4579 visitatori in 24 ore
 135 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4579

135 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 134
Poesie pubblicate: 323’992
Autori attivi: 7’366

Gli ultimi 5 iscritti: Simone1996Cedrone - Filippo Nardozza - Emanuela - Mariarosaria Angelo - Daniela Rinaldi
Chi c'è nel sito:
♦ Dorella Dignola Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Una serata tranquilla

Giallo e Thriller

UNA SERATA TRANQUILLA

Tornai a casa dal lavoro con il proposito di godermi una tranquilla serata in casa guardando la mia serie preferita in TV, con quel attore che mi piaceva tanto! Così per prima cosa, dopo essermi fatta una bella doccia, mi infilai il pigiama di flanella, mi misi le mie calde pantofole e mi sdraiai sulla poltrona reclinabile....

Non mi sarei mossa da lì nemmeno per tutto l’ oro del mondo, e mentre incominciava la serie, squillò il telefono.... No!!!! dissi dentro di me, non rispondo!! ma lui continuava a suonare imperterrito come se la persona che chiamava sapesse che ero in casa... Mal volentieri mi alzai e andai a rispondere, ma appena alzai la cornetta, sentì un sospiro dall’ altra parte, e una voce d’ uomo bassissima che mi diceva: “ Perché vuoi startene sola soletta quando potremmo spassarcela nel tuo lettuccio?” Non aveva nemmeno finito di dire quelle parole che io riattaccai immediatamente. Ma come faceva quello a sapere che ero sola in casa? Mi conosceva? Mi aveva seguito? E chi era??? Un brivido di paura mi passò per tutto il corpo, e istintivamente andai a chiudere bene le finestre e la porta con due giri di chiave, e misi anche la catena, ma... la paura non mi passava, ormai quell’ imbecille mi aveva rovinato la serata, non me la sentivo più di mettermi a guardare la TV, e decisi di andarmi a scaldare un bicchiere di latte in cucina quando suonò di nuovo il telefono...

Questa volta non risposi, ma il telefono squillò una ventina di volte, fino a che finalmente rimase in silenzio, un silenzio che prima era una cosa normale per me, ma che questa sera particolare mi dava l’ angoscia...

Era ancora molto presto, non me la sentivo di andare a dormire, non avevo voglia di fare niente, avrei voluto avere qualcuno di fiducia vicino a me che mi facesse compagnia, avrei voluto... e mi ricordai in quel momento di Giacomo, il bravo ragazzo che viveva nel piano di sopra al mio, era uno studente di medicina e aveva sempre i libri per mano, educato, gentile, sembrava uscito da una di quelle “ telenovelas” che guardavo in TV, bello e anche simpatico... ricordo che una volta mi aiutò a portare le borse della spesa perche l’ ascensore non funzionava, lo feci entrare e le offrì un caffè, ci sedemmo a parlare seduti sul divano e mi raccontò tante cose di lui, veniva da un piccolo paese, i suoi genitori facevano grandi sacrifici per mantenerlo all’ università qui a Roma, e lui non voleva deluderli. Mi accorsi che non fumava, e mi disse anche che conosceva poche ragazze, che era molto timido, insomma, un tipo che non mi dispiaceva affatto. In quell’ occasione ci eravamo scambiati i numeri di telefono, ma non ci eravamo mai chiamati, anche perche ci vedevamo spesso quando entravamo o uscivamo dal palazzo.

Mi venne voglia di chiamarlo, chissà se era in casa? Ma io ero in pigiama, cosa avrebbe pensato di me? No, no, scacciai subito quell’ idea e pensai che comunque potevamo fare due chiacchiere per telefono, che male c’ era? Così cercai il suo numero e lo chiamai. Quando mi disse “ Pronto” mi venne di nuovo quel brivido di paura che avevo sentito prima, quella voce bassa, quel tono... Mio Dio, possibile? Mi schiarì la gola, e con voce un po’ insicura lo salutai, “ Ciao! Sono Angela, come stai?” e lui, “ Angela? Ah si! Certo, Angela la mia vicina di sotto, bene, bene, e tu?” ...“ Scusami se ti disturbo, stavi studiando?” domandai io, “ Si, mi rispose, ma dimmi pure”. (No, pensai, non può essere stato lui, non sarebbe così serio e distaccato con me, anzi, si sentirebbe imbarazzato al sentirmi, e poi, mai e poi mai avrei dubitato di una persona la quale sempre si era comportato da gran gentiluomo)....e così, sentendoml più rassicurata dissi: “ Ero qui, annoiata, e pensai di parlare un po’ con te per telefono, ma se stai studiando, lo lasciamo per un altro giorno” “ Ma figurati!”, rispose, “ Anzi sai che faccio?, vengo giù e mi offri un caffè, va bene?” io rimasi per qualche secondo in silenzio, volendo dirgli che non era il caso, al chè lui “ Ci sei ancora?” “ Si, si, certo, vieni pure, ti aspetto”...

Corsi in camera, mi levai in fretta il pigiama e mi misi in tempo di record una tuta da ginnastica, appena in tempo per andare ad aprire la porta... Lui era lì, bello, alto, in maglietta e jeans, con un sorriso smagliante che incantava, ed io lo feci entrare, mettendo da parte tutti i miei timori, senza pensare più a niente. Ci sedemmo come quella volta, nel divano della sala, parlammo per un pò poi, mi alzai per andare a fare il caffè, e mentre ero in cucina lui mi venne vicino, mi prese per le spalle e mi baciò, ma non fu un bacio d’ amore, ma rabbioso, appassionato, mentre le sue mani cercavano di togliermi la roba che avevo addosso, io cercai di svincolarmi, ma lui divenne ancora più violento, mentre mi diceva con quella voce bassa che avevo sentito al telefono... “ Andiamo nel tuo lettuccio tesoro”, io cercavo disperatamente di scappare, ma lui mi trascinò con la forza e mi prese a schiaffi fino a farmi perdere i sensi.

Quando mi svegliai ero semi nuda, ancora sul letto, e vidi che c’ era un biglietto sopra il comò, c’ era scritto: “ Quando avrai voglia di me, chiamami, tesoro”.

f i n e


franca merighi 42 18/10/2017 19:37 1 132

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di franca merighi 42Precedente di franca merighi 42

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«La spontaneità,la chiarezza degli occhi, il sorriso aperto, doni meravigliosi spesso vengono mal intrerpretati da soggetti scarsi per non dire privi di sentimento. Si dice che il malfattore abbia un viso che ispira fiducia, si presenta con bei modi, servizievole, disponibile, altrimenti sarebbe troppo facile da scoprire... Così purtroppo donne sole, impegnate nel lavoro dal cuore pieno di amore e di sole cadono nelle trame oscure di un’anima torbida, senza scrupoli. Quando questi infingardi individui gettano la maschera il sipario è già calato ed un vuoto incolmabile lacera l’anima. Tanta amarezza.»
Julie

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

Storie vere che accadono troppo spesso.Brava💕 (Julie)



Ritratto di franca merighi 42:
franca merighi 42
 I suoi 11 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il coraggio di cambiare (15/11/2017)

Una proposta:
 
Il coraggio di cambiare (15/11/2017)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 274 letture)


 Le poesie di franca merighi 42

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it