2892 visitatori in 24 ore
 171 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2892

171 persone sono online
Autori online: 5
Lettori online: 166
Poesie pubblicate: 354’197
Autori attivi: 7’538

Gli ultimi 5 iscritti: Matteo Borghetti - MichaelNoisk - Lorenzo Moffa - Marianna Libera Prencipe - Evelyndyday
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereFranciscofp Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privatoClub ScrivereSilvia De Angelis Messaggio privatoClub ScrivereDuilio Martino Messaggio privatoClub ScrivereFranca Merighi Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Ali candide nel cielo (9a parte)

Fantasy

La luna nera

Mark, poco distante, aveva assistito alla scena e aveva colto lo sguardo penetrante che il sovrano aveva lasciato scorrere sugli spettatori più vicini alla biga per soffermarsi infine, ma solo per un istante e con aria indifferente, sull’ elegante figura femminile.

Il ragazzo si era subito allarmato. Ma come fare per avvertire la Dama del bosco del probabile pericolo?

La gente, eccitata dal nervosismo dimostrato dal principe degli unicorni, aveva percepito il fiume di violente emozioni represse, e forse desiderato il verificarsi di qualche evento non previsto e spettacolare. La delusione che serpeggiò fu quasi tangibile. Le persone si mossero in modo convulso, a scatto, cercando di non perdere di vista la biga e seguendola, così il ragazzo venne sospinto e trascinato fino a perdere di vista lui stesso, nella confusione, l’ azzurro mantello della dama.

Come Mark, anche Silvestre venne trascinata via, lontana dal corteo reale, troppo distante anche per tentare una nuova connessione mentale con i suoi protetti.

Gylldor e Alyser avvertirono il vuoto di quel distacco e si scambiarono un’ occhiata carica di apprensione. Si era nel primo pomeriggio e il sole era ancora alto, le ore di luce avrebbero dovuto essere ancora molte. Eppure, stranamente, la luna piena aveva già compiuto una completa evoluzione in cielo e aveva quasi raggiunto il sole, che splendeva come un diamante dopo aver appena superato lo zenit. Ma nonostante lo splendore del sole, le lunghe ombre d’ un crepuscolo assai precoce già avviluppavano i dintorni.

Che cosa stava avvenendo? Dal basso sembrava quasi che dovesse accadere uno scontro titanico tra i due astri, e la gente iniziò a guardare con sospetto e timore il cielo di un blu tendente all’ indaco, davvero insolito per quell’ ora.

I tamburi, che precedevano la processione, annunciarono l’ arrivo nell’ arena, allestita apposta per la manifestazione, e i trombettieri, in attesa di quel segnale sugli spalti, ne rilanciarono l’ avviso con un altisonante squillare. Gli spettatori, distratti dal suono, dimenticarono la preoccupazione e si alzarono all’ unisono in attesa della comparsa del corteo.

L’ arrivo degli alabardieri nelle loro corazze lucenti e con il loro meccanico passo marziale venne accolto con lo scrosciare di un applauso entusiasta, ma quando la biga reale spuntò dalla galleria che immetteva nell’ arena, nello stadio risuonò una grandiosa ovazione.

La figura del sovrano alla guida delle due creature alate era spettacolare. Zephar alzò il braccio sinistro per un saluto alla folla, mentre con il destro teneva le redini. Le arpie, spaventate dal rumore assordante, frullarono le ali e gracchiarono nervose, spaventando gli spettatori più vicini.

Seguito da due carri di scorta, il re guidò al piccolo trotto la pariglia di pegasi nel centro della pista, quindi si fermò e si concesse uno sguardo soddisfatto abbracciando in modo circolare gli spalti gremiti di spettatori entusiasti e godendosi il suo momento di trionfo. Quel giorno erano in programmazione varie sfide: gare di agilità, di velocità e di forza. Corse equestri e incontri di lotta e di armi a cui anche il re avrebbe partecipato per dimostrare la propria supremazia.

Malefico si era preparato da mesi all’ evento, e mentre scrutava tra la folla, era convinto di non avere rivali. La sua attenzione si posò poi su una fila di uomini schierati in attesa, seminudi e dal fisico possente. I volti granitici e impassibili dei guerrieri sostennero lo sguardo del sovrano senza dimostrare timore o soggezione.

