3101 visitatori in 24 ore
 215 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3101

215 persone sono online
Autori online: 5
Lettori online: 210
Poesie pubblicate: 343’833
Autori attivi: 7’493

Gli ultimi 5 iscritti: France52 - Violetta Daniela Laurito - Luciano - NISenlbon - Andreacop
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereRiccardo Piunti Messaggio privatoClub Scrivereluisella Messaggio privatoClub ScrivereDavide Zocca Messaggio privatoClub Scriveresergio garbellini Messaggio privatoClub ScrivereLa Forgia Leonardo Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Gesuitismi

Sociale e Cronaca

"El pè r un gesvita, quel malé: an me piè c! ", diceva talvolta la mia nonna pesarese quando tornava a casa dopo avere incontrato qualche persona a lei poco congeniale. Ero un bambino, e capivo quasi tutte le parole del suo dialetto, tranne qualcuna, come "gesvita" in quel caso. Pensavo che significasse "antipatico" ("E’ antipatico, quello: non mi piace! ") Non sapevo ancora che "gesvita" era l’adattamento pesarese del termine "gesuita" (il pesarese ha una spiccata predilezione per l’accorciamento delle parole, e talvolta cambia anche una vocale, o una semivocale, con una consonante: non a caso Pesaro è dirimpettaia della Croazia, nella cui lingua "Trieste" diventa "Trst"! )

In realtà mia nonna, con quella parola dialettale, intendeva dire "ipocrita", perché da un secolo ormai prima che lei nascesse la sostanziale identità di significato di gesuitismo e ipocrisia si era diffusa in tutto il popolo.

In epigrafe al capitolo XXII di "Le rouge et le noir", di Stendhal, si legge: "La parole a é té donné e à l’homme pour cacher sa pensé e" ("La parola è stata data all’uomo per nascondere il suo pensiero") . Il romanziere francese attribuì quella frase al gesuita padre Gabriele Malagrida, anche se secondo alcuni essa sarebbe stata in realtà pronunciata dal ministro Talleyrand; è un pensiero assolutamente contrario all’evangelico invito (pur se spesso irrealizzabile) di Gesù: "Dite sì se è sì, e no se è no"!

Gabriele Malagrida (1689- 1761) era un gesuita italiano (lariano) che fu condannato al rogo, a Lisbona, per essersi opposto a certe decisioni del re del Portogallo, e soprattutto del potente e illuminato marchese di Pombal: dopo il disastroso terremoto del 1755, che distrusse mezza città e fece morire una metà dei suoi abitanti, a differenza di Pombal, che si sforzava di fornire al popolo spiegazioni scientifiche, Malagrida si rivolgeva ad esso per rimproverarlo, per fargli sapere che si era trattato di una punizione divina per la sua cattiva condotta!

La "Societas Jesu", fondata nel 1540 dallo spagnolo Ignazio di Loyola, aveva ormai i giorni contati, e fu soppressa nel 1773 dal papa Clemente XIV, salvo essere ristabilita (era mutato il clima politico e religioso) da Pio VII una quarantina di anni dopo: è tuttora viva e vegeta (abbiamo adesso perfino il primo papa gesuita...) , ma non ha certo più quel vigore che ebbe un tempo, quella forza che le consentì (ed io che sono campano, e per giunta appartenente alla diocesi di Nola, non potrò mai perdonare quel misfatto) di condannare al rogo Giordano Bruno, per volontà proprio di un cardinale gesuita, Bellarmino.

Gli ipocriti, i "gesviti", sono sempre esistiti, al di là di ogni riconoscimento dato a quella Compagnia: ciò fa parte forse della natura umana, ma in alcuni individui quelle "doti" sono eccessivamente sviluppate (ad esempio una mia conoscente di vecchia data che, guarda caso, lavora come segretaria in un centro gestito da Gesuiti in una città dell’Italia insulare, nonostante le mie sollecitazioni, non mi ha fornito che vaghe informazioni - vere? - su una persona conosciuta da entrambi molto tempo fa, e che con lei aveva avuto rapporti molto più prolungati...)

L’ipocrisia a volte può rendersi necessaria, per difendersi da un presunto nemico, per salvaguardare i propri interessi, ma non dovrebbe mai essere usata per ingannare la gente onesta, dicendo la falsità al posto della verità, o talvolta semplicemente omettendo particolari importanti.

Nel "Dizionario della stupidità" del noto matematico Piergiorgio Odifreddi ho trovato una barzelletta sui Gesuiti (alias, sugli ipocriti) molto acuta ed istruttiva: "A Gerusalemme viene scoperta la mummia di Gesù, e il ritrovamento mette in crisi gli ordini religiosi. I francescani toccano con mano i segni della passione e ritengono di dover amare Cristo ancora di più. I domenicani si preoccupano dei sostanziali ritocchi che si rendono necessari alla teologia. Ma i gesuiti si guardano stupiti fra loro, perché scoprono che Gesù era veramente esistito. "


Antonio Terracciano 23/06/2019 13:16 176

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio TerraccianoPrecedente di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 83 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Quegli spaghetti alle vongole veraci (12/11/2019)

Una proposta:
 
Il mio viale metafisico (16/10/2019)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1959 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it