2881 visitatori in 24 ore
 143 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2881

143 persone sono online
Autori online: 8
Lettori online: 135
Poesie pubblicate: 337’172
Autori attivi: 7’493

Gli ultimi 5 iscritti: Mauro Maschiella - BradleySek - giulia4567 - Mirko Vangi - Andreesove
Chi c'è nel sito:
Club Scriveresanto aiello Messaggio privatoClub ScriverePaola Riccio Messaggio privatoClub ScrivereMarco Galvagni Messaggio privatoClub ScrivereGiovanni Ghione Messaggio privato ♦ Adriana Messaggio privatoClub ScrivereAntonella Garzonio Messaggio privato ♦ Cesare Moceo Messaggio privato ♦ Mauro Sartini Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Noia

Ragazzi

Era una di quelle mattine che non mi sarei alzata dal letto per nessun motivo, il tempo era umido e freddo, e si stava così bene al calduccio! Ma la voce di mia madre non ammetteva scuse: “ Roberta!!! su, che fai tardi!!!” e con uno sforzo “ eroico” mi misi in piedi...

Tutti i giorni la stessa storia, la colazione con un caffè e cornetto, la fermata dell’ autobus, la gente che non bada a niente e nessuno, si siede e basta, chi non trova posto, semplicemente, sta in piedi!, e l’ autista che mette in moto senza importargli se saresti caduta o meno...

Non c’ era un minimo di educazione, di gentilezza, nemmeno quel faccia tosta col giornale in mano, che tutte le mattine trovavo sul bus, e che si sedeva senza vedere che portavo in mano un mucchio di libri, e che dovevo reggermi forte per non cadere...

Arrivata davanti alla scuola, facevo sempre un grosso respiro profondo, come chi deve affrontare un sacco di noie, e non mi sbagliavo mai, se non era per un motivo o per un altro, i problemi c’ erano sempre. O mi aspettava il genitore scontento del figlio che non andava bene, o della mamma apprensiva che mi chiedeva se avessi notato qualche cambiamento nella figlia, o il direttore che aveva sempre da borbottare se portavo un minuto di ritardo! Poi, una volta in classe, sarei scappata via volentieri, tutti in piedi a parlare a voce altissima e quei maledetti cellulari, che avevo proibito di portarli in classe, ma che tutti, nascondevano da qualche parte...

Dovetti alzare la voce più di loro per farmi sentire, e dopo dieci minuti persi in polemiche varie, finalmente un po’ di silenzio... uno di loro alzò la mano e mi chiese il permesso di parlare: C’ era stato un ragazzo della classe superiore che aveva molestato una ragazza della mia, io senza voler ascoltare il seguito dissi: “ Si alzi in piedi la ragazza “ molestata”. Si alzò Valeria, considerata la più bella della classe, ma anche la più civettuola, non perdeva mai occasione per flirtare con questo o quello, e naturalmente, era anche normale se qualcuno la molestava. Anche se a me, non è mai piaciuta questa parola, le domandai: Sentiamo, cosa ti ha fatto o detto questo ragazzo per dire che ti molestava? Lei abbassò lo sguardo, e mi disse che me lo avrebbe detto, ma privatamente.

Io le risposi che la avrei ascoltata dopo il suono del campanello, ora bastava di chiacchiere, dovevamo seguire con le lezioni di grammatica. Ci fu un mormorio generale, ma alla fine riuscimmo a fare qualcosa di utile. Effettivamente, appena suonò il campanello, Valeria mi si avvicinò, mentre tutti gli altri uscivano, guardandola con una specie di pietà.... “ Bene, ora siamo solo noi due”, dissi, “ Incomincia dal principio”. Valeria scoppiò a piangere, dicendo che lui si era avvicinato in un momento che era sola, e che le aveva proposto, con parole volgari, di andare a fare l’ amore... Lei lo aveva mandato via con una parolaccia, e lui l’ aveva presa per un braccio, strattonandola, dicendole: “ Ora, qui, davanti ai tuoi amici fai la preziosa, ma quando ti va, non fai tante storie!” Lei allora, gli aveva gridato in faccia che non era vero niente di quello che stava alludendo, e che mai e poi mai era andata con lui da qualche parte....Sentendola strillare, si avvicinarono i suoi compagni, e lui se ne andò senza dire più niente. Mi fece pena anche a me, piangeva sul serio, quelle non erano lacrime finte, così che la calmai abbracciandola, e dicendole che sarei andata a parlare con i suoi genitori, così si sarebbe sentita più protetta. Ma lei, guardandomi con quegli occhioni tristi, mi disse che i suoi genitori erano morti due anni prima, in un incidente d’ auto, e che lei dopo andò a vivere con la nonna paterna, ma era anche vecchia e ammalata, e non voleva darle delle preoccupazioni.

Io avevo sempre considerato il mio lavoro, piuttosto noioso, lo facevo senza entusiasmo, e a volte mi pesava enormemente. Ma da quel giorno, cambiai parere, Valeria si era affezionata a me, e ascoltava con attenzione le lezioni, la vedevo più rilassata, e quel ragazzo delle superiori non l’ aveva più disturbata. Valeria mi veniva anche a trovare a casa, eravamo diventate molto amiche, sebbene la differenza d’ età, ed era stato grazie a lei, che avevo capito, che io ero tanto fortunata, ad avere un lavoro come quello, e che mai più lo avrei considerato una noia...


Franca Merighi 31/05/2018 19:47 194

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Franca MerighiPrecedente di Franca Merighi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Franca Merighi:
Franca Merighi
 I suoi 40 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Lasciami vivere (27/11/2018)

Una proposta:
 
Lasciami vivere (27/11/2018)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 592 letture)


 Le poesie di Franca Merighi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it