4596 visitatori in 24 ore
 258 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4596

258 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 248
Poesie pubblicate: 325’140
Autori attivi: 7’375

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ massimo turbi Messaggio privatoClub ScrivereAnnamaria Gennaioli Messaggio privatoClub ScrivereRosy Marchettini Messaggio privato ♦ gabriele vacca Messaggio privato ♦ emiliapoesie39 Messaggio privato ♦ Antonio Terracciano Messaggio privatoClub ScrivereBerta Biagini Messaggio privatoClub ScrivereAnna Di Principe Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privato ♦ Gaetano Lo Iacono 54 Messaggio privato
Vi sono online 6 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Orgoglio ferito

Fantasy


ORGOGLIO FERITO

La Mercedes grigio perla si fermò davanti al vecchio portone di un fabbricato della periferia romana, e l'elegante signore che scese dalla macchina aveva l'aria scocciata per aver girovagato non poco per trovarlo. Guardò i nomi che erano a destra sul muro, e dopo pochi secondi suonò il campanello. Rispose una voce femminile, che al sentire il suo nome chiuse immediatamente il citofono.
Lui suonò di nuovo insistentemente, dicendole che aprisse perchè aveva cose importanti da dirle. Finalmente sentì lo scatto del portone, ed entrando fece una smorfia di disgusto, vedendo le scale sporche e malandate....non c'era nemmeno l'ascensore cosa che lo scocciò ulteriormente. Quando arrivò al terzo piano, ansimava un pò per lo sforzo, e Luisa era già sulla porta che lo aspettava con il viso pallido e segnato da chissà quali stenti e preoccupazioni. Lui la guardò in silenzio, poi le disse: - "Non mi fai entrare? vuoi che restiamo a parlare quà sul pianerottolo?" Luisa si scansò per farlo passare, ma non aveva nessuna voglia di sentire quell'uomo che anni fà le aveva rovinato la vita... Entrando in quell'appartamento, sentì di nuovo quel disgusto che aveva provato nel salire le scale, era completamente in disordine, e dalla cucina veniva un puzzo di cavolo bollito che non aiutava di certo a migliorare l'atmosfera. Lei lo guardò con disprezzo, e le disse: -"Cosa ti aspettavi? una di quelle case arredate di lusso delle tue puttane?" - "Senti, non incominciamo", rispose lui, -"Sono venuto perchè dopo tanto cercarti, ho incontrato per caso la tua amica Gloria che mi ha dato il tuo indirizzo, e ho pensato di darti una mano" - "La mano me la dovevi dare quando hai saputo che ero incinta, invece di voltarmi le spalle, e insultarmi dicendomi che quel figlio non era tuo!" -"Dovevi capire, Luisa! io mi trovavo in un momento molto delicato della mia carriera, e uno scandalo di quel genere, avrebbe rovinato tutto, si, ammetto che ho sbagliato a reagire in quel modo, ma tu sei scappata via, e non ho più saputo niente di te nè del bambino, o bambina?" -"Senti un pò! se sei venuto a offrirmi dei soldi in cambio di pretese verso tuo figlio, ti sbagli di grosso! lui è solo mio e basta! e ce la caviamo anche senza di te! perciò, quella è la porta!" -"Calmati per favore, non voglio niente io, voglio solo riparare in parte al male che vi ho fatto..." e tirando fuori un assegno scrisse una grossa cifra su di esso, mentre delle grosse lacrime scendevano dal viso di Luisa, erano lacrime di rabbia, di dolore, di odio verso quell'uomo che si credeva che con i soldi avrebbe cancellato in un attimo diciasette anni di sofferenza, umiliazioni, duro lavoro, e tanti, troppi sacrifici. Avrebbe voluto prendere quel assegno, farlo a pezzetti e sbatterglielo in faccia, ma... che diritto aveva lei di privare a suo figlio di quei soldi? erano necessari per poter seguire a studiare, per andare all'università, e per avere una vita dignitosa, diversa da quella che lei gli aveva dato fino a quel momento. Ingoiando il suo orgoglio ferito, non disse una parola e solo allungò la mano per prendere quel pezzo di carta che avrebbe permesso a suo figlio di essere un giorno qualcuno...

