4658 visitatori in 24 ore
 276 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4658

276 persone sono online
Autori online: 5
Lettori online: 271
Poesie pubblicate: 343’358
Autori attivi: 7’499

Gli ultimi 5 iscritti: Franco Frijio Cesko - Extrosa - Rosalba Fieramosca - Marinella - Ekunamaboaph
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereLuca Boldrini Messaggio privatoClub ScrivereDesire Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privatoClub ScrivereVentola raffaele Messaggio privatoClub ScrivereJim27 Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

DIETRO LA COLLINA (Lembi di vita sul ramo della memoria)

Biografie e Diari

Dice il Foscolo che la poesia vince di mille secoli il silenzio. Ed è proprio vero che un niente….una macchia… un odore….un colore… un lampo nella mente mi riporta, in un’ atmosfera vissuta un abisso di anni prima. Il passato torna imperioso, e penetra nel cuore riempiendo per pochi attimi l’ aria di struggente nostalgia. Sono qui nel mio studio rispolvero alcune delle tante ingiallite e vecchie fotografie, una in particolare, mi ritrae all’ età di otto anni con lo zio Mimì, mi tuffa nel tempo della vendemmia, quando l’ uva brillava di un colore bruno intenso e il magico profumo trasaliva dai filari in bella mostra e ravvisava il padrone. Zio Mimì era un uomo minuto e curvo ma molto forte, amava la sua terra e a tal misura la sua donna, sempre indaffarata a servirlo durante tutti i suoi lavori .Quel giorno arrivò a casa mia improvvisamente, e ci avvisò per la vendemmia. La vendemmia per tutti noi rappresentava un giorno di gran festa, un rito oramai tramandato che non avrebbe lasciato nessuno a bocca asciutta. Premurosa la sua donna quel mattino si svegliò di buon’ ora e andò subito in cucina a preparare un’ abbondante peperonata, sarebbe stato il nostro cibo all’ ora di pranzo. L’ odore dei peperoni e delle melanzane arrivava fino alla mia finestra, le mie nari sbuffavano come un treno e fu la mia sveglia per quel fantastico mattino. Arrivammo puntuali alla postazione, da dove il corteo si sarebbe mosso, gli asini gongolavano la testa, le orecchie ritte verso il cielo in preghiera, perché avevano capito che sarebbe stata una durissima giornata. Il sole che iniziava a fare le capriole dietro una roccia imponente, la roccia che dominava il paese, facendola diventare rossastra come quelle del far west, accarezzava il corteo pronto per il lungo percorso .

Le grandi ceste che trasportavano gli asini contenevano un’ infinità di cose, l’ otre che avremmo riempito alla fontana di Merulli pendeva dalla bocca di una delle ceste. Il via lo diede Zio Mimì con voce possente e sicura, mettendo in moto tutti, mentre alle spalle il piccolo borgo si stiracchiava e le luci dei lampioni finivano di illuminare le strade. In fila indiana proseguimmo la salita, noi bambini tiravamo gli asini, a seguito gli uomini e le donne con i panieri sul capo e con le gole calde per la preghiera, che saliva verso il cielo in mezzo al polverio che lasciavano gli asini. La prima sosta la facemmo alla fontana, qui zio Mimì ci invitò a bere, l’ acqua era dolce e fresca e profumava di felci e muschio. Riempimmo l’ otre davanti ad una sinfonia di uccelli e di rane, le ultime sembravano tutte incuriosite dai nostri sguardi ancora ammosciati. Finì li, per noi bambini il nostro primo compito, ci liberammo di quei simpatici e dolci animali, ci mettemmo tutti dietro il corteo che aveva ripreso la faticosa marcia e a tirare gli asini stavano gli uomini con le pipe accese. Proseguimmo lentamente osservando la natura, il bellissimo paesaggio ottobrino, gli arbusti dalle foglie appuntite e il sorriso delle zolle nei primi respiri dell’ alba..Raccoglievamo come fossero dei cimeli, strane forme di pietre, esili ciclamini gioiosi sopra stanchi fili d’ erba, qualche piccolo fungo che sbriciolavamo e ci lanciavamo addosso come coriandoli .Ogni tanto di nascosto ci sedevamo sulle rocce sparse lungo i sentieri, esse si offrivano a noi come comode poltrone, lontano dallo sguardo indagatore di zio Mimì, il quale era sempre attento alle nostre mosse, ci teneva d’ occhio perché era convinto che fra di noi si nascondeva il solito scansafatiche. Zio Mimì era molto simpatico, sapeva raccontare storie vere accadute nel paese, ci parlava della guerra, del freddo che aveva patito sotto le armi, e noi lo ascoltavamo con trepidazione perché rappresentava l’ uomo onesto e coraggioso. Da giovane aveva emigrato due volte, la prima per ricongiungersi col padre in Argentina, la seconda in Germania e qui vi lavorò sodo, fece qualsiasi lavoro, ma vi restò poco, forse perché la sua vigna aveva bisogno delle sue cure, del suo sudore e così tornò e non partì più, rimase a custodire le zolle della sua amata Motti.

