3398 visitatori in 24 ore
 431 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 3398

431 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 430
Poesie pubblicate: 358’826
Autori attivi: 7’548

Gli ultimi 5 iscritti: ScottTrunc - Thomasedume - LarryDiulp - BrianDaf - Jamesarorn
Chi c'è nel sito:
Club ScrivereGiomiri Messaggio privatoClub ScrivereAntonio Biancolillo Messaggio privatoClub ScrivereAnfra Messaggio privatoClub ScrivereEsmeralda Cate Lenta Messaggio privatoClub ScrivereDaniele miraflores Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura








Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Cuore solitario V

Amore

Mi fermai sulla soglia, ma non entrai.

Mi sentivo un incrocio fra una caricatura di una dea greca e un dugongo spiaggiato. Piedi dolenti, coscia graffiata e morale un tantino sgonfio. Amen per il vestito squarciato, passi aver smarrito le ballerine ed aver pagato 15 euro di entrata, quello che mi bruciava era essermi coperta di ridicolo.
Molto candidamente, ma con aria perplessa e scocciata, chiese cosa ci facessi nella sua proprietà, vista la mise, pensò che qualcuno mi avesse aggredito e per sfuggire mi fossi calata dalla scogliera.
Se questo era quello che trasmettevo, sarebbe stato meglio fingere un malore, che figura da idiota.
Aveva ragione, non sapevo che dire, qualunque spiegazione, sarebbe stata scriteriata. Non potevo dire " son qui perchè mi hai incuriosito " avrebbe chiamato i carabinieri.

Raccontai una balla, confidavo in qualche miracolo, da ragazza ero molto brava a mentire.

"Sì, ecco vede, è scoppiata una rissa e sul momento mi sono spinta oltre la recizione, credevo di finire sulla spiaggia, ma evidentemente ho sbagliato strada. Potevo solo scendere e sperare bene".
Si grattò la barba, socchiudendo gli occhi, come se stesse testando la mia risposta.
" Beh, signorina ha diversi santi dalla sua parte, ha avuto fortuna. Aspetti qua, cerco qualcosa di più acconcio di un telo mare."

Mi invitò ad accomodarmi.

Casa pulita e ordinata, si vedeva un tocco femminile, arredata con gusto semplice, pochi muri, un open space quasi a 360 gradi. In sala un mega acquario angolare incastonato nella parete, dava una atmosfera di relax. Molte le cornici, un tavolo molto particolare con sedie e due divani in tessuto. La cucina molto ben organizzata e areata. Cinque gradini in pietra che davano sulla parte rialzata, dove spiccava il bagno e la camera da letto. Un corridoio che portava non so dove, allungai un po’ il collo per sbirciare meglio, ero curiosa da morire, ma allo stesso tempo titubante. Dalla camera uscì un Maine Coon, grigio acciaio con focature rossastre, zampine bianche ed una coda nera come la pece. Adoravo i gatti, questo poi era il mio preferito. Con leggiadria e portamento, saltò sul tiragraffi, piazzandosi davanti ai miei occhi, era una meraviglia. Poi un altro miagolio, alzai gli occhi e sulla trave di legno a vista spiccava un Certosino. Anche lui, bello esagerato con occhi di fuoco, due razze di gatto cosi differenti e costose. Feci un passo verso la sala e mi accomodai sulla sedia, stando attenta a non macchiargli la seduta.
Il tavolo era fatto con legni di recupero trovati sulla spiaggia, piallato e assemblato in un’ unica forma, un piano di cristallo completava il tutto. Fotografie di Livorno, diverse foto sulle mensole ed un’ arpa celtica nell’ angolo vicino alla chitarra. Che facesse il musicista? Il fotografo? Era un’ incognita a tutto tondo.
Cercai di parlare, sentivo un nodo in gola, gli avevo mentito per salvare me stessa.
Blaterai qualcosa, ma era più un grammelot.

Mi rispose “ Aspetti un attimo non ho capito “.
Ci credo, non avevo detto niente.
Tornò con alcuni parei, un paio di ciabatte, cerotti, acqua ossigenata e garze.
“ Ecco, si dia una rassettata, il bagno è vicino alla camera da letto. Chiuda la porta a chiave, poichè King apre le maniglie meglio di un cristiano. Se vuol cenare con me, apparecchio per due, altrimenti nessun problema, scelga il pareo che vuole, tanto a me non servono più."
Nella sua voce non c’ era alcun segno di malizia, forse una nota di tristezza.
“ Beh, sa non vorrei dare disturbo “ risposi quasi senza respirare.
“ Per un piatto di pasta, non finisco sul lastrico, ma se vuole andare via l’ accompagno alla porta “.

Accennai un timido sorriso, andai in bagno e chiusi la porta

Che situazione irreale Clara.



Matteo Matteucci 28/08/2021 01:10 363

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.


SuccessivaPrecedente
Successiva di Matteo MatteucciPrecedente di Matteo Matteucci

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Ritratto di Matteo Matteucci:
Matteo Matteucci
 I suoi 148 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Scatole & ricordi (09/09/2014)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Guardami (05/05/2022)

Una proposta:
 
Un migliaio di stelle (22/04/2022)

Il racconto più letto:
 
Dolce respiro (15/12/2016, 5745 letture)


Cerca il racconto:





Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2023 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it