3937 visitatori in 24 ore
 230 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3937

230 persone sono online
Autori online: 17
Lettori online: 213
Poesie pubblicate: 330’992
Autori attivi: 7’436

Gli ultimi 5 iscritti: Alda Bia - Anita Pallarino - Giovanni1967 - Pietro Santoro - Euphemia
Chi c'è nel sito:
♦ Gesuino Curreli Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privatoClub ScrivereRosaria Catania Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privatoClub ScrivereStello Messaggio privato ♦ Patrizia Iannetta Messaggio privato ♦ L Falchero Messaggio privatoClub ScrivereAntonio Biancolillo Messaggio privatoClub ScrivereGiacomo Scimonelli Messaggio privato ♦ G Paolo Landoni Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Monopoli Messaggio privato ♦ Monica Messa Messaggio privatoClub ScrivereAugusto Cervo Messaggio privatoClub ScrivereAngela Schembri Messaggio privatoClub ScrivereStefania Siani Messaggio privato ♦ Giovanni Chianese Messaggio privato ♦ Alda Bia Messaggio privato
Vi sono online 7 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

L’ora della merenda

Amore

Quand’ ero bambina, più di cinquant’ anni fa, l’ ora della merenda per noi ragazzi era un momento magico ed irripetibile, un rito al quale le mamme non derogavano mai, fatto di cose semplici e genuine, non come ai giorni d’ oggi che tutto si risolve con uno snack dall’ aria sbilenca e malcotta, ingoiato in fretta davanti alla televisione, in perfetta solitudine, una volta era diverso specie se dentro la merenda c’ era un ingrediente fondamentale, che capirete.

Dovete sapere che le mamme erano per lo più casalinghe, impegnate nella cura della casa e dei bambini, un’ aureola di santa pazienza a incorniciare i visi e mani operose da mattina a sera, regine incontrastate del focolare, spesso contornate da profumi che non sapevano né di cipria né di colonia, ma di sughetti e minestroni sopraffini.

Mia madre era una cuoca superba, in cucina faceva miracoli e le delicate fragranze che scaturivano dai suoi piatti sapevano far resuscitare un morto. E poi c’ era il giorno speciale, quello della merenda “ speciale”, che ancor oggi profuma di lei, attesa insieme a mio fratello come premio straordinario nei giorni di festa. E mentre rammento questa dolce memoria, la vedo nuovamente impastare e amalgamare sorridendo mentre due trecce scure, festose, saltellano d’ intorno.

Come tutte le cuoche e mamme sapienti usava ingredienti freschissimi, preparandoli con cura sul grande tavolo di formica verde. Era molto attenta e non lasciava nulla al caso. Dunque, iniziava l’ opera sbattendo il bianco di due grandi uova finché questo appariva come un pugno di neve soffice e bianca, poi con i rossi tingeva questa morbida schiuma, mescolando piano, quasi carezzandola, fino al momento d’ aggiungere la farina setacciata unendo poi lo zucchero ed il latte.

Me la ricordo usare solo il cucchiaio di legno che sbatteva con vigore nella ciotola di porcellana bianca e senza l’ aiuto di sbattitori elettrici, la sola forza delle braccia, girava vorticosamente l’ impasto, che diventava soffice ed elastico, profumato di vaniglia, che dosava da piccole cartine azzurre insieme al lievito; lei così minuta ma forte come una roccia, emanava all’ improvviso un’ energia portentosa, la bocca piegata al sorriso, le mani abili e precise, una fatina con al posto della bacchetta magica cucchiai e palette di legno. Mentre il composto riposava un momento, prendeva la sua casseruola preferita, d’ alluminio, dai bordi alti e dai grandi manici, vi metteva il burro e lo lasciava sciogliere piano nel forno tiepido finché, diventato color dell’ oro, lo aggiungeva alla torta agitando e sbatacchiando il cucchiaio magico; con quel poco calore l’ insieme cominciava a filare, formando minuscole bollicine che scoppiettavano allegre, una sorta di lava morbida e sinuosa, e dalla fragranza squisita. Impugnata la ciotola con mani forti e decise, con un colpo ben assestato rovesciava tutto nel tegame, livellandolo per bene. Per completare l’ opera cospargeva attentamente il centro di zucchero e poi via! subito nel forno.

