3018 visitatori in 24 ore
 191 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore puņ inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione č GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3018

191 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 181
Poesie pubblicate: 336’113
Autori attivi: 7’486

Gli ultimi 5 iscritti: Loreta Carcaterra - Mezzo Pazzo - LarrySit - WalterSpode - WilliamahTen
Chi c'è nel sito:
Club Scriveregiampietro corvi c Messaggio privato ♦ Paolo Marongiu Messaggio privatoClub ScriverePasquale Lettieri Messaggio privatoClub ScrivereAugusto Cervo Messaggio privato ♦ Ivan Pozzoni Messaggio privatoClub ScrivereFranca Merighi Messaggio privatoClub ScrivereRosaria Catania Messaggio privato ♦ Ela Gentile Messaggio privatoClub ScrivereFrancesco Cau poeta dislessico Messaggio privato ♦ Michelangelo La Rocca Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

L'ISola

Sociale e Cronaca

Tratto dal romanzo L'ISOLA "un premio anacronistico"

Magari sarà stata la giornata particolare, ma credo che un notevole aiuto l'avessedato la situazione atipica. La città era stranamente silente, tranquilla, ovattata. Ogni tanto passava qualche temerario lentamente in auto e lo sferragliaredelle catene rompeva la quiete. Stavo al vetro della finestra della camera, da unpezzo, quasi intenerito ad osservare. Mi piacevano quelle diversità, quell'andarea rilento della città, anche gli odori erano diversi. Un fascino antico, di altritempi, pervadeva l'intorno, un ammantato velo l'avvolgeva. Ci sarebbero sicuramente voluti dei giorni per tornare alla normalità e questomi dava sinceramente una profonda gioia, quasi speravo, che quella situazionedi “ stallo”, potesse protrarsi a lungo. Era come vedere la vita freneticadella città al ralenti. Dopo pranzo, quando non eravamo al lavoro, Sara faceva il caffè per tutti, poi iniziava a rigovernare, rigorosamente a mano. Credo fossimo rimasti l'unicafamiglia a non possedere una lavastoviglie. Ero solito distendermi in poltrona, a pochi metri da lei a vedere il notiziario alla televisione, io a vederlo, lei asentirlo mentre riassettava la cucina. In casa nostra per la vigilia usavamo farefesta. Quel giorno il telegiornale iniziò con una notizia inquietante:– Si sono verificati dodici decessi nella giornata di ieri oltre a mille casi sospettisegnalati, i sintomi che presentano sono inizialmente di forti dolori gastro- intestinali, gli esperti dichiarano ancora sconosciuta l'origine del contagio, presumibilmente alimentare, ma non ritengono poter escludere nessun tipo dialimento. La notizia lì fini. Ci fermammo tutti all'istante, cominciando a “ scarrellare” con il telecomandoper trovare altri notiziari più esplicativi, praticamente si somigliavano tutti, ovvero, non sapevano ugualmente niente. Jonathan andò a “ smanettare” in reteper oltre un'ora, ma le notizie che reperì furono poche. Io rivoltomi a Saraesternai:– Una giornata così bella, sarebbe stato troppo chiedere, si fosse mantenutatale per tutta la durata.– Hai proprio ragione. Al notiziario della sera le notizie erano pressappoco identiche, salvo il numerodei decessi salito a quindici e dei contagiati presunti, oltre milleduecento.

Un fatto era chiaro, la natura dell'epidemia era estremamente virulenta. Andammo in chiesa quella notte, ma non vi entrai, mi sedetti sulla panchina del parco di fronte ad aspettare che i miei uscissero, era freddo e per ripararmialzai il bavero fino sopra le orecchie. I ricordi affioravano quella notte. L'aria era inzuppata mentre la terra trasudava da sotto mestizia. La neve si stava sciogliendodai pini e sembrava piangessero anch'essi. Ritornando a ritroso rivedevoquel mondo vissuto da bimbo, quando il presepe troneggiava la casa ed ioaspettavo smanioso il momento, quel sacro momento, per adagiare sul fieno, ilSalvatore. All'epoca i pini erano piccoli e ridevano guardando le stelle. Rimembravoil correre veloce degli anni e dei mutamenti avvenuti, in fretta, troppoin fretta, nel mondo, nelle menti, nelle nostre anime. Ormai anche quel sacrogiorno era diverso. Chissà se in futuro sarebbero sempre uscite le stelle.

Massimo Mangani 22/10/2012 18:53 474

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Massimo Mangani

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Massimo Mangani ha pubblicato in:

Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Massimo Mangani:
Massimo Mangani
 I suoi 6 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Stordente serata (12/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
L'ISola (22/10/2012)

Una proposta:
 
Aria Fritta III (30/05/2011)

Il racconto più letto:
 
Stordente serata (12/10/2010, 3652 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it