“ Dei veri gladiatori!” pensò “ Ma ognuno di loro perderà l’ arroganza tanto ostentata!” concluse con un ghigno.

In quel momento i trombettieri emisero un ultimo e breve squillo di tromba, e nello stadio le urla scemarono fino a ridursi a un brusio, e infine a un silenzio carico di attese. Il re poté così iniziare, con voce stentorea, il suo proclama: « Miei sudditi, noto con piacere come tutti i miei sforzi per rendere piacevole questa giornata di festa siano stati apprezzati. Tutti quanti voi sapete quanto io tenga al benessere fisico e mentale del mio popolo.» Quest’ ultima affermazione venne salutata con versi d’ imbarazzo provenienti da vari punti e perciò identificabili.

Zephar si limitò a freddare con un’ occhiata malevola la vasta platea, quindi proseguì: «È per questo motivo che mi sono preso l’ impegno di organizzare questa manifestazione, che continuerà con le prossime sfide e che vedrà il suo epilogo con il grande banchetto collettivo allestito nelle vie, al quale siete tutti invitati. Desidero che la fama della mia magnanimità oltrepassi i confini del regno e che giunga alle orecchie di tutti i sudditi dei reami limitrofi.» Dagli spalti si levò un brusio di compiacimento, e Zephar lasciò fare, approfittando di quei momenti per scrutare i volti che lo circondavano.

La sua attenzione si soffermò ancora una volta su un’ esile figura femminile avvolta in un ampio mantello, poi passò oltre.

Silvestre, a sua volta intenta a cercare Mark tra la folla, non s’ accorse nemmeno dello sguardo del sovrano.

Il ragazzo, che l’ aveva individuata già da vari minuti, tentava di attirarne l’ attenzione, senza tuttavia riuscirci. Ancora una volta aveva intercettato lo sguardo malevolo che il sovrano aveva riservato alla dama, ma non sapeva come avvertirla.

All’ improvviso, le cose precipitarono senza che Mark potesse intervenire. Il ragazzo vide il pericolo avvicinarsi alle spalle della dama e fu costretto ad assistere sia all’ assalto delle guardie del re che alla conseguente cattura di Silvestre.

Impotente, Mark la vide trascinare via, quindi la perse di vista. Anche Gylldor ed Alyser assistettero inorriditi alla cattura.

Taresh e Norok avevano afferrato per le braccia la fata e la trasportavano attraverso gli spalti gremiti di gente. Non potendo sottrarsi alla presa brutale dei due giganteschi sgherri, Silvestre si ripromise di risparmiare le forze per un’ occasione più favorevole e si concentrò invece sul lanciare un messaggio mentale. “ Mark, dove sei?”

Il ragazzo avvertì il richiamo insinuarsi deciso tra i suoi pensieri e rispose: “ Sono qui alla tua destra, mia signora.”

Silvestre, consapevole di avere gli occhi del Malefico puntati addosso, non commise l’ errore di voltarsi denunciando quindi la presenza del ragazzo, ma continuò a guardare con aria di sfida la figura del Malefico.

“ Tieniti pronto! Abbiamo bisogno del tuo aiuto!”

“ Ma cosa posso fare io da solo? Lo stadio è pieno di guardie!”

“ Ricordi l’ ampolla che Chrisell ti ha affidato? Si tratta di un potente talismano in grado di cristallizzare il tempo e immobilizzare tutti i presenti. Basterà che tu ne evochi il potere amalgamandone il liquido e spargendolo intorno, ma ricorda, hai una sola possibilità. Devi farlo al momento giusto!”

Mark, sopraffatto dagli eventi e dalla responsabilità, tentò una debole obiezione: “ Ma signora…”

Lei lo interruppe: “ Non c’è più tempo per i dubbi e le domande. Siamo nelle tue mani. Ora tutto dipende da te!”

Il messaggio della dama si perse in un labile sussurro nella mente di Mark, poi fu solo devastante silenzio. Ancora provato dall’ incertezza e dalla paura, il suo sguardo si puntò al centro della pista, sulla biga reale, e lì intercettò quello di Gylldor.

“ Non stare lì impalato! Se vuoi renderti utile devi avvicinarti alla pista!”

