3247 visitatori in 24 ore
 390 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3247

390 persone sono online
Autori online: 4
Lettori online: 386
Poesie pubblicate: 350’460
Autori attivi: 7’484

Gli ultimi 5 iscritti: Vincenzo Patierno poeta - Donata del fiore - Luca Abramo - Tiziana Pace - Franco Fiorella
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereMario Bugli Messaggio privatoClub ScrivereSara Acireale Messaggio privatoClub ScrivereDuilio Martino Messaggio privatoClub Scriveregiuseppe gianpaolo casarini Messaggio privato
Vi sono online 1 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

La leggenda di Azzurrina

Giallo e Thriller

Dite la verità: quanti di voi credono nei fantasmi e non ne hanno nessuna paura?

Ebbene, se qualcuno mi rivolgesse questa domanda io, sinceramente, risponderei che ci credo e ne ho timore.

Qualcuno tra voi sorriderà pensando che io sia un’ ingenua, qualcun altro mi darà ragione e, infine gli scettici mi compatiranno ma, forse, se leggessero questa storia fino alla fine, potrebbero anche ricredersi.

Personalmente ho sempre temuto ed evitato le storie che li riguardano, forse proprio perché ci credo. Difatti, nello scorrere le pagine del web per le mie ricerche, mi sono imbattuta nella storia di Azzurrina e sin dalle prime righe, ho avvertito un brivido di timore, ma la mia attenzione era ormai catturata e, invece di abbandonare la lettura, come invece suggeriva l’ istinto, ho proseguito e alla fine devo ammettere di essere rimasta coinvolta fino alla commozione.

Molti descrivono la storia di questa bimba come del tutto vera e non come leggenda, io lascio a voi giudicare e se vorrete, alla fine commentare.

Il vero nome di Azzurrina, una bimba di cinque anni vissuta nel medioevo, era Guendalina Malatesta, figlia del feudatario Ugolinuccio di Montebello, signore del locale maniero.

Si narra che Guendalina fosse nata albina, dai capelli talmente biondi da sembrare candidi e gli occhi colore del cielo.

Era una bimba buona e molto ubbidiente, ma le sue caratteristiche albine, per quei tempi rappresentavano la sua sventura. Nel medioevo, infatti, tra il popolo regnava la totale ignoranza, ed era credenza popolare che gli albini fossero figli del demonio e che praticassero la stregoneria.

I genitori di Guendalina, a salvaguardia della loro bimba che rischiava il linciaggio, furono costretti a tenerla segregata nel castello. La madre tentò persino di nasconderne il candore dei capelli con pigmenti vegetali ma, non avendo molta esperienza di tinture, ottenne il risultato di conferire alla capigliatura della bimba suggestive sfumature azzurre che, unite al colore straordinario degli occhi, le fecero guadagnare il soprannome di Azzurrina.

La storia narra che la bimba non visse mai la sua breve vita come tutti i bambini del mondo e non uscì mai dalla sua pur dorata prigione. Azzurrina, per decisione del padre, sin dalla nascita, venne sorvegliata a vista da due guardie che non l’ abbandonavano mai.

Eppure, nonostante la stretta sorveglianza, accadde che la notte tempestosa del solstizio d’ estate, mentre la piccola era intenta a giocare con una palla di pezza, la sfera le sfuggì dalle mani e rimbalzò lungo le scale che conducevano a uno scantinato. Azzurrina la rincorse per recuperarla.

Le guardie la udirono urlare e si precipitarono nei sotterranei del maniero, ma della ragazzina non trovarono tracce. Vennero setacciati per giorni sia il castello che il borgo vicino, ma il corpo della ragazzina non fu mai ritrovato e nemmeno fu mai ritrovata la palla con cui stava giocando.

Azzurrina si era come volatilizzata nel nulla.

Inutile descrivere la disperazione e lo sgomento dei genitori davanti a quell’ assurda scomparsa e alla perdita dell’ amata figlioletta.

Molti dubbi su questa vicenda sono ancora da chiarire.

Chi, cosa o quale potere arcano ha attirato la palla della bimba fino allo scantinato? Che fine ha fatto il corpo di Azzurrina? E la palla con cui giocava? Non esiste nessun passaggio segreto che possa far pensare a qualcuno penetrato dall’ esterno e di conseguenza a un rapimento.

Da quella misteriosa sparizione nacque la leggenda che narra che ogni cinque anni, l’ età di Guendalina al momento della scomparsa, e nel giorno del solstizio d’ estate, sia possibile ascoltare la voce della bimba risuonare nel castello.

Storia o leggenda, la notizia del piccolo fantasma che faceva sentire la sua voce, travalicò i secoli attirando nel castello molti curiosi e amanti del paranormale.

Considerata la testimonianza di molte persone serie e scientificamente preparate, l’ università di Bologna decise di approfondire la questione. Durante il solstizio d’ estate del 1995 fece studi approfonditi e mediante dei nastri magnetici, gli esperti riuscirono a registrare degli anomali suoni. Sui nastri rimasero impressi il suono di un temporale, il rimbalzare di una palla lungo le scale, e soprattutto i lamenti di una bimba che invocava la sua mamma.

Si tratterebbe di un ectoplasma dunque, per niente temibile ma, al contrario, tenero ed emozionante.

Di questa storia sfociata in leggenda, è risaputo che la voce infantile di Azzurrina susciti nei numerosi visitatori del castello tanta malinconia e tenerezza.

Le stesse sensazioni che ho provato io e che mi hanno commossa fino alle lacrime.


Vivì 12/11/2020 06:11 1 79

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di VivìPrecedente di Vivì

Nota dell'autore:
«Leggenda trovata sul web ed elaborata fantasiosamente dall’autrice»

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«In effetti è una leggenda che commuove...
Invidio la bravura della sensibile Autrice... riesce sempre a catturare l’attenzione del lettore... si inizia a leggere e non ci si stanca minimamente... le emozioni che trasmette sono sensazioni che si trasformano sempre in pensieri oggettivi... e ognuno può dire la sua, senza essere costretto a seguire i punti di vista di chi scrive. Complimenti»
Giacomo Scimonelli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

bella davvero, ero ignara (EmiliaGuerra)

Un racconto davvero affascinante perchè avvolta (Anna Rossi)

avvolto dal mistero. (Anna Rossi)



Vivì ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieSan Valentino 2010
Autori Vari
Poesie d'amore per San Valentino

Pagine: 110 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Vivì:
Vivì
 I suoi 55 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Chico l’ornitorinco che non sapeva nuotare (11/02/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Il ciliegio del sedicesimo giorno (21/11/2020)

Una proposta:
 
Il ciliegio del sedicesimo giorno (21/11/2020)

Il racconto più letto:
 
Il rapimento di Babbo Natale (11/12/2011, 5536 letture)


 Le poesie di Vivì

Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it