3649 visitatori in 24 ore
 240 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3649

240 persone sono online
Autori online: 10
Lettori online: 230
Poesie pubblicate: 335’044
Autori attivi: 7’478

Gli ultimi 5 iscritti: Fabert - Massimo Bellini - MarioE - KristanDal - bibibi6662
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereRosaria Catania Messaggio privatoClub ScrivereMarinella Fois Messaggio privatoClub ScrivereVentola raffaele Messaggio privato ♦ Roberta Rotondo Messaggio privato ♦ Daniele miraflores Messaggio privatoClub Scriverepoeta per te zaza Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privatoClub ScrivereAugusto Cervo Messaggio privatoClub ScrivereFranca Merighi Messaggio privatoClub ScrivereAlberto De Matteis Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

C’era una volta la Befana

Amore

C’ era una volta la Befana dei bambini felici con nulla o con poco.

Ecco, detto così sembra una favola, invece è solo il luccichio d’ un ricordo e della nostalgia pungente del giorno magico dell’ Epifania, visti con gli occhi di una bambina ma con il rimpianto d’ adulta, una adulta che oggi si smarrisce di fronte alla inespressività con cui i ragazzini scartano i giocattoli, li guardano, per poi abbandonarli in un nano secondo e tornare davanti ai video giochi, o peggio davanti al televisore. Sparita l’ attesa, profumata di magia e trepidazione, tutto si veste di superficialità, qualcosa che diventa dovuto e non meritato.

Nei primi anni ‘ 60 ero poco più che una bambinetta e, come tutti i miei coetanei, sognavo ad occhi aperti, e poiché la televisione era solo per pochi fortunati, le pressioni pubblicitarie erano ridotte al minimo. Come fare allora per sapere le novità? Semplicissimo, si ricorreva alla visione diretta, ovvero al giro nel negozio di giocattoli del mio quartiere, l’ unico del resto, che forse in virtù delle mie minute proporzioni mi sembrava il regno di bengodi, così grande e pieno di scaffali stipati all’ inverosimile da bambole, carrozzine, trenini, burattini, costruzioni, cucinette e minuscole pentoline, Pinocchi dai colori sgargianti, tamburi e pianoforti in miniatura.

Alcuni giochi, pionieri nel loro genere, avevano già la luce, funzionante grazie alle batterie, o con la presa di corrente. Lontani mille miglia dai giochi elettronici, avevano però un fascino tutto loro, centuplicato dal valore dell’ attesa, e dalla gratificazione d’ essere stati davvero buoni se arrivava quello che si era adocchiato. Infatti i bambini compivano, per mano ai genitori, una sorta di ricognizione, e quando gli occhi s’ illuminavano, mamma e papà capivano che quello era l’ oggetto del desiderio, con uno scambio veloce di occhiate col negoziante e con un “ andiamo a scrivere alla Befana l’ indirizzo del negozio così lei passa a prenderlo”, ci si congedava. Il negoziante capiva al volo, tanto ormai i clienti erano sempre gli stessi, affrettandosi nel retrobottega a riporre il gioco con tanto di nome sopra.

Com’ era bello tornare a casa, saltellando per la via, la mano nella mano a mamma e papà, descrivendo ancora quella meraviglia appena intravista, in un cicaleccio continuo e gioioso, e il sorriso increspato agli angoli della bocca dei miei, che sghignazzavano soddisfatti, ma questo l’ ho capito solo anni dopo, per quell’ ingenuo pregustare la cucinetta, la bambola, o quel certo trenino che mio fratello pensava già di veder correre nel corridoio di casa.

Così facendo però entrambi abbiamo capito il loro insegnamento, il perché si scegliesse una cosa e una soltanto; per un bimbo piccolo la scelta non è facile, nei suoi occhi leggi gioia e un pizzico di delusione nel dover decidere tra tante meraviglie. Ma la legge era quella e senza deroghe, “ la Befana ha tanti bimbi da accontentare” ci ripetevano, e con questo ci hanno insegnato la condivisione, la generosità con chi ha poco o addirittura niente, consegnandoci l’ antidoto contro l’ egoismo.

Dunque dicevamo, fatta la scelta bisognava aspettare, pazientemente, preparandosi all’ evento con tutta l’ obbedienza possibile, senza far capricci, finendo il pasto senza far disperare nessuno, comportandoci bene a scuola.

