5259 visitatori in 24 ore
 171 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 5259

171 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 161
Poesie pubblicate: 324’264
Autori attivi: 7’371

Gli ultimi 5 iscritti: Manuela Mancini - Cesare04 - Caterina Fantoni - Gennaro Caiazzo - Simone1996Cedrone
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereSaverio Chiti Messaggio privato ♦ Elena Artaserse Messaggio privatoClub Scriverepiera tola Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privato ♦ Agnese Iannone Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privatoClub ScrivereGiuseppe Gallo Messaggio privatoClub Scriveresergio garbellini Messaggio privato ♦ neropaco Messaggio privato ♦ Umberto De Vita Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Fottesega VII Epilogo

Biografie e Diari

Attonita, scossa, ma bloccata. Fissava il vuoto e piangeva. Muoveva le labbra, senza emettere suoni.
Sul primo momento ebbi molta paura. Stetti fermo stavolta, non le asciugai le lacrime, evitai ogni contatto, avevo già fatto abbastanza danno.
Dovevo stare zitto, sviare il discorso, lasciare le cose in sospeso senza dare troppe spiegazioni. La mia sincerità per quanto semplice, era dura da digerire, ma il problema è soggettivo; anche se un po’ di scrupoli e ripensamenti ogni tanto mi prendevano.
Speravo in un "vaffanculo" me ne son presi parecchi, non sarebbe stato un caso isolato. Credevo urlasse di rabbia e mi cacciasse a male parole, aspettavo una reazione.
Dopo una decina di minuti, non vedendo cambiamenti apprezzabili, mi alzai. Chiusi le finestre, misi sul tavolino da fumo il vassoio con la spremuta. Il mio compito era finito, avevo ripreso la mia felpa e mi ero sincerato delle sue condizioni fisiche. Per quelle psicologiche avrebbe avuto bisogno di altro, non di me. Andavo alla deriva per conto mio, non mi servivano altri patemi.
Indossai il giaccone e presi la via della porta, quando con un flebile filo di voce mi chiese: " Matteo, quando sarò in grado di camminare senza intoppi, posso offrirti una pizza? ".

Attesi un istante prima di rispondere, l’idea era simpatica, stavo quasi per dire va bene, ma le parole che uscirono furono molto diverse: "Vedremo, Maddalena, per adesso pensa a rimetterti in forma. Hai davanti un lungo cammino, poi meglio se uno come me lo tieni alla larga. Ho un pessimo carattere e non mi vanno a genio le persone. ".

"Allora perchè hai fatto tutto questo? " chiese sbigottita
" Una mano non la nego a nessuno e tu ne avevi bisogno, in più avevo promesso ai tuoi che sarei stato presente, ma l’ultima volta che mi son fatto coinvolgere troppo, l’ho pagata cara, no grazie".

Ci fu silenzio, quei classici silenzi scomodi che infastidiscono. Quelli che a dispetto del sostantivo in questione parlano con chiarezza.
Vidi la tristezza nei suoi occhi, un velo opaco le si adagiò su quel bel viso coperto di ecchimosi e cerotti.

Non le detti possibilità di replicare, chiusi la porta dietro di me, non salutai nemmeno. Freddo e distaccato, mi sentivo una merda. Rimasi sullo zerbino come un cane in punizione.
In un altro momento, forse, sarebbe andata diversamente.
Non presi l’ascensore, avevo bisogno di spazio.
I gradini della lunga scalinata in marmo bianco, sembravano tanti mattoncini lego. Mi fermai alla finestra che dava sul parco. Coppie sulle panchine, i cani correvano e anziani passeggiavano piano. Ragazzi urlanti e spensierati.
Beati loro.
Un colombo si posò sul davanzale... e così senza apparente motivo, mi tornarno alla mente le parole cannate e cazzute della psicoterapeuta, durante l’ultima seduta, che mi costarono una cospicua perdita di euri, certezze e riaccesero le braci di vecchi falò di vizi e virtù: " Matteo sei un grande attore, le sedute dovrebbero farti abbassare la maschera, dovresti essere sincero e onesto, sennò è tempo perso....".
Doc, non sono complessato, solo complicato, ma piú semplice di altri. Non sono omofobico, non mi fanno paura, mi fanno schifo. E non sono manco asociale, parlo con tutti, sempre che ravveda un q. i maggiore di una zanzara morta; sto bene con pochi, ma anche solo. Non cerco il confronto forzato e le discussioni a senso unico mi indispongono. Me ne sto per cazzi miei e raramente chiedo favori. Mi irrita il buonismo mascherato da ipocrisia. So bene di non piacere a tutti e va bene cosí, ma anche se non piacessi a nessuno sarebbe lo stesso. Vivessi per essere accettato, avrei un problema. Me ne sto in disparte con la musica nelle orecchie. É di gran lunga piú salutare ascoltare parole cantate o rimate, che vomitate da bocche indegne e prive di sentimento. Il resto, Doc... beh nothing else matters"...
Alzai gli occhi al cielo sbuffando come un vecchio treno a vapore, vai a capire il perchè di questo assurdo ricordo....

Dopo l’ultima rampa di scale, giunsi finalmente fuori, vento fresco e luce morbida.

Accesi l’ipod, infilai casco e guanti, mentre Summer Haze suonava piano, detti manetta e... fottesega.

Fine

Matteo Bio Matteucci 01/11/2017 11:27 67

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 125 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Freccia Bianca II (18/11/2017)

Una proposta:
 
Freccia Bianca II (18/11/2017)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 2946 letture)


 Le poesie di Matteo Bio Matteucci

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it