4969 visitatori in 24 ore
 238 visitatori online adesso





Menu del sito


Visitatori in 24 ore: 4969

238 persone sono online
Autori online: 13
Lettori online: 225
Poesie pubblicate: 325’218
Autori attivi: 7’373

Gli ultimi 5 iscritti: Calliope98 - prosdocimo - Stefano Di Tonno - Andre - Okinawa
Chi c'è nel sito:
Club ScriverePinotota Messaggio privatoClub ScrivereDonato Leo Messaggio privato ♦ Alessandro Spirito Messaggio privatoClub ScrivereEmilia Otello Messaggio privatoClub ScrivereBerta Biagini Messaggio privato ♦ Mario Bugli Messaggio privato ♦ Nero Messaggio privato ♦ Marcella Usai Messaggio privatoClub ScrivereRosetta Sacchi Messaggio privato ♦ neropaco Messaggio privato ♦ Carmine Ianniello 1 Messaggio privatoClub ScriverePagu Messaggio privato ♦ Libera Mastropaolo Messaggio privato
Vi sono online 2 membri del Comitato di lettura







Stampa il tuo libro



Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Responsabilità sociale



Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info
Questa è un racconto erotico: se può turbare la tua sensibilita o se non hai più di 18 anni dovresti evitare di leggerlo.

La storia inenarrabile di Maurizio Zčffiro

Erotismo e per adulti

Giuseppe Cicala, noto reporter freelance milanese, rimase colpito da un trafiletto, apparso su un quotidiano nazionale, che riportava la notizia che alle esequie di un certo “Maurizio Zèffiro” non c’ era nessuno, neanche il prete del paese che si era addirittura rifiutato di celebrare il funerale.


La notizia lo incuriosì a tal punto che volle andare personalmente ad Amardolce, nonostante gli innumerevoli impegni editoriali, per scrivere la singolare storia di questo illustre sconosciuto.


La notizia dell’ arrivo dell’avvoltoio, come lo chiamavano i suoi colleghi di lavoro, fece il giro del paese, in un batter d’ occhio, e Giuseppe Cicala si rese subito conto che, data la sua lunga esperienza giornalistica, nessuno sarebbe stato disposto a rispondere alle sue domande.


La diffidenza che serpeggiava negli occhi degli abitanti amardolcesi, lo demoralizzò a tal punto che, per la prima volta nella vita, fu tentato di arrendersi, di chiamare un taxi e prendere il primo volo per Milano.


Era come se improvvisamente una fitta nebbia omertosa fosse calata dal cielo e avesse avvolto la mente di tutti gli abitanti del paese, impedendo loro di narrare quella triste vicenda, che sarebbe dovuta rimanere un segreto, se quel maledetto reporter freelance, con la sua presenza al paese, non avesse amplificato la portata dell’ evento.


Giuseppe Cicala girovagò, senza meta, per il centro storico di quel ridente paesello di montagna fino al momento in cui una donna vestita di nero non attirò la sua attenzione, facendogli dei segni strani.


Se vuole conoscere la vera storia di Maurizio Zèffiro, dovrebbe recarsi al cimitero e parlare con Giuliano, il custode!”, gli disse la donna tenendosi a debita distanza.


Giuseppe Cicala si recò al cimitero e cercò Giuliano.


Lo vide che stava scavando una fossa e, non dovette fare nessuno sforzo per individuarlo perché, appena il becchino si rese conto della presenza del forestiero, si levò il berretto, si asciugò scrupolosamente la fronte raggrinzita con un enorme fazzoletto a quadretti e gli disse:


“ Scommetto che lei vuole parlare con me, signore! Ne avrò almeno per un’ oretta, nel frattempo, può farsi un giro per il camposanto!”


Il giornalista era intenzionato a decriptare la mentalità di quel misterioso paese, attraverso le foto sbiadite che ornavano le numerose tombe, ma il ritratto di una bambina, che indossava ancora l’ abito della prima comunione, e appiccicata con del nastro adesivo sulla piccola bara bianca, appoggiata sull’ orlo della fossa, attirò la sua attenzione.


