2991 visitatori in 24 ore
 171 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2991

171 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 164
Poesie pubblicate: 337’254
Autori attivi: 7’495

Gli ultimi 5 iscritti: Anna Filomena Visaggi - Donaldamutt - Mauro Maschiella - BradleySek - giulia4567
Chi c'è nel sito:
♦ lucia curiale Messaggio privato ♦ Giomiri Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privato ♦ aristodemo Messaggio privato ♦ Pasquale Farallo Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Crescere per forza

Ragazzi

Ti ho detto di no! È inutile che insisti, non ci vai a quella gita, figuriamoci! Tre giorni fuori con dei maschiacci che non si sa come va a finire!!!!”

"A sentire te, sembra che io vada via sola con dei maschi!!!! E’ una gita della nostra classe, ci sono anche molte ragazze, e poi, sono tutti buoni amici, che ci rispettano, e poi....”

Ma tu lo capisci l’ italiano o te lo devo dire in cinese che non lo so? Non ci vai e basta! La discussione è finita!”

Mia madre uscì dalla stanza sbattendo la porta, ed io scoppiai a piangere. Come era possibile che a me non mi facessero mai andare da nessuna parte, senza nessuna spiegazione, senza un motivo? Ero sempre stata una studentessa modello, i miei voti erano eccellenti, ero una ragazza tranquilla che non avevo mai dato dei motivi di preoccupazione ai miei genitori, cosa c’ era allora che non andava? Mio padre non voleva interferire con le decisioni di mia madre per evitare delle liti, ma so che lui era dalla mia parte.

Non mi rassegnavo a questa rinuncia, e così per seguire le ragioni di mio padre, andai a trovarlo al lavoro. Conoscevo bene il suo ufficio perché c’ ero andata altre volte con mia madre. Una volta arrivata alla grande costruzione che portava il suo nome, passai davanti a una fila di scrivanie, senza chiedere permesso a nessuno, andai dritto alla porta dell’ ufficio e senza bussare entrai... Avrei voluto sparire, svanire, disintegrarmi, prima di vedere mio padre che baciava appassionatamente una bellissima ragazza!!!

Rimasi inchiodata al pavimento senza essere capace di fare un passo nè avanti nè indietro. Mio padre al vedermi si staccò dalla ragazza imbarazzatissimo e allo stesso tempo, molto arrabbiato, mi disse: “ Non conosci nemmeno le regole più elementari dell’ educazione tu? Non ti hanno insegnato a bussare prima di entrare in qualsiasi posto?”

Ero imbarazzata anch’ io, ma era molto più forte l’ indignazione che sentivo verso mio padre in quel momento, e gli dissi a voce alta: “ Sono contenta d’ aver violato le regole dell’ educazione caro papà! Perché se avessi bussato non ti avrei mai scoperto, e ora, non so proprio come raccontare alla mamma questa schifezza!”

Mio padre allora cambiò immediatamente atteggiamento, e mi supplicò di non dire niente alla mamma, avrebbe sofferto per nulla, perché quello era stato solo un momento di debolezza che non si sarebbe ripetuto più! La bella ragazza, che fino a quel momento non aveva aperto bocca, si girò verso mio padre e gli disse: “ Siete tutti dei porci vuoi uomini, prima parlate di soldi, di mare e monti, e ora, vi tirate indietro come dei conigli!!!” e dicendo questo se ne andò imprecando verso mio padre.

Io rimasi dove mi trovavo quando entrai in quell’ ufficio, mio padre mi si avvicinò, e con voce soave, mentre mi accarezzava i cappelli mi disse: “ Tu sei ancora troppo giovane e ingenua, per questo tua madre non vuole lasciarti andare alla gita con la scuola. Ha paura capisci? Sa che ti potrebbe capitare qualche situazione imbarazzante, e che tu non sapresti difenderti, o peggio ancora, cadresti in qualche tranello, e dopo soffriresti tutta la vita per una mezz’ ora sbagliata, mi capisci?”

Si papà, ti capisco benissimo, tu fai i tuoi comodi, inganni la mamma, e a me vorresti insegnarmi come comportarmi, sai che ti dico? Che mi dispiace per la mamma, ma io me ne vado alla gita, io so quello che devo o non devo fare, e che ormai sono grande, perciò lasciatemi in pace tutti e due!”

Uscì dall’ ufficio senza nemmeno salutare suo padre e andò a casa. Era disposta a litigare anche con sua madre pur di ottenere quello che lei sentiva come un diritto. Le sembrava di essere cresciuta all’ improvviso, le sembrava di sentirsi più grande dei suoi genitori, più matura. Andare da suo padre, dopotutto era servito a molto (continua)


Franca Merighi 29/04/2018 17:38 180

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Franca MerighiPrecedente di Franca Merighi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

molto educativo...complimenti (Silvie)

piaciuto tanto (Silvie)

Piaciuto e condiviso ... (Ela Gentile)

buon testo, Franca (poeta per te zaza)



Ritratto di Franca Merighi:
Franca Merighi
 I suoi 40 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Lasciami vivere (27/11/2018)

Una proposta:
 
Lasciami vivere (27/11/2018)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 594 letture)


 Le poesie di Franca Merighi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it