4457 visitatori in 24 ore
 223 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4457

223 persone sono online
Autori online: 6
Lettori online: 217
Poesie pubblicate: 325’316
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ Giuseppe Zingale Messaggio privatoClub ScrivereWilly Zini Messaggio privato ♦ vittorio pochini Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privato ♦ Claretta Frau Messaggio privatoClub Scriverecarla composto Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Uso del Cialis
Acquistare Cialis: Acquistare Cialis generico
Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

L'albero della vita

Dramma

Sento il richiamo e presto dovrò uscire per fare quello che già so, perché in questo posto la consapevolezza è naturale e nulla deve essere spiegato.

Non ho paura e non penso che ora sia possibile averne. Provo solo una grande tristezza per ciò che è accaduto così in fretta, anche se so che, prima o poi, perderò la cognizione del tempo.

Sono stato male. Un dolore così forte da fermare il respiro. Ho riaperto gli occhi e vicino al mio letto c'era mia madre. Era lì, bella e luminosa come la ricordavo. Mi stava lentamente accarezzando la fronte con un movimento dolce e affettuoso, come faceva quando ero piccolo. Soffriva, ma non vedevo scendere lacrime, perché esse appartengono alla vita.

"Mi dispiace figlio mio. Non credevo arrivasse così presto. Eri ancora giovane, troppo giovane, ma la morte non guarda in faccia nessuno".

"Mamma, mamma" ripetevo, ma senza chiederle spiegazioni.

Sapevo già la causa della mia partenza e sentivo che lei mi doveva accompagnare per un breve tratto. Le fissai gli occhi e me la ricordai distesa sul letto in ospedale mentre diceva:

"Abbiate cura di voi stessi, figli miei. Vi ho donato la vita e questa è stata la cosa più importante, il motivo della mia esistenza. Me ne vado felice, ma resterò vicino a voi. Vi amerò per sempre. Siete tutto per me, più della mia stessa vita".

Che strano vederla qui. Sembrava impossibile, ma non lo era.

"Mi spiace tanto, figlio mio. Questa è il mio ultimo compito e dopo raggiungerò la destinazione. Andremo insieme nel tuo spazio e poi sai già cosa dovrai fare".

Sì, sapevo che avrei dovuto fare la stessa cosa, ma non vedevo con chi. Però sentivo le acque della tristezza diventare sempre più gelide. Mi baciò sulla fronte, mi accarezzò il viso guardandomi dritto negli occhi, come se volesse ricordare questo momento per l'eternità e, forse, era proprio questo il suo desiderio. Poi sentii un calore improvviso e dopo lei sparì.

Ero come intontito. Ancora non mi rendevo conto, ma sentivo sempre più forte la voce di qualcuno che mi stava chiamando. Non so come, mi ritrovai vicino a una strada e all'ombra di un albero. Conoscevo bene quel posto. Quante volte mio fratello me lo aveva mostrato. Mi vennero in mente le sue parole la prima volta che mi ci portò.

"Ecco Joy. Guarda bene i rami. Cosa ti viene in mente?" Guardai le fronde ripiegarsi verso l'interno e, seppur strano, l'albero non mi diceva nulla.

"Ricordi la stampa che ho comprato ieri? L'albero della vita di Klimt. Sono uguali. Entrambi hanno questi rami che mi danno l'impressione di non volersi espandere verso l'esterno. Li immagino come tanti figli che vogliono abbracciare per sempre la madre che li ha generati, circondando così il tronco. Sembrano aver timore di tutto ciò che c'è intorno e per questo sono ricurvi verso l'interno".

Era vero ciò che mio fratello mi diceva. Anche adesso, riguardandolo, mi appariva uguale a quel famoso dipinto. La casa dove ho vissuto con mia madre e mio fratello era poco distante da questo posto.
 Ogni giorno, nel percorso verso la città, guardavo questo strano figlio della natura vicino al giardino della chiesa, dove mi stendevo con mio fratello alla ricerca di un po' di fresco nelle calde giornate estive. Allora la nostra immaginazione volava e ci sembrava di vedere il pittore che, passando per caso vicino all'albero, ne rimaneva talmente stupito da volerne fare un quadro. Un dipinto che fosse simbolo di vita e bellezza, pieno di colori e di fantasia. Mio fratello mi parlava della simbologia ancestrale dell'albero in tanti secoli di storia, quando l'uomo vide nel suo mutare la vita, la rigenerazione e la forza. Allora io mi stupii dei molteplici significati di ciò che prima mi appariva così banale. Più guardavo la strada e più mi sentivo triste. Mi chiesi il perché mi trovassi in quel luogo e senza rendermene conto, fissai l'orologio della torre che si ergeva nel centro della città. Era quasi mezzogiorno e ricordai che la mia morte era sopraggiunta poco tempo prima. Allora mi arrivò la consapevolezza. Una telefonata del medico dell'ospedale e la notizia che ero in coma, la corsa in auto di mio fratello per raggiungermi il prima possibile, una bambina che rincorreva il gatto gettandosi in mezzo alla strada, una improvvisa sterzata e l'albero della vita che si tingeva di rosso. Che strano è il destino che giocando con l'uomo, lo dà in pasto alla morte. Allora pensai che, in fondo, eravamo solo fili d'erba che un vento forte e astioso sradica da terra per farli seccare al sole.

"Eccomi fratellone. Vengo da te piangendo lacrime che non ho più, ma le gocce di pianto sono simbolo di vita e ora è giusto non averne".

Paolo Gugnoni 03/12/2014 00:55 517

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Paolo GugnoniPrecedente di Paolo Gugnoni

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

bellissimo racconto. (Rosita Bottigliero)



Ritratto di Paolo Gugnoni:
Paolo Gugnoni
 I suoi 35 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Come una foglia al vento (Lettera a Babbo Natale) (28/12/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Vi auguro una lunga vita (29/03/2015)

Una proposta:
 
La prima domenica del mese (11/01/2015)

Il racconto più letto:
 
Claire, Adam e... io (23/01/2014, 5759 letture)


 Le poesie di Paolo Gugnoni

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it