3486 visitatori in 24 ore
 159 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3486

159 persone sono online
Lettori online: 159
Poesie pubblicate: 336’176
Autori attivi: 7’485

Gli ultimi 5 iscritti: Loreta Carcaterra - Mezzo Pazzo - LarrySit - WalterSpode - WilliamahTen
Chi c'è nel sito:
♦ Omar Vitali Messaggio privato ♦ Pasquale Farallo Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Khanysha, la figlia del vento

Amore

Domenico Lorusso, detto «Dum- dum» perché parlava spesso dell’ effetto devastante dei micidiali proiettili sul corpo umano, era conosciuto ad Amardolce, soprattutto grazie agli aneddoti che raccontava, alcuni dei quali erano così assurdi da sembrare vere e proprie barzellette.

Memorabile era quello in cui sosteneva di essere stato incaricato d’ aggiustare un camion militare, durante la guerra d’ Etiopia, rimasto in panne, a suo dire, proprio sulla linea dell’ equatore.

«Smontai il motore del camion e appoggiai i pezzi sulla sabbia rovente del deserto, ma nel momento in cui dovetti rimontarlo, mi resi conto che avanzava una carriola di bulloni, viti e quant’ altro».

«Che cosa ne hai fatto dei pezzi che avanzarono?», chiedeva l’ interlocutore di turno, pur conoscendo già la risposta.

«Misi il tutto sul cassone ribaltabile del mezzo militare, accesi il motore e il camion funzionava perfettamente», rispondeva compiaciuto «Dum- dum».

Le persone che lo ascoltavano ridevano a crepapelle pur sapendo che le sue storie erano inventate di sana pianta, anche se era vero che aveva combattuto in Eritrea dove aveva ottenuto la Croce commemorativa del « Corpo d’ armata eritreo».
Alcuni giovani più audaci del paese, forse non conoscendo la sua vera storia, lo prendevano bonariamente in giro chiamandolo pubblicamente « Dum- dum», ma bastava un piccolo rimprovero, o uno sguardo maligno, da parte di qualcuno per far sì che la cosa non si ripetesse più.

Ne raccontava così tante di storie che, ogni volta che qualcuno si sedeva vicino a lui su una panchina del giardino pubblico o al bar, dove ordinava sempre un enorme boccale di birra ghiacciata, le modificava a suo piacimento e le faceva terminare sempre in modo diverso.

Lo incontrai verso la fine degli anni ’ 80, davanti alla Chiesa della «Madonna dei Raccomandati»: indossava un paio di pantaloni corti a fiori, una camicia viola stirata di fresco, un paio di sandali d’ infradito color nocciola. Sulla sua testa era appoggiato un cappello di paglia che si levava ogni qualvolta si addentrava nel racconto.

Ricordo ancora distintamente il profumo del suo dopobarba. Parlava un italiano dé modé, perché l’ aveva imparato quando era già adulto, usava i congiuntivi a modo suo e conosceva la Storia. Parlò anche a me della guerra, del colonialismo fascista e del fatto che gli Italiani avessero impiegato il gas nervino e i proiettili esplosivi durante la guerra.

Dopo aver bevuto il primo sorso di birra, cominciò a parlarmi della Seconda Guerra Mondiale dove aveva combattuto in mezza Europa indossando la divisa del X Battaglione d’ Assalto « M» e che, dopo aver seguito un corso di addestramento a Roma, fu inspiegabilmente spedito di nuovo in Africa con il grado di caporale. Puntualizzò, con enfasi, che dopo l’ 8 settembre 1943, se si fosse trovato in Italia non avrebbe aderito alla Repubblica di Salò perché non voleva collaborare con i tedeschi.

Fu catturato dagli inglesi, dopo una feroce battaglia nel deserto, che lo rinchiusero in un campo di concentramento fino alla fine della guerra.

Ascoltai il suo racconto senza interromperlo perché sapevo che gli dava terribilmente fastidio e rischiavo di essere apostrofato in malo modo.

Il timbro della sua voce aveva il dono innato d’ incantare l’ ascoltatore.

Rimasi in silenzio fino a quando non disse una cosa che m’ incuriosì talmente che la ricordo ancora, parola per parola, dopo circa trentacinque anni.

«Mi innamorai dell’ Africa a tal punto che decisi di rimanerci anche quando avevo la possibilità di tornare in Italia, puntualizzò con una punta di malizia nello sguardo, perché c’ era Khanysha, la figlia del vento».

Lo guardai dritto negli occhi senza osare chiedergli chi fosse Khanysha, ma non dovetti neppure domandarglielo perché aggiunse con un tono quieto, parlando dei fatti come se si fossero svolti il giorno prima.

