4849 visitatori in 24 ore
 233 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4849

233 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 226
Poesie pubblicate: 325’241
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ Antonio Terracciano Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privato ♦ Luigi Ederle Messaggio privato ♦ Giovanni Chianese Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato ♦ avidadiva Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Il gomitolo

Biografie e Diari

Da un po' di tempo in qua, per salvarsi, va a nascondersi sotto le coperte, quando la parte da recitare è troppo pesante da sostenere, e là, nel buio, piange. Là può farlo, perché nessuno vede e sente.

Ma la maschera, gettata via, se ne accorge sempre e senza alcuna pietà: "Ti disprezzo. Stai cadendo in depressione", dice a quel gomitolo di carne e ossa raggomitolato in posizione fetale, che stringe le mani l'una all'altra, per confortarsi, non per pregare, perché pregare è diventato così difficile, negli ultimi tempi.

"Fai bene a non pregare", sogghigna la saccente, fuori dalle coperte, "Dio ha altro a cui pensare. Anche la storiella delle doppie orme che non si vedono sulla sabbia, perché in realtà Lui ti sta portando in braccio, è stantia, non ti pare? Sei ridicola! Hai baciato tutte le sere il crocifisso di tua madre, portandotelo al petto nel segno della Croce, chiedendogli di starti vicino, di sostenerti, di aiutarti a compiere finalmente un vero atto di coraggio. A cosa è servito? Sei ridicola!".

Il gomitolo continua a piangere, ma il più silenziosamente possibile, nessuno deve sentire.

"Che Pena mi fai! Cedere così alla paura, al dolore! Una madre! Come fai a non vergognarti? Prendi in mano la situazione, una buona volta! Caccialo via e che non se ne parli più. Hai permesso che tornasse ad ingannarvi tutti e ora ti nascondi sotto le coperte. Codarda!", incalza l'ombra saccente, l'attrice abituata a dimostrarsi forte, pronta a qualunque sacrificio, aperta alla speranza, al perdono, la stacanovista della vita, abituata a sobbarcarsi il peso del suo ruolo fino in fondo. A quale scopo, poi? Mantenere un ordine apparente, una pace che giovi alla vita familiare, all'aspettativa generale. Le cose devono pur cambiare prima o poi! Occorre crederci, anche se è evidente che i vecchi meccanismi stanno pian piano riprendendo forza e le acque, faticosamente deviate nel sicuro della diga, stanno incanalandosi nuovamente in anfratti nascosti, in attesa di riprendere uno ad uno gli alvei soliti e tristemente conosciuti.

Il gomitolo si fa il più piccolo possibile, asciuga le lacrime, invoca il nome della sua mamma, che non c'è più, le chiede un po' di forza e di coraggio. Sa di non poter rimanere per semprenascosto sotto le coperte. Lui, il gomitolo, di forze ne ha così poche ormai!Sa anche quanto potrebbe costargli un ultimo sforzo, potrebbe strappare per sempre i deboli legami che ancora tengono in piedi il suo fragile burattino.

A quel punto le braccia andrebbero per conto loro, libere dal meccanismo del controllo. Potrebbero far male.

Il gomitolo sa tutto, ne è terrorizzato, eppure bisogna farlo: scoprirsi, abbandonare il suo rifugio da vigliacchi, accendere le luci, raccogliere la maschera, non per indossarla, ma per gettarla via, per sempre, e recitare ancora, sì, ma col volto scoperto, senza copioni, lasciando che tutta la verità aggrovigliata nel fondo del suo cuore trabocchi libera e violenta, come la lava di un vulcano che ha dormito troppo a lungo.

Coraggio! Entriamo sulla scena della vita, quella che nessuno può conoscere meglio di chi la sta vivendo.

Che strano! Gli sembra di sentire il pubblico che applaude. Sente anche il fragore di uno strappo. Il cielo di carta si è lacerato. Non si può fingere più di essere attori di un dramma che appartiene ad altri. Il dramma è tutto tuo, sii all'altezza del tuo ruolo.


Silvana Poccioni 15/10/2016 19:49 355

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Silvana PoccioniPrecedente di Silvana Poccioni

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Mi sono ritrovata nella tua storia,spesso č cosģ (Anna Rossi)



Silvana Poccioni ha pubblicato in:

Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libro di poesieSan Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 110 - Anno: 2010


Libro di poesieAddio Alda
Autori Vari
Poesie per Alda Merini

Pagine: 92 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Silvana Poccioni:
Silvana Poccioni
 I suoi 67 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La mosca (05/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il pollice verde (18/10/2017)

Una proposta:
 
La grotta della capra (parte I) (12/10/2017)

Il racconto più letto:
 
Una lettera per mia madre (08/01/2011, 4474 letture)


 Le poesie di Silvana Poccioni

Cerca il racconto:



  



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it