Arrivava nel frattempo Natale, e con esso il batticuore lievitava come un fragrante panettone, col quale ci ingozzavamo felici. Ovviamente a Natale non si riceveva nulla, tranne l’ abbraccio di mamma e papà, il loro bacio e un buon pranzetto con i parenti più stretti.

Passavano i giorni e si arrivava alla vigilia dell’ Epifania con un rituale da rispettare. Noi ne avevamo uno particolare frutto della fantasia bonaria e sorniona dei miei.

Innanzi tutto la sera precedente si cercavano i calzini più belli, magari nuovi, ma soprattutto più lunghi. Ogni anno la genialità era quella di sostituire i nostri calzini, con quelli scovati nel cassetto di mio padre, ovviamente molto più capienti, cosa di cui mamma e papà erano coscienti, pur fingendo ogni volta di rimanerne sorpresi.

Si raccontava che la signora Befana fosse una vecchina molto povera e soprattutto molto affaticata dal giro che doveva compiere nella notte delle magie, così la chiamavo da piccola, per andare a far visita a tutti i bimbi del mondo; che strana cosa era mai questa, ma come poteva la Befana far visita a tutti i bimbi del mondo in una notte, visto che noi per andare dagli zii a 700 km di distanza con il treno ci mettevamo 8 ore? Come faceva a far su è giù per i comignoli, ad aprire e chiudere tante finestre, a diventare invisibile e poi visibile, ad andare a cavalcioni per tutto quel tempo su una scopa malconcia, col freddo, con la pioggia, con la neve? E poi quella lista pressoché infinita di indirizzi, di desideri da spuntare, senza una nota scritta era davvero un guaio ricordare quello che ogni bambino aveva visto e prenotato, quindi ne deducevo che la Befana doveva avere una memoria a dir poco strepitosa. E noi che ci lamentavamo delle tabelline e delle poesie a memoria!

Ecco, giustappunto la memoria. In fondo, ragionavo, la Befana era una vecchina, magari col tempo qualche piccolo cedimento le avrebbe potuto far dimenticare qualcosa, forse il nostro indirizzo. I miei zii a 70 anni erano già sordi, ci vedevano poco, e mi chiedevano cento volte le stesse cose; la cara nonnina per quanto arzilla, mi dicevo, avrà a dir poco 200 anni, quindi secondo il mio giudizio critico di bambina doveva essere molto più rimbambita. No, assolutamente non potevo correre questo rischio, e così discutendo e parlottando, papà, che sicuramente sotto i baffi avrà riso come un matto, escogitò uno stratagemma, affinché la povera vecchietta non potesse mai più dimenticare l’ indirizzo di casa nostra.

La sera precedente dunque ci invitava a mettere tutto in ordine in cucina e sul tavolo, sul quale pulito e riassettato a dovere, si apparecchiata appositamente per lei, con tovagliolo, bicchiere, posate, lasciando in un piatto la cena già pronta, ed io che ero molto generosa e, lo ammetto, molto interessata, aggiungevo frutta secca, un pezzetto di dolce, una caramella, così da essere sicura che la mia amata benefattrice rimanesse contenta, e, chissà, intenerita sganciasse qualcosa in più.

Appese poi le calze alla cappa della cucina c’ era un particolare importantissimo da non dimenticare. Non possedendo il caminetto, ma solo una grande finestra, la poverina avrebbe dovuto sfondare i vetri con un gran fracasso per entrare, rischiando di farsi male, quindi per agevolarle la discesa e la planata con tanto di scopa e sacco al seguito, si lasciavano appena schiuse le ante, si chiudeva la porta perché la Befana non amava farsi vedere e via di corsa a nanna.

Confesso, non dormivo granché, sussultando spesso per una strana dolcissima agitazione e sperando che il sole filtrasse presto dalle persiane. Com’ era bella l’ attesa, mi giravo nel lettino gongolando, aspettando che il sole facesse capolino tra le imposte, e bussando coi suoi timidi raggi mi dicesse: “ Svegliati, è l’ ora!”