Proprio in quel momento si udì girare la chiave della porta di casa, e un bel ragazzo moro, alto e identico a sua madre, entrò e li guardò con una espressione interrogativa. L'uomo al vederlo capì immediatamete chi fosse, e si tratenne di andargli incontro e abbracciarlo, non sapeva nemmeno come si chiamasse, e non sapeva in che modo Luisa l'avesse "dipinto" davanti ai suoi occhi, se sapeva della sua esistenza oppure se lo credeva morto. Per la prima volta in vita sua, sentì vergogna e una sgradevole sensazione di inferiorità davanti a quel ragazzone bello e alto che continuava a guardarlo con curiosità. Non seppe cosa dire e cosa fare, e alla fine decise che la cosa migliore era quella di andarsene. Luisa gli avrebbe parlato, gli avrebbe dato dei soldi, gli avrebbe spiegato... ed era meglio che lui non fosse presente. Se suo figlio, dopo, avesse voluto cercarlo, sarebbe stato il benvenuto nelle sue braccia, e con gli occhi umidi si diresse verso la porta, ed uscì.

Ma improvvisamente Luisa ebbe una reazione inaspettata, corse verso di lui afferrandolo per un braccio, e girandosi verso suo figlio, disse tutto di un fiato: - "Leonardo, questo è tuo padre, ed è venuto dopo diciasette anni a portarti questo assegno..." Leonardo sbiancò in viso, e con una voce che tremava (più per la rabbia che per l'emozione) disse: -"Digli a questo signore, che non voglio i suoi soldi, siamo andati avanti anche senza, fino adesso...!" L'uomo, fermo sulla porta, abbassò lo sguardo, e scese le scale in fretta, come volendo scappare da quella scena impietosa, raggiunse la sua lussuosa Mercedes, e se ne andò facendo stridore con le gomme.

Luisa chiuse la porta e si avvicinò a suo figlio, lo prese per mano e si sedettero tutti e due nel piccolo divano che avevano nella "sala", che non era altro che un miscuglio di panni da stirare, scarpe buttate quà e là, e una tenda di plastica che divideva una piccola brandina dove dormiva Leonardo... lui si sedette e mise la testa in mezzo alle mani singhiozzando, mentre diceva: -"Mamma! come è possibile che lo hai fatto entrare? mi potevi risparmiare questa umiliazione!" -"Figlio mio, tu sei troppo giovane, non sai niente ancora della vita, e questi soldi ti permetteranno di studiare all'università, capisci? mettiamo da parte il nostro orgoglio, e guardiamo solo il lato positivo della faccenda, abbiamo bisogno tutti e due! Che c'importa chi ce li ha dati! Leonardo, figlio, apri gli occhi alla realtà, senza questi soldi, tu dovrai andare subito a cercarti un lavoro, e, se lo troverai, appena ti basterà per le tue spese personali! Sù, ragiona!" Leonardo guardò sua madre, e senza dire una parola la abbracciò forte, si, forse lei aveva ragione...
F I N E


franca merighi 42 16/09/2017 17:34 1 153

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di franca merighi 42Precedente di franca merighi 42

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«una storia come tante ma, scritta bene e piacevolmente emozionante .Minuti spesi bella nella lettura .Brava e complimenti, spero di rileggerti presto .Un caro saluto .»
Stefana Pieretti

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di franca merighi 42:
franca merighi 42
 I suoi 14 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Poteva andare peggio (03/12/2017)

Una proposta:
 
Poteva andare peggio (03/12/2017)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 299 letture)


 Le poesie di franca merighi 42

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it