5217 visitatori in 24 ore
 227 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 5217

227 persone sono online
Autori online: 6
Lettori online: 221
Poesie pubblicate: 324’235
Autori attivi: 7’371

Gli ultimi 5 iscritti: Manuela Mancini - Cesare04 - Caterina Fantoni - Gennaro Caiazzo - Simone1996Cedrone
Chi c'è nel sito:
♦ Max Ray Springsteen Messaggio privatoClub ScrivereAnna Di Principe Messaggio privatoClub ScrivereAnna Maria Cherchi Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privato ♦ Laura Mucelli Klemm Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Bullo

Sociale e Cronaca

Era il più bullo fra i bulli. Non passava mattina che vessava gli altri ragazzi. Alle volte se la prendeva pure con le bimbe, raramente e per fortuna con i ragazzi down.
Richiami, sospensioni, rapporti, ma nulla, continuava imperterrito. Ogni giorno andare a scuola era un’ odissea. Ansie e paura di essere presi di mira, di essere malmentati, scherniti.
Ai più fortunati veniva rubata la merenda, penne o quaderni. Altri venivano chiusi nei bagni delle ragazze, altri presi a pappine.
Nessuno faceva la spia, avevano tutti paura. Genitori preoccupati di vedersi arrivare il figlio picchiato e provato nell’ orgoglio.
Non era vita, pensare che gli anni delle medie dovrebbero essere sereni e divertenti.
Fumava nei bagni, sequestrava il registro, ogni tanto sfregiava le macchine dei docenti, faceva confusione e senza provare remore compiva ogni malefatta.
Aveva una famiglia praticamente assente, nessun controllo. Le insegnanti erano sature e stanche, ma non potevano fare nulla. Una mattina dette uno schiaffo ad un mio amico che portava gli occhiali, gli ruppe il naso e gli spaccò la montatura. Altre sospensioni, ma nulla, tornava più cattivo che mai.
Molti di noi facevano brucia pur di non essere bersagliati.
Il primo anno fu molto molto duro. Venne bocciato e gran parte di noi fu sollevata, se non altro eravamo salvi. Durante i primi giorni dell’ ultimo quadrimestre, il preside entrò in classe. "
Ragazzi questo è il vostro nuovo compagno, vi presento Aurelio."
Era un ragazzo disabile, aveva le stampelle, problemi alle ossa o qualcosa di simile. Prese posto accanto a me, mi prese un po’ di inquietudine.
Alla ricreazione molti scendevano in cortile, alcuni restavano in aula. Ovviamente, io, restavo per non essere schernito, mi sarebbe piaciuto uscire, ma avevo troppa paura.
Una mattina di febbraio, chiesi di andare in bagno, non mi sentivo molto bene. Entrando trovai Michele, il bullo, mentre scriveva parolacce sul muro, mi guardò con occhi spiritati e fuori delle orbite. Mi si gelò il sangue, non sapevo che fare, avevo pure mal di pancia.
Non potevo tornare in classe e fare la spia, sarebbe stata la mia condanna. Speravo se ne andasse e che non mi desse fastidio. Chiusi la porta e mi sedetti sul water. Sudavo freddo e tremavo.
Appena uscito, mi afferrò per la gola, mi alzò da terra e mi imbrattrò il viso con il pennarello nero. Provai a lavarmi alla meno peggio con l’ acqua, ma non fu una bella pensata. L’ inchiostro mi finì negli occhi, in bocca, nel naso, ricevetti uno schiaffo sulla nuca. Tornai in classe piangendo, bagnato, tremante, arreso...
Alcuni compagni risero, altri avevano capito, l’ insegnate mi guardò compassionevole. Mi fece segno di seguirla, andammo in infermeria, mi dette una coperta ed un thè caldo. "
Aspetta qua, telefono a tua mamma le dico di venirti a prendere ". Piansi ancora.
Arrivato a casa, mi misi a letto. Avevo un po’ di febbre, strinsi il mio orsacchiotto, sperando mi desse coraggio.

Fine I parte


Matteo Bio Matteucci 04/11/2017 18:21 69

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo Bio MatteucciPrecedente di Matteo Bio Matteucci


Ritratto di Matteo Bio Matteucci:
Matteo Bio Matteucci
 I suoi 125 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Freccia Bianca II (18/11/2017)

Una proposta:
 
Freccia Bianca II (18/11/2017)

Il racconto più letto:
 
Voglie (27/04/2016, 2944 letture)


 Le poesie di Matteo Bio Matteucci

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it