Si chiamava Maria ed è morta di tisi la settimana scorsa! Ho dovuto aspettare che il Medico Legale le facesse l’ autopsia, prima di seppellirla. È una sua parente, per caso?”, gli disse l’ uomo porgendogli la mano ancora sporca di terra.


Giuseppe Cicala si rese conto che il suo alito puzzava d’ alcool.


Sono appena tornato dagli Stati Uniti d’ America…”, rispose il giornalista, mentendo spudoratamente.


Sono stato io ad accorgermene. Stavo per saldare la bara in alluminio quando ho sollevato il coperchio per vederla per l’ ultima volta. Di solito non lo faccio mai, ma l’ avevo vista nascere ed era l’ amica del cuore di mia nipote”.


Il viso del becchino era diventato mortalmente pallido.


Per fortuna che c’ erano le telecamere di sorveglianza, ai cancelli del cimitero, sennò potevano pensare che fossi stato io a compiere tale atrocità. I Carabinieri hanno scoperto, guardando i filmati, che era stato Maurizio Zèffiro a introdursi di notte nella camera mortuaria. Lo conoscevano tutti al paese e nessuno avrebbe mai sospettato che fosse un necrofilo. Si è impiccato prima che i Carabinieri lo arrestassero. Al suo funerale, non c’ era nessuno. Neanche Don Nicola ha voluto celebrare la messa.”


Giuseppe Cicala sentì dei conati di vomito ostruirgli la gola e si fece scuro in volto, assumendo un colore bluastro.


Era venuto a conoscenza della storia inenarrabile di Maurizio Zèffiro, ma era così sconvolto dal racconto esposto dal becchino che il giornalista si era eclissato nella notte, senza neppure salutarlo.


Il reporter freelance decise che non avrebbe mai pubblicato quest’ orribile storia, anche se ne avrebbe ricavato un lauto guadagno, soprattutto per rendere omaggio alla memoria di una bambina di dieci anni, che era stata violentata da un sudicio e lurido necrofilo, all’ interno di una piccola bara bianca.



Sergio Melchiorre 03/01/2014 18:53 3 4423

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

cialis originalecialis originale

SuccessivaPrecedente
Successiva di Sergio MelchiorrePrecedente di Sergio Melchiorre

Commenti sul racconto Commenti sul racconto:

«Letto d'un fiato, incuriosita anche io come il protagonista... E come lui ho provato lo stesso disgusto. Violare la morte con conati di vita. Eppure le perversioni esistono. Un testo che fa riflettere sulla sessualitą umana che diventa squallida quando abolisce i confini del rispetto...»
rosanna gazzaniga

«Fra tutte le aberrazioni dell'uomo, quella della necrofilia credo sia una delle peggiori. Forse perché amo la vita in tutte le sue manifestazioni e il pensare che persone innocenti vengano uccise a causa di tale perversione mi turba profondamente. Il racconto tuttavia non scava sull'argomento ma si limita a "denunciare" il fatto...»
Antonella Modaffari Bartoli

«scrittura scorrevole e di potenzialitą ma non ci trovo davvero nulla di erotico, se mai di squallido, rivedrei l'inserimento del racconto in una categoria pił consona»
Rosafio Giancarlo gyan

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Sergio Melchiorre ha pubblicato in:

Libro di poesieAnime in versi
Autori Vari
Antologia degli autori del sito Scrivere

Pagine: 132 - € 10,00
Anno: 2012 - ISBN: 9781471686061


Libro di poesieFesta delle Donne 2010
Autori Vari
Poesie per la Festa delle Donne. Il lato femminile della poesia

Pagine: 107 - Anno: 2010


Libri di poesia

Ritratto di Sergio Melchiorre:
Sergio Melchiorre
 I suoi 88 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Gina non ha pił lacrime per piangere (07/10/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
La moglie del sindaco (23/08/2017)

Una proposta:
 
Giovanni il «belgese» (30/11/2011)

Il racconto più letto:
 
La stanza del peccato (03/08/2013, 43900 letture)


 Le poesie di Sergio Melchiorre

Cerca il racconto:




cialis originalecialis originale


Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od un racconto

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande pił frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .

cialis originalecialis originale

Per pubblicare un libro scrivete a libri@scrivere.info

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it