«Khanysha è la donna che mi ha fatto scoprire l’ Africa attraverso i suoi occhi. Mi insegnò ad amare la sua lingua, il cibo che mangiava, l’ aria che respirava e il dio in cui credeva. Con lei, il cielo era sempre terso e non dovevo brandire un’ arma per incutere rispetto».

Non sapevo che cosa dire, anche perché avevo il timore d’ infrangere i suoi ricordi.
«Nel 1947, ricevetti un telegramma dall’ Italia che m’ informava che mio padre aveva avuto un incidente alla cava del gesso e che la mia famiglia aveva bisogno d’ aiuto».
I suoi occhi si riempirono di lacrime e continuò il suo racconto con un’ emozione che mi commosse.

«Prima di tornare in Italia, promisi solennemente a Khanysha che sarei tornato in Africa per sposarla, ma dopo alcuni mesi mi ammogliai invece con Maria Grazia.

I nostri genitori avevano stipulato un matrimonio combinato per risolvere i problemi economici della nostra famiglia.

L’ amore per l’ Africa mi è rimasto nel sangue e ci rimarrà per tutta la vita anche se non ci sono più tornato e forse mai vi tornerò».

«Dum- dum» frugò accuratamente nelle tasche dei suoi pantaloni corti, aprì un vecchio borsellino di coccodrillo e, dopo aver cercato accuratamente nelle taschine laterali, mi mostrò una vecchia foto che ritraeva la donna dei suoi sogni.

Guardai la foto con attenzione ma era così sciupata che era quasi impossibile riconoscere le sue sembianze.

S’ intravvedeva soltanto la sagoma di un’ africana davanti a una capanna di paglia.

«Dum- dum» si alzò, si aggiustò il cappello di paglia sulla testa, bevve l’ ultimo sorso di birra e, con un sorriso sulle labbra, aggiunse: «Se fossi ancora giovane, non esiterei un istante. Andrei a trovare la donna che ha cambiato il corso della mia vita».

Il rumore del motore di una macchina lo distolse dalla conversazione, rimise frettolosamente la fotografia nel suo portafoglio e alzò gli occhi in direzione di una «Fiat 600» che si fermò a pochi metri da noi.

« Adesso, le presento mia figlia

«Ne sarei onorato, Domenico!», risposi con affetto.

Quell’ uomo aveva toccato le corde della mia sensibilità.

Mi avvicinai alla signora che nel frattempo era scesa dall’ automobile e si stava accendendo una sigaretta. Rimasi letteralmente sconvolto quando la donna si girò verso di me e mi tese la mano, abbozzando un sorriso spontaneo.

«Piacere, io sono Khanysha, la figlia di Domenico!», disse la donna aspirando profondamente il fumo della sigaretta.

Risposi alla presentazione, senza proferire parola perché ero allibito dall’ aspetto fisico di Khanysha.

«Spero che mio padre non l’ abbia annoiato con le sue storielle africane!», aggiunge Khanysha, come se avesse intuito l’ imbarazzo in cui mi trovavo.

Aveva gli aspetti somatici tipici di una donna africana. Il vestito che indossava metteva in risalto una bellezza tipicamente esotica. I suoi capelli ricci nerissimi, raccolti accuratamente sulla nuca e le sue labbra carnose le davano l’ aspetto ribelle di una donna della savana.

«Dum- dum» si rese conto del mio disagio e scomparve nella macchina dopo avermi regalato un sorriso che è rimasto per sempre nella mia mente.

La storia di «Dum- dum» può risultare incredibile ai lettori del mio racconto perché, a volte, si fanno delle deduzioni che ci traggono in inganno.

L’ uomo che mi raccontò questa bellissima storia d’ amore dimostra che nella vita possono succedere cose impossibili.

«Dum- dum» aveva rinunciato a Khanysha, sposando una donna che non amava, ma era riuscito a mettere al mondo, per un inspiegabile gioco del destino, una figlia che portava, oltre che il nome del suo grande amore, anche l’ aspetto esotico della bellezza africana.





Sergio Melchiorre 21/10/2018 11:34 148

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Precedente di Sergio Melchiorre

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Sergio Melchiorre ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Sergio Melchiorre:
Sergio Melchiorre
 I suoi 88 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gina non ha più lacrime per piangere (07/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Khanysha, la figlia del vento (21/10/2018)

Una proposta:
 
Khanysha, la figlia del vento (21/10/2018)

Il racconto più letto:
 
La stanza del peccato (03/08/2013, 44399 letture)


 Le poesie di Sergio Melchiorre

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it