Il ragazzo stentò a riconoscere in quella voce cavernosa il suo migliore amico. Gylldor sembrava irrequieto, e scalpitava e stronfiava come mai prima. Tuttavia, non era solo il pegaso a essere nervoso. Le lunghe ombre della sera lambivano grandi porzioni dello stadio, e la gente, sconcertata dal precoce crepuscolo, iniziava a rumoreggiare.

“ Che ti succede, Gylldor?” domandò preoccupato, seguendo quatto la direttiva del puledro. Ma Gylldor non rispose, e Mark, avvicinandosi, scoprì che il suo corpo era scosso da brividi inconsulti e che guardava in alto con occhio inorridito. Proprio là, dove la luna stava per incontrarsi con il sole e iniziava ad assumere una tinta rossastra.

Mark rabbrividì a sua volta. Che strano fenomeno stava per verificarsi nel cielo? E quel rosso era forse un cattivo presagio? Stava forse a significare il sangue delle innumerevoli vittime del Malefico?

“ No! Si tratta solo di superstizione. Lassù non accadrà nulla di catastrofico!” si disse per tranquillizzarsi “ Il vero dramma si verificherà qui sulla terra, se non mi muovo.”

Mark, nonostante la terrificante immagine balenata tra i suoi pensieri, proseguì fino ad arrivare ai limiti della pista, e lì si acquattò, nascondendosi alla vista.

Mentre l’ agitazione aumentava tra gli spalti contagiando buona parte del pubblico, il fenomeno astrale proseguiva nel suo percorso e l’ oscurità s’ infittiva.

Zephar stesso ne era rimasto interdetto. Un’ eclissi non era una novità per lui, ma quella che si stava verificando era di proporzioni enormi, e non era mai accaduta prima: la luna si era tinta di un incredibile cremisi, e la notte incombeva quando avrebbe dovuto essere ancora la luce a farla da padrona.

“ Tra poco sarà buio pesto!” pensò preoccupato.

« Che siano accese tutte le torce!» ordinò agli inservienti più vicini lanciando occhiate ansiose sulla gente che rumoreggiava. Poco prima, qualche spettatore aveva anche tentato di alzarsi per abbandonare lo stadio, ma per evitare che dilagasse il panico, le guardie lo avevano impedito con estrema decisione.

« Per quanto tempo credi di poter tenere a bada la paura di questa gente?»

Il suono di quella voce soave lo costrinse a voltarsi, e Malefico si ritrovò ad affogare nelle iridi color smeraldo di Silvestre.

La dama era tenuta avvinta per le braccia dai due giganti, e Zephar avvertì una morsa di gelosia per quel contatto.

« Lasciatela!» ordinò avvicinandosi « E conducete qui l’ altra prigioniera!»

Taresh esitò: « Sire, questa creatura possiede poteri inimmaginabili. Non credo sia prudente...»

Zephar lo fulminò con lo sguardo « Credi davvero che il tuo sovrano sia un novellino? Va ed esegui gli ordini!»

Solo quando i due sgherri lasciarono la pista, il sovrano si avvicinò alla prigioniera: «È opera tua questo prodigio?» domandò indicando il cielo mentre il sospetto prendeva campo nella sua mente.

La Dama del bosco sorrise divertita, tuttavia pensò fosse bene non smentire.

« Hai davvero una grande considerazione della mia magia, ciò nonostante non la temi!» « Sono il Signore di queste terre e non temo nessuno!» gli rispose lui inanellando una delle ciocche seriche di lei tra le dita. « Come vedi, nonostante la vastità delle tue conoscenze arcane, sei qui, mia prigioniera.»

Silvestre si scostò, sorpresa e stizzita. Sebbene tentasse di dominarsi, la sua voce tremò leggermente d’ indignazione: « Sta attento, Zephar! Forse sarà proprio la tua arroganza a portarti alla perdizione!»

Mentre aspirava il profumo emanato dalla pelle di lei, Malefico non poté fare a meno di sorridere a sua volta: « Sei coraggiosa, amica mia. E se davvero sei tu l’ artefice di questo fenomeno grandioso, devo riconoscere in te un’ avversaria temibile.»

« Non toccarla!» L’ urlo di Gylldor attirò l’ attenzione del pubblico.