Contava lento l’ orologio quei minuti, in un’ attesa che sapeva di gola e gioia, mentre nella cucina il profumo imprigionava cose e persone, ammaliandole. Il forno doveva stare ben chiuso, nessuno doveva avvicinarsi, tanto meno azzardarsi ad aprirlo. Ma siccome ai bambini dire “ non farlo” è dire “ fallo pure”, di soppiatto m’ avvicinavo al vetro a spiare quella bontà farsi torta, la seguivo crescere lungo i bordi, montare come marea e rischiare spesso d’ esondare per poi farsi color caramello mentre al centro lo zucchero diveniva crosta e si spaccava in piccole rughe, come la terra arsa dal troppo sole.

Quando finalmente era l’ ora, mamma spegneva il forno, lasciava riposare il dolce per alcuni minuti, affinché non smontasse, poi chiamati noi bambini a raccolta, mentre l’ acquolina già scendeva copiosa agli angoli delle bocche, apriva pian piano lo sportello e preso il tegame lo rovesciava sul piano di marmo, affinché freddasse un attimo il fondo. Intanto, foderato un piatto con la carta del pane con una rapida giravolta riprendeva possesso della sua opera d’ arte e oplà! la torta era bella e scodellata.

Col setaccio spargeva attentamente lo zucchero a velo nelle piegoline della crosta, come un giardiniere che amando le sue piante a tutte, e in parti uguali, doni l’ acqua. Ora ch’ era pronta, bella, tronfia, alta e rotonda come la O di Giotto, morbida come le braccia di mamma quando ci stringeva forte, ne faceva piccole fette sulle quali i nostri dentini voraci andavano a frangersi, come l’ onda a riva, e mentre gli occhi brillavano e i piedini sgambettavano in segno di gioia, le mani strette a quella tenerezza ancora tiepida, lei sedeva, tornando dolcemente piccola e minuta, le mani in grembo, a guardare i suoi figli, con un sorriso che non dimenticherò mai, perché so che in quella torta c’ era un ingrediente in più, unico, insostituibile, immenso.

Bravi, l’ avete indovinato anche voi vero? era il suo amore!


Franca Canfora 17/05/2018 11:26 1 25

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente

Nota dell'autore:
«Roma 12. 05. 18 Ripa Grande del Murialdo - dedicato a te Mamma»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Gli anni Sessanta, cui credo si riferisca la scrittrice, furono favolosi sotto molti aspetti, tra i quali uno dei più importanti era quello di poter mangiare magari poco, ma in modo genuino e sano (mia madre non era una grandissima cuoca, ma avevo la fortuna di vivere anche con mia nonna...) L’ultima parola del racconto, "amore", ha, credo, una duplice valenza: amore per i figli, ma anche per la creazione di varie cose (in questo caso un dolce) . Quegli amori, che circolavano nell’aria, portavano noi bambini di allora ad immaginare un mondo sempre più bello, per l’estetica ma anche per l’etica. Poi, all’improvviso, arrivarono i caotici e convulsi anni Settanta...»
Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Franca Canfora ha pubblicato in:

Libro di poesieSe tu mi dimentichi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 208 - € 11
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686214


Libro di poesieTu che mi ascolti
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2010, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 240 - € 12
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686108


Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieLe notti del poeta
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2009, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine:  - € 14.00
Anno: 2010 - ISBN: 978-88-6096-621-6


Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libro di poesieSan Valentino 2009
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 68 - Anno: 2009


Libro di poesieFesta delle Donne 2009
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 50 - Anno: 2009


Libro di poesieSotto le civette volano i versi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2008, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 166 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-477-9


Libro di poesieEarth Day
Autori Vari
La nostra Terra, così trascurata, così, martoriata, ma sempre nostra. L'Earth Day in poesia.

Pagine: 27 - € 8.66
Anno: 2008


Libro di poesieFesta del Papà
Autori Vari
Poesie per celebrare la Festa del Papà

Pagine: 34 - € 8.73
Anno: 2008


Libro di poesieFesta delle Donne
Autori Vari
40 poesie per celebrare la Festa delle Donne

Pagine: 48 - € 6.00
Anno: 2008


Libro di poesieSan Valentino
Autori Vari
Le sfaccettature dell'amore nel giorno a lui dedicato

Pagine: 55 - € 6.00
Anno: 2008


Libri di poesia



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it