2929 visitatori in 24 ore
 148 visitatori online adesso





Pubblica gratis
Non aprite questo libro!
Cerchiamo autori per pubblicare una antologia di racconti dell'horror in libro cartaceo, con numero ISBN.
Ciascun autore può inviare massimo due racconti dell'horror, sia pubblicati su Scrivere che inediti. Verrà effettuata una selezione
1. La pubblicazione è GRATUITA!
2. Nessun impegno di acquisto di copie!
3. I racconti devono essere di massimo 10 pagine
4. Devono pervenire a libri@scrivere.info entro il 30 Settembre

Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 2929

148 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 147
Poesie pubblicate: 337’241
Autori attivi: 7’495

Gli ultimi 5 iscritti: Anna Filomena Visaggi - Donaldamutt - Mauro Maschiella - BradleySek - giulia4567
Chi c'è nel sito:
♦ Eolo Messaggio privatoClub ScrivereJosiane Addis Messaggio privato








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Freddo dentro al cuore

Amore

FREDDO DENTRO AL CUORE

Erano passati ormai cinque anni dalla scomparsa di suo marito, ma Rosaria non era ancora riuscita ad accettare la nuova realtà della sua vita. Aveva Michele, il suo bimbo di sette anni che, anche se adorava con tutta l’ anima, non riempiva il vuoto che sentiva dentro.

Suo marito era stato una persona meravigliosa, piena di entusiasmo, positiva, e quello che era più importante di tutto, l’ amava veramente, come lei aveva amato lui. La sua morte fu un dolore così grande che era certa sarebbe morta pure lei. Fu la presenza del suo bambino che le diede la forza di lottare, di andare avanti, anche se lo stava facendo con i denti. Aggrappandosi disperatamente al suo dovere come madre.

Michele aveva sentito moltissimo anche lui la mancanza di suo padre, era diventato triste e taciturno, una volta Rosaria lo vide che guardava un album di fotografie dove era col suo papà e una lacrima gli rigava il visetto. Loro due erano due gocce d’acqua, così uguali in tutto, sia fisicamente che nel carattere.

Rosaria aveva perso la felicità e tranquillità che aveva conosciuto con suo marito e che le erano state negate durante la sua infanzia e adolescenza.


Era cresciuta con una zia zitella, acida e intransigente. Non perdeva occasione per buttarle in faccia che se non fosse stato per lei, sarebbe andata a finire in un orfanotrofio. E sinceramente Rosaria pensava che forse, sarebbe stato meglio. Non ne poteva più di dover subire la sua cattiveria e soffriva in silenzio perché purtroppo per lei era l’ unico posto dove poteva stare.

Non le era sembrato vero quel giorno che finalmente fu maggiorenne e potè fare le sue valigie andandosene a vivere a casa di una cara amica, che la ospitò finchè non si trovò un lavoro come impiegata in una fabbrica di borse da viaggio.

Alla mattina portava Michele a scuola, poi andava alla fermata dell’ autobus per andare a lavorare.

Fu così che conobbe quello che sarebbe diventato suo marito: Lui era il direttore della fabbrica, e ogni giorno faceva il suo giro d’ ispezione tra le lavoratrici per accertarsi che tutto procedesse bene.

Una mattina Michele si svegliò con la febbre e la sua amica era già andata al lavoro e non poteva lasciare il suo bambino da solo. Così telefonò in fabbrica per spiegare la sua situazione e fu lui, il Dott. Ranieri a risponderle. Fu molto comprensivo e le disse di non preoccuparsi, che poteva starsene a casa finchè il bambino fosse guarito. Quel gesto da parte sua fece che Rosaria provasse per lui una simpatia improvvisa, e si mise a pensare che oltre tutto era anche un bel uomo.

Quando Rosaria tornò al lavoro, si rese conto che aspettava con ansia che il Dott. Ranieri arrivasse a fare il suo solito giro in mezzo alle impiegate, voleva ringraziarlo personalmente e le sembrò che lui la guardasse in un modo particolare.

Da quel momento, piano piano, l’ amore si stava delineando nel cuore di Rosaria e Federico, (così si chiamava il Dott. Ranieri) fino arrivare all’ altare. Il loro matrimonio era felice, si amavano intensamente, e la loro felicità venne coronata con l’ arrivo di Michele.

