4849 visitatori in 24 ore
 233 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4849

233 persone sono online
Autori online: 7
Lettori online: 226
Poesie pubblicate: 325’241
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ Antonio Terracciano Messaggio privatoClub ScrivereStefana Pieretti Messaggio privato ♦ Luigi Ederle Messaggio privato ♦ Giovanni Chianese Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privato ♦ Eolo Messaggio privato ♦ avidadiva Messaggio privato
Vi sono online 4 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Originale discorso di un cittadino illuminato

Sociale e Cronaca

"Signori che sedete in Parlamento, ho un paio di proposte da farVi, per cercare di migliorare le sorti dell'umanità.

La prima proposta riguarda l'eredità. Non è giusto, secondo il mio modesto parere, che figli immeritevoli di persone le quali, in un modo o nell'altro, hanno accumulato grandi o anche piccole ricchezze durante la loro vita, debbano usufruirne. Ognuno dovrebbe partire da zero, se vogliamo obbedire al vecchio e sano principio dell'uguaglianza. Ciò che lasciano le persone defunte (soldi, case, eccetera) dovrebbe essere acquisito dallo Stato, per i suoi bisogni, i quali sono poi quelli dei cittadini, e ciò che avanza dovrebbe essere distribuito equamente ai cittadini stessi. In questo modo ognuno avrebbe le stesse opportunità e si eviterebbe che il figlio magari degenere di un lavoratore integerrimo che aveva accumulato qualche risparmio possa godere di proprietà e di soldi del tutto immeritati.

La seconda proposta è forse anche più originale. La mia idea è che gli stipendi dei lavoratori debbano essere inversamente proporzionali alla loro età ed anzianità di servizio. Un giovane, appena assunto, ha bisogno di molto più danaro (per comprare una casa, mettere su famiglia, divertirsi, eccetera) di un anziano, il quale ormai, in vista della pensione e con l'avanzare dell'età, ha una diminuzione di appetiti d'ogni genere e può accontentarsi di uno stipendio più modesto di quello che percepiva quando era giovane.

Signori Onorevoli, mi auguro che queste mie due proposte, opportunamente esaminate e ponderate, vengano recepite dal Vostro nobile consesso. "



Antonio Terracciano 10/10/2010 23:57 2 825

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Antonio Terracciano

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Un racconto che è tutto una provocazione! Bellissimo, capace di provocare la guerra civile, se mai fosse accolta una istanza di questo tipo! Molto apprezzato!»
rosanna gazzaniga

«Non mi piasciono nessune delle due, ma dico, i figli sono figli, quando sono figli, e meritano quello che loro hanno condivisi insieme a noi fin da piccoli, e da vecchio, dico, mangiamo meno, perché la pensione è cosi misera, e poi non ti dico quando mancano i denti, ahah, come le rimetti con quella benedetta pensione, ma communque scherzo come credo sià il tuo racconto, perché oggi come oggi lasciare un eredità risulta difficile. S emangia tutto lo statto... Bravo piasciuto molto questo racconto...»
Jeannine Gérard

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

3^ proposta:distribuiamo gli stipendi dei politici (Silvana Poccioni)

Meglio la proposta di Silvana! (rosanna gazzaniga)

mi sa che all' illuminato s'è spenta la luce! (Adriana)



Ritratto di Antonio Terracciano:
Antonio Terracciano
 I suoi 72 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Originale discorso di un cittadino illuminato (10/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La parabola (03/11/2017)

Una proposta:
 
La parabola (03/11/2017)

Il racconto più letto:
 
La moglie, l'amante e la prostituta (Tre lingue) (08/03/2011, 1600 letture)


 Le poesie di Antonio Terracciano

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it