Il pegaso strattonò le redini e si sollevò sulle due zampe anteriori scalciando l’ aria come impazzito. Gli zoccoli tonfarono pesantemente, sollevando un polverone dall’ impiantito. « Non sei degno di starle vicino!» aggiunse indignato, strattonando ancora con violenza i finimenti che lo tenevano costretto alle spranghe della biga.

Le lunghe ali nere tentarono di aprirsi, frullando inutilmente per via dello spazio insufficiente. Alyser, al suo fianco, assisteva impotente. Invano tentò di spostarsi, perché i movimenti frenetici del compagno le facevano sbattere la spranga sul fianco e sulle ali. Gylldor sembrava aver perso il lume della ragione, e la giumenta temette per la propria incolumità.

Le arpie, rimaste immobili a osservare, gracchiarono in modo minaccioso, quindi si sollevarono, iniziando una danza intimidatoria intorno ai pegasi e protendendo i temibili artigli, quasi a volerne ghermire le teste.

Gylldor fu costretto a ritrarsi.

In quel momento, sulla pista arrivarono i due sgherri trascinando Chrisell, come non avesse peso.

« Bene! Si può dire che adesso siamo al completo!» esclamò il sovrano.

Silvestre osservò con compassione l’ eterea creatura. Il viso della silfide appariva ancora più emaciato, e lei avvertì una stretta al cuore. “ Mia povera, piccola Chrisell.”

Chrisell sollevò lo sguardo, tenuto basso fino a quel momento. Le lacrime ne velarono le iridi verdi facendole apparire come due trasparenti laghi montani: “ Perdonami, mia signora. Non sono riuscita a portare a termine il mio compito.”

“ No! Sei tu che devi perdonarmi. Sono io che ho sbagliato. Non avrei dovuto addossarti tutta questa responsabilità, ma soprattutto non avrei dovuto sottovalutare l’ astuzia di questo demone.”

Seccato dal prolungarsi del silenzio e subodorando un dialogo segreto tra le due creature magiche, Zephar s’ interpose, stroncando qualsiasi comunicazione: « Ora basta tramare alle mie spalle!» esclamò stizzito afferrando la dama per allontanarla dalla silfide.

Silvestre fece una smorfia di dolore, e Gylldor tentò di scagliarsi in sua difesa, trattenuto a viva forza da alcuni sgherri e minacciato dalle arpie.

« Ti consiglio di stare fermo, principe degli schiavi, se ci tieni alla vita!»

« Non mi fai paura, demonio, e se fossi davvero un valoroso, mi affronteresti alla pari! Ma sono convinto che non lo farai, perché sei soltanto un pagliaccio che esibisce insegne reali senza averne il diritto e l’ onore.»

La gente intorno mormorò allibita. Non era mai accaduto prima che un pegaso si ribellasse e sfidasse il Signore del male. Come avrebbe reagito Malefico?

Zephar era rimasto basito. Per fortuna le fiamme che incendiavano le torce colmavano di riverberi anche il suo volto, donandogli un certo colorito, altrimenti il popolo avrebbe percepito dal pallore la sua incertezza, interpretandola addirittura come viltà.

Taresh aveva osservato con stupore la reazione del suo sovrano e ne era rimasto allibito. Zephar sembrava soggiogato dalla bellezza della Dama del bosco e dalla regalità dirompente che emanava quel pegaso.

Il gigante si mosse a disagio, e rompendo il silenzio, si fece avanti: « Ordina, mio signore, e la vita di questo arrogante finirà tra mille tormenti.»

« No!» Ora l’ ira di Malefico era palese, nella postura rigida come nei pugni contratti. I muscoli delle mascelle si contrassero ripetutamente, mentre cercava di controllarsi. Dopo aver respirato a fondo alcune volte, il sovrano finalmente si mosse: « No!» ripeté « Tocca a me soltanto lavare l’ onta di queste ingiurie. Tu fai sgombrare l’ arena. Voglio che tutti vedano come si difende un re!»

Taresh tirò un sospiro di sollievo. Quello era l’ uomo che aveva conquistato a viva forza il suo regno sconfiggendo una marea di pretendenti, e che lui aveva sempre ammirato per il coraggio e la determinazione.

« Mio signore!» esclamò, battendosi il petto con un pugno e indietreggiando.

