4811 visitatori in 24 ore
 209 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4811

209 persone sono online
1 autore online
Lettori online: 208
Poesie pubblicate: 325’249
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
♦ Citarei Loretta Margherita Messaggio privato







Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info
Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

La figlia della madonna

Erotismo e per adulti

Ancora oggi, a più di vent’ anni della sua scomparsa, tutti quelli che hanno conosciuto la “ figlia della madonna” affermano che “era senza ombra di dubbio la ragazza più bella del paese, anche se i suoi occhi erano strani”; nessuno tuttavia sembra ricordarsi della tragedia che sconvolse gli abitanti del paese.


Per uno strano scherzo del destino, i suoi occhi erano di colori diversi: uno era “nero come il carbone” e l’ altro era “azzurro come il cielo che sovrasta la Maiella, prima di un improvviso temporale".


Quando nacque Michela, vedendo la particolarità dei suoi occhi, le comari più maligne sparsero la voce che la bambina non fosse la figlia del padre naturale, un rozzo contadino analfabeta e balbuziente, ma fosse addirittura il frutto di un incontro occasionale di un non meno identificato venditore ambulante nordafricano che bazzicava la contrada, esattamente nove mesi prima.


La sua pelle particolarmente abbronzata, i suoi capelli ricci e le sue labbra carnose consolidarono tale ipotesi, al punto che le fu affibbiato il nomignolo di “ figlia della madonna” che la accompagnò per tutta la vita.


Il suggestivo appellativo, che non aveva niente d’ irriverente o di blasfemo nei confronti della religione cattolica, fu probabilmente preso in prestito da quello dato ai bambini meticci illegittimi, nati da relazioni amorose tra donne partenopee e soldati americani di colore, durante la Seconda Guerra Mondiale.


Molti non conoscevano nemmeno il suo vero nome di battesimo.


A sedici anni, Michela era bella come il sole. La sua bellezza mozzafiato non la aiutò certo durante la sua adolescenza, perché era letteralmente odiata dalle donne, che invidiavano la sua avvenenza, e perseguitata dagli uomini, che la corteggiavano inutilmente; tuttavia nessuno di loro avrebbe mai osato mancarle di rispetto poiché era temuta, a causa dei suoi occhi bicolore, e rispettata per la sua serietà e la sua saggezza.


“ Nicola il corto”, così lo chiamavano tutti al paese poiché era poco intelligente, di professione contadino, s’ infatuò di lei disperatamente, cercò ripetutamente di rivelarle tutto il suo amore e, dopo aver intuito il diniego della giovane donna, architettò un piano che avrebbe cambiato per sempre il corso della vita della “ figlia della madonna”.


La giovane stava tornando a casa, dopo una lunghissima giornata passata nei campi a lavorare, quando fu sopraffatta dalle robuste braccia di “ Nicola il corto”. L’ uomo, in prossimità di un porcile, con la mano destra le torse il braccio dietro la schiena e, con l’ altra, le tappò la bocca per impedirle di gridare. Le sferrò un tremendo pugno sulla testa che fece svenire la povera donna e la trascinò in un campo di grano. Le strappò la camicetta, le sollevò la gonna, le tolse le mutande, le allargò le gambe tornite e, con una veemenza inaudita, la possedette ripetutamente, sotto una miriade di stelle scintillanti che assistettero immobili alla violenza carnale.


Qualche ora dopo, “ la figlia della madonna” riprese lentamente conoscenza, aprì gli occhi e vide “ Nicola il corto” che dormiva profondamente accanto al lei, con i pantaloni ancora abbassati. La donna, ancora confusa, si alzò barcollando, si guardò attorno con circospezione, afferrò un badile e lo batté con forza sulla testa del suo aggressore.


L’ uomo passò dal sonno a uno stato d’ incoscienza, senza neanche svegliarsi.


“ La figlia della madonna” afferrò l’ uomo per i piedi e lo trascinò faticosamente in direzione del porcile, dove si sentiva il grugnito dei maiali. Aprì la porta del recinto e buttò il corpo del suo stupratore in mezzo ai maiali. Le bestie si avventarono rumorosamente sul corpo inerte dell’ uomo e lo smembrarono.


La donna chiuse accuratamente la porta, si turò le orecchie per non sentire i grugniti dei suini e si allontanò rapidamente.


Si lavò accuratamente le ferite, con l’ acqua di un ruscello, si fece il segno della croce, poi scomparve nel buio della notte.


La notizia della “tragica disgrazia dell’ uomo sbranato dai maiali” apparve in uno striminzito trafiletto di un giornale locale.


La giovane donna, non svelò a nessuno il suo mistero, rimase al paese per alcuni mesi, poi resasi conto di essere rimasta incinta, abbandonò per sempre il suo paese natio.


Trent’ anni dopo, un rappresentante di commercio, che l’ aveva incontrata per caso nelle Marche, riferì che “si era sposata con un piastrellista di Ancona e che aveva messo al mondo cinque splendidi figli”.


La popolazione locale si era persino dimenticata dell’ esistenza della “ figlia della madonna” fino al giorno in cui la donna, ammalata di cancro alle ossa, non chiese ai suoi familiari, di rendere pubblico il suo testamento, dopo la sua dipartita.


Chiedeva scusa pubblicamente alla famiglia di “ Nicola il corto” perché, dopo essere stata brutalmente violentata, l’ aveva fatto sbranare dai maiali.


La clamorosa notizia fece il giro del paese in pochi minuti e il sindaco, che non aveva conosciuto né “ la figlia della madonna” né il suo violentatore, decretò un giorno di lutto cittadino, chiese e ottenne dal consiglio comunale d’ intitolare la piazza centrale del paese alla vittima della violenza spropositata di una donna… non tenendo così conto che la vittima non era assolutamente innocente e, soprattutto, che la violenza perpetrata dalla donna, la cui reputazione era irreparabilmente compromessa, non era del tutto gratuita.



Sergio Melchiorre 20/08/2013 11:50 1 4096

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

cialis originalecialis originale

SuccessivaPrecedente
Successiva di Sergio MelchiorrePrecedente di Sergio Melchiorre

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Chi ha subito più violenza dei due? La donna abusata e picchiata senza pietà, oppure l'uomo finito in pasto ai maiali?
Una storia terribile, che spero sia solo frutto della fantasia dell'autore, anche se, la cronaca ci consegna ogni giorno notizie di avvenimenti efferati...»
Antonella Modaffari Bartoli

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Sergio Melchiorre ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Sergio Melchiorre:
Sergio Melchiorre
 I suoi 88 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gina non ha più lacrime per piangere (07/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La moglie del sindaco (23/08/2017)

Una proposta:
 
Giovanni il «belgese» (30/11/2011)

Il racconto più letto:
 
La stanza del peccato (03/08/2013, 43902 letture)


 Le poesie di Sergio Melchiorre

Cerca il racconto:




cialis originalecialis originale


Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .

cialis originalecialis originale

Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it