E quando l’ ora finalmente arrivava il timore della delusione era tanto, l’ inquietudine cresceva, magari c’ era una marachella fatta qualche giorno prima che macchiava la coscienza, e poi una vocina in fondo in fondo sussurrava “ E se si fosse persa? E se si fosse rotta la scopa? E se avesse scambiato per la fretta la tua scatola con quella di qualcun altro?” Insomma il grillo coscienza faceva a dovere il suo lavoro, e l’ ansia saliva come panna montata, finché la voce di mamma che chiamava dalla cucina dicendo “ Bimbi ma non correte a vedere cos’ ha lasciato la Befana?” ci faceva lasciare il tepore del lettino e saltellare per il corridoio con un fracasso infernale e somma gioia dei vicini di casa.

Il momento più bello era quel tenero sbirciare la soglia della cucina, e vedere con quanta fantasia la signora Befana l’ avesse messa a soqquadro. La signora aveva gradito la cena, il tovagliolo appena spiegazzato, le bucce della frutta graziosamente confuse tra le posate. Anni dopo capii che la cena della befana se l’ era mangiata papà immolandosi alla causa, mentre le bucce di frutta erano le superstiti di quella consumata la sera precedente.

Ma all’ epoca questo non poteva certo passarmi per la testa, a me interessavano quei calzini rigonfi e quei bellissimi pacchetti sul tavolo.

Nei calzini la graziosa nonnina lasciava caramelle, cioccolatini, mandarini, noci e nocciole, ed un pezzo di carbone per insegnarmi le buone maniere.

Sul tavolo attirava la mia attenzione un pacchetto colorato, con l’ indicazione del destinatario, che ai tempi dell’ asilo mi facevano la grazia di leggere al posto mio. Com’ era bello prenderlo, sfiorarlo, attendere ancora un po’ a slegare il laccetto e togliere la carta, quasi a prolungare quel senso d’ infinita contentezza.

Poi pian piano, così come si fa con le cose preziose, lo aprivo. E sorridevo. Mi ricordo le ultime due epifanie, avevo 7 e 8 anni, e in dono ricevetti una di quelle prime bambole con un corredo di vestitini, e l’ anno successivo un frigo con la luce che si accendeva aprendo lo sportello.

Fu l’ ultima befana, l’ ultima notte di magia. L’ infanzia durò lo spazio d’ un soffio di vento, e finì una mattina di novembre. Nonostante il trambusto, la befana arrivò ugualmente, ma ormai sapevo che non esisteva e che sarebbe stata la mamma a provvedere, ma quello che mi feriva era la certezza che non sarebbe mai più stata la stessa cosa, che non avrei avuto mai più la cucina apparecchiata ed imbandita, ma soprattutto che non avrei avuto più papà a sorridermi sornione ed a finire la cena al posto della Befana.


Franca Canfora 23/05/2018 20:21 96

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Franca Canfora

Nota dell'autore:
«memorie...»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Franca Canfora ha pubblicato in:

Libro di poesieSe tu mi dimentichi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2011, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 208 - € 11
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686214


Libro di poesieTu che mi ascolti
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2010, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 240 - € 12
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686108


Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieLe notti del poeta
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2009, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine:  - € 14.00
Anno: 2010 - ISBN: 978-88-6096-621-6


Libro di poesieFoto di gruppo con poesia
Autori Vari
Un ritratto degli autori del sito attraverso le loro poesie

Pagine: 200 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-494-6


Libro di poesieSan Valentino 2009
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 68 - Anno: 2009


Libro di poesieFesta delle Donne 2009
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 50 - Anno: 2009


Libro di poesieSotto le civette volano i versi
Autori Vari
Le poesie che hanno partecipato al Premio di Poesia Scrivere 2008, con tutte le opere partecipanti ed i vincitori

Pagine: 166 - € 14,00
Anno: 2009 - ISBN: 978-88-6096-477-9


Libro di poesieEarth Day
Autori Vari
La nostra Terra, così trascurata, così, martoriata, ma sempre nostra. L'Earth Day in poesia.

Pagine: 27 - € 8.66
Anno: 2008


Libro di poesieFesta del Papà
Autori Vari
Poesie per celebrare la Festa del Papà

Pagine: 34 - € 8.73
Anno: 2008


Libro di poesieFesta delle Donne
Autori Vari
40 poesie per celebrare la Festa delle Donne

Pagine: 48 - € 6.00
Anno: 2008


Libro di poesieSan Valentino
Autori Vari
Le sfaccettature dell'amore nel giorno a lui dedicato

Pagine: 55 - € 6.00
Anno: 2008


Libri di poesia



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it