« Libera il pegaso!» ordinò Zephar.

Gylldor emise un nitrito di soddisfazione: finalmente era giunto il momento di prendersi la sua rivincita. Taresh lo liberò dai finimenti e dalle stanghe laterali, quindi, dopo aver afferrato Alyser per la cavezza, si allontanò dalla pista trascinandosi dietro la riottosa giumenta.

Il principe degli unicorni, finalmente libero, scalpitò per l’ emozione, poi si volse verso Malefico, già pronto alla lotta, e che nell’ attesa faceva schioccare in aria la lunga frusta. « Quando avrò finito, e se ne rimarrà abbastanza, userò la tua pelle come zerbino, schiavo!» « Prima però, mi devi prendere» lo derise Gylldor, schivando la prima sferzata.

Poi, non ci fu più tempo per aggiungere alcunché. La situazione degenerò in pochi istanti. L’ ultimo raggio di sole scomparve dietro il disco lunare e il cielo divenne completamente buio. L’ eclissi era totale. Il corpo di Gylldor fu scosso da una serie di tremiti incontrollabili. Il pegaso emise un lungo nitrito di dolore. La trasformazione era giunta al culmine. Le ali si aprirono senza alcun controllo, le zampe pestarono ripetutamente il terreno, indietreggiando. Gli occhi sbarrati della creatura alata ne denunciavano lo smarrimento e la sofferenza; poi, così come il sole, il suo sguardò si velò, e per qualche istante Gylldor perse il senno. Solo quando il dolore divenne sopportabile si guardò intorno, smarrito. Cos’ era tutto quel clamore, e cosa ci faceva lui in mezzo a quella pista? Chi era quell’ uomo che brandiva la frusta e lo minacciava?

Gylldor non riconobbe Malefico, né tanto meno la dama e la silfide trascinate ai bordi dell’ arena e trattenute a viva forza dagli sgherri.

Chi erano tutte quelle persone che lo guardavano con apprensione. Nella mente i pensieri e le immagini del suo recente passato si confondevano, sovrapponendosi gli uni alle altre e portandolo in uno stato confusionale.

Un nuovo schiocco sonoro della sferza risuonò nell’ aria riportandolo bruscamente al presente. Il pegaso indietreggiò, tuttavia non riuscì a schivare il colpo che seguì. Il bruciore sulla pelle fu lancinante. Gylldor scosse la testa e nitrì. La collera gli annebbiò la vista.

« Che ti succede, principe degli schiavi? Hai perso tutta la tua baldanza?»

Gylldor mostrò la temibile dentatura, quindi scattò in avanti, catapultandosi contro la figura che lo insidiava.

Proprio in quel momento Mark, pur tenendosi basso, sotto la balaustra, si mosse per raggiungere la pista, tenendosi pronto a intervenire.

Malefico, muovendosi in modo fulmineo, scartò il primo attacco della creatura alata, poi, ancor prima che l’ altro fermasse la sua folla corsa, fece sibilare nuovamente la lunga frusta, riuscendo a colpirlo nei quarti posteriori. Gylldor trasalì, il suo bel manto lucido si striò di sangue.

Gli spettatori esultarono, nello stadio risuonò un boato. Il pegaso esitò, e Zephar ne approfittò per impugnare uno dei giavellotti preparati per uno dei tornei previsti in giornata.

“ Ora basta! “ pensò “È davvero un peccato sacrificare una creatura di tale bellezza, ma il seme della ribellione deve essere estirpato prima che attecchisca e metta radici ovunque. “

Il sovrano prese la mira, quindi scagliò con violenza la lancia: « Muori, principe degli unicorni!»

Il giavellotto si sollevò, puntando in alto e sibilando.

Gli sguardi degli spettatori ne seguirono la traiettoria, ma, proprio in quel momento, il tempo si cristallizzò, e tutto lo stadio rimase immobile. Persino la lancia rimase a mezz’ aria. Mark rimase basito a osservare il risultato causato dal suo intervento.

Si era accorto del pericolo mortale che stava correndo il suo amico, e aveva impugnato l’ ampolla di cristallo donatagli da Chrisell, quindi ne aveva amalgamato il contenuto spargendolo intorno a sé in un cerchio che lo escludeva e, in un lampo abbagliante, tutto si era fermato, come in un fotogramma.

