9740 visitatori in 24 ore
 704 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 9740

704 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 703
Poesie pubblicate: 360’081
Autori attivi: 7’491

Gli ultimi 5 iscritti: Capodiferro Egidio - Mannino Nunziata - caterina canavosio - Pasquale Caputo - Alma7Spes3Gioia
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereAntonietta Angela Bianco Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

“Il gufo impaurito " Raccolta Gli Alberi Parlanti"

Fantasy

Oh oh! bello raccontar quel che accaddè un mattino, quando il sole nacque e il ciel

era sereno, e su un grande albero, un Gufo appollaiato quasi dormiva .

A raccontar il fatto è il gufo stesso, che la notte cantava e il giorno riposava.

Quel giorno non potei riposare, ero su un bel ramo d’ un maestoso albero,

ad occhi chiusi per proteggermi dalla luce del sole,

il sonno faceva l’ occhiolino, ed ero al dormiveglia.

Pensai, su quest’ albero c’è un gran vociferare, un gran movimento d’ uccelli,

uccellini vagabondi che fischiettano felici d’ esser al mondo,

fischiettano agli amori e alla vita riconoscenti.

Scoiattoli a giocar allegramente e rincorrersi sull’ enormi radici,

che mastodontiche salivano dal terreno adiacente, ed anche lepri e

castori giravano intorno al tronco.

Un venticello primaverile smuoveva rami e piume cullandomi per farmi addormentare,

ed udii una vocina che portava nella mia direzione il vento,

una vocina inusuale, mai udita prima d’ allora.

E con garbo e gentilezza la vocina ripeteva il mio nome;

Oh gufetto, bello bello, or il sole è apparso sul tuo ramo e tu dormi a dismisura,

e la notte canti e ridi ed allegro te la spassi”?

Vorrei darti un buon consiglio;” “ Chi dorme non piglia pesci!”

E se dormi un giorno intero, certo pesci tu, non pigli!”

Sussultai dallo spavento e prestai molta attenzione;

chi è costui che con alterigia parla? Domandò il Gufo;Qui non v’è anima viva,

oltre me e gli uccellini?

Sarà un fantasma?” O sarà il mio padrone, venuto a cercarmi, che scappai dalle sue grinfie

e non volli più tornar da lui.

Il gufo coraggioso continua a chieder; Prego, chi parla?

Hai la voce argentina, viva e clorofilliana!

Sei un brav’ uomo o una spia? E siccome non ti conosco fatti avanti per favore?

"Vorrei conoscerti, potresti venir allo scoperto?”

Attendevo che qualcuno rispondesse, e la risposta arrivò da vicino!

Oh gufetto adorato, ti conosco molto bene, ma tu non conosci me,

quando è l’ alba, di ogni mattino, ti addormenti sul mio ramo,

e t’ osservo mentre dormi tutto il giorno,

e quel ramo ove riposi m’ appartiene, ed è l’ albero dove appoggi le tue zampe che parla!.

Sono un albero parlante e sono orgoglioso che su un ramo mio riposi!”

Accipicchia dice il gufo;"non t’ avrei riconosciuto,

non sapevo che anche gli alberi parlassero,

or ti vedo amico caro e la paura, come fumo è svanita.

L’ albero continuò a parlare " Oh Gufetto vorrei farti sapere,

che gli alberi non sono fatti per parlare

e non parlano con nessuno, ma fra vegetariani, pennuti, roditori,

siamo uniti dal vincolo naturale e con gesti, fischiettii ci

comprendiamo, per intenderci basta volerlo.

Nessuno può udir la nostra voce, possono solo vederci ed udir i nostri canti.

L’ uomo non comprende il nostro linguaggio ha altro a cui pensare,

l’ uomo spesso dice; “ Non v’è più sordo di chi non vuol sentire!”

Caro gufo dormiglione l’ uomo non può udirci, ma comprende di quel che abbiamo bisogno

lo vede dal colore delle foglie, dal fusto e le radici rinsecchite ed avrebbe rimedi

per farci vivere felici, ma l’ uomo è abituato a guardar se stesso!"

Ed ora la natura allo sfacelo non vuol più perdonarlo! ”..

L’ uomo vuol solo guadagnare anche a sfavore della terra, e quando la natura

con bufere, catastrofi e disavventure si ribella, loro la contestano.

Per salvar la terra non occorrono tante parole,

va salvata, con azioni quotidiane, e farebbero del bene anche se stessi!”

Gufetto sei simpatico ed amorevole questo ramo te lo dono,

sarà la tua casa e ci potremo salutare ogni qual volta lo vorremmo!”

il Gufetto all’ albero risponde!” Caro albero nell’ udir la tua voce ho

sussultato dallo spavento,

ed or sono felice ed orgoglioso d’ aver incontrato un’ amico,

veglieremo il nostro sonno; il gufo dice all’ albero di giorno tu vegli me,

ed io Gufo la notte veglierò te, e saremo due amici guardiani l’ un dell’ altro!”

Così ci conoscemmo e passammo il nostro tempo a parlar del più del meno.

Parlammo e parlammo, ma un giorno inaspettatamente fu un triste giorno,

l’ albero sparì, non potei più trovarlo, al suo posto restò un grande tronco,

ed io, avvilito ed amareggiato ci soffrii per tanto tempo.

I taglialegna l’ avevano abbattuto.

Caro albero amico mio, mancherai alla mia vita e senza te, non sarà la stessa cosa!"

E con grande delusione pensai all’ albero e quel che raccontò;

L’ uomo è padrone della terra e noi animali non abbiamo diritti,

non v’è rispetto per il nido e per una pianta, ogni fiore vien reciso,

ogni prato arato, ogni bosco sfoltito, ed ogni animale ucciso e

noi piccoli ed indifesi, anche se, facciamo parte integrante all’ ordine Divino,

e ad unisono dovremmo esser un nucleo vitale, ma la natura dell’ uomo ha paura!”

Addio albero parlante per fortuna ancor hai radici intatte, ed un verde ramoscello

per ombrello. Con pazienza attenderò la suacrescita, e potrò raccontarle la storia

“ Fra un albero ed un gufo!.”

In fin dei conti, ramoscello sei suo figlio e dovrai conoscer la storia!”

Adele Vincenti

2 Marzo 2020



Adele Vincenti 02/03/2020 13:48 800

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Adele VincentiPrecedente di Adele Vincenti

Nota dell'autore:
«Adele Vincenti
1 Marzo 2020
Favola della raccolta” Gli Alberi Parlanti”
»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Adele Vincenti:
Adele Vincenti
 I suoi 35 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Viaggio sul treno Roma Lecce e ritorno (18/03/2018)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La casetta Incantata! (11/04/2021)

Una proposta:
 
Genuino e Beniamino (11/12/2019)

Il racconto più letto:
 
"La Principessa Alina!" (05/09/2019, 1473 letture)


 Le poesie di Adele Vincenti

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2024 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it