4299 visitatori in 24 ore
 200 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4299

200 persone sono online
Autori online: 15
Lettori online: 185
Poesie pubblicate: 322’412
Autori attivi: 7’358

Gli ultimi 5 iscritti: Iacopone - SabrinaPfeil - Maddalena Corigliano - emanuele serafini - Marco Miserini
Chi c'è nel sito:
♦ paolo corinto tiberio Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privato ♦ Maddalena Corigliano Messaggio privato ♦ Antonella Dadone Messaggio privato ♦ Cristiano De Marchi Messaggio privatoClub ScrivereMidesa Messaggio privato ♦ Massimiliano Zaino Messaggio privatoClub Scriveresergio garbellini Messaggio privato ♦ Caterina Viola Scimeca Messaggio privato ♦ massimo turbi Messaggio privato ♦ Sanzi Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privatoClub ScrivereGiacomo Scimonelli Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privatoClub ScrivereLuciano Capaldo Messaggio privato
Vi sono online 7 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

La cecitą delle talpe

Sociale e Cronaca

L'unione della gente si limita ai propri nuclei di appartenenza familiare e a volte nemmeno a quelli. Ognuno va per la sua strada senza guardare in faccia nessuno.

Si pensa solo ai propri interessi, si tira acqua al proprio mulino, si scaricano barili e patate bollenti.

La collettività è diventata uno slogan di propaganda politica, un ideale lontano come un miraggio. Siamo così attaccati a ciò che abbiamo di materiale e statico che il solo pensiero di perdere qualcosa ci manda nello scompiglio. Gli approfittatori e gli arrampicatori sociali non mancano mai: sarebbero disposti a fare lo scalpo a qualcuno pur di ottenere quello che vogliono.

Una fame insana, malata di potere e conquista, fa si che le persone non si guardino più attorno, è come se procedessero con il paraocchi, tutte spinte dall'avidità, da una sete innaturale di folli ambizioni che fan si che ai deboli restino gli avanzi.

Per pulirsi la coscienza, di tanto in tanto si fanno buone azioni, si manifesta finto buonismo, ma in verità, lavata ogni lordura, ci si attacca a desideri stupidi come quello di potersi permettere un capo firmato e alla fine ci si ritrova ad avere armadi pieni di vestiti che dopo essere stati indossati solo qualche volta, vengono lasciati alla polvere.

Viviamo di capricci, di vizi e per non sentirci dei diversi, cerchiamo di ottenere tutto quello che hanno gli altri; così ci massifichiamo, ci sentiamo uguali ai nostri simili, crediamo fermamente di non avere nulla da invidiare al prossimo dirimpettaio, ci integriamo al cosmo seguendo come pecore la scia creata da quelli che con l'inganno ci hanno fatto credere che il giusto modo di vivere sia quello che viviamo; mentre invece, tutto questo stile, questo grande sogno di avere, di possedere, di sentirci importanti, la convinzione di essere migliori di altri, non fa altro che dividerci e allontanarci, come sponde che non trovano una congiunzione di ponti o la risoluzione dei problemi.

Attorno, il fiume nel quale un tempo ci si poteva fare il bagno assieme, è stato prosciugato, saccheggiato, depredato, deturpato e sfigurato dagli anni dello scempio assoluto.


Giuseppe Morelli 02/07/2011 10:04 445

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Giuseppe MorelliPrecedente di Giuseppe Morelli

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Parole sante! (Ma questa č la borghesia!) (Antonio Terracciano)



Ritratto di Giuseppe Morelli:
Giuseppe Morelli
 I suoi 23 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Non č cambiato quasi niente (04/04/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Come una nota stonata (21/05/2017)

Una proposta:
 
Come una nota stonata (21/05/2017)

Il racconto più letto:
 
In bilico (30/11/2013, 8714 letture)


 Le poesie di Giuseppe Morelli

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it