Ma il destino stava preparando la fine di quello che Rosaria pensava fosse il suo paradiso personale. Un grave incidente d’ auto stroncò all’ improvviso la vita di Federico, e il mondo le cadde addosso a Rosaria, che pensò davvero di non resistere a quel dolore così intenso. La salvò dal baratro nel quale stava cadendo, il suo piccolo Michele, solo per lui, continuò a vivere.

Erano passati cinque lunghi anni, e il suo cuore era diventato freddo come il ghiaccio. Alcuni uomini avevano tentato di avvicinarsi, ma lei li allontanava subito. Le amiche le dicevano che doveva uscire con qualcuno, che doveva incominciare a vivere di nuovo, era giovane e bella, non poteva buttare i suoi anni migliori chiusa dentro al suo dolore. La vita continuava, e doveva reagire! Ma anche se lei capiva che avevano tutti ragione, non riusciva a interessarsi per nessuno.

Suo marito le aveva lasciato più che sufficiente per vivere senza preoccupazioni economiche, ma decise di fare qualcosa per uscire da quella prigione emotiva. Decise di andare a lavorare, aveva una discreta conoscenza dell’ inglese e sapeva usare il computer, forse avrebbe trovato un posto come segretaria da qualche parte. Aveva deciso di non usare l’ automobile, la città era caotica e preferiva camminare fino alla fermata del bus.


Iniziò per Rosaria una nuova vita, con la speranza che le portasse un po’ di serenità. Tutte le mattine, sedendosi sull’ autobus vedeva un tipo che leggeva un libro senza mai alzare lo sguardo. Era un uomo sulla quarantina, di bella presenza, e Rosaria aveva notato che non portava nessuna fede al dito, anche se in fin dei conti, a lei non importava niente. Lei ogni tanto le dirigeva qualche sguardo, lui invece non alzava mai gli occhi dal libro.

Passarono alcune settimane e un giorno lui si sedette al suo fianco, già che non c’ erano altri posti liberi, ma s’ immergeva tanto nella lettura isolandosi dal mondo intero, che poteva succedere qualsiasi cosa che non se ne sarebbe accorto!

Rosaria iniziava a provare interesse per quell’ uomo, tanto che quando lo vedeva il cuore le batteva più forte. Lei stessa si stupiva per quello che le stava succedendo, era la prima volta, dalla morte di suo marito, che sentiva un qualche turbamento.

Passarono così altri giorni, e fu grande la sua sorpresa al vederlo davanti alla scuola dove aveva appena accompagnato Michele! Lui la guardò sorridente, e con un po’ d’ imbarazzo le chiese se poteva accompagnarla alla fermata del bus. Queste cose, pensò, non succedevano più in questo secolo, e si sentì emozionata come una ragazzina.

Fecero assieme quel pezzo di strada fino alla fermata, e quando arrivò il bus, lui si sedette a fianco di Rosaria, ma questa volta, non aveva nessun libro da leggere, e come se si fossero sempre parlati lui le disse che gli sarebbe piaciuto uscire con lei, andare a pranzo insieme, insomma, imparare a conoscersi. E Rosaria gli disse di si.

Lui era uno scrittore, anche se non conosciuto, ma con un buon posto di lavoro. Le disse che sarebbe stato felice di conoscere più da vicino suo figlio, e che a lui i bambini piacevano molto, era sicuro che sarebbero andati d’ accordo.

Si salutarono con la promessa di uscire tutti e tre insieme il fine settimana. Rosaria si sentiva leggera come una piuma, la felicità sembrava essere tornata a bussare alla sua porta, e questa volta l’ avrebbe fatta entrare con tutti gli onori!



Franca Merighi 20/11/2018 10:12 85

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Franca MerighiPrecedente di Franca Merighi

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Franca Merighi:
Franca Merighi
 I suoi 40 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Era il 1942 (13/07/2017)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Lasciami vivere (27/11/2018)

Una proposta:
 
Lasciami vivere (27/11/2018)

Il racconto più letto:
 
Era il 1942 (13/07/2017, 594 letture)


 Le poesie di Franca Merighi

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it