Anche i suoi tre amici erano rimasti coinvolti nell’ incantesimo, e Mark si disperò. Cosa doveva fare ora? Gli rimaneva pochissimo tempo, forse solo una manciata di secondi, come gli aveva ricordato la dama.

Seppur con l’ animo oppresso dai dubbi e da un cattivo presentimento, Mark si avvicinò al pegaso: « Gylldor, amico mio, mi senti?»

Immobilizzato in una posa statica, come una statua di onice, la creatura alata aveva un aspetto inquietante.

La magia dell’ ampolla l’ aveva sorpreso con le ali dischiuse, un’ espressione truce e il passo da carica. Gylldor digrignava la temibile dentatura come se volesse mordere il mondo intero. Il lunghissimo corno emanava bagliori sinistri, e Mark rabbrividì. Di fronte all’ imponenza della creatura, si sentì minuscolo.

« Gylldor!» chiamò ancora, mentre la disperazione iniziava a farsi strada nel suo animo. Mark non seppe spiegarsi se lo intimoriva di più il silenzio raggelante che regnava nello stadio o la luce ferina che brillava negli occhi del pegaso.

Ma la soggezione del giovane stalliere durò il tempo di un battito di ciglia: « Cosa fai lì impalato? Sbrigati, ragazzo, salta in groppa prima che la magia si esaurisca.»

« Ma tu…»

« Le spiegazioni a dopo… sempre che ne avremo la possibilità. Dobbiamo liberare Alyser e le creature silvane.»

Senza indugiare oltre, Mark si aggrappò alla criniera: « Scusa» mormorò, dandosi uno slancio per montare.

Gylldor sbruffò, ma non protestò, e con un trotto veloce raggiuse Alyser e le altre dall’ altro lato della pista. La giumenta sembrava incosciente, tuttavia bastò un deciso tocco del muso per farla riprendere.

« Gylldor… Mark… ma che è successo?»

« Dopo ti spiego!» tagliò corto il pegaso « Dobbiamo andare! Sbrighiamoci! Tu ti occuperai di trasportare la dama, mentre io penserò ai ragazzi.»

Alyser non ebbe nemmeno il tempo di replicare che Gylldor già si dirigeva verso le prigioniere.

Chrisell e la dama erano ancora sotto l’ effetto dell’ incantesimo, eppure lo sguardo di Silvestre era vigile e autoritario. Gylldor sfiorò entrambe con il muso e le due giovani donne si ripresero.

« Affrettiamoci!» ordinò la dama riacquisendo il senno all’ istante e montando con agilità in groppa ad Alyser, mentre Mark allungava una mano per aiutare la silfide a sedersi dietro le sue spalle. La delicata creatura gli cinse le braccia intorno alla vita, e quel contatto scatenò un parapiglia nel cuore del ragazzo, facendolo rabbrividire.

In pochi istanti le ali dei due pegasi si spiegarono, quindi la magnifica coppia si alzò in volo. Ma proprio in quel momento lo stadio intero si destò da quel magico torpore, e dagli spalti si propagò un lungo brusio di sorpresa.

continua...


Vivì 09/10/2021 20:05 1 62

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Vivì

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Scene bellissime ... Una descrizione perfetta di ogni singolo avvenimento... Il lettore si ritrova dentro il racconto... Sembra di assistere in prima persona allo scontro finale... La trasformazione finale di Gylldor arriva al momento giusto... I cinque amici, i due pegasi, la silfide, Mark e la regina del bene, riusciranno a sfuggire? Sembrerebbe di sì... ma per la certezza si dovrà aspettare il prossimo episodio...»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Magnifico episodio... Serena domenica, Vivì... (Giacomo Scimonelli)



Vivì ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieSan Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 110 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Vivì:
Vivì
 I suoi 84 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Chico l’ornitorinco che non sapeva nuotare (11/02/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Ali candide nel cielo (9a parte) (09/10/2021)

Una proposta:
 
Ali candide nel cielo (9a parte) (09/10/2021)

Il racconto più letto:
 
Il rapimento di Babbo Natale (11/12/2011, 6178 letture)


 Le poesie di Vivì

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2021 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it