Arrivammo sulla vigna alle sette, gli uomini scaricarono le ceste, prendemmo i panieri ed entrammo come nuvole dentro i filari, riempiendoli e svuotandoli con mosse leste e precise nelle ceste, mentre gli uomini caricavano gli asini. Nella lunga giornata gli asini andavano avanti e indietro per portare l’ uva al palmento. Mangiammo quel giorno sotto una grande e maestosa quercia, consumammo la peperonata adagiata come una corona sopra il pane che era diventato caldo e umido e profumava di fritto, un po’ bruciacchiata sentenziò zio Mimì, mentre sorseggiava un buon bicchiere di vino .Oltre la collina andava scemando l’ ultimo raggio, aiutammo a rimettere nelle ceste le cose sparse, tra cui il piatto di creta imbrattato d’ olio preso d’ assalto dalle formiche .Corremmo lungo la discesa con il cuore colmo di felicità ed allegria, saltando i piccoli rivoli con molta soddisfazione…… Ma il lavoro non era ancora terminato, nel palmento c’ era un’ infinità d’ uva, che attendeva d’ essere lavorata, noi lo sapevamo e non vedevamo l’ ora di immergerci nell’ altra esilarante fase. Io quella notte a piedi nudi avrei schiacciato gli acini in una danza gioiosa e sanguigna come sarebbe stato il nuovo vino.


Caterina Zappia 18/11/2011 22:38 2 899

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Caterina Zappia

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Racconto semplice e profumato come la vita d'altri tempi. Nella realtà d'oggi, io vivo in città, si legge come una favola, o meglio ancora un sogno nostalgico dove ogni persona e ogni cosa hanno un ruolo ben definito, e le rane, gli asini, i funghi, l'uva e gli uomini partecipano alla festa della vita che l'autunno colora di un rosso carnoso ultimo palpito prima del lungo gelido inverno. Narrato attraverso gli occhi di una bambina ne sottolinea la nostalgia e la forza vitale che forse la scrittrice ricerca nella stagione matura della sua esistenza.»
estro non diede beltà

«Immagini autunnali che giungono al lettore con la leggiadria tipica di una poesia. Un racconto esaltato dalla notevole abilità dell'autrice nel descrivere non solo immagini, ma anche colori e profumi di una delle stagioni più suggestive dell'anno. Un racconto che ho letto con molto piacere.»
Vivì

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Ti immagino mentre pesti gli acini e mi hai fatto (filiberto)

ricordare analoghe operazioni. Piaciuto. (filiberto)



Caterina Zappia ha pubblicato in:

Libro di poesieSe tu mi dimentichi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 208 - € 11
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686214


Libri di poesia

Ritratto di Caterina Zappia:
Caterina Zappia
 I suoi 5 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
DIETRO LA COLLINA (Lembi di vita sul ramo della memoria) (18/11/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Fumo nero (14/12/2012)

Il racconto più letto:
 
PROFUMO D'ORIGANO SELVATICO (Lembi di vita sul ramo della memoria) (01/12/2011, 1143 letture)


 Le poesie di Caterina Zappia

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it