3823 visitatori in 24 ore
 161 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3823

161 persone sono online
Autori online: 6
Lettori online: 155
Poesie pubblicate: 341’375
Autori attivi: 7’515

Gli ultimi 5 iscritti: simonetta lio - Francesco Di Leno - FelixLok - O Luce - Eleonora Stigliano
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereSara Acireale Messaggio privatoClub ScrivereJosiane Addis Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privatoClub ScrivereElena Artaserse Messaggio privatoClub ScrivereMarco Forti Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Una ragazza di nome Maria

Spiritualità

“ Nel sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazareth, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.” (Lc 1, 26- 27)



« Kaίre Kekaritoménê, o Kύrios metà soύ».

Mi è parso come un soffio, mentre attingevo l’ acqua al pozzo, e il mio cuore ha sussultato, non so se per la sorpresa o lo spavento. Chiunque sia stato, non è prudente indugiare qui fuori, il tramonto sta già cedendo il passo alla sera, ecco che la luna si presenta già con qualche stella ballerina a reclamare il posto che le spetta in cielo, mentre il sole si spegne dietro ai monti. Finalmente un po’ di tregua alla calura che imperversa tutto il giorno, a quest’ ora si sta bene fuori, si respira un po’ di brezza odorosa del mare galileo. Ma stasera non è prudente stare qui.

Mi è sembrato un battito d’ ali, come un volo di colomba o un soffio leggero di ruah. Meglio rientrare in casa. Ecco, sono molto più serena qui, tranquilla nell’ angolino destinato al mio giaciglio mentre continuo a filare alla luce della lampada e, in silenzio, dedico il mio pensiero a Dio ed allo sposo che si annuncerà tra poco. È questo che si conviene ad ogni brava ragazza ebrea.

Io, una ragazza qualunque di un qualunque villaggio della Palestina.

Anche il mio nome è un nome qualunque, lo portano a decine le donne in ogni borgo di Israele. Maria, Maryà m o Miriam, il suo significato resta incerto: figlia desiderata, amante del Signore e amata da JHWH, signora o principessa, donna del mare, goccia di mare, mare amaro. Se davvero c’è il destino in un nome, cosa sarà mai la vita mia? Figlia desiderata lo sono stata per davvero e amante del Signore lo sarò per sempre, ma per il resto che cosa mai mi dovrò aspettare?

Non ho ambizioni, mi basta la mia vita semplice e modesta. Sono la consolazione dei miei anziani genitori e la consolazione delle amiche che mi confidano volentieri i loro sogni, contando sulla mia riservatezza. Sono il vanto del mio promesso sposo, il quale apprezza il mio modo di essere dolce e pudica. Tutti loro mi amano e mi vedono così come sono, trasparente. Ma l’ essenza più profonda del mio cuore e dei miei pensieri nessuno la sa, solo Dio la conosce veramente. Solo Lui sa perché i miei occhi guardano sempre “oltre”, cercando di afferrare qualcosa che ancora non so, qualcosa che vorrei serbare in me per meditarlo continuamente nel mio cuore. Sento dentro me che siamo fatti di cielo ed è a quello che io aspiro.

Per questo ho donato a JHWH tutta me stessa, anima e corpo, contro ogni tradizione della mia gente. E per questo voglio bene a Giuseppe, uomo giusto, perché forse non mi ha capito del tutto, ma mi rispetta e per amore ha accettato la mia scelta di verginità. È lo sposo che il Signore, per mezzo di mio padre e mia madre, ha scelto per me. Tra noi due c’è grande affiatamento, così la tenerezza, unita al timor di Dio, colmerà il vuoto della passione coniugale. Però per gli occhi del mondo dobbiamo sposarci, come vuole la Legge, perché nessuna ragazza in Israele deve precludere l’ occasione alla venuta del Messia atteso.

Il Messia... Qui, a Nazareth? Cosa potrebbe venire mai di buono da Nazareth!?

« Kaίre Kekaritoménê, o Kύrios metà soύ». «Rallegrati, o piena di grazia, il Signore è con te!»…

Ed ora tu, Angelo, vieni a dirmi il contrario, mi dici di mettere da parte il mio riserbo per servire Dio come Egli vuole e non come ho deciso io. Mi chiedi di farmi grembo accogliente per Lui e tenda della sua presenza tra noi. Di questo dovrei rallegrarmi, dovrei gioire con tutto il cuore, senza lasciarmi cadere le braccia, perché il nostro Dio è un salvatore potente e ha revocato la condanna del suo popolo. Ma io ho scelto di non conoscere uomo, come può allora succedere questo? Spiegami!...

Dici che sarà la potenza di Dio col il suo Santo Spirito a coprirmi con la sua ombra? Egli mi avvolgerà come la nube avvolgeva il popolo in marcia verso la terra promessa. L’ Onnipotente mi farà sua sposa così come sposò il suo popolo riscattato dalla schiavitù d’ Egitto... Ma solo se io lo permetto e dico di sì?... Ma come, l’ Altissimo che chiede a me, semplice creatura, il permesso di agire nella nostra storia!?

Basta, Gabriele, uomo di Dio e sua fortezza, tu che stai al Suo cospetto, non aggiungere altro. Se ho trovato grazia ai suoi occhi, non ho bisogno di sapere di più per fidarmi di Dio, per affidarmi a Lui. La mia miseria e la mia umiltà saranno terreno fecondo perché Egli vi compia grandi cose ed io gioirò pienamente in Lui, perché mia forza e mio canto è il Signore.

Sì, lo so, dovrò affrontare il dolore di mio padre e l’ incredulità di Giuseppe… Mi piange il cuore al pensiero di dare un tale dispiacere ai due uomini che amo nella vita. E so bene che rischio il ripudio, la vergogna e la lapidazione. Ma il Signore è il mio pastore, nulla mai mi farà mancare, mi proteggerà e mi solleverà su ali d’ aquila perché io non inciampi nella pietra e il suo progetto in me non venga infranto dallo scandalo. Nulla è impossibile a Dio!

Sei ancora qui, stai ancora aspettando la mia parola risolutiva per essere sicuro, anzi perché io sia sicura di quello che sto per rispondere a te, a Dio?

Cosa potrei mai rispondere?... Eccomi, sono l’ umile ancella del Signore, si compia in me la sua Parola, faccia pure di me ciò che vuole. … Io … Io non posso aver paura, mi abbandono fiduciosa a Lui.

Io mi sento al sicuro nel palmo della sua mano.

... Et verbum caro factum est...


Anna Piccirillo ov 26/03/2014 22:48 913

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Anna Piccirillo ov

Nota dell'autore:
«Questo racconto è stato vincitore del I° Concorso Letterario Nazionale "Ave, Vergine Maria" a settembre 2013 ed è l'incipit del mio nuovo romanzo, ancora inedito, intitolato "Sinfonia di Voci e sguardi"»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Anna Piccirillo ov:
Anna Piccirillo ov
 I suoi 4 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Una ragazza di nome Maria (26/03/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il richiamo (21/09/2015)

Il racconto più letto:
 
Una ragazza di nome Maria (26/03/2014, 914 letture)


 Le poesie di Anna Piccirillo ov

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it