano da tutti i lati.

Il ragazzo ignorava che per la delusione e la frustrazione dovute all’ esito infruttuoso della loro ricerca, sia il sovrano che gli sgherri avevano infierito contro la gente comune. E il benvenuto che la folla stava riservando loro era solo la logica conseguenza del tanto male subito.

Per Mark e Gylldor fu un’ esperienza traumatica e ne uscirono segnati fisicamente e psicologicamente.

Scortati da alcune guardie con passo marziale, fianco a fianco, attraversarono la sala del trono tra due ali di cortigiani dagli sguardi truci e dall’atteggiamento scostante, quindi furono obbligati a inchinarsi davanti al sovrano.

Zephar, dal canto suo, gongolava. Aveva adocchiato da lontano la fiera figura dell’ unicorno, che già prometteva di diventare imponente, superando di una buona spanna la mole delle altre cavalcature. “ Ho fatto bene a insistere per averlo!” si congratulò tra sé, non smettendo mai di studiare il puledro. “ Ha sangue reale nelle vene, e si può percepire nella stazza, nell’ eleganza e nella postura. Diventerà il numero uno delle mie scuderie” concluse con orgoglio, alzandosi.

I cortigiani osservavano con attenzione il bel volto del sovrano aspettandosi di leggervi soddisfazione per il felice esito della missione sulla Terra, tuttavia rimasero delusi: nessun muscolo si muoveva, nessuna emozione trapelava dal viso di Zephar.

Il tiranno scese i gradini, ordinando con gesto secco di lasciare spazio. Gli sgherri si allargarono, cosicché il sovrano ebbe l’ agio di osservare i prigionieri da vicino. Il sovrano sovrastava di tutta la testa il prigioniero e Mark si trovò costretto ad alzare il volto per guardarlo ma se ne pentì all’ istante. In quelle iridi nere, come la notte più tragica e oscura, si sentì annegare.

Il ragazzo smarrì l’ ultima briciola di coraggio rimastagli e tentò di sfuggire guardando altrove, ma ebbe l’ impressione che un legame invisibile lo tenesse ancorato a quella temibile essenza. Doveva essere una creatura sovrannaturale quella che lo stava scrutando poiché si sentì scandagliare e perforare l’ anima. Per qualche istante, soggiogato dalla prestanza di quella figura dall’ apparenza divina e onnipotente, rimase inerte e privo di volontà.

“È un demone!” sentì una voce trascinarsi rauca e sgradevole dilagare nella sua mente e nella sua coscienza, ma subito dopo si rese conto che erano le arpie rinchiuse nell’ enorme gabbia situata accanto al trono a gracchiare un po’ sottotono. “È un demone, un demone, un demone!” ripeterono in coro, trascinando le ultime lettere. Quella tonalità era gracchiante e strideva sulla pelle come unghie affilate sui vetri.

Il sovrano si volse a guardarle e sorrise: « Ti piacciono le mie amiche, ragazzo? Non esiste la loro razza nella vostra dimensione, vero?»

Mark sbarrò gli occhi. La voce del demone era profonda e imperiosa e si adattava perfettamente alla sua stazza imponente.

A Zephar non era sfuggito la smorfia di ribrezzo e di orrore del prigioniero: « Non ti piacciono? No? Peccato, perché tu a loro piaci molto!» disse con un ghigno.

I rostri di una decina di semi- uccelli antropofagi sbatterono con uno schiocco sonoro, sinistro e gli occhi, fissi su di lui, lampeggiarono di bramosia.

Il ragazzo rabbrividì!

Gylldor percepì lo smarrimento dell’ amico e volse il capo, tentando di rassicurarlo.

Zephar rise di gusto poi rivolse la sua attenzione all’ unicorno.

« Finalmente!» bisbigliò intento, carezzando il manto lucido e la folta criniera soffice di Gylldor. Poi gli si pose davanti, tastando la muscolatura dei fianchi e del collo con movimenti esperti.

Il puledro rabbrividì per la repulsione provocata da quel contatto e tentò di sottrarsi, ma i modi del sovrano si fecero ancora più autoritari e Gylldor, trattenuto con perfidia alla criniera, dovette sottostare. Dalla sua gola fuoriuscì un nitrito di ribellione che Zephar ignorò, costringendo l’ unicorno a spalancare le froge, e Mark, riacquisiti un minimo di coraggio ed energia, si lanciò in suo aiuto.

Inutilmente uno sgherro tentò di bloccarlo. Il ragazzo sgusciò via liberandosi dalla presa e proiettandosi contro Zephar: « Lascialo stare! Non ti permetterò di fargli del male!» urlò con tutte le sue forze, ed era quasi sul punto di aggredire il sovrano quando questi, intento a guardare la dentatura di Gylldor, si volse con un unico movimento fluido e afferrò brutalmente il ragazzo per la gola, sollevandolo di parecchi centimetri da terra, come se non avesse peso.


continua...


Vivì 09/08/2021 06:51 1 471

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di VivìPrecedente di Vivì

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Povero Mark... il giovane ragazzo non ha nessuna intenzione di abbandonare il suo amico, il bellissimo unicorno... L’amicizia tra Mark e Gylldor non è stata messa in discussione... i due per non separarsi sono stati risucchiati fino alle terre del Male... e adesso devono vedersela con il terribile Zephar, il malefico signore e capo supremo del male. Riusciranno ad uscire indenni? Penso che la dama del bosco, regina del regno del bene, riuscirà ad aiutarli... e con lei entrerà in scena la bellissima Chrissel, la Silfide che già una volta ha salvato la vita al piccolo unicorno...
Anche in questo episodio sembra di vedere ciò che succede... complimenti...»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Sempre più coinvolgente...un abbraccio (Giacomo Scimonelli)



Vivì ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieSan Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 110 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Vivì:
Vivì
 I suoi 84 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Chico l’ornitorinco che non sapeva nuotare (11/02/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Marilù e il regno delle nuvole (13/04/2022)

Una proposta:
 
Cicerone Latino e le Sette Meraviglie del Mondo antico (10/02/2022)

Il racconto più letto:
 
Il rapimento di Babbo Natale (11/12/2011, 6767 letture)


 Le poesie di